Prescrizione e intercettazioni: Renzi tratta con i magistrati

Dopo le inchieste sul Pd e lo scontro con le toghe il premier accontenta le procure: il ddl che allunga i tempi dei processi e le regole sulle conversazioni spiate subito al Senato con la riforma del processo penale

Matteo Renzi ha bisogno di riguadagnare la popolarità persa dopo l'inchiesta di Potenza e quella in Campania che svela un Pd legato alla camorra. E deve ricucire lo strappo con la magistratura, per lo scontro con il presidente dell'Anm Piercamillo Davigo sui politici corrotti che continuano a rubare peggio che ai tempi di Mani Pulite.

Un'accelerazione in Parlamento alla riforma che interessa la prescrizione, abbinandola a quella delle intercettazioni, ha pensato, è il segnale giusto da dare all'opinione pubblica e alle toghe. Davigo, Cantone, Pignatone, Gratteri e gli altri insistono sulla «morte del processo» troppo breve? Superando le resistenze di Ncd, l'allungamento dei tempi sarà fatto e per i reati di corruzione più degli altri, ma i magistrati dovranno ingoiare regole nuove per l'ascolto delle conversazioni, certo lasciando a loro discrezionalità nel distinguere tra materiale rilevante e non, mettendo freni soprattutto alla pubblicazione sulla stampa.

L'obiettivo potrebbe essere raggiunto addirittura prima delle elezioni amministrative di giugno, sarebbe un bello spot elettorale, anche se il Guardasigilli Andrea Orlando ha annunciato «entro l'estate» la legge sulla prescrizione.

Così, arriva l'ordine di trovare la quadra con Ncd per inserire nella riforma del codice penale, dove c'è un emendamento sulle intercettazioni, anche il capitolo sulla prescrizione, che faceva parte di un altro disegno di legge. Il testo è all'esame della commissione Giustizia del Senato, i centristi della maggioranza che finora hanno frenato sulla prescrizione, accettano l'abbinamento in una riunione di maggioranza. D'altronde, i dem sanno bene che con centrodestra e grillini contrari e Ala di Verdini che fa i capricci, soprattutto a Palazzo Madama i voti di Ncd servono eccome.

Qualche compromesso è messo in conto. Intanto, però, il premier vuole dare urgentemente l'annuncio che il suo governo combatte la corruzione e aiuta i magistrati ad indagare e a fare i processi.

Il disegno è chiaro nelle parole del responsabile Giustizia del Pd, David Ermini. Si parte, spiega, dalla proposta di legge approvata alla Camera che prevede «tre anni di allungamento delle prescrizioni per tutti i tipi di reati per il meccanismo delle sospensioni, e degli aumenti molto alti per i reati di corruzione e reati satelliti, che addirittura portano la prescrizione per la corruzione a 21 anni e 9 mesi, cioè sostanzialmente la corruzione diventa un reato di fatto imprescrittibile». Questo, perché la corruzione spesso non si scopre subito, ma negli anni successivi. «Al Senato ci sarà un accordo- sottolinea- non è detto che sia questo ma ci sarà».

Che il testo sarà ritoccato al ribasso su pressione di Ncd è già previsto, sembra anzi che «il giusto equilibrio » di cui parla Renato Schifani, possa essere 19 anni per la corruzione, dai 12 attuali. I centristi sarebbero d'accordo e avrebbero ottenuto una modifica al testo della Camera sulle fasi del processo: un anno per la sentenza d'appello e 2 per quella in Cassazione, per dare più tempo al terzo grado di giudizio e non al secondo.

I relatori del ddl sul codice di procedura penale, Giuseppe Cucca e Felice Casson del Pd, propongono in commissione l'abbinamento della prescrizione e oggi si voterà. «Siamo ragionevolmente ottimisti», dice il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Ma anche sulle intercettazioni il percorso è delicato. Per Davigo e i procuratori delle maggiori città, in audizione al Senato, la legge non serve e il M5S li appoggia. Armando Spataro, della procura di Torino avverte: «La delega è troppo generica. La rilevanza penale delle intercettazioni non può che essere rilevata dai giudici, non può essere disciplinata per legge».

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Gio, 28/04/2016 - 09:37

Questo CORROTTO Premier E IL SUO MAESTRO Napolitano, DEVONO ESSERE IMPRIGIONATI PER CORRUZIONE E TRADIMENTO DELLA PATRIA!!!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 28/04/2016 - 09:48

Mutande sporche?? é pur vero che a pensar male si fa peccato ma.... diceva il buonanima di Andreotti.....

Beaufou

Gio, 28/04/2016 - 10:11

Trattare coi magistrati a Renzi sembrerà una buona tattica. Ma così rischia di alienarsi anche quelle poche simpatie popolari che gli sono rimaste. Per me, uno scontro a muso duro e senza esclusione di colpi con la magistratura, su questioni veramente vitali, gli avrebbe permesso di recuperare molto favore popolare, probabilmente più di quello perso, e di mettersi definitivamente al riparo da continui condizionamenti e ricatti dei giudici: ma si vede che non se la sente. Peccato per lui: perderà su tutt'e due i fronti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 28/04/2016 - 10:35

#Beaufou- 10:11 Un post come il tuo merita di essere premiato. Con un ventennio di PD.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 28/04/2016 - 10:37

Beh, in questa foto c'è proprio l'Anima di Silvio Berlusconi quando implorò il Cielo con lo sguardo supplice alla Francisco de ZURBARAN oppure La Passione di Cristo di VELAZQUEZ. Anche quella volta il nemico horribilis era la magistratura. --- Presidente Renzi la prego di escludere nomine a via Arenula per quei magistrati che dissentono sull'intervista a Salvo Riina di Bruno Vespa. Libero Pensiero in Libero Stato. Oltre al fatto che tale dissenso apre la stura a gravissime altre violazioni deontologiche. riproduzione riservata- 10,37 - 28.4.2016

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 28/04/2016 - 10:40

"conversazioni spiate"? Aggettivazione sospetta anche per un garantista. Atteso i tempi che corrono, le spiate sono ancora poche....

Rossana Rossi

Gio, 28/04/2016 - 10:48

'Sto buffone usurpatore incapace e pasticcione prima va a casa e meglio sarà per tutti..........

unosolo

Gio, 28/04/2016 - 10:50

una ondata di corrotti arrivati al governo o lo appoggiano sperando nella immunità o prescrizione , mai un PCM barattò con tutti il suo galleggiamento , come mai questa volta si persevera a segretare chiunque del PD capiti nella lista dei cattivi ? il baratto , un sistema usato in Firenze ora portato a ROMA . di conseguenza in tutta la Nazione , quante cose strane passano senza indagini o accertamenti , un esempio lampante le 4 banche e i CDA delle stesse ovviamente.

Beaufou

Gio, 28/04/2016 - 10:57

Memphis 35: un ventennio PD l'abbiamo testé trascorso, e anche più, direi, ingenuo Memphis... Sì, si sono succeduti governi di altro colore, ma il PD ha sempre manovrato magistratura, scuola, sindacati e piazze, impedendo ai governi di fare quel che dovevano. Apra gli occhi, o quanto meno non faccia commenti a sproposito.

vince50_19

Gio, 28/04/2016 - 11:18

Ma va? Prima dice "che paura" .. poi, compreso l'andazzo, si adegua (alias "calamento" le braghe). Non c'è limite alla falsità di comportamenti di questo "signore". Tenere sotto schiaffo una persona qualsiasi fino a quasi DUE DECENNI e poi alla fine potrebbe anche risultare innocente? Chi pagano se non i cittadini stessi alla fin fine? E responsabilità penale per i magistrati no?Schifo su schifo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 28/04/2016 - 11:20

#Beaufou Ma allora mi spiega perchè, nel suo furore anti magistratura, sta facendo un tifo sfegatato per Renzi? O forse è uno di quelli disposto a tagliarsi gli attibuti per far dispetto alla moglie? Apra gli occhi Lei.

nonnoaldo

Gio, 28/04/2016 - 14:01

Dopo aver indagato uno stuolo di esponenti PD, come avvertimento, le truppe cammellate in ermellino hanno fatto capire al cacciaballe che anche per lui era pronto un trattamento col metodo Berlusconi. Il ragazzo ha capito al volo e si è adeguato.