Il pizzino francese a monsieur Salvini (e non soltanto)

Il Front National è cresciuto anno dopo anno. Ma non è diventato il primo partito. Non ha perso, ma non ha neppure vinto. E in politica il pareggio non paga

Siamo sicuri che Marine Le Pen sia la grande sconfitta delle elezioni francesi? Questa è la domanda che Matteo Salvini, pro domo sua, porta sul tavolo della politica italiana. Il suo ragionamento non è una scusa o una sfumatura. È uno sguardo laterale che rappresenta anche i rischi e le opportunità della Lega due punto zero.

Salvini dice: guardate i risultati del Front National dal 2012 al 2015, la crescita è inarrestabile. È passata dal 17,9% del 2012 al 20,81 di due anni dopo e ora è al 26,3. Questa si può chiamare sconfitta? Magari, sostiene Salvini, la Lega facesse la stessa strada del partito affine francese. È chiaro che il Matteo d'opposizione si specchia in questa storia. Va riconosciuto che Salvini ha preso un Carroccio quasi moribondo, abbandonato dai suoi stessi leader, a cominciare da Tosi. Un partito che tutti consideravano praticamente morto, squassato dagli scandali e difficile da resuscitare. La Lega come un marchio vecchio, da rottamare, paradossalmente quasi un fantasma della prima Repubblica. Di quella Lega controcorrente, capace di cavalcare Tangentopoli e spazzare via i partiti-chiesa e i laici in doppio petto, non era rimasto più nulla. Salvini la sua prima scommessa l'ha già vinta. Ha ridato peso politico al «cadavere», ritagliandogli un ruolo nel panorama frastagliato della destra. Riuscisse davvero ad imitare la Le Pen con percentuali sopra il 20 %, per Salvini sarebbe una legittimazione non da poco. Sarebbe in tutti i sensi l'anti Matteo del partito nazionale.

La situazione italiana non è però quella francese. La partita è più difficile. È per questo che Salvini non deve fare tesoro solo dei successi di Marine Le Pen ma guardare anche ai suoi limiti. È vero. Il Front National è cresciuto anno dopo anno. Ma, contrariamente alle aspettative, non è diventato il primo partito. Non ha perso, ma non ha neppure vinto. E in politica il pareggio non paga. Non conta. Se non riesci a diventare un punto di incontro, di aggregazione, di confronto, rischi inevitabilmente l'isolamento e i tuoi voti, per quanti possano essere, diventano ininfluenti. L'opposizione per l'opposizione a lungo andare diventa sterile. Salvini questo l'ha capito. Non è Grillo. Il suo tentativo di alleanza con Berlusconi non è solo un modo sicuro per riconquistare il Veneto, dove probabilmente vincerebbe comunque, ma rappresenta la prova della sua evoluzione politica. L'aver capito che è il momento di andare oltre. Il problema non sono le accuse di populismo, Renzi lo è anche di più, con più cinismo e fubizia. La sfida è andare oltre la Lega restando però Lega. Essere oltre Salvini restando però Salvini.

Commenti

glasnost

Mar, 24/03/2015 - 15:06

Io preferisco il "populismo" al governo degli ottimati. Ne abbiamo già visto l'esempio con Monti e soci. Hanno messo in ginocchio l'Italia.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 24/03/2015 - 15:15

La Lega bossiana aveva presa solo sopra gli Appennini. Le boiate secessionistiche, l'altalena fra un'alleanza di centro destre e la caduta alle malevole e bugiarde lusinghe di una sinistra sfascista potevano far presa soltanto agli assatanati razzisti della diga sulla sponda sinistra del Po. Salvini sa parlare molto di più in chiave nazionale, affronta i problemi che coinvolgono tutti dal Brennero a Lampedusa, malavita e onlus cattocomuniste escluse. Quanto poi al successo parziale della Marine, se Sarko non avesse avuto l'apporto di quell'accozzaglia che forma l'UDI sarebbe arrivato terzo dopo Hollande. Che Salvini ne tenga conto, perché snobbare un'alleanza con F.I. darebbe quel plus che relegherebbe la sinistra al suo ruolo storico di opposizione.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 24/03/2015 - 15:19

Errata Corrige - si legga: " Che Salvini ne tenga conto, perché snobbare un'alleanza con F.I. NON darebbe quel plus che relegherebbe la sinistra al suo ruolo storico di opposizione. "

fisis

Mar, 24/03/2015 - 16:04

E' evidente che la lega di Salvini si deve alleare con FI, ma anche con FdI, se vuole avere, al momento attuale, qualche chance di vittoria e di governo del nostro paese. Serve una federazione di centrodestra su un programma comune che affronti alcune tematiche fondamentali: gestione dell'immigrazione clandestina, riduzione dell'attuale ipertassazione , disoccupazione, rapporti con l'euro e l'unione europea. Ma il centrodestra sembra ripiegato su sè stesso e incapace di una propria rielaborazione politica unitaria su questi temi.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 24/03/2015 - 17:01

Egregio Fisis, leiha probabilmente ragione, ma puó definire FI un partito di centro-destra, dopo tutto il sostegno palese e non fornito nell'ordine a Monti, Letta e Renzi?

peter46

Mar, 24/03/2015 - 17:27

Egr.Tramontano,Lei è stato considerato sempre persona seria...cadere in questi tranelli non è da Lei.Il Front National è 'stato' primo partito in queste elezioni prov:legga i dati VERI del m.tero dell'int.francese:FN 5.108.066 voti/25,19%--Udd(dxtre)4.246.149 voti/20,94%--PS 2.703.751 voti/13,34%.Certamente i Ps sono maggioranza,per ora se uniti,ma l'affermazione è 'ottima' se consideriamo che a dx c'è voluta la coalizione di tre partiti per cercare di contrastarli:stiamo parlando di el.prov.laddove i temi 'cari' al FN contano poco:se un prec pres di prov ha fatto bene può essere 'trombato' per l'euro o per l'immigrazione?Certamente no,ma se l'invito socialista è votare per il 2°turno 'la qualunque' ,ma non l'FN, significa che ha 'vinto'....Marine.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 24/03/2015 - 17:36

A me, piacciono i politici non spavaldi, quelli che sanno dove mettere i piedi e che sono in grado di conoscere i loro limiti. Ah, dimenticavo: che non bevano acqua sacra dalle ampolle e che donino l'orecchino a famiglia bisognosa. Sarebbe già qualcosa.

VittorioMar

Mar, 24/03/2015 - 17:52

Lasciate che i piccoli Salvini crescano!

salvatore40

Mar, 24/03/2015 - 17:59

Essere oltre Salvini restando però Salvini. Una formula intelligentona, di morotea memoria,che vuole apparire dialettica,copre a stento la vacuità concettuale e quindi politica.Salvini salverà l'incredibile successo fra gli italiani a patto che eviti le sirene berlusconiste.Matteo apprenda da Matteo, questa sì che è formula chiara!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mar, 24/03/2015 - 18:28

F.N. 25,24 % U.D. 20,88 % P.S. 13,30 % U.M.P. 6,57 % F.G. 4,72 % L' F.N. è il primo partito di Francia, mettere insieme altri partiti per dire che non è il primo partito francese è disinformazione! Purtroppo ne ho vista e sentita molta ed oggi silenzio....... se poi delle minoranze si alleano per battere una maggioranza è una verità come quella che il F.N. è il primo partito, alla faccia di Renzi , Silvio, Holland e Sarkò.

moichiodi

Mar, 24/03/2015 - 19:41

come fa a restare lega, se lega non è? se fosse lega prenderebbe massimo l'8 per cento. siccome ne prende il doppio non è più lega(tramontano vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca). certo, ma così svuota forza italia e gli affini di fratelli d'italia ed oltre. ma la coperta rimane sempre corta sia che la tiri di qua che di là. il miracolo di forza italia fu quello di imbarcare i moderati rimasti orfani di tangentopoli.(che poi non avvenne alcun miracolo, questa è un'altra storia) ma sul piano elettorale così a me pare che stanno le cose.

moichiodi

Mar, 24/03/2015 - 19:44

tramontano a sua volta, manda un altro pizzino a salvini: lascia stare i voti di forza italia. purtroppo senza quelli non arriva al 15 per cento. questo è matematico: basta contabilizzare i voti presi da salvini e quelli persi da forza italia. un bel rebus!

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 24/03/2015 - 20:05

Chissà perché se vincono i socialisti è una grande vittoria di democrazia, ma se cresce la destra scatta l'allarme per "Il pericolo Le Pen". Perché essere di sinistra è democratico ed essere di destra non lo è, anzi è un pericolo? Ancora sto aspettando una risposta, da decenni. E temo che dovrò aspettare ancora molto per averla. Certo che abbiamo uno strano concetto di democrazia, di maggioranza e di rispetto della volontà popolare. Ma ormai, secondo il pensiero unico dominante, la democrazia o è di sinistra o non è democrazia.

m.nanni

Mar, 24/03/2015 - 20:15

caro Salvatore Tramontano, condivido sempre quel che scrivi e quel che dici in tv, ma questa volta non è bene specificato l'esito elettorale francese; il partito della Le Pen non ha vinto le elezioni ma si è confermato primo partito della Francia. Sarkozy per vincere si è dovuto alleare con i centristi, gli omologhi dell'udc italiano.

elio2

Mer, 25/03/2015 - 09:23

Caro Salvatore Tramontano, Invece di raccontare fandonie, mi saprebbe indicare quale altro Partito in Francia supera il risultato ottenuto dal FN della Le Pen

pinux3

Mer, 25/03/2015 - 11:34

@corvo rosso...Chiamare "maggioranza" il 25% mi pare un po' una...forzatura...Il FN sarà anche il primo partito ma alle presidenziali c'è il ballottaggio e, a meno che la Le Pen vinca al primo turno (evento perlomeno improbabile...), nel secondo turno "moderati" e sinistre si coalizzerebbero conrto di lei, con risultato scontato (come già successe a Le Pen padre, che al secondo turno riuscì a prendere addirittura meno voti che al primo e gli elettori di sinistra votarono in massa per Chirac...). Se fossi in voi vi farei meno illusioni...

gianrico45

Mer, 25/03/2015 - 12:17

Salvini deve fare Salvini, male che gli vada sarà il leder della vera destra politica italiana ,non di una accozzaglia di moderati che guardano più al portafoglio che agli italiani.Berlusconi dopo quello che gli è successo, l'avrebbe dovuto capire che i moderati, oltre alle loro ambizioni personali non servono a un ......

peter46

Mer, 25/03/2015 - 12:58

pinux3...Tempo al tempo.Oggi c'è solo da stabilire chi ha vinto in questa tornata elettorale.Anche se in verità lo si potrà stabilire dopo il secondo turno essendoci ballottaggi quasi dappertutto.Poi...si è sempre detto,in Italia e che dovrebbe valere per qualsiasi altro paese,che elezioni locali rimangono elezioni locali o no?Come ho scritto prima non è che bisognava votare per l'immigrazione selvaggia o l'uscita dall'euro:quando si voterà su questi temi(nazionali)si vedrà.Le Pen padre era nel jurassico....

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Mer, 25/03/2015 - 13:57

Poveri. Noi ! Se questo prende il posto del cucù di Veneziani le nostre speranze tramontano con l'accento al posto giusto!

Maver

Mer, 25/03/2015 - 16:36

Ma quanto fastidio dà questo Salvini? Dice: "in politica il pareggio non paga, non conta", figuriamoci quelli che manco pareggiano. Sempre questa idea bislacca che la Lega debba prestare vassallaggio coi suoi voti a chi oggi ha lo zero virgola, ma non scherziamo. Salvini propone contenuti diversi, contenuti di Destra e quando si hanno contenuti ci si può permettere anche un percorso autonomo. Le logiche partitiche di spartizione lasciamole a chi da tempo ha "finito le cartucce".

Ritratto di Mike0

Mike0

Gio, 26/03/2015 - 09:03

Solo se si uniscono Salvini e Berlusconi possono vincere a livello nazionale. La gente è stufa di come vanno le cose e si sposta a destra. Ne sono testimone su mie conoscenze. Grillo è sempre più considerato quello che è: un comico, a capo di una cozzaglia di gente di strada senza una linea politica ben definita. L'unico motivo per cui il PD potrebbe ancora vincere è la frammentazione della destra italiana e i traditori attaccati alla poltrona più che alle idee e la lealtà verso gli elettori; fra questi ci sono tutto l'NCD, Tosi e altri che saltano da un partito all'altro. Io non permetterei che chi è stato votato con un partito passi all'altro prima di un'altra votazione; se rinunciano, a casa. Ah..sì...scordavo...tutto il governo non è stato votato: la dittatura è una brutta cosa!

andrea da grosseto

Gio, 26/03/2015 - 12:03

moichiodi il punto è che i voti persi da FI andavano al "non voto" o al massimo al M5S. Salvini sta riconquistando quei voti e secondo me lo sta facendo non cambiando di una virgola la politica della Lega. Anzi, proprio perché è la stessa Lega di governo viene rivotata dai cittadini di destra che sicuramente erano (eravamo) molto più contenti dei governi Berlusconi della mxxxa che è venuta dopo. E' FI che ha tradito i propri elettori e non è più quella di governo, da diverso tempo ormai. L'unica differenza, anche importante, è che Salvini ha capito che la Lega non può rimanere confinata al Nord e sta tentando di trasformarla in partito nazionale. Non so se ci riuscirà ma fa benissimo a provarci.

peter46

Gio, 26/03/2015 - 12:58

andrea da grosseto...c'è un però.I sondaggi che danno la lega al 15% normalmente s'intendono essere 'nazionali' e giacchè l'unico sondaggio sullo specifico dà 'potenzialmente' NoiConSalvini tra il 6% e il 9%,se la matematica non è un opinione(ancora)i delusi del cdx ex berlusconiani del centro e del sud sono coloro che stanno contribuendo all'exploit leghista.E sembra siano maggioranza.E se certificato da elezioni Salvini,per sua 'fortuna elettorale'è meglio che prenda in considerazione la possibilità di non far più salire sul palco il 'cadavere ambulante' del passato leghista....continuando ad averlo accanto sarà un 'grosso ma non 'grasso' problema...per lui:meglio non far 'rivangare' certe affermazioni da Roma in giù...fino a Grosseto forse sì?

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 26/03/2015 - 13:26

Leggo: "È vero. Il Front National è cresciuto anno dopo anno. Ma, contrariamente alle aspettative, non è diventato il primo partito" - - - come già fatto notare da altri lettori in dettaglio, il FN fino a questo momento e in queste elezioni, È IL 1° PARTITO, le altre forze sono agglomerazioni di più partiti. Il partito di quello scimunito di Sarkò, nonostante i sogghigni del citato scimunito, ha avuto il 6,5% (only). Veramente non capisco questo modo originale di interpretare i numeri. Tanto vale dire che Marine Le Pen è risultata ultima, quindi sconfitta, perché la sommatoria dei voti di tutti gli altri è superiore alla quota FN.

andrea da grosseto

Gio, 26/03/2015 - 13:33

peter46 è facile per Salvini sostenere che la Lega non ce l'ha mai avuta con la popolazione del Sud ma solo con una certa politica. E' proprio per portare avanti questa idea che ha creato NoiConSalvini. Certamente non potrebbe convincere nessuno espandendo la Lega al sud con politici "nordisti", ma se lo fa con la politica locale tutto cambia. Io non mi sono mai sentito offeso dalla Lega mentre tutti i giorni mi sento preso per il cxxo dal buon Rossi e dal suo Partito Disonesto

curiosity1

Gio, 26/03/2015 - 17:09

Il problema dell'alleanza FI-LN è solo uno e si chiama "Euro". Salvini ha impostato tutta la sua politica economica (compresa la flat tax) sul rilancio dell'economia italiana tramite l'uscita dall'euro, la riappropriazione della sovranità monetaria e la successiva svalutazione che ne conseguirebbe. Adesso non può rimangiarsi tutto e dire "abbiamo scherzato", quindi o FI e Berlusconi fanno un passo in questa direzione accogliendo le istanza di Salvini, oppure l'alleanza FI-Lega a livello nazionale è morta. E senza questa alleanza è morta anche la possibilità di contendere a Renzi il governo del paese, che di fronte a un opposizione così divisa vince a mani basse senza problemi