Renzi, comizio illegale: "Non è un test su di me". Fi: "Intervenga il Colle"

Il premier a Trento: "Ottimista". Polemica per la rottura del silenzio elettorale

Roma - Se il presidente del Consiglio in carica, approfitta di un Festival dell'economia per dire, a 24 ore dal voto, che si sente «ottimista come sempre», non si può dire abbia fatto apertamente campagna elettorale, violando così la regola del silenzio della vigilia. Si può però sottolineare che quel suo «ottimismo» non può non essere visto come un indiretto messaggio «elettorale». D'altronde qualsiasi cosa avesse detto in pubblico a meno di 24 ore dalla apertura dei seggi elettorali, Matteo Renzi avrebbe corso il rischio di essere «censurato». L'ex sindaco di Firenze, però, non ha sentito ragioni e così ha mantenuto fede al programma che lo voleva ieri ospite del Festival dell'economia di Trento. Renzi ha prima pranzato con il premier francese Manuel Valls. Poi i due sono andati al festival insieme per un confronto moderato da Lilli Gruber. È ovvio che non si doveva parlare di elezioni, ma alla fine Renzi ha risposto a una domanda sul voto: «No. Sono tranquillo. Non è un esame per il governo. Le elezioni regionali sono un'altra cosa». Quasi a smarcarsi dall'insidiosa trappola.

Salvo poi infilare tutta una serie di slogan perfetti che possono rinfocolare gli animi di tutti quei dubbiosi che oggi andranno a votare. Per Renzi, l'ultimo anno è servito a cambiare il clima, ma non basta: «Noi in Europa, nei prossimi mesi, faremo casino», minaccia. «L'idea che la politica europea sia basata ancora su austerity e rigore è inaccettabile». Per essere sicuro di addolcire lo scetticismo della sinistra meno renziana, il premier usa parole suadenti per delinerare il suo di riformismo («Dare al riformismo la la capacità di attrarre i sogni è sfida meravigliosa») e la sua sinistra («Per me la sinistra non è quella che fa convegni, ma quella che riduce le diseguaglianze, mettendo tutti nelle stesse condizioni di partenza»).

Vista la presenza del collega francese, il tema principe resta l'Europa. Ma anche lì le frecciate alla politica nostrana ci sono. «Non dimentichiamoci che Berlusconi è stato al governo più di Andreotti e De Gasperi. Nel 2003 Germania e Francia avevano chiesto di sforare il 3% e l'Italia l'aveva consentito, come presidenza di turno». Poi sistema anche Salvini: «Un anno fa i partiti populisti, come Grillo e Lega, avevano nel simbolo la scritta “No euro”. Adesso, ma non parlo di queste elezioni, il candidato presidente di una regione che inizia per “V” e finisce con “eneto”, non più».

Insomma la misura è colma almeno per i paladini delle regole. Da Renato Brunetta a Pippo Civati, passando per il Movimento 5 Stelle, tutti censurano Renzi. La Lega parla di «silenzio truffa», Civati (ex Pd) parla di un premier che se ne «frega altamente delle regole e del buon gusto». «La schizofrenia di Renzi - avverte una nota di Forza Italia -, che invoca la moralità e la tradisce mentre la proclama, non può arrivare al punto di simile sfregio che impone il richiamo alla legalità repubblicana del capo dello Stato». Ai 5 Stelle l'Oscar della risolutezza. Il deputato Riccardo Fraccaro ha annunciato un esposto in Procura. «Non basta aver tappezzato Trento con l'immagine del segretario Pd, in occasione del Festival. Renzi rompe il silenzio elettorale con una vera propaganda di regime».

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 31/05/2015 - 09:15

"Non è un test su di me". Questo lo staremo a vedere! E poi, qualcuno spieghi a questo insolente "teppistello" il significato della frase "Excusatio non petiya, Accusatio manifesta". Anche se Lui. visto che parla le lingue, dovrebbe saperlo.

quapropter

Dom, 31/05/2015 - 09:21

"Renzi ha rotto": sarebbe un titolo perfetto. Ma ragionando su l'intero titolo "... il silenzio elettorale", bisogna dire che essendo Renzi di sinistra, allora tutto è permesso, in romanesco: "se pò fà! Quanto poi a Mattarella, lasciatelo dormire. Volete che disturbi il conDUCEnte Renzi? Sarebbe tradire i patti!!

Tarantasio.1111

Dom, 31/05/2015 - 10:13

Un uomo come lui è sempre tranquillo...eletto segretario del PD con i voti dei Rom, extracomunitari che quei seggi lasciano passare tranquillamente, e, comunisti che per un panino, una coca-cola e 10 euro votavano più volte...dopo di che, lui e re Giorgio, esattamente come Fidel Castro...con un golpe si è messo a capo del governo italiano senza che i cittadini,( quelli che pagano le tasse) lo eleggessero...va cacciato. E basta.

terzino

Dom, 31/05/2015 - 10:26

Il pifferaio magico come al solito se ne infischia delle leggi e delle sentenze, lui è lui e gli altri non sono un c...o. Formalmente su una cosa ha ragione, non è un test su di lui per il semplice motivo che non è stato mai eletto, il solo 2.5% del totale degli elettori italiani lo ha votato alle primarie del PD e poi si arroga il diritto di fare quello che gli pare. Dimentica però che alle Europee, in cui raccolse il 40.8% dei voti, grazie agli 80 euro di mancia,esultò perchè lui aveva dato una svolta all'Italia. Così come nel caso pensioni, lui non c'era, ma c'erano i suoi compagni di partito e se ne è fottuto della sentenza della consulta. Da buon prestigiatore fa apparire e scomparire quello che gli fa comodo e quello che gli va di traverso. Solo fumo, una cura di fosforo non farebbe male.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Dom, 31/05/2015 - 10:30

Ma chi se ne importa! Lasciamolo fare, più parla più perde. Il Cav., trionfante, sta già tratteggiando e definendo il futuro dell'Italia liberata, il Suo storico annuncio del Partito Repubblicano ne è la dimostrazione. Oggi liberiamo dal comunismo le regioni, domani liberiamo l'Italia e poi l'Europa. Solo il più grande statista di tutti i tempi può concepire e realizzare un progetto di questa portata epocale.

Ritratto di fluciano

fluciano

Dom, 31/05/2015 - 10:36

Chissà perchè mi ero convinto che l'elezione a Capo di Stato di Mattarella avrebbe, in qualche modo, cambiato un po l'aria (sarebbe meglio dire la puzza) sull'Italia. Mi sono sbagliato; evidentemente la previsione fatta anni fa sul napoletano era più giusta! Caschi il modo ma con le buone o con le cattive dobbiamo sorbirci i rossi e i suoi adepti. E così che Mattarella, non mi sento di chiamarlo Presidente, chiude gli occhi su tutto quello che fa il bu.... di Firenze. Stravolgere la Costituzione? Cambiare le commissioni in corsa? Parlare di elezioni durante il periodo di silenzio? Ma chi se ne frega. Tanto a rimetterci son sempre quelli: poveri e pensionati (escludendo quelli che le pensioni le hanno d'oro e di platino). Ma basta! Non se ne può più. Continuando di questo passo dovremmo farci, per poter vivere, tutti la tessera del PCI, perchè de democratico il PD non ha nulla.

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Dom, 31/05/2015 - 10:45

Abbiamo un Presidente della Repubblica?

ritardo53

Dom, 31/05/2015 - 11:31

Io propongo la morte di tutti i comunisti che si sono succeduti sino ad arrivare a Mattarella.

buri

Dom, 31/05/2015 - 11:37

quel bulletto arrogante ritiene che tutto gli sia permesso, anche non rispettare le leggi vigenti, l'avesse fatto un altro sarebbe già indagato e passerebbe un sacco di guai, ma non il piccolo duce, lui fa e disfa tranquillamente, se ne frega delle sentenze dei tribunali, delle leggi in vigore e tira diritto verso il partito unico, il sindacato unico, e tante altre belle cose già viste in passato, con una grande differenza, almeno quello di una volta era rispettato all'estero, mentre il nostro se lo sogna

Ritratto di illuso

illuso

Dom, 31/05/2015 - 11:48

FI: "intervenga il colle". Ci mancherebbe pure questa.

pinux3

Dom, 31/05/2015 - 11:55

Se c'è qualcuno che non dovrebbe parlare è proprio FI...Già dimenticato quando Berlusconi faceva propaganda DAVANTI AL SEGGIO IL GIORNO STESSO DELLE ELEZIONI?

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 31/05/2015 - 12:05

Arrogante ed usurpatore. BUFFONE, VAI A CASA TU E TUTTI I KOMUNISTI TRINARICIUTI CHE TI CIRCONDANO.

agosvac

Dom, 31/05/2015 - 12:19

Ma che comico questo renzi, quasi più comico di quanto sia mai stato grillo. Dice " per me la sinistra non è quella che fa convegni, ma quella che riduce le disuguaglianze mettendo tutti nelle stesse condizioni di partenza" in parole povere riducendo tutti alla fame togliendo a quei pochi che hanno qualcosa senza , però, darla a quelli che non hanno niente, infatti il debito pubblico aumenta sempre di più pur aumentando le tasse sempre di più. Dove vanno a finire tutti questi soldini??? ovvio, nel pagare vitalizi e nel foraggiare una Pubblica Amministrazione che serve solo a dare voti al PD!!!!!

Triatec

Dom, 31/05/2015 - 12:24

roberta martini @ Si un Presidente della Repubblica l'abbiamo ed stato Renzi a volere esattamente quel presidente. Ci sarà un motivo?

agosvac

Dom, 31/05/2015 - 12:25

Egregia roberta martini, lei chiede: abbiamo un Presidente della Repubblica? Eccome se l'abbiamo, abbiamo un Presidente che è sempre stato un democristiano, però di sinistra, eletto da un Capo di Governo che era ed è un democristiano ma di sinistra come lui!!!!! Come dice il vecchio detto: Dio li fa e poi li accoppia!!!!!

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Dom, 31/05/2015 - 12:26

Repubblica delle banane rosse!! Democratici progressisti? SIC!! Pagliacci acccertati, di una stupidità allamante! Hanno creato una società alla deriva ed è solo questione di tempo che le varie boole scoppiano!! Non ce da aspettare molto!

Anonimo (non verificato)

Triatec

Dom, 31/05/2015 - 12:41

Renzi: "Non è un test su di me" Il bomba si sbaglia. Io, dopo tanti anni torno a votare unicamente per esprimere tutta la mia rabbia contro questa persona arrogante, che cerca di raggirare anche le sentenze della Corte Costituzionale. Il primo e unico caso in Italia!!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 31/05/2015 - 14:38

Sono due settimane che va in giro facendo propaganda elettorale per i suoi candidati, compresi quelli dichiarati "impresentabili" da Bindi, però tali su conforme “giudizio” della magistratura e della commissione parlamentare antimafia. Ora vuole giustificare la sua entrata in campo, in violazione alla legge, dicendo che “Non è un test su di me”. Non ci resta che ridere, dato che abbiamo già pianto abbastanza. Del resto un comico del genere non lo avevamo mai visto.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 31/05/2015 - 14:41

Sono due settimane che va in giro facendo propaganda elettorale per i suoi candidati, compresi quelli dichiarati "impresentabili" da Bindi, però tali su conforme “giudizio” della magistratura e della commissione parlamentare antimafia. Ora vuole giustificare la sua entrata in campo, in violazione alla legge, dicendo che “"Non è un test su di me"”. Non ci resta che ridere, dato che abbiamo già pianto abbastanza. Del resto un comico del genere non lo avevamo mai visto.

swiller

Dom, 31/05/2015 - 19:37

Ma che pezzo di somaro.