Il pm Di Matteo attacca Renzi, Napolitano e Berlusconi

Il pm Di Matteo punta il dito contro il Presidente della Repubblica, che "condiziona il Csm", e contro il capo del governo, che tratta con Berlusconi per le riforme

Il pm Di Matteo e Salvatore Borsellino

Dovea essere "il giorno della memoria", nel ricordo della strage di via D'Amelio, avvenuta il 19 luglio di 22 anni fa. Ma è diventato il giorno dello scontro, l'ennesimo scontro tra magistratura e politica. Grande protagonista il pm Nino Di Matteo, "mente storica" dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, che ha preso di mira il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Ma vediamo subito le accuse, in primo luogo quella a Napolitano. "Non si può assistere in silenzio - ha detto il pm - al tentativo di trasformare il pm in un burocrate sottoposto alla volontà del proprio capo, di quei dirigenti sempre più spesso nominati da un Csm che rischia di essere schiacciato e condizionato dalle pretese correntizie e da indicazioni sempre più stringenti del suo Presidente". Poi la staffilata a Renzi (e indirettamente anche a Berlusconi): "Oggi un esponente politico, dopo essere stato definitivamente condannato per gravi reati, discute, con il Presidente del Consiglio in carica di riformare la legge elettorale e quella Costituzione alla quale Paolo Borsellino aveva giurato quella fedeltà che ha osservato fino all’ultimo suo respiro". 

Alle durissime parole pronunciate dal magistrato arrivano a stretto giro le repliche del centrodestra. Luca d’Alessandro (FI) definisce il pm palermitano "esempio della parte peggiore della magistratura, che approfitta di ogni occasione per svolgere un ruolo politico", e Fabrizio Cicchitto (Ncd) che definisce Di Matteo "un mediocre imitatore di Ingroia. È inquietante che un tipo del genere abbia per le mani indagini delicatissime e ovviamente uno dei suoi scopi è quello di andare addosso al Presidente della Repubblica". Molto duro anche Andrea Mazziotti, di Scelta Civica, che invita il pm a indagare "seriamente e in silenzio".

Via D’Amelio, poco prima che Di Matteo intervenisse, è stata anche teatro di un abbraccio. L’abbraccio ostentato, che ha stretto Massimo Ciancimino, imputato di mafia e figlio di un mafioso di rango, e Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato. Due persone con storie distanti anni luce che si ritrovano vicine da quando Ciancimino jr ha cominciato a raccontare i segreti del padre, don Vito, le sue relazioni con pezzi delle istituzioni e delle forze dell’ordine e il suo ruolo nella cosiddetta trattativa Stato-mafia. "Sono uno dei pochi che ha il coraggio di venire qui", ha detto il testimone-imputato mostrando il braccio con tatuata la data del 19 luglio 1992, quando alle 16:58 un’autobomba imbottita di tritolo uccise Borsellino e gli agenti della sua scorta. E la presenza del figlio di don Vito non imbarazza nemmeno gli esponenti del movimento "Agende Rosse" che - rivelano senza esitazione - da Ciancimino jr hanno anche avuto una donazione in denaro.

L’organizzazione è stata molto più severa, invece, con gli esponenti delle istituzioni, invitati anche quest’anno a disertare le cerimonie. La presidente dell’Antimafia, Rosy Bindi, però si è presentata in via D’Amelio (il capo della polizia Pansa aveva ricordato le vittime deponendo una corona alla caserma Lungaro). Ma quelli delle Agende Rosse l'hanno contestato voltandole le spalle e alzando il simbolo del diario scomparso di Borsellino. 

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 20/07/2014 - 10:55

patetico! il PM doveva mettere sotto accusa napolitano per aver destabilizzato il governo con un colpo di stato. doveva accusarlo di alto tradimento :-) invece se la prende in modo cosi patetico e cretino... come sempre i magistrati straparlano quando perdono... :-)

giovanni PERINCIOLO

Dom, 20/07/2014 - 10:59

..."quella Costituzione alla quale Paolo Borsellino aveva giurato quella fedeltà che ha osservato fino all’ultimo suo respiro".... Nessun dubbio per quanto riguarda Borsellino e Falcone ma, andreottianamente, penso mi sia concesso esprimere molti dubbi su Di Matteo e sui suoi epigoni!

m.nanni

Dom, 20/07/2014 - 11:04

questo qua vuole essere detronizzato per poi erigersi ad eroe nazionale. ma il suo capo e il capo del suo capo, che fanno? non lo bastonano a dovere?

linoalo1

Dom, 20/07/2014 - 11:08

Ma perchè un PM non si limita a fare il PM?Non gli va bene?Si licenzi e provi ad andare a fare il dipendente!Se,tanto mi da tanto,non durerebbe nemmeno come dipendente,perchè boria e presunzione portano solo alla solitudine!Lino.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Dom, 20/07/2014 - 11:08

Ormai questi PM sono presi dalla megalomania cronica, devono essere come le prime donne fasce scena in passerella.

Ritratto di Senior

Senior

Dom, 20/07/2014 - 11:11

A mio modesto avviso, si blatera tanto sul peccato mortale di ferire l'indipendenza dei PM, poi proprio un PM parla e dice che "sono soggetti a pressioni correntizie" da parte dei capi della Magistratura. Ma allora è tutto in famiglia, il peccato esiste solo se la pressione viene da fuori della famiglia. più indipendenti di così non è possibile. Per quanto riguarda Renzi, è un capo di governo che per la prima volta, dal quarantotto a questa parte, cerca di rinnovare il vecchiume delle strutture di uno Stato agonizzante e lo fa non con un pregiudicato ma con un grande Partito politico che è Forza Italia. senior

occhiotv

Dom, 20/07/2014 - 11:13

Ma cosa serve celebrare la morte di due GRANDI, se questo dà lo spunto a chi ha la parola a parlare e dire cose che non hanno a che vedere con la commemorazione? Con rammarico dico aboliamoli e non diamo questa occasione a nessuno......

pinopalazzi

Dom, 20/07/2014 - 11:19

Per dirla come Sciascia non sono manco dei quaqua

Massimo Bocci

Dom, 20/07/2014 - 11:20

E' vero questa è un IGNOMINIA, come si fa a trasformare CONFONDERE, uno (IMPIEGATO SUPERIORE) che vincendo??? Un concorso di stato (nel REGIME!!!) per fare LA CARRIERA DI BUROCRATE PIU' LUCROSA DELL'OCCIDENTE QUASI DA DIO, ma si leviamo pure il quasi, un DIO DI REGIME (UN IMPUNITO, IMPUNIBILE DI REGIME!!) Che non SI POSSA FARE I CAZZI....... PROPRI (COME DA REGIME STALINISTA-PAPALINO, INSTAURARE FASCICOLI SU CHI CAZZO VUOLE O CHI VUOLE......IL REGIME) PER SPIRITO DI SOPRAVVIVENZA DI REGIME, HA RAGIONE LUI, QUESTA E EVERSIONE.......... DEMOCRATICA e qui che CAZZO centra la DEMOCRAZIA in un REGIME 70 ENNALE DI LADRI, IMPOSTO DA STALIN e C: 8COMUNISTI) due REALTA' INCOMPATIBILE CON LA GIUSTIZIA...............VERA!!!

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Dom, 20/07/2014 - 11:22

Un altro personaggio inutile che vive di fama su di un processo che dura da anni e che non approderà a niente, perché probabilmente non c'è niente. Il tutto a spese nostre, come al solito.

m.nanni

Dom, 20/07/2014 - 11:23

pensata la fine di un generale o colonello dei carabinieri se dovessero attaccare il capo dello Stato o voltare le spalle ai rappresentanti del Popolo Sovrano! lo farebbero a polpette in tre secondi. perchè i magistrati non vengono mai puniti quando manifestano apertamente disprezzo per le più alte autorità dello Stato? la Bindy non mi è politicamente simpatica, ma quando viene oltraggiata come ha fatto Di Matteo, sto con la presidente Bindy senza pensarci neppure due secondi.

elalca

Dom, 20/07/2014 - 11:23

delirante! questo cialtrone non deve neppure pulirsi la bocca citando magistrati, poliziotti e carabinieri morti nell'adempimento del proprio compito. vada all'inferno e ci resti, lui, ingroia, giggino o flop, woodcock e marmaglia simile.

Ritratto di ashton68

ashton68

Dom, 20/07/2014 - 11:26

se questo è un PM allora può esserlo anche una scimmia. Fossi un suo parente mi vergognerei

bob82

Dom, 20/07/2014 - 11:30

il fatto che solo i magistrati facciano cose sensate e per il bene del paese dimostra che l'italia è in mano alla criminalità!! è un fatto inoppugnabile ed indiscutibile!

patrenius

Dom, 20/07/2014 - 11:31

Scusate la mia ignoranza, ma io credevo che l'indipendenza della magistratura consistesse nell'applicare le leggi in silenzio e senza manipolarle. Un magistrato che si vuole occupare di politica, fa come hanno fatto tanti suoi colleghi arricchendosi, si candida e va in parlamento. E qui non interviene nessuno??? E se "qualcuno" dice che i magistrati sono incontrollabili rischia l'arresto???

Ritratto di Zione

Anonimo (non verificato)

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 11:32

Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza. QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia dipidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro a distanza di 25 anni da quello di Berlino sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 20/07/2014 - 11:33

Se le istituzioni in Italia avessero ancora senso; di più, se la Costituzione italiana avesse ancora senso; ancor di più, se lo Stato italiano avesse ancora senso, questo tizio, l'ennesimo da vent'anni di questa sedicente magistratura, non se la passerebbe liscia. Sarebbe subito licenziato, processato e messo in galera.

maubol@libero.it

Dom, 20/07/2014 - 11:33

ma fa il lavoro per cui sei pagato, cos'è la magistratura lo vediamo, lo sappiamo anche noi.

wing125

Dom, 20/07/2014 - 11:34

ormai più che incredibile è normale che qualche giudice mostri quanto è distante da senso e democrazia. non mi stupisco più da tempo.

killkoms

Dom, 20/07/2014 - 11:35

un altro professionista dell'antimafia!!

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 11:38

Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza. QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia dipidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro a distanza di 25 anni da quello di Berlino sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 11:39

Che gentaccia !!!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 20/07/2014 - 11:42

Ormai l'antimafia è diventata un istituzione che crede di poter dire chi è buono e chi è cattivo, come l'ANPI . L'ANPI assolve questo ruolo con patetica diligenza: dice chi é stato partigiano, cosa ha fatto, dove e se é meritevole o no di prebende. Talvolta l'anagrafe ha fatto degli scherzi ridanciani, talaltra c'è stata qualche baruffa da curva nord. Ora è il momento degli Ingroia e dei DiMatteo. Stanno in un'antimafia che meriterebbe una rinfrescata almeno quanto il Senato, indagano, spendono soldi nostri, usano uffici pubblici ma non danno la garanzia di indagare nella direzione giusta o di farlo non senza interesse ideologico o addirittura per affermare tesi politiche che con le indagini non c'entrano nulla. Insomma, vecchia storia, nasce una tesi politica eppoi polizia carabinieri finanza guardie forestali nani e ballerini tutti scatenati sulla pista suggerita. Milioni in fumo, arrosto poco e quel poco anche di sapore incerte, molto incerto. Poi un DiMatteo, sale sul palco, una ricorrenza come un'altra, e per commemorare dei poveri magistrati morti perché lasciati soli da colleghi codardi, sentenzia e discetta di politica. Un consiglio: si renda conto che con B. si tratta e chiunque tratterebbe con tale pregiudicato. Perché? Perché nessuno se la sente di credere a delle sentenze di una magistratura come la sua.

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 20/07/2014 - 11:43

Ma qualcuno ha ricordato al Sig. Di Matteo che nessuno lo ha eletto ed è li, col suo super stipendio, per aver vinto un concorso come qualunque altro impiegato/funzionario dello Stato ??? Un magistrato è "ufficialmente apolitico" e quindi niente comizi....non è autorizzato a farne a meno che non faccia come Ingroia e dichiari di entrare in politica, lasciando la toga !!! La responsabilità dei magistrati dovrebbe comportare il rimborso del danno cagionato a tutte le persone coinvolte nel processo ed alla collettività, per manifesta incapacità, o negligenza e, naturalmente qualora vi fosse, dolo.

Giorgio5819

Dom, 20/07/2014 - 11:43

Ha per le mani delle prove? Faccia il suo mestiere, in silenzio, senza microfoni e telecamere, per questo è pagato. Se è così sicuro di quanto afferma, combatta le sue battaglie e le vinca con l'arma della verità. I palchi e i microfoni vanno interdetti a tutti i magistrati.

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 20/07/2014 - 11:44

Di Matteo ha raggiunto la famosa soglia di megalomania che contraddistingue parecchi magistrati arrivati all'apice della popolarità. Voleva girare per Palermo a bordo di un Lince ma gli dissero che non era il caso. Adesso dice che il CSM è condizionato dal Presidente della Repubblica. Vorrei vedere: è lui il Capo! Poi parla di logiche politiche e correntizie. Forse che i magistrati hanno mai rinunciato a dividersi in correnti politiche e spartirsi le cariche all'interno del CSM? Certo il popolino bue roso dalla crisi e dall'odio per la casta ci casca facilmente e il dott. Di Matteo lo sa bene. C'è di buono che ultimamente i Catoni della magistratura evitano di scendere in politica, dopo la figura barbina del dott. Ingroia.

Giacinto49

Dom, 20/07/2014 - 11:44

Considerazioni condivisibili ma che non tengono conto del clima politico e sociale in cui ci hanno precipitato sessant'anni di impunità (ancora oggi si parla di" inchini" ai mafiosi)e del fatto che, non tutti nascendo eroi, i più sono costretti a fare quotidianamente i conti con le miserie del loro modo di vivere.

ciannosecco

Dom, 20/07/2014 - 11:46

Nuovi Ingroia crescono.Il posto in Guatemala è garantito.

vale.1958

Dom, 20/07/2014 - 11:46

Dalla faccia non sembra nemmeno troppo sveglio ....povera magistratura

mezzalunapiena

Dom, 20/07/2014 - 11:48

ho appena scritto che la magistratura è una casta intoccabile ed ecco il pm di matteo che con le sue dichiarazioni conferma quanto appena scritto.

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 20/07/2014 - 11:48

Di Matteo ha raggiunto la famosa soglia di megalomania che contraddistingue parecchi magistrati arrivati all'apice della popolarità. Voleva girare per Palermo a bordo di un Lince ma gli dissero che non era il caso. Adesso dice che il CSM è condizionato dal Presidente della Repubblica. Vorrei vedere: è lui il Capo! Poi parla di logiche politiche e correntizie. Forse che i magistrati hanno mai rinunciato a dividersi in correnti politiche e spartirsi le cariche all'interno del CSM? Certo il popolino bue roso dalla crisi e dall'odio per la casta ci casca facilmente e il dott. Di Matteo lo sa bene. C'è di buono che ultimamente i Catoni della magistratura evitano di scendere in politica, dopo la figura barbina del dott. Ingroia.

bruco52

Dom, 20/07/2014 - 11:49

....."L’abbraccio ostentato, che ha stretto Massimo Ciancimino, imputato di mafia e figlio di un mafioso di rango, e Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato."....cose che si vedono solo in questo paese...Paolo Borsellino e tutti quelli della sua scorta si stanno rivoltando nella tomba...

Ritratto di EstiqaatsiX

EstiqaatsiX

Dom, 20/07/2014 - 11:50

Un altro che si sta preparando ad entrare in politica...

enzo1944

Dom, 20/07/2014 - 11:50

Per essere un magistrato,costui parla già troppo!.......e poi fa politica,....cosa che la legge non gli consente!......e perchè non lo ha "denunciato"prima e molto tempo fa,il malcostume dei suoi colleghi e dei politici di "invadere"il campo delle indagini ed interferire nelle sentenze???.....a questo punto,mi sembra molto in cerca di "visibilità"e,.........di una futura carriera nella politica!!

Roberto Casnati

Dom, 20/07/2014 - 11:51

Ma cos'è? Per diventare PM è necessario superare un severissimo esame volto ad accertare la assoluta stupidità del candidato?

mifra77

Dom, 20/07/2014 - 11:54

Quando cominciano a fare comizi, è perché sanno di aver fallito come giudici e la buttano in politica. E poi permettere a Ciancimino jr di parlare di coraggio e non scandalizzarsi di fronte all'arroganza di quell'abbraccio ed ancor più di fronte alle dichiarazioni degli esponenti di "Agende ROSSE" che non si sono neppure chiesto se quei soldi ricevuti in donazione potessero essere sporchi di sangue. MERCANTI NEL TEMPIO!

honhil

Dom, 20/07/2014 - 11:56

Si può trasformare una commemorazione, e in modo particolare una commemorazione in onore di martiri della giustizia, in un j'accuse contro il Csm e il Capo dello Stato? E ancora, si può usare come megafono una celebrazione di popolo, per accendere su di sé le luci della ribalta? Ma poi, il mp Di Matteo, con il suo indice accusatore contro il Csm e il suo Capo, che, peraltro, potrebbe anche benissimo starci, date le incompressibili determinazioni prese da quell’Organismo in merito ad altrettante incomprensibili risoluzioni presi da questa o quella toga, nel suo portafoglio insieme al tesserino di magistrato tiene ancora la tessera di associato all’Anm? O non è altro che una diatriba tra magistrati portata in piazza per scopo personale? E ancora ancora, per il recente rinnovo del Csm ha votato o si è astenuto?

ilbarzo

Dom, 20/07/2014 - 11:57

Anche costui e' salito sulla rampa di lancio per mettersi in mostra,qualora un domani(molto presto) decidesse di salire in politica.Il che e' gia' dato per scontato,alle prossime elzioni sara' sicuramente candidato.

blackbird

Dom, 20/07/2014 - 11:58

Finalmente un PM che ha il coraggio di denunciare chi deve essere denunciato! Che la trattativa Stato-Mafia abbia coinvolto personaggi dell'allora governo, ma manche dell'opposizione e di chi stava emergendo come nuova figura politica, è indubbio (le condanne dei personaggi della DC e di FI, o come si vuol far chiamare, non si contano più, mancano all'appello quelli del PCI, finora coperti dai loro "martiri di mafia"). Che tonnellate di sabbia siano state scaricate sulle inchieste, altrettanto! E chi è che dovrebbe far luce, ordinando l'apertura degli archivi segreti? Proprio i tre indicati da Di Matteo! Ormai è sotto gli occhi di tutti il ruolo giocato dai due vecchi, mi stupisce che "il giovane" si presti a coprire le infamie di cui si sono macchiati.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 11:58

IL MURO É MARCIO ... Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza. QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia dipidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro a distanza di 25 anni da quello di Berlino sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

giottin

Dom, 20/07/2014 - 11:58

Dunque, dunque, di matteo, di matteo, questo nome l'ho già sentito, ah sì, era il ragazzino sciolto nell'acido da tal brusca, forse il padre o tutta la famglia era mafiosa, insomma regolamento di conti tra picciotti. La domanda è: questo impiegato statale sempre troppo pagato e mai pagante, vuoi vedere che è un parente???????

ilbarzo

Dom, 20/07/2014 - 12:01

Sono degli arrivisti opportunisti,ma hanno solo tanta fuffa.I pagliacci da circo perlomeno fanno ridere,costoro neppure quello.Andate a fare in culo,poiche' quello e' il porto giusto per voi.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 20/07/2014 - 12:02

Indaghi sul fatto che Renzi sta trattando con un condannato

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 12:02

IL MURO É MARCIO ... Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza. QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia dipidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro mafioso di ottusitá e delinquenza, a distanza di 25 anni da quello di Berlino, sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 12:04

IL MURO É MARCIO ... Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza. QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia dipidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro mafioso di ottusitá e delinquenza, a distanza di 25 anni da quello di Berlino, sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

pansave

Dom, 20/07/2014 - 12:05

Ecco il nuovo partito delle toghe rosse per le prossime vicinissime elezioni: Bruti, Boccassini, Ingroia, Di Matteo...tutto il coppo al 3%. Perchè politici erano, sono e saranno e allora che vengano "giudicati" dal popolo. A qualche toga rossa manettara, con le campagne politiche gratis, è andata anche bene come al sindaco di Bari o di Napoli. Storia e morale giudicheranno!!!

mifra77

Dom, 20/07/2014 - 12:05

Un asino che raglia attira più attenzione di un bue che tira l'aratro da moltissime ore.

giottin

Dom, 20/07/2014 - 12:06

@linoalo1. Lei sbaglia quando dice si licenzi e provi andare a fare il dipendente...Dipendente lo è già a tutti gli effetti, anche se troppo pagato e mai pagante, aggiungo io. Piuttosto, visto che non glielo ha ordinato il medico di fare quello che fa, ma ha solo intrapreso quella carriera per prendere tantissimi soldi elargiti da noi popolo bue ed a rischio ZERO. Provi piuttosto ad intraprendere un lavoro in proprio se ne è capace ed io dico che non lo è. Cordialmente.

nonnoaldo

Dom, 20/07/2014 - 12:07

Ma chi è questo Di Matteo? Cosa avrà mai nel suo palmares che gli dia titolo a ergersi come giudice. Bivacca, lautamente pagato, su un processo senza fine che, questo sì, nulla ha a che fare con la Giustizia Vera, mentre i veri delinquenti dormono sonni tranquilli... salvo quando una cosca decide di farne fuori un'altra e qualcuno, all'uopo, si pente.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 20/07/2014 - 12:10

dunque totò riina vuole di matteo morto quindi è facile trarre conclusioni.

papik40

Dom, 20/07/2014 - 12:12

E bravo Di Matteo tutto questo a che pro? Aspetta di essere chiamato a fare il deputato? Il PD sembra aver cambiato strategia: non gli interessano piu' i magistrati, ne ha gia' troppi! Con queste idee ci rimane la sinistra estrema e non e' escluso che faccia la fine di Ingroia!

gamma

Dom, 20/07/2014 - 12:12

Un altro che vuole entrare in politica... nient'altro che questo.

ilbarzo

Dom, 20/07/2014 - 12:12

Bene a fatto Cicchitto,(anche se non lo digerisco per il suo voltagiacca)a definire Di Matteo"Un mediocre imitatore di Ingroia" .Un pappagallo in cerca di visibilita',aggiungo io.

agosvac

Dom, 20/07/2014 - 12:14

Il magistrati di matteo fa riferimento a Paolo Borsellino. In effetti sia Borsellini che Falcone dovrebbero essere di esempio per tutta la magistratura odierna. Nè Borsellino nè Falcone si sarebbero mai, e dico MAI, permessi di criticare sia il Capo dello Stato sia il Presidente del Consiglio!!! Non lo avrebbero fatto perchè LORO la Costituzione la rispettavano e la nostra Costituzione VIETA in assoluto ai magistrati di "fare politica". Purtroppo attualmente molti magistrati, sia inquirenti sia giudicanti, fanno più "politica" che "magistratura". La colpa di questa situazione è evidentemente dei rappresentanti dello Stato che accettano simili dichiarazioni senza alcuna reazione. Questo Pm, come molti altri magistrati, avrebbe dovuto "immediatamente" essere messo sotto inchiesta e sospeso dalle sue funzioni! In effetti oggi come oggi non c'è più rispetto per la magistratura, rispetto che tra l'altro non merita, sussiste il terrore di essere prima o poi preso di mira senza alcuna possibilità di difesa, visto quel potere che la magistratura si è assunta e che non dovrebbero potere avere. La situazione è grave, molto grave. E continuerà ad esserlo finchè alcuni magistrati non saranno messi di fronte alle loro responsabilità.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 20/07/2014 - 12:15

IL MURO É MARCIO ... Occorre semplicemente interpellare la propria coscienza ... QUESTA CHE ENTRA NELLE AULE DEI TRIBUNALI NON SI CHIAMA POLITICA SI CHIAMA SEMPLICEMENTE AUTORITARISMO DELLA DELINQUENZA, con la sua arrogante ignoranza, con il suo infermo egoismo, con la sua vigliaccheria e bassezza, ottusitá e prepotenza ... Con il loro distillato di delinquenza sono dediti a gozzovigliare con la menzogna sulla pelle di un Paese che muore ... Basta Repubblica, basta Corriere della Sera, basta Travaglio, Lerner, Santoro ... Basta con il Muro pidocchioso di un apparato "pubblico" abnorme e brutale come non ce ne sono altri al mondo sopra le imprese che chiudono e i sempre piú senza lavoro ... Quel mentecatto di Padoan con la piú ignobile spudoratezza ha detto che "la crescita non si conosce bene da che dipende" ... Sicuramente non da te lurido mentecatto ... Ti mascheri bene agli occhi degli stolti. Ma sei solo uno spudorato parassita mentecatto. Vai via ... Te e la gentaccia egoista e ottusa come te ... Voi che solo avete usurpato, insozzato e deturpato, voi che solo avete mangiato sulla pelle degli onesti e dei lavoratori, voi che solo sapete annichilire la intelligenza che é capacitá di creare valore per se stessi e per gli altri, voi mafiosi che avete distrutto l´Italia con il vostro gretto egoismo e la vostra ferocia di pidocchi, siete ancora in tempo per farlo, con le vostre gambe ... Andate via ... Il vostro lurido Muro mafioso di ottusitá e delinquenza, a distanza di 25 anni da quello di Berlino, sta finalmente franando ... Per il bene del Paese ... Non puó continuare a stare in piedi: é marcio.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Dom, 20/07/2014 - 12:15

Questa è la prova provata dell'enorme differenza tra i Falcone - Borsellino e gli altri.

Armandoestebanquito

Dom, 20/07/2014 - 12:18

Se Napolitano vuole dimostrare di essere degno del posto che occupa e non soltanto a far il turista, intervenga subito e rimuova questo tizio subito. Intervenire cosa? poi vedrai come questi paladini politicizzati abbassano il tono immediatamente

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Dom, 20/07/2014 - 12:21

Scarponi chiodati e calci nei co.......ni ai delinquenti togati.

acam

Dom, 20/07/2014 - 12:22

questo é dimostrazione lampante che non si puo dormire tranquilli che un magistrato potrà sempre alzarsi una mattina e mutare il Corso della storia, vrei ammirato questo tizio se avess portato all'improvviso la testa di matteo Messina denaro su un piatto d'argento davanti al popolo italiano in vece solo critiche di assoluto contenuto retorico e senza senza significati nuovi si vergoni

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 20/07/2014 - 12:23

PSICOSINISTRONZI siate meno patetici! abbiate il pudore di star zitti :-) e questo valga soprattutto per ERSOLA e LUIGITIPISCIO, i quali commentano pateticamente ogni cretinata insensata! e credono di fare gli intelligenti.... credono! solo loro due però! :-)

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 20/07/2014 - 12:27

toh ora questo giornale difende anche la rosy bindi.

silvano45

Dom, 20/07/2014 - 12:28

un magistrato che fa politica in pubblico coprendosi con i privilegi che ormai la casta dei magistrati si è illegittimamente presa la carcerazione preventiva è un obbrobrio giuridico e un palese atto anticostituzionale andrebbe subito denunciato e cacciato dalla magistratura perchè incompatibile con questo ruolo

Armandoestebanquito

Dom, 20/07/2014 - 12:28

ersola tu i un pene attraversato nel tuo minuscolo cerevelo

Triatec

Dom, 20/07/2014 - 12:35

Un fanatico ammalato di protagonismo che critica le amicizie altrui e fraternizza con Massimo Ciancimino. Siamo alla follia.

emulmen

Dom, 20/07/2014 - 12:36

che faccia tosta stò Di Matteo...come disse qualcuno 2000 anni fa si toglie la pagliuzza dagli occhi altrui trascurando la trave nei propri! in stò caso basta leggere che c'era Ciancimino jr, figlio di un boss malavitoso e che perfino la procura di Palermo pochi anni fa ritenne inattendibile, un gran bugiardo! ma questo a Di Matteo non importa, è un altro rosicone che ce l'ha con l'assoluzione di Berlusconi, la sua è un messaggio indiretto a quelli di Milano a cercare qualsiasi cosa per incastrarlo. Dovrebbe vergognarsi, invece di ricordare Borsellino ne approfitta per fare un comizio politico e naturalmente i grillini et similia andranno in brodo di giuggiole!

vincentvalentster

Dom, 20/07/2014 - 12:43

Quanto è necessaria ed urgente la riforma dell'ordinamento giudiziario !!

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 20/07/2014 - 12:47

Anche se ha già ampiamente dimostrato di fare politica, lo attendiamo impegnato al 100% nella lista dei 5stelle eheheheheheh

antonioball73

Dom, 20/07/2014 - 12:49

BOCCI e fatti tradurre italiano da qualche nipotino quello che cerchi di scrivere nella tua incomprensibile lingua!ma li religgi i tuoi post(sempre identici tra l'altro)?non so perche',ma la tua incredibile stupidita' mi irrita,non riesco nemmeno a provare la pieta' che mi suscita quel povero sfigato di MORTIMERMOUSE

nonnoaldo

Dom, 20/07/2014 - 13:00

La sinistra è da sempre maestra nello sfruttamento delle salme. Questa manifestazione ne è la dimostrazione lampante. Borsellino è stato usato come pretesto, come specchietto per le allodole, per permettere ad un aspirante onorevole (minuscolissimo) di tenere un comizio chiaramente ispirato da chi lo comanda. Penosa la sorella di Borsellino che si presta a simili nefandezze.

gian paolo cardelli

Dom, 20/07/2014 - 13:02

I "sinistri" sono talmente dementi da non rendersi conto che parlando di "sentenza politica" danno automaticamente ragione a tutti quelli che lo vanno ripetendo DA VENT'ANNI... come dite, "sinistri"?Quelle di prima erano genuine? E SULLA BASE DI COSA LO AFFERMATE? godiamoci la risposta, se riusciranno a scriverne una...

gian paolo cardelli

Dom, 20/07/2014 - 13:05

Luigipiso, si sorprende molto se le dico che anche lei puo' denunciare la cosa in procura, oppure la sua indole da servo della gleba glielo impedisce?

mares57

Dom, 20/07/2014 - 13:15

Ma può un magistrato dire impunemente queste cose?

Anonimo (non verificato)

acam

Dom, 20/07/2014 - 13:33

vogliamo scommettere che ce lo ritroviamo alle elezioni

vince50_19

Dom, 20/07/2014 - 13:35

E Grillo? Non so, ho la strana sensazione che sbarcherà anche lui in politica quando si creeranno le condizioni.. Alla Ingroia? E beh..

squalotigre

Dom, 20/07/2014 - 13:39

luigipiso - ero già consapevole dei danni della legge Basaglia sulla chiusura dei manicomi e leggendo i suoi post vengo confermato nella mia opinione. Però esiste il Trattamento Sanitario Obbligatorio al quale lei dovrebbe essere sottoposto in modo tale da non poter recare danno a se stesso ed agli altri. Renzi non tratta con Berlusconi, che rimane sempre l'unico statista degno di questo nome in un'Italia in cui fa politica Grillo, ma con Forza Italia che nelle ultime elezioni politiche ha perso solo per 125.000 voti, perdita causata anche dalle vaccate e dalle accuse sul caso Ruby che si sono dimostrate per quello che sono: calunnie perpetrate per via giudiziaria da parte di funzionari dello stato indegni di indossare la toga. Funzionari che dovrebbero rispondere anche di attentato agli organi costituzionali perché con le loro masturbazioni politico-giudiziarie hanno sovvertito la volontà popolare espressa con libero voto.

dare 54

Dom, 20/07/2014 - 14:13

Qualsiasi Magistrato, per esercitare il suo Ufficio, deve in primis vincere un concorso pubblico, quindi entra in una struttura gerarchica che decide chi è il primo e chi l'ultimo della graduatoria, anche nel corso della carriera. Ci sono, come dovunque, capi cui rispondere, intermedi e gregari (non necessariamente burocrati, determinate decisioni dovrebbero essere personali, come la relativa responsabilità). Ed il vertice dalla struttura (Giudiziaria), dovrebbe interfacciarsi, in armonia, con gli altri vertici dello Stato: Legislativo ed Esecutivo. Ma nessuno dovrebbe considerarsi, come diceva Mike Bongiorno, "gipuntato bambino". A meno che, come in teoria si applica ai parlamentari, non sia eletto direttamente dal Popolo. Ergo: se vogliamo l'indipendenza, questa deve derivare da una pubblica elezione (temporanea) a Giudice(come negli States?) e non semplicemente dall'aver vinto un concorso pubblico (permanente)!

t.francesco

Dom, 20/07/2014 - 14:27

ma il signor PM si è chiesto perchè un condannato ha così tanti sostenitori??? Se trovasse la risposta a questa domanda forse capirebbe anche Matteo Renzi e gli sarebbe sufficiente guardarsi attorno nel mondo in cui vive...

giovannibid

Dom, 20/07/2014 - 14:28

Ma questo individuo non dovrebbe occupare il suo tempo 365 giorni all'anno contro la mafia? E allora perché si occupa di politica essendo ancora in servizio presso il dicastero di Grazia e Giustizia? Le sue rimostranze dovrebbe farle con "ATTO D'UFFICIO" attraverso le REGOLAMENTARI SEDI. Forse lui non è a conoscenza degli iter burocratici previsti per i "SERVITORI" dello Stato. MENO CIANCE E PIU' FATTI SIGNORI PM

Ritratto di benita

benita

Dom, 20/07/2014 - 14:58

sono convinta che il sig.mortimermouse è molto più intelligente di quello che vuole far credere.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Dom, 20/07/2014 - 15:19

Manovrato o una sua temeraria iniziativa?

hector51

Dom, 20/07/2014 - 15:39

Questo è uno dei tanti motivi perché la riforma della giustizia venga fatta al più presto. Di PM che fanno politica ne ho piene le tasche. Non hanno ancora capito che la politica non è un campo su cui loro possono confrontarsi e che la giustizia per essere CREDIBILE deve starne ASSOLUTAMENTE fuori. SI LIMITINO AD APPLICARE LA LEGGE. La politica la lascino fare a chi è preposto a farla.

bruna.amorosi

Dom, 20/07/2014 - 15:49

CARO DI MATTEO personalmente io alla magistratura non credo e... non è per BERLUSCONI ma perchè avete dimostratodi giudicare le persone per appartenenza politica non per giustizia vera . che vuol farci bisogna dimastrare di essere integerrimi prima che esserlo . e.. voi non lo siete . peccato avete perso la stima degli ITALIANI ma colpa vostra fu .

Ritratto di il bona

il bona

Dom, 20/07/2014 - 15:56

Uno così dovrebbe sciacquarsi la bocca! Ma facesse davvero la fine di Ingroia, caduto nel dimenticatoio.

tsox.silvio

Dom, 20/07/2014 - 16:17

Benita - Sei troppo ottimista.

Ritratto di benita

benita

Dom, 20/07/2014 - 16:33

la sig. bruna amorosi ha una bella padronanza della grammatica ed espone i fatti in maniera chiara e concisa,probabilmente vista la competenza in materia sarà laureata in giurispudenza.

terzino

Dom, 20/07/2014 - 16:56

Evidente invasione di campo per la quale non riceverà nemmeno un richiamo.Certa gente dovrebbe stare al proprio posto e fare ciò per cui è stipendiata, altrimenti cambi mestiere.

Paolo Fanfani

Dom, 20/07/2014 - 17:07

Il mio modesto "pensiero" (rectius "immediato sentimento"): allorquando si esterna il proprio giudizio durante la celebrazione di "un uomo giusto" (Borsellino, come Falcone, è universalmente riconosciuto tale)con la consapevolezza delle qualità dell'uomo celebrato, sarebbe corretto chiedersi: "quell'uomo giusto avrebbe esternato il pensiero che sto per comunicare?". Se Di Matteo si fosse fatto questa domanda si sarebbe forse astenuto.

Palermitano

Dom, 20/07/2014 - 17:54

GLI ATTACCHI SCOMPOSTI E DENIGRATORI CONTRO DI MATTEO, MI RICORDANO GLI ATTACCHI SCOMPOSTI E DENIGRATORI CONTRO PAOLO BORSELLINO. FIERO DI STARE DALLA PARTE DI DI MATTEO, COME L'ITALIA PERBENE! CHI E' CONTRO DI MATTEO FA (VOLENTE O NOLENTE) IL GIOCO DEL SISTEMA DI POTERE POLITICO-MAFIOSO.

steacanessa

Dom, 20/07/2014 - 17:55

Avanti un altro! É andato, finalmente, in pensione a godersi le immeritate prebende, il procuratore delle indagini farlocche dal ciuffo bianco (Caselli) ed ecco che spunta un nuovo inconcludente e borioso imitatore. Poveri noi.

killkoms

Dom, 20/07/2014 - 18:00

@ersola,la mala non uccide gli utili idioti!

Palermitano

Dom, 20/07/2014 - 18:01

CERTI LETTORI DEL GIORNALE CHE NON SOPPORTANO DI MATTEO INCARNANO ALLA PERFEZIONE QUELLA BORGHESIA CONSERVATRICE CHE ERA INFASTIDITA DAI BORSELLINO, DAI TERRANOVA, DAI COSTA, DAI CHINNICI, DAGLI SCAGLIONE E DAGLI ALTRI MAGISTRATI PERBENE DENIGRATI E IN ALCUNI CASI UCCISI. CERTA BORGHESIA ITALIANA HA INVECE NOSTALGIA DELLA MAGISTRATURA INSABBIATRICE, COLLUSA E CONNIVENTE CON IL POTERE DI TANTI ANNI FA. A CERTA BORGHESIA DA' FASTIDIO LA MAGISTRATURA PERBENE E ONESTA E SCOMODA PERCHE' INDAGA SUL POTERE. INVECE LA MAGISTRATURA DI TANTI ANNI FA (TRANNE UNA LODEVOLI ECCEZIONE RAPPRESENTATA DA UNA MINORANZA DI VISIONARI) ERA IL BRACCIO ARMATO DELLA REPRESSIONE CONTRO I CONTADINI, GLI OPERAI, GLI STUDENTI, MENTRE DALL'ALTRA ERA IL GARANTE DEL SISTEMA DI POTERE POLITICO-MAFIOSO E DEI REATI DEI COLLETTI BIANCHI.

Palermitano

Dom, 20/07/2014 - 18:04

ALLA BORGHESIA CONSERVATRICE PIACE LA MAGISTRATURA FORTE CON I DEBOLI E DEBOLE CON I FORTI. ALLA BORGHESIA CONSERVATRICE PIACE LA MAGISTRATURA INTRANSIGENTE CONTRO STUDENTI, OPERAI, CONTADINI, IMMIGRATI, NO GLOBAL, ULTRAS, COMPAGNI, MANIFESTANTI, CENTRI SOCIALI..... E INDULGENTE, ASSAI INDULGENTE NEI CONFRONTI DI MAFIOSI, POLITICI COLLUSI, CORROTTI, COLLETTI BIANCHI E VIP.

Palermitano

Dom, 20/07/2014 - 18:06

I LETTORI DEL GIORNALE E IN GENERE LA GENTE DI DESTRA DEVE SCIACQUARSI LA BOCCA CON PERLANA PRIMA DI NOMINARE PERSONE CORAGGIOSE CHE RISCHIANO LA VITA COME DI MATTEO, SALVATORE BORSELLINO, INGROIA, SCARPINATO, RITA BORSELLINO... CERTUNI NON SONO DEGNI NEMMENO DI NOMINARE LE INIZIALI! LA GENTE PERBENE STA DALLA PARTE DI DI MATTEO! 10 100 1000 DI MATTEO!

Palermitano

Dom, 20/07/2014 - 18:11

MI IMMEDESIMO NEL GRANDE ANTONIO DI MATTEO. RISCHIA LA VITA PER LA COLLETTIVITA', NON PUO' NEMMENO ANDARE ALLO STADIO DI PALERMO A TIFARE PER IL SUO AMATO PALERMO, NON PUO' ANDARE AL CINEMA, NON PUO' FARSI UNA PASSEGGIATA NELLA SUA BELLA PALERMO, NON PUO' FARE JOGGING A MONDELLO, HA SEMPRE IL CUORE IN GOLA TEMENDO CHE POSSA SUCCEDERE QUALCOSA ALLA SUA FAMIGLIA....EBBENE PENSERA', VADO NEL SITO DEL GIORNALE E MI SONO SOLIDALI. INVECE MI AUGURO CHE IL DOTTOR DI MATTEO NON ENTRI MAI IN QUESTO SITO, PERCHE' AVREBBE CONATI DI VOMITO NEL LEGGERE MESSAGGI CATTIVI E OFFENSIVI, SCRITTI DA GENTE BEN COPERTA DALL'ANONIMATO CHE GODE NELL'ATTACCARE LA GENTE PERBENE E NEL DIFENDERE I CORROTTI E I COLLUSI. PS: SPERO CHE LA REDAZIONE DEL GIORNALE PUBBLICHI IL MIO SFOGO DI PERSONA PERBENE E CIVILE, DOPO AVERE PUBBLICATO MESSAGGI FARNETICANTI CONTRO IL DOTTOR DI MATTEO, EROE MODERNO.

Alessio2012

Dom, 20/07/2014 - 18:37

E per fortuna loro, i PM, non erano schierati politicamente...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di mortimermouse

Anonimo (non verificato)

denteavvelenato

Dom, 20/07/2014 - 19:02

@Palermitano Parole sante le sue

denteavvelenato

Dom, 20/07/2014 - 19:03

@benita Si figuri se ne ha solo una

Iacobellig

Dom, 20/07/2014 - 19:04

i giudici in Italia, avendo dato prova (molti di loro) di non saper lavorare e fare danni sulle spalle dei cittadini, non possono pensare di essere liberi, di fare il bello e cattivo tempo senza pagare le conseguenze dei danni che fanno, come invece accade per gli altri. Ogni sei mesi devono sottoporsi a esami inerenti il loro lavoro e dopo tre sentenze riformate spediti a calci nel sedere a casa! Vedasi caso Boccassini, Bruti Liberati, Woodckoc e altri.

giottin

Dom, 20/07/2014 - 19:07

Se costui facesse il suo lavoro in perfetto anonimato come si conviene, ovunque andasse non sarebbe riconosciuto caro palermitano, mihhhh e la bocca se la sciacqui lei ma con l'acido muriatico!!!!!

giottin

Dom, 20/07/2014 - 19:07

Se costui facesse il suo lavoro in perfetto anonimato come si conviene, ovunque andasse non sarebbe riconosciuto caro palermitano, mihhhh e la bocca se la sciacqui lei ma con l'acido muriatico!!!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 20/07/2014 - 19:27

PSICOSINISTRONZI ma andatevene a casa a vergognarvi! non sapete neanche accettare la situazione! voi vivete in una realtà che non è di questa terra, avete la droga nel cervello e quella vi fa vedere un altra realtà! andatevene a casa! vergognatevi! :-)

giza48

Dom, 20/07/2014 - 21:10

Non conosco questo PM De Matteo se non che lavorava con Ingroia all'Antimafia. Non conosco le sue inchieste quale valore hanno o hanno avuto per combattere la mafia. Come cittadino dico solo che costoro (i PM) con tutto il potere che la Costituzione gli concede tra cui anche l'impunità del loro operato (cosa inammissibile in tutti i paesi civili) non possono essere o sembrare di parte politica, l'antimafia è un servizio dello Stato Italiano non è una corrente politica di estrema sinistra o solo di sinistra. Domandiamoci ora il perchè questo dipendenti statale in ruolo come PM ha la protervia di esporre la sua Verità seminando ulteriore zizzania in questo paese, se non perchè questi PM sono risultati funzionali ai disegni egemonici (chiaramente non democratici anzi un pò golpisti miei cari PCI-PDS-PDini) ma ora vogliono mettersi in propio (vedi Ingroia) per cui sono sfuggiti di mano ai loro mentori del PD. A mio parere dovrebbero farlo dimettere dalla magistratura uno così che non garantisce imparzialità, ma non potrà accadere, troppo potere hanno accumulato e molti compagni di merende hanno coinvolto, desiderosi di potere. Solo con la riforma della giustizia voluta da Berlusca e non attuata (la grande operazione di Napolitano con Fini ne è l'origine)ora all'esame del povero PCM Renzino potrà sanare questa abnorme porcheria dei PM. E' proprio la legge del contrappasso. I nodi dell'antiberlusconismo puro e duro, miei cari PCI-PDini, fatto non per l'nteresse del paese, ma di parte, per prendere il potere, stanno venendo al pettine. Sarà veramente da ridere (ma la situazione del paese è tragica) nel vedere questi buffoni senza dignità votare le riforme che avevano demonizzato.

ulanbator10

Dom, 20/07/2014 - 22:36

Qualcuno dica a questo pezzo di merda che Renzi sta cercando di fare le riforme col rappresentante di un Partito che ha 10.000.000 di voti e che e' stato condannato da esseri spregevoli quanto un De Matteo, che da 23 anni hanno cercato di incastrarlo in tutte le maniere.

Ritratto di MelPas

MelPas

Dom, 20/07/2014 - 23:46

Il pm Di Matteo attacca Renzi, Napolitano e Berlusconi. Non posso capire Di Matteo per le esternazioni demenziali sul presidente della Repubblica italiana, su Renzi e soprattutto contro Silvio Berlusconi, forse pregava che il Cavaliere fosse condannato all'ergastolo ?? Sig. Di Matteo faccia il giudice con serietà e lasci l'ideologia politica di sinistra, farebbe un figurone. MelPas.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Lun, 21/07/2014 - 07:35

Pensavamo che dopo la penosa uscita di scena di Ingroia, ci fossimo liberati per sempre della presenza di certi squallidi magistrati, il cui operato è stato a posteriori giudicato ributtante anche da coloro che inizialmente lo avevano osannato. E invece eccone un altro: anche questo, come il predecessore, un martire della giustizia (sic!), un coraggioso salvatore della Patria (!!!) pronto a sacrificare la sua vita in silenzio, lontano dalla luce dei riflettori e dalla ribalta. Ed anche questo a braccetto con quel mitomane di Salvatore Borsellino, che per nulla somiglia a suo fratello Paolo, grande servitore dello Stato. Potrei sbagliarmi, ma ho l’impressione che il nome di Di Matteo lo leggeremo tra i candidati alle prossime elezioni

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 21/07/2014 - 07:58

Questo "di matteo",si deve cucire la bocca e aprirla solamente quando sta lavorando. La materia, MAGISTRATI e MAFIA è una cosa simile, PERCHÈ nella MAGISTRATURA, CI SONO MOLTI MAFIOSI, che aprofittano della loro carica, favorendo criminali e corrompendo colleghi e politici.

L'ercole

Dom, 31/08/2014 - 18:29

IO non posso tollerare che si dicano determinate cose su un uomo che ha deciso di dedicare la sua vita allo Stato. Questo uomo, tale dottor Antonino di Matteo, è un magistrato e come tale fa il suo lavoro. Forse gli italiani come voi hanno poca memoria: non ci ha insegnato nulla la storia di denigrazione e isolamento anche mediatico di cui sono stati oggetto ben ventidue anni fa uomini come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino? Stiamo vivendo la stessa situazione con questo magistrato che fà il proprio dovere. Giovanni e Paolo morirono per lo stesso motivo per cui Di Matteo viene minacciato di morte non solo da Totò Riina, ma anche da pezzi grossi della politica italiana. Il fatto che parli di Napolitano, di Renzi, di Berlusconi probabilmente è dovuto al fatto che tali uomini paradossalmente rientrano nelle sue competenze! Sono collusi, la Seconda Repubblica non è nient'altro che l'esecuzione del Papello che Riina consegnò, all'indomani di Capaci, allo Stato italiano per tramite di Vito Ciancimino. Bisogna guardare agli eventi della recente storia italiana con obbiettività, e comprendere che chi sventola il rispetto delle competenze politiche da parte della magistratura è in realtà interessato a erigere un muro di difesa contro la legalità e la giustizia che oggi hanno il nome di Di Matteo, ieri di Falcone e Borsellino e domani di qualcun altro. Riflettete e Vergognatevi