Piccola investita dalla moto: caccia al pirata della strada

La ferita ha otto anni ed è stata portata al S. Raffaele: operata d'urgenza, è grave

Milano - Come (purtroppo, sempre più spesso) da copione, immediatamente dopo il drammatico impatto l'uomo alla guida è scappato, senza fermarsi a prestare soccorso. Nemmeno un rimorso dopo aver travolto una bambina? Pare di no visto che la polizia locale di Corsico, il comune a sud ovest di Milano dove venerdì sera c'è stato l'incidente, ieri stava ancora cercando - sempre con la speranza che si presentasse di sua iniziativa, assumendosi le responsabilità del caso - il pirata della strada che venerdì sera, in sella a un grosso scooter, ha investito una bimba egiziana di otto anni e poi è scappato. La piccola ha fratture a un braccio, a una gamba, al bacino e alla testa e all'arrivo dei soccorsi era sveglia. Solo più tardi, una volta giunta all'ospedale San Carlo di Milano, ha perso i sensi e le sue condizioni si sono aggravate. È stata allora trasportata d'urgenza con l'elisoccorso al San Raffaele dove, nella notte, ha subito un complicato intervento chirurgico alla testa. Ora è stazionaria, anche se la sua prognosi resta riservata e rischia ancora la vita.

L'incidente è avvenuto intorno alle 22 all'angolo tra via Milano e via Sant'Adele, un incrocio regolato dal semaforo. La bambina era appena scesa da un autobus insieme alla mamma e a un fratellino e stava rientrando a casa. Nell'attraversare la strada sulle strisce pedonali la piccola, in testa al gruppo, è stata falciata dallo scooter che, a tutta velocità, era in fase di sorpasso e di accelerazione dopo aver superato la fila di veicoli regolarmente in colonna al semaforo rosso. Un impatto violentissimo che l'ha sbalzata a circa venti metri di distanza. Quindi il centauro è fuggito, facendo perdere le proprie tracce.

La polizia locale di Corsico si è messa subito al lavoro per risalire all'identità dell'uomo. Per il momento gli agenti, grazie ad alcune testimonianze ma soprattutto a dei pezzi di carrozzeria persi dal centauro per strada durante la fuga, hanno individuato però solo il modello del motociclo e stanno passando in rassegna i possibili proprietari della zona. Ieri mattina sembrava che l'uomo fosse stato individuato, ma poi la voce si è rivelata infondata.

Subito dopo l'incidente, l'arrivo dell'ambulanza e l'intervento della polizia locale per ricostruire con esattezza la dinamica dell'accaduto, il traffico nella zona è andato in tilt e un'arteria importante come la Vecchia Vigevanese, anche grazie all'intervento dei carabinieri della compagnia di Corsico, è stata chiusa per ore alla viabilità.