La propaganda di Lega e Fdi per inseguire M5s sul voto

Gli alleati insistono per «elezioni subito» anche se impraticabili. Una tattica per «scalare» il centrodestra

«M a quale governo? A casa Renzi e Alfano, e a casa anche i 174mila sbarcati quest'anno! Solo una strada: voto subito!». Anche ieri su Facebook il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha ribadito, sintetizzandoli, i concetti espressi nei giorni postreferendari che possono sintetizzarsi in «le elezioni sono l'unica strada». Un mantra ripetuto all'infinito anche per non lasciare l'esclusiva ai pentastellati che pure su questo fronte pensano di drenare qualche voto.

Niente di più niente di meno. Salvini lo aveva detto ancora più seccamente mercoledì scorso. «Tra una settimana, se non ci saranno risposte chiare sul voto, noi scendiamo in piazza: il 17 e il 18 dicembre siamo pronti per una raccolta firme per elezioni subito», aveva annunciato argomentando la risposta leghista «a Renzi e Mattarella se pensano di farci perdere ancora del tempo».

Un percorso simile seppur con toni diversi, ma sempre popolare e un po' populista, è stato ipotizzato pure dal numero uno di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, secondo cui il Consultellum sarebbe preferibile «al quarto governo di fila imposto». Anzi, la leader dirà al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che «si deve votare al più presto» perché «per fare la legge elettorale bastano due settimane, al massimo tre». Basta solo che il capo dello Stato faccia pressing sulla Corte Costituzionale per sbrigarsi, poi in quattro e quattr'otto si organizzano le primarie del centrodestra e si va al voto.

Ecco nel ragionamento di Meloni, che Salvini dà per sottinteso, si intravedono la strategia e la tattica dei due alleati di Forza Italia per superare questa fase di impasse. Ma è realizzabile? Purtroppo, no. La Consulta ha già fatto sapere che prima del 24 gennaio non si pronuncerà dovendo affrontare tre diverse questioni di legittimità sollevate da altrettanti tribunali. Dunque, atteso che si entri nel merito, che successivamente vi sia un passaggio parlamentare veloce e che si attendano i fatidici 40 giorni dallo scioglimento delle Camere per la convocazione dei comizi elettorali, prima di aprile niente voto.

Uno smarcamento parziale dai grillini che sono diventati i più strenui difensori dell'Italicum. La richiesta, però, è la stessa di M5S e di Matteo Renzi che però si nasconde dietro l'improbabile invito all'unità delle forze politiche in un «governissimo». Anche Matteo da Rignano, come il suo omonimo milanese, vuole votare al più presto ma sa bene di non avere in mano più il boccino e perciò si perde dietro queste considerazioni estemporanee.

Se la volontà di Renzi è nota, quale può essere quella di Salvini e Meloni? Perché insistono a chiedere qualcosa che, di fatto, non possono ottenere minando parzialmente anche la loro credibilità politica? La risposta è solo una: primarie. «Non sono ipotizzabili scelte dall'alto o candidature autoproclamate», aveva dichiarato lunedì scorso il segretario leghista. Richiesta già avanzata da tempo da Meloni. È chiaro che entrambi stanno lanciando un'Opa sull'intero centrodestra puntando a sostituire l'unico cavallo vincente, cioè Silvio Berlusconi. Il Cavaliere, scendendo nuovamente in campo, ha contribuito a far aumentare percentualmente il fronte del No, oscurando ancora una volta chi punta a esserne l'epigono. Silvio Berlusconi è la misura della distanza fra Salvini, Meloni e le loro rispettive ambizioni. Per colmarla non c'è che da chiedere: «Elezioni subito!». Proprio come un Matteo Renzi qualunque.

Commenti

jenab

Ven, 09/12/2016 - 09:18

ovviamente due estremistri di destra come salvini e meloni cosa possono desiderare? il caos per riuscire ad avere una poltrona e vivere sulle spalle degli italiani. almeno berlusconi ha prodotto qualcosa di importante questi due il nulla più assoluto

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Ven, 09/12/2016 - 09:31

Ha lanciato l'Opa e questo non si ferma. Poveri voi .Povera Italia. Ma dove vuole andare?

hornblower

Ven, 09/12/2016 - 09:48

Redazione = tappetino di Silvio.

st.it

Ven, 09/12/2016 - 09:50

non è mica scontato che l'italicum venga ritenuto incostituzionale. Se la consulta è quella che ha reputato corretto ed equo il quesito referendario nella forma e nei contenuti , credo avanzi poco da eccepire sul testo della legge elettorale , quanto ai modi diversi sulle attribuzioni dei seggi alla camera e al senato , bisogna dire che le rappresentanze espresse sono differenti. Quanto al cercarsi alleanze alternative sarebbe tempo di smettere con le tifoserie se diversi movimenti politici si mettono a un tavolo e stilano un programma condiviso e si presentano coalizzati al voto e ottenessero il consenso della maggioranza degli elettori , governeranno insieme sulla base di quel programma .Quali sarebbero le stranezze??

st.it

Ven, 09/12/2016 - 09:59

@riflessiva dove? certamente non all'invasione come con renzi/Half-ano , e alla miseria perché in un modo o nell'altro i soldi li stanno drenando tutti loro: Un comune ha una scuola nella quale piove dentro : è obbligato a fare appalto pubblico per cifre cretine; un prefetto assegna decine di milioni di euri a una cooperativa in fase di costituzione, le sembra normale? e tutto si è svolto fino a oggi in un silenzio assordante.

INGVDI

Ven, 09/12/2016 - 10:32

Cara Redazione, è chiaro l'intento di preparare il terreno ad un governo PD-FI, quello che è nelle intenzioni di Berlusconi. E' necessario perciò isolare i contrari, prima di tutto Salvini e Meloni.

Ritratto di deep purple

deep purple

Ven, 09/12/2016 - 10:36

HAHAHAHAHA!!!!!!! Questi due qua hanno una paura matta che Renzi se ne vada via, perche se no, non possono più dargli la colpa di quello che succede e sono costretti a dimostrare quello che valgono, cioè molto meno di lui! Votatori del no, ma non avete ancora capito che ve lo hanno messo in quel posto? HAHAHAHAHA!!!!!!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 09/12/2016 - 10:39

Meloni e Salvini non hanno fatto i conti con l'instancabile Penelope che, da Arcore, continua a tessere,(si fa per dire) la sua tela.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Ven, 09/12/2016 - 11:19

Qualcuno dica alla redazione de "Il Giornale" che non è sicuro che Silvio venga riabilitato a Strasburgo e che senza quei due li , FI potrebbe solo allearsi con il PD o MCS; non capisco tutta questa ironia.....l'abbiamo capito tutti che FI aspetta con ansia la decisione di Strasburgo, ma prima di Silvio e di FI c'è il bene del Paese...

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 09/12/2016 - 11:24

-----salvini e meloni---l'unica possibilità che vi rimane è quella di andare di soppiatto a strasburgo e corrompere i giudici che devono decidere sulle sorti politiche di papi silvio---solo che per sapere come si corrompono i giudici dovreste chiedere allo stesso berlusconi che è pratico della materia---insomma ---un serpente che si morde la coda----hasta

VittorioMar

Ven, 09/12/2016 - 11:41

...è evidente che ancora non hanno capito il perché di tanti NO..!! ...il PAESE è ridotto in una fogna e un CASINO(CON E SENZA ACCENTO),sarebbe opportuno ridare DIGNITA' E DECORO AL PAESE!!!

hornblower

Ven, 09/12/2016 - 11:46

deep purple@ - sei proprio molto deep e per di più tanto purple, purple da quaresima perenne, quella di chi è condannato a perdere. lui che poi è Renzi, quanto poco vale l'ha già dimostrato, vale il dna da sensale di paese, quello che gli ha trasmesso il padre, mentre "La Ruota della Fortuna" l'ha illuso che potesse girare sempre a suo favore.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 09/12/2016 - 11:53

Si capiscono le ragioni per le quali i Cinquestelle hanno una gran voglia di ritornare subito alle urne: sanno che vinceranno loro e con qualsiasi tipo di legge elettorale. Quello che non si capisce è la voglia di Lega e FdI di arrivare al più presto anch’essi alle urne. Mica pensano di vincere le elezioni col 20% potenziale dei consensi che attualmente i sondaggi assegnano loro? O si accontentano di avere qualche deputato in più sia alla Camera che al Senato? Tutto qui? Avere solo qualche deputato in più? Stiano attenti: perché, in vista delle elezioni, i Cinquestelle cominciano a martellare sulle due tematiche antimigranti e antieuro. Questo significa che i Cinquestelle potrebbero cominciare a raccogliere ampi consensi anche nell’area di Salvini e Meloni.

Libertà75

Ven, 09/12/2016 - 12:05

174mila? ma scherziamo? il renziano bassmoralfox ha affermato fossero soltanto 2mila... certo che i diversamente sinceri del PD hanno sempre pronta una bugia da regalare al mondo

apostata

Ven, 09/12/2016 - 12:07

Quanta pena questo inseguimento! La destra è divisa e col "no" ha tradito una parte dei suoi votanti. Berlusconi ha perso metà dei suoi sostenitori col nazzareno e l'altra metà col referendum. Presto si accorgeranno di aver giocato per grillo e per odio verso renzi.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Ven, 09/12/2016 - 12:18

Perdindirindina, ora facciamo articoli contro i partiti potenzialmente alleati?????? Paura di venire soppiantati da costoro????????

epc

Ven, 09/12/2016 - 12:30

Redazione, continuate a sbagliare bersaglio! Salvini e Meloni sono gli unici coerenti! L'unico che rischia di perdere la propria credibilità politica è Berlusconi, se appoggerà un qualsiasi papocchio di governo, e lo dice un berlusconiano della prima ora! La gente è stufa di compromessi, di "responsabilità" ecc. Vuole prese di posizione forti su clandestini, costi della politica, sicurezza! Gli elettori del centrodestra sono stufi di una "moderazione" che non porta da nessuna parte!

epc

Ven, 09/12/2016 - 12:31

Redazione, continuate a sbagliare bersaglio! Salvini e Meloni sono gli unici coerenti! L'unico che rischia di perdere la propria credibilità politica è Berlusconi, se appoggerà un qualsiasi papocchio di governo, e lo dice un berlusconiano della prima ora! La gente è stufa di compromessi, di "responsabilità" ecc. Vuole prese di posizione forti su clandestini, costi della politica, sicurezza! Gli elettori del centrodestra sono stufi di una "moderazione" che non porta da nessuna parte!!!

agosvac

Ven, 09/12/2016 - 12:44

A volte mi chiedo come mai la signora meloni ancora non si renda conto di quanto salvini la prenda in giro!!! Come fa a non capire che se non avesse dato ascolto a Salvini oggi sindaco di Roma ci sarebbe lei???

Luigi Farinelli

Ven, 09/12/2016 - 15:01

x jenab:09.18: il caos in cui viviamo è prodotto genuino della sinistra e non di Salvini e Meloni che già da tempo denunciavano lo sbrago politico, etico e morale in cui versa un'Italia in mano a lobbies, massonerie, "filantropi", banchieri e finanzieri "creativi" nazionali e internazionali tutti tesi a globalizzare, abbattere sovranità statali e rincitrullire la gente con la propaganda di regime. Ben venga Berlusconi ma che la sua politica sia quella del "si" o del "no" ma non del "ni" su alcuni argomenti di importanza strategica per la sopravvivenza della nazione: lo strozzamento dell'economia e l'immigrazione incontrollata voluti dalla massoneria Ue.

Maver

Ven, 09/12/2016 - 15:35

@elkid, invece nel PD tutti d'amore e d'accordo vero? Renzi docet.