Pier Silvio Berlusconi avvisa Renzi: "Servono riforme, il tempo è scaduto"

L'azione più urgente in Italia, secondo il vice presidente di Mediaset, è "ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie: solo così si possono far ripartire i consumi"

Il governo deve darsi una mossa sulle riforme. "Ho ancora la speranza che Matteo Renzi riesca a cambiare ciò che va cambiato, ma siamo vicini alla scadenza del tempo". Dopo l'endorsement di un anno fa ("Tifo per le riforme"), Pier Silvio Berlusconi è convinto che il governo debba affrontare una serie di cambiamenti importanti per il Paese. "Continuo ad apprezzare la voglia di fare del nostro premier - sottolinea il vicepresidente e ad Mediaset rispondendo alle domande dei giornalisti in occasione della presentazione della nuova offerta Premium a Portofino -. Detto questo, però, bisogna darsi una mossa. Mi rendo conto che il cambiamento è difficile, ma o le riforme vanno avanti o bisogna trovare un'altra soluzione". E certamente l'azione più urgente in Italia è "ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie: solo così si possono far ripartire i consumi. Poi la diminuzione degli sprechi. La riforma elettorale su cui il governo pone la fiducia forse può passare in secondo piano rispetto a questi elementi".

E sono molte anche le domande sulle scelte di Mediaset. Un'anzienda che non si sente minacciata da Netflix, la piattaforma on demand Usa che ha annunciato l'arrivo in Italia a ottobre, e resta forte di un'offerta di contenuti di livello superiore soprattutto grazie all'esclusiva della Champions League di calcio. "Non vediamo Netflix come un concorrente diretto: il nostro core business resta la tv generalista e gratuita, ma anche sul fronte della pay siamo sempre stati molto innovativi, come dimostra anche il lancio di Infinity un anno fa. Non ci sentiamo così minacciati dall'arrivo di Netflix"- sottolinea Pier Silvio Berlusconi. E aggiunge: "La domanda è quella che è, c'è semplicemente un player in più sul mercato". Anche sulle scelte editoriali delle reti, Pier Silvio Berlusconi è molto soffisfatto: "Saviano ad Amici? Mi è sembrato molto efficace. Tanto di cappello a Maria De Filippi per averlo portato in tv e averne fatto un evento: nel suo ruolo è stato bravissimo".

Ma, in un momento come questo, non potevano mancare domande sul Milan. La cordata rappresentata da Bee Taechaubol acquisirà il 48% del Milan per 480 milioni di euro. E Silvio Berlusconi - tramite Fininvest – manterrà comunque il controllo della società. "Un’operazione buonissima", l’ha definita l’ad Mediaset. "Tanto di cappello a mio padre. Ho molta fiducia nel valore commerciale della Borsa di Hong Kong", ha aggiunto guardando alla futura quotazione asiatica del club rossonero. "C’è qualcuno che è un genio", ha risposto sorridendo Pier Silvio Berlusconi, che sollecitato sulla possibilità che esista un premio di maggioranza nascosto nelle pieghe dell’offerta di Bee Taechaubol ha precisato: "Che io sappia non c’è un’opzione di maggioranza. In caso ci fosse sul tavolo la possibilità di cedere la maggioranza del Milan – ha concluso - sarà comunque Fininvest a stabilire cosa fare".

Commenti

Mr Blonde

Mer, 10/06/2015 - 11:23

Dicci tu quando scade eh? Intanto ti ricordo che nei suoi governi al max l'ha lasciata invariata (2001-2006 e 2008-2011) facendo esplodere nel frattempo debito e deficit: debito 2008 102.3 debito 2012 122.2 e così vale per la spesa pubblica

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 10/06/2015 - 11:27

Pier Silvio BERLUSCONI smaschera l'ebetino. Il suo è un vero e proprio ultimatum, che però verrà inascoltato perché renzi, oramai, non decide più niente, è finito: un morto che cammina. E', come dice Renato Brunetta con ironia lucida e sprezzante: "un, PER MODO DI DIRE, presidente del consiglio". Salvini ha già pronta la squadra di governo, la sconfitta del PD al Senato dimostra che non c'è più maggioranza, l'ora delle decisioni irrevocabili è giunta: Mattarella deve agire. E poi ci sono i sondaggi: il PD CROLLA, il Centro Destra federato da SILVIO VOLA! Siamo maggioranza nel Paese!!!!!!!!!!

Zizzigo

Mer, 10/06/2015 - 11:44

Il tempo è già scaduto... qui occorre saper fare di conto! Comunque l'instancabile parlatore fiorentino non avrà mai il coraggio di fare ciò che deve essere fatto, perché si tratta di dare un taglio netto alle montagne di errori e privilegi, prodotti e concessi ai pubblici amministratori, ladri ed affamatori... ci sono da tagliare delle teste (tantissime). E non ha nemmeno il coraggio di tornare indietro e di cancellare le caxxate. Si pensi, ad es., all'IMU che il Sig. Monti ha benevolmente rivalutato , di botto, aumentando del 60% il coefficiente di calcolo per la rendita catastale.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 10/06/2015 - 11:47

Per uscire dalla fogna in cui ci dibattiamo c'è un solo modo: cancellare TUTTO e tutti a casa i politici. Un uomo solo al comando per 10 anni. Altre strade non ne esistono e si continuerà a bla, bla, bla sempre parlando di riforme, diminuzione della pressione fiscale, lotta alla mafia e all'evasione fiscale mentre il Titanic Italia affonda tra i flutti. Grazie alla costituzione più bella del mondo, e questo è il risultato piaccia o meno.

cast49

Mer, 10/06/2015 - 11:50

Mr Blonde, non sai cosa dici, studia...

Totonno58

Mer, 10/06/2015 - 11:51

L'ha mai detto a suo padre?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 10/06/2015 - 11:51

Caro PSB, qui se si vuol far ripartire l'azienda Italia, bisogna andare alle elezioni anticipate e prendere in mano la situazione. Con Renzi quello che sarebbe successo era chiaro fin dall'inizio. Nulla, appunto. Chi dal nulla viene nel nulla ritorna.

Libertà75

Mer, 10/06/2015 - 12:01

@mr blonde, buongiorno a lei. Lei ha ragione a raccontare dell'esplosione del debito dell'Italia, soprattutto nel secondo governo Berlusconi. Tuttavia le ricordo che nel 2011 prima che lasciasse avevamo ancora la disoccupazione all'8%. Cosa vuol dire essenzialmente questo? In pratica Berlusconi scaricò la crisi internazionale (che derivava dai mutui sub prime americani e il conseguente apprezzamento dell'euro) sul debito pubblico anziché sui cittadini facendogli perdere lavoro. Oggi a 4 anni di distanza si può tranquillamente prendere parte e dire se era giusto scaricare sullo Stato la crisi o sui cittadini. Dal mio punto di vista, ha fatto bene perché abbiamo visto come l'occupazione non sia ripartita, come i consumi si siano gelati e come l'inflazione indichi un'economia piuttosto fiacca e senza prospettive. Semplificando, se lei non avesse soldi farebbe un mutuo per dare da mangiare ai suoi figli o direbbe a loro di non mangiare più che non ci sono soldi?

Libertà75

Mer, 10/06/2015 - 12:07

Va detto che se Pier Silvio sfidasse il Matteo fiorentino avremmo un duello, da un lato: uno bello, intelligente, abile imprenditore, con padronanza dell'inglese, vasto curriculum, ecc... e dall'altro lato la copia italiana di Fonzie... Beh che dire? Un duello interessante... voi chi votereste?

Ritratto di federalhst

federalhst

Mer, 10/06/2015 - 12:10

Chissà se scopriremo mai con quale titolo il sig. Pier Silvio ''avvisa'' il governo.

Frankgogo

Mer, 10/06/2015 - 12:29

Detto dalla Fininvest, con holding finanziarie sparse in giro per il mondo...

Libertà75

Mer, 10/06/2015 - 12:30

@federalhst, mai studiato storia economica in vita sua immagino, mai aperta una rivista di economia suppongo e purtroppo posso immaginare che non abbia neanche mai letto la pagina economica di nessun quotidiano. Tutti gli imprenditori (in tutto il mondo) avvisano i governi delle loro difficoltà nel competere sul mercato interno e su quello internazionale.

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Mer, 10/06/2015 - 12:47

Mi sa che i tempi cominciano ad essere maturi per una nuova marcia

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Mer, 10/06/2015 - 12:48

@Carola Parisi: il titolo, come al solito è fuorviante, rispetto a ciò che ha detto Pier Silvio che pare essere più un fan di Renzi quando dice che "continua ad apprezzare la voglia di fare del nostro premier".

agosvac

Mer, 10/06/2015 - 12:51

Egregio mrblonde, perché non parla del Governo sinistroide del '96/2001??? E' stato quello la causa del disastro italiano!!!!! Disastro che è aumentato a dismisura negli anni dal 2011 ad oggi, tutti governi di sinistra!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 10/06/2015 - 12:53

@Mr Blonde. Bravissimo. Il problema è che se ci fermassimo al suo giusto ragionamento dovremmo bruciare l'intera classe politica italiana, a partire dall'autore delle più grosse fesserie, individuabile in Prodi, colui che ci ha dato l'Irap, l'imposta regionale che ha distrutto le imprese, e poi ci ha fatto entrare nell'euro, obbedendo agli ordini e alle lusinghe della Ghermania, malgrado avessimo un debito pubblico superiore al reddito nazionale. Quindi corretto è l'avviso di Pier Silvio. Il passato è dietro la porta, con tutti i suoi disastri, ed il tempo è finito. Basta con le chiacchiere e con i regali preelettorali, come sono stati e sono gli 80€ incostituzionali, ma nessuno ha il coraggio di dirlo per non bruciare la possibilità di raccattare qualche milione di voti.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 10/06/2015 - 12:58

Libertà75 - L'inflazione non preoccupa più di tanto (si veda appunto il Giappone che comunque resta una delle maggiori economie mondiali), ma senza andare troppo lontano si guardi all'Italia degli anni '80 con l'inflazione alle stelle (rispetto alla deflazione di oggi) ma un'economia senza dubbio più sana. Io credo che vi sia anche un problema di mercato finanziario (che spesso si basa sulla percezione e il rafforzamento o crollo della fiducia). A Berlusconi fu fatto uno sgambetto politico attraverso l'uso arbitrario della finanza e delle agenzie di rating. Poi Lei mi insegna che a terremoto, segue tsunami e di solito non succede immediatamente.

Albius50

Mer, 10/06/2015 - 13:05

Forse quando dice che il tempo sta scadendo potrebbe essere che ci sia la volontà di far diventare MEDIASET

Albius50

Mer, 10/06/2015 - 13:06

Forse si può immaginare un futuro di MEDIASET

Albius50

Mer, 10/06/2015 - 13:10

E se Mediaset diventasse STRANIERA magari Cinese; con l'attuale ed incapace governo sarebbe una strada interessante, la famiglia Berlusconi se ne esce con un buon guadagno.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 10/06/2015 - 13:32

vabbe ma cosa vi aspettate da piersilvio,era felice di pagare le tasse solo se al governo c'era il papa'.

Duka

Mer, 10/06/2015 - 13:53

NON serve e NON basta avvisare e/o minacciare occorre agire e toglierlo di torno SUBITO fa solo danni. Un governo fasullo manovrato da autentiche OCHE.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 10/06/2015 - 14:11

Uuuhhh... Piersilvio AVVISA!!! Chissà come se la sta facendo sotto Renzi.

Ritratto di federalhst

federalhst

Mer, 10/06/2015 - 14:12

@Libertà75 - Si astenga dai giudizi affrettati dato che non sa un accidente di chi io sia e cosa faccia nella vita. Il mio intervento era atto a sottolineare ironicamente come sia OVVIO che è necessario "ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie perchè solo così si possono far ripartire i consumi", nell'industria italiana lo dicono tutti (da tempo) stendiamo un velo pietoso poi sul fatto che avrebbe potuto intervenire in tal senso il padre di Pier Silvio con tutti gli anni che ha governato e con la maggioranza di cui godeva, ma questa è un altra storia.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mer, 10/06/2015 - 14:36

LA RAI. MALGRADO L'ABBONAMENTO PAGATO NON SOLO SUPERA COME PBBLICITA' I VARI CANALI DI MEDIASET MA TRASMETTE ANCHE TELEFILM A SFONDO PRETTAMENTE POLITICO SIA SUL FASCISMO CHE SUL KOMUNISMO(Ma di questo ultimo,NESSUNA CRITICA !)La RAI ritiene ancora che il Popolo Italiano sia ignorante e trasportabile. Grande ERRORE ! Mediaset,approfitta anche LEI di questa VORAGINE di PUBBLICITA' senza controlli e fa ....MILIARDI ! Il popolo It. è fra l'INCUDINE ed il MARTELLO !

elpaso21

Mer, 10/06/2015 - 15:46

Attento Renzi che PierSilvio ti dà il "benservito" :P

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 10/06/2015 - 16:01

E' COME PARLARE AL VENTO, SE NON RIDUCONO LE SPESE STATALI, NIENTE RIDUZIONE DELLE TASSE. E POI ADESSO DOBBIAMO ANCHE MANTENERE I CLANDESTINI...L'UNICO TAGLIO CHE HA FATTO RENZI E' NON PAGARE I RIMBORSI AI PENSIONATI...METTIAMOCI IL CUORE IN PACE, LA RIDUZIONE DELLE TASSE PER AZIENDE E FAMIGLIE E' UN'UTOPIA

Libertà75

Mer, 10/06/2015 - 16:17

@feder, la pressione fiscale è aumentata dal Governo Monti in poi. Chiaro che le tasse sulle industrie avrebbe potuto abbassarle il padre, ma è anche vero che un minor carico fiscale sui consumatori (quello che fece inizialmente il padre) permette agli stessi un maggior poter d'acquisto, in grado anche di pagare prodotti italiani a costi più elevati (visto il carico fiscale presente).

Libertà75

Mer, 10/06/2015 - 16:24

@italianostra, buon pomeriggio a lei. In Giappone hanno seguito la politica rigorista e di rientro del debito per anni finché Abe non ha cambiato rotta. Proprio il Giappone dimostra che senza inflazione (per loro senza è proprio 0% e molta è 2-3%) l'economia perde di vivacità, i giovani perdono sicurezze e la visione del futuro diventa collettivamente negativa. Certo nessuno auspica per l'Italia un'inflazione del 15%, anche se va ricordato come sia più facile pagare i debiti con l'inflazione che senza (oggi i tribunali sono pieni di aste di immobili, come mai in tutta la storia italiana)

elpaso21

Mer, 10/06/2015 - 16:28

Ma se non si candida a che titolo parla?

Giorgio1952

Mer, 10/06/2015 - 17:08

Almeno le risposte pubblicatele! Libertà75 quale crisi internazionale “Berlusconi scaricò sul debito pubblico anziché sui cittadini facendogli perdere lavoro”, se sosteneva che la crisi era psicologica e si doveva infondere semplicemente ottimismo? Lei sostiene che a 4 anni di distanza si può dire che è stato giusto scaricare sullo Stato la crisi e non sui cittadini, poisaggiunge “perché abbiamo visto come l'occupazione non sia ripartita” quindi i cittadini hanno pagato comunque. Vorrei che mi spiegasse come si può scaricare una crisi economica mondiale, sul debito pubblico italiano che secondo Rogoff, economista dell’Università di Harvard, non è il problema l’Italia ha bisogno in primo luogo di contrastare la corruzione, e modificare il suo sistema di governance che le impedisce di adattarsi ai cambiamenti del mondo; Rogoff rilevava un’incapacità italiana ad adattarsi ai mutamenti globali, indicando gli imprenditori di aziende familiari incontrati a Cernobbio.