Protesta dei poliziotti: "Ci rottamano"

Stasera una fiaccolata davanti a Montecitorio: "Sicurezza a rischio"

L'appuntamento è per questa sera alle 20, davanti a Montecitorio, senza armi d'ordinanza ma «armati» di fiaccole. E anche se gli organizzatori sono i sindacati di polizia, l'invito è aperto ai cittadini. Perché quello della sicurezza, e dei tagli alle forze dell'ordine che la mettono in pericolo, è un problema che riguarda tutti.

Scendono in piazza, le forze dell'ordine, per contestare il governo Renzi per i tagli e le riforme - come quella che riorganizza le carriere - che investono il settore. «Una luce sulla sicurezza», lo slogan scelto per l'iniziativa, organizzata da Sap (Sindacato autonomo di Polizia), Coisp (Coordinamento per l'indipendenza Sindacale delle forze di Polizia) e Sapaf (Sindacato autonomo polizia ambientale forestale). Una formula, quella della fiaccolata, scelta non a caso per «illuminare il governo - spiegano i segretari dei tre sindacati in una nota congiunta - sulle condizioni indegne in cui versa l'apparato della sicurezza». Scenderemo in piazza - scrivono Gianni Tonelli (Sap), Franco Maccari (Coisp) e Marco Moroni (Sapaf) - e invitiamo tutti i cittadini a fare lo stesso, per dire no a una politica che rottama le forze dell'ordine, mettendo all'ultimo posto nella scala delle priorità la sicurezza del Paese. La sicurezza interna di uno Stato, infatti, non si garantisce con slogan, spot o propaganda politica, ma riconoscendo ai professionisti del settore le risorse necessarie e la giusta dignità professionale».

I problemi sono tanti, e sono anche noti. A fronte di una carenza di risorse che coinvolge tutti, le forze dell'ordine lamentano carenza e inadeguatezza di mezzi per contrastare la criminalità e l'emergenza terrorismo. Per non parlare di un'altra emergenza - vedi per tutti il caso Ventimiglia - che è quella di gestire un flusso di migranti imponente per numeri. Adesso, in vista del varo della legge di Stabilità annunciato da Renzi per sabato prossimo, il nodo è anche quello del riordino delle carriere, che è nella riforma della Pubblica amministrazione e che secondo i sindacati distrugge le forze dell'ordine, con l'abolizione dei gradi e un ulteriore impoverimento dei numeri. Di qui, ed è una delle prime volte che accade, l'appello ai cittadini per la manifestazione di questa sera. Alla protesta hanno già aderito Forza Italia, la Lega e la Destra, che hanno annunciato il loro sostegno.

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Mer, 12/10/2016 - 09:30

Se ne sono accorti è già un passo avanti.

steacanessa

Mer, 12/10/2016 - 10:08

E il sindacato sinistro di merenda che fa? Tace con la coda tra le gambe o meglio volta le spalle al governo e alla magistratura.

maurizio50

Mer, 12/10/2016 - 10:40

Tutti insieme cittadini e Forze dell'Ordine contro il governo del disfattismo, dell'immigrazione selvaggia programmata,della svendita del Paese agli interessi della Finanza internazionale!!!!!!!!!

unosolo

Mer, 12/10/2016 - 11:05

governo amico i sindacati scappano , i ministri li usano per scorte , i giudici anche come i PM e tanti altri personaggi a " rischio" i poliziotti non hanno scorte loro le fanno anche a costo dela vita , il brutto che nelle trasmissioni TV anche ultimamente , negano tutto , ministri e portavoce o segretari o sotto segretari pagati per non far vedere la reale situazione in cui lavorano questi UOMINI , sminuiti in ITALIA mentre nelle altre Nazioni sono tutelati al massimo , peccato che scendano in campo per un governo sordo e cieco al richiamo della sicurezza.

flip

Mer, 12/10/2016 - 11:42

con renzi tornerà il KGB di buona memoria. polizia di dittatori komunisti. galera e sterminio per i non allineati. rottamati compresi. è il loro motto. il golpe è già in atto da un pezzo. altro che turchia. napolitano è la guida spirituale.

Trinky

Mer, 12/10/2016 - 12:11

Cari poliziotti, andate a piangere dalla Camusso e alla CGIL........anzi, protestate anche per la maglietta di Salvini già che ci siete!

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 12/10/2016 - 12:16

---ho letto la legge sul riordino ed è sacrosanta---avere 5 corpi di polizia con un costo totale annuo di 20 miliardi di euro è una anomalia solo italiana----se poi facciamo un piccolo confronto con il numero di organici tra l'italia ed altri paesi europei come francia -germania e spagna che hanno territori più grandi del nostro-si scopre paradossalmente che questi paesi hanno degli organici come numero decisamente inferiori del nostro---quindi è giusto l'accorpamento--è giusta la redistribuzione numerica sul territorio in base alle esigenze--ed è soprattutto giusto che l'avanzamento di grado non sia dettato dall'anzianità ma dallo stato di servizio---per evitare imboscati e passacarte inutili-- è giusta anche la manifestazione sindacale--per carità---ma che la destra cavalchi questi mugugni è solo propaganda---hasta siempre

killkoms

Mer, 12/10/2016 - 13:53

@elkid,tu o non leggi,o leggi poco o leggi male,oppure leggi e non capisci!l'annullamento dei gradi,"salva" i dirigenti,che entrando con una laurea all'italiana (esterna) entrano col grado di "commissario capo". (con "0" esperienza),ma danneggia tutti gli "altri" (ispettori,sovrintendenti,assistenti ed agenti) che vengono presssati verso il basso (sarebbe uguali l'agente semplice con 5 anni di servizio, col sostituto commissario con 35)!

routier

Mer, 12/10/2016 - 14:01

L'appartenenza alla NATO ci costa, in spese militari, circa 56 milioni di euro al giorno! (ogni ventiquattro ore). Per la conferma è sufficiente una breve ricerca su internet. I commenti mi paiono superflui.