Profughi, Minniti taglia i tempi: "Troppi due anni per lo status"

Il ministro pensa all'accelerata: «Territori sotto stress» A Milano senza identificazione nei centri solo una notte

Tra cittadini di nazionalità italiana e stranieri che hanno avuto la residenza italiana o che in Italia hanno comunque vissuto, sono in tutto 110 i foreign fighter al momento attivi tra le file degli jiahdisti. È questo, forse, il dato più significativo di una ricerca appena pubblicata sul portale dell'intelligence italiana www.sicurezzanazionale.gov.it. La ricerca poi sottolinea altri aspetti della lotta contro il terrorismo islamico dentro i nostri confini nazionali. Sono infatti 1.200 i siti internet considerati «di interesse» dai nostri esperti e quindi monitorati con regolarità. Trecento gli individui «attenzionati», di cui almeno un terzo presenta, secondo quanto si legge nella nota apparsa sul portale della sicurezza nazionale, «un profilo estremamente complesso e problematico».

Lo studio poi ricorda che sono stati espulsi dal nostro Paese 140 «possibili jihadisti» per «motivi di ordine e sicurezza pubblica» negli ultimi due anni. L'unica nota positiva riguarda il confronto con gli altri Paesi europei. Il fenomeno dei foreign fighter, si legge nel rapporto, «ha avuto finora un impatto minore sulla nostra società, specialmente se confrontato con le stime ufficiali di altri paesi dell'Europa occidentale. In passato, l'Italia è stata utilizzata dal movimento jihadista mondiale principalmente come base logistica e la composizione della rete dei mujaheddin italiani è sempre stata fluida e variegata. Si tratta di individui che hanno raramente rivestito ruoli di rilievo nei network transnazionali, specie se confrontati con reti simili in Gran Bretagna o in Francia».

Dallo studio, effettuato su un campione di 55 foreign fighter sui 110 ufficialmente inseriti nell'elenco emerge chiaramente la consapevolezza che il loro inquadramento nelle file del terrorismo internazionale avviene quando ancora sono giovanissimi e quindi senza sufficienti strumenti per «decostruire la propaganda jihadista». «Tra questi, 44 utilizzano agevolmente le nuove tecnologie informatiche, i social network e la comunicazione digitale (80%). Nove di loro possono essere considerati dei veri esperti (16,3%), confermando così la natura dell'ultima generazione jihadista transnazionale, iperconnessa, e radicalizzata in particolare attraverso il web». Un certo rilievo viene riservato poi alla «seconda generazione di immigrati musulmani»; 28 delle persone esaminate sono figli di musulmani emigrati nel nostro Paese.

Sul tema della sicurezza nazionale, è intervenuto poi anche il ministro degli Interni Marco Minniti. Parlando a Rimini, all'assemblea degli amministratori locali del Pd, ha lanciato alcune proposte: da un lato ridurre drasticamente i tempi per l'accertamento dello status di rifugiati presenti nel nostro territorio («Due anni sono troppi») e poi la necessità di stabilire una fattiva collaborazione tra le forze impegnate nella lotta al terrorismo di matrice islamica («la battaglia contro una Stato islamico si può vincere solo con un'alleanza tra Occidente e mondo arabo»). «I tempi lunghi per la valutazione dello status di rifugiato - spiega - creano uno stress nei territori che ospitano i centri di accoglienza e io non posso lasciare soli i sindaci in questo». Minniti ha quindi lanciato un appello al Pd: «Non lasciamo la parola sicurezza agli altri».

Intanto a oltre tre anni dall'inizio dell'emergenza profughi, il «modello Milano» dell'accoglienza sta per essere aggiornato. Senza identificazione, l'ospitalità sarà ridotta a una sola notte. L'obiettivo è eliminare la «zona grigia»: migranti che circolano in città, ospitati nei centri della rete del Comune e Terzo settore, ma privi di un'identificazione ufficiale. Rimodulare l'hub di via Sammartini dietro la Stazione Centrale fa seguito a una richiesta che viene dalla Fondazione Arca, la onlus che lo gestisce e che ha chiesto a Prefettura e Comune di intervenire.

Commenti

il corsaro nero

Lun, 30/01/2017 - 08:35

Peccato che non abbia accennato a quello che succederà a coloro che non verranno riconosciuti rifugiati (e sono la maggioranza!)

moshe

Lun, 30/01/2017 - 08:46

gentaglia come lui mina la nostra nazione!

baronemanfredri...

Lun, 30/01/2017 - 08:47

MINNITI I GUAI PER L'ITALIA SONO NATI DOPO CHE COSSIGA SI E' DIMESSO, INIZIANDO CON TUTTI I MINISTRI COMUNISTI E CATTOCOMUNISTI. SIETE VOI VOLONTARIAMENTE CON LA VOSTRA POLITICA CHE AVETE DISTRUTTO QUESTO MINISTERO. ANALIZZIAMO I MINISTRI E VEDIAMO CHE AVETE DISTRUTTO TUTTO

i-taglianibravagente

Lun, 30/01/2017 - 09:09

Lo dice il PD Minniti quando i buoi sono gia' scappati...e giu' genuflessioni e lodi e attestati di plauso al buon senso. Lo diceva Salvini e pochissimi altri a tempo debito...ed era fascismo, razzismo, intolleranza, neo-nazismo, populismo ecc.ecc. .... in che tempi viviamo... da qui si evince che i SINISTRI o sono in malafede o hanno problemi di ritardo mentale e cognitivo oltre che una scarsissima memoria a breve termine. Puo' pure essere che siano entrambe le cose...

ectario

Lun, 30/01/2017 - 10:07

Bravuomo, ma comunista: tutta fuffa!

maurizio50

Lun, 30/01/2017 - 10:16

Delle due l'una: o raccontavano balle quando il Ministro era l'indefinibile Alfano - sostenendo che non erano in grado di accelerare i tempi di identificazione dei presunti profughi-; oppure raccontano balle oggi dicendo di voler sveltire la procedura. In ogni caso è la dimostrazione della perfetta mala fede utilizzata dai sedicenti democratici nella gestione del problema dell'invasione africana. A buon intenditor....!!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 30/01/2017 - 10:26

Ma le necessità degli italiani è questa????? NO. Però al PD servono elettori.

venco

Lun, 30/01/2017 - 10:40

Minniti sappia chi i profughi che sbarcano senza documenti sono finti profughi, sono invasori, dichiarano quel che gli fa comodo.

vinvince

Lun, 30/01/2017 - 10:45

Ci mancava solo Nosferatus ,,, !!!

Ma.at

Lun, 30/01/2017 - 11:03

Infatti devono essere cacciati subito!

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Lun, 30/01/2017 - 11:30

Minniti è sempre stato un Kompagno lucido e ha capito che gli italiani non ne possono più dei furbetti che lucrano sul business dei migranti. D'altronde fare meglio di Alfano non è molto difficile... Sarà un vero duro? Vedremo. Evidentemente fida sulla pelata per non essere accusato di trumpismo. Certo, se va avanti così, la Boldrini gli organizzerà comunque una marcia contro...

Marcello.508

Lun, 30/01/2017 - 11:30

Minniti, meno chiacchiere e più fatti, altrimenti mi viene da pensare che le sue sono promesse ante elezioni. La gente, stia pur sereno, non ci casca perché guarda ai risultati complessivi. La maggior parte sono migranti economici che vanno rispediti al "mittente". Poi spiegherà come farà a rimandarli indietro se non ci sono accordi con gli stati da cui provengono, ché mi viene proprio da ridere. E non sono poche migliaia quelli che vanno rimandati indietro, sono decine e decine di migliaia!

Epietro

Lun, 30/01/2017 - 11:42

Ma il taglio dei tempi a cosa serve? A far concorrenza agli italiani disoccupati, a ottenere più in fretta i benefici che lo status comporta comprese abitazioni pubbliche, oppure a accelerare la pratica di "avvicinamento" al voto per il PD? Questo il ministro non lo spiega!

steacanessa

Lun, 30/01/2017 - 11:42

Bla bla bla. A quando provvedimenti concreti? Altro sinistro di merenda che blatera a ruota libera e non agisce perché ne vanno di mezzo le palanche alle "cooperative" .

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 30/01/2017 - 11:47

Questo ha scoperto lo stress del territorio. Che mente copernicana! Subito il Nobel! Peccato che in questa condizione i territori siano stati ridotti proprio dai suoi kompagni.

VittorioMar

Lun, 30/01/2017 - 11:47

...sono tutti "GIOVANI E FORTI" non servono tribunali per "CAPIRE" che non hanno "DIRITTO D'ASILO !! ..SE SONO ARRIVATI DANOI "HANNO PAGATO" QUINDI "NON SONO POVERI MA ABBIENTI"!!!..SONO GLI ITALIANI IN CONDIZIONI "DISASTRATE"....PROVATE A FARCI VOTARE E VE NE ACCORGERETE!!!!!

gustinet

Lun, 30/01/2017 - 12:09

Il Duce diceva "armiamoci e voi partite" ... e ancora oggi i nostri governanti ci dicono "accogliamoli e voi pagate". Purtroppo questi nostri incoscienti governanti non si limitano ad accoglierli, ma vanno anche a prenderli sulle spiagge della Libia, e oltre al danno ci sbeffeggiano!

Una-mattina-mi-...

Lun, 30/01/2017 - 12:16

CHI NON HA DOCUMENTI DEVE ESSERE RESPINTO E NON DEVE ESSERE PERMESSO DI AUTOCERTIFICARSI, CHI NON LAVORA DEVE ESSERE RINVIATO AL PAESELLO E NON MANTENUTO PER ANNI AD UFO

paolonardi

Lun, 30/01/2017 - 12:23

Sono troppi anche 10 secondi sul suolo italiano. L'unico tempo del grnere che dovrebbe essere consentito e' quello trascordo su navi italiane nel percorso di ritorno alle coste libiche.

MOSTARDELLIS

Lun, 30/01/2017 - 12:31

E' incredibile come il PD debba decidere sulle sorti dell'Italia e soprattutto sulla nostra sicurezza. Ma chi siete? Ma chi vi ha dato la delega per decidere su un argomento cosi importante? Voi avete una visione pazzesca sull'accoglienza e sul terrorismo. Siete degli incapaci e lo state dimostrando da anni. Non vi è bastato il risultato del referendum?

giovanni235

Lun, 30/01/2017 - 12:31

Povero Minniti!!!Come al solito questi cosidetti governanti non mettono mai in conto gli sgambetti della magistratura.Se dovesse chiedere ai giudici di svegliarsi e darsi da fare sarebbe subito accusato di attentato all'indipendenza della magistratura.Quindi è inutile fare il bauscia in televisione,non cambierà niente.

VittorioMar

Lun, 30/01/2017 - 12:37

....MINNITI: PREMIER SUBITO !!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 30/01/2017 - 12:50

Ma pensa te! Noi lo diciamo da anni che questo sistema non funziona... e adesso ci è arrivato anche lui! Ma certo, lui sta giocando al poliziotto buono vs. poliziotto cattivo, sicuro che tanto non cambierà niente. Ma intanto ci fa la bella figura di fronte ai cerduloni. Basterebbe eliminare il diritto al ricorso in caso di non-riconoscimento del diritto di asilo: una legge che si poterbbe varare in pochi minuti e rendere operativa in pochi giorni, ma che loro per primi non vogliono.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 30/01/2017 - 13:17

D'accordo Minniti. però sei tanti anni nel partito, perchè non l'hai detto prima ai tuoi capi? Li avevi lasciati fare, non ti ho mai sentito dissentire. Strano.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 30/01/2017 - 13:27

L'hanno fatta LORO la Turko/Napolitano che prevede il RICORSO fino al terzo grado di giudizio, per il richiedente asilo RESPINTO, ed ora pensano di farci credere che faranno qualcosa, mentre invece è SOLO PROPAGANDA!!!!

colomparo

Lun, 30/01/2017 - 13:49

Quelli non riconosciuti rifugiati sono la stragrande maggioranza...oramai lo sanno tutti. Ci vuole rigore e realismo oltre a una visione di lungo termine per poter gestire questi giganteschi flussi migratori completamente fuori controllo !!

ziobeppe1951

Lun, 30/01/2017 - 14:22

Caro Nando..come dicono a Napoli ..'cca nisciuno è fesso! Il tomo sente odore di elezioni..un saluto

luciano32

Lun, 30/01/2017 - 14:22

Egregio On. Minniti ministri degli interni. A Prato ridente (prima) cittadina toscana sempre governata da democratici ogni 8000 crimini in giudizio ce ne sono 4000 e più di stranieri clandestini o migranti come li chiama lei. Ci sono aNCHE 25MILA (VENTICINQUEMILA ) clandstini (sono tutte stime della magistratura) oltre a quantita enormi di cinesi e magrebini africani romeni etc etc E ora ci vorrebbe un Trump anche quà caro Ministro

Ritratto di ilmax

ilmax

Lun, 30/01/2017 - 14:29

lo stato conosce la nazionalità degli invasori appena mettono piede sul suolo Italiano e dalla statistica risulta che oltre il 90% non arriva da nessun paese in guerra, quindi mi chiedo cosa fanno nei 2 anni se l'origine già la conoscono al momento dello sbarco!! Molto probabilmente fanno i conti sull'incasso che percepiranno nel periodo di attesa! due anni per confermare la provenienza che già conoscono per poi invitarli a lasciare il paese con un foglio di espulsione lasciandolo libero per il paese.

agosvac

Lun, 30/01/2017 - 14:30

"la battaglia contro uno stato islamico si può vincere solo con un'alleanza tra occidente e mondo arabo", congratulazioni egregio Minniti!!! Lei ha trovato la soluzione: per sconfiggere il terrorismo islamico ci si deve alleare con lui!!! Il "mondo arabo" infatti si identifica solo con l'Arabia Saudita che è il massimo finanziatore del terrorismo islamico mondiale. Povera Italia, in che mani strane sei finita.