Psicodramma grillino Dai comizi in tutta Italia alla triste gita ad Asti

Nel 2016 i big si dividevano tra Roma e Torino ora si consolano nell'unica città al ballottaggio

Hanno fatto 13, ma occhio e croce per i Cinque Stelle sarà un premio di consolazione. Fino a due settimane fa marciavano sulla capitale d'Italia, ora i grillini caricano le truppe sulla tradotta per Asti. E annunciano la controffensiva. No, è probabile che non ci creda nessuno, capi compresi, ma stasera comunque i «carri armati» di cartone scenderanno ad Asti: appuntamento alle ore 19, in piazza Libertà, davanti al mercato coperto. Parlano i leader, quelli di secondo livello, solo un passo dietro i padroni del Movimento Beppe Grillo e Davide Casaleggio. Insomma, ad Asti tornano Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. E per incontrare i cittadini ci saranno anche Paolo Romano, l'onorevole di casa, cittadino deputato nato qui e da qui partito per la Camera. Mica è finita, dalla tradotta scenderanno anche Tiziana Beghin, genovese, eurodeputata pentastellata e i consiglieri regionali Paolo Mighetti e Davide Bono.

Fanno sapere: «Durante l'incontro si affronteranno sia tematiche nazionali come il reddito di cittadinanza, la lotta alla corruzione, il rilancio della piccola e media impresa, la difesa dell'ambiente, trasporti ed economia sostenibile, che quelle locali-regionali tramite i candidati portavoce al Comune di Asti e il candidato sindaco Massimo Cerruti». Ah, questo è importante: seguirà per tutti gli intervenuti, cena con menu 5 Stelle a 12 euro.

C'è sempre un viaggio da ricominciare, cantava il cantautore. E visto che la musica è cambiata Grillo e compagnia si adeguano. Le amministrative di due domeniche fa sono state una sciagura, ma per fortuna che c'è ancora Asti, la «Florida» dei Cinque Stelle, gongolano i grillini. Provano a tirasi su così, guardando lontano, alle sfide che nello Stato americano videro opporsi al riconteggio George W. Bush e Al Gore, magari pure a quello che sta succedendo in questi giorni nelle ultime puntate di House of Cards, la serie tv sugli intrighi del potere Usa. Ad Asti, per fortuna, la storia non si è trascinata troppo a lungo. «Ci sono 13 voti di scarto, chiedo il riconteggio», chiedeva il 12 giugno Massimo Cerruti, candidato M5s. Alla prima conta lui era arrivato terzo, niente ballottaggio. Due giorni dopo però il Tribunale di Asti dava ragione al grillino e così il 14 giugno la presidente della commissione elettorale annunciava: «Dopo le ultime verifiche terminate oggi pomeriggio, sulle schede di cinque sezioni, Massimo Cerruti risulta avere ottenuto sei voti in più rispetto alla candidata Angela Motta». Fuori la candidata del Pd, torna in gioco il grillino. «Che colpo!», brindano i Cinque Stelle.

Bisogna provare ad accontentarsi, in fondo a Genova, la città del capo Grillo, neppure si è andati al ballottaggio. Come a Palermo e Parma e Verona e avanti così, perché il voto amministrativo di quindici giorni fa è stato una vera Caporetto. Allora W Asti, sempre e comunque. Certo, pure nella città del Palio i numeri bisogna poi leggerli, oltre i sei voti in più conquistati in Tribunale. Maurizio Rasero ha vinto il primo turno con il 47,71% e non è servito nessun riconteggio per spedirlo dritto in testa. I Cinque Stelle, invece hanno scavalcato il Pd di 6 voti, domenica proveranno a recuperare, ma si sono comunque fermati al 15%. «Un ottimo risultato per Asti, con una percentuale quasi raddoppiata rispetto a un anno fa», gongola Cerruti. «Arriveremo al 40% e governeremo da soli», annunciava un mese fa tronfio Luigi Di Maio, pensando di aver già conquistato Palazzo Chigi. Per ora dovrà bastargli Asti.

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Ven, 23/06/2017 - 08:50

quando esplode una supernova il botto si sente a migliaia di anni luce di distanza...chiunque osservi da lontano ne rimane stupito entusiasta.. incredulo. ma tale abbaglio è destinato a finire.. finito l'idrogeno restano vaganti ed isolati gli atomi di elio carbonio e ferro che si rifonderanno forse un giorno per dare vita ad altro.

Ritratto di enzo33

enzo33

Ven, 23/06/2017 - 08:57

Caro Grillo, come mai della comica situazione del comune di Roma, non riesci a farci ridere, hai perduto tutto il tuo estro?

nipotedimubarakk

Ven, 23/06/2017 - 09:57

Timo, sei ridicolo con questi articoli, da ex ex ex comunista sei diventato lo zimbello di Campomorone

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 23/06/2017 - 10:14

Sic transit gloria grilli !

nipotedimubarakk

Ven, 23/06/2017 - 11:18

I pensionati rimba forzaitalioti dimenticano che tutti i danni sono stati fatti dai quegli incompetenti ladri e bugiardi dei loro idoli

mariod6

Ven, 23/06/2017 - 11:21

Perché il M5S che fa le pulci a tutti non parla mai dei soldi che incassa con la piattaforma Rousseau di Casaleggio??? La spartizione riguarda solo Casaleggio e Grillo o partecipano anche Di Maio e Di Battista ?? E le due sindache, incassano o pagano ???

nipotedimubarakk

Ven, 23/06/2017 - 11:43

Al pensionato mariod6: i soldi che incassa Grillo non sono soldi pubblici, al contrario dei soldi che intascano i tuoi idoli, che sono anche soldi tuoi Ma che te lo dico a fare, voi forzaitalioti siete anche masochisti...

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 23/06/2017 - 16:36

@nipotedimubarakk; lanciati nel primo bidone dell'immondizia che incontri.

elio2

Ven, 23/06/2017 - 16:43

Se i grulli li conosci li eviti, se li conosci non li voti e fai del bene a te stesso e al Paese, in più ti dimostri anche intelligente.

Ocean73

Sab, 24/06/2017 - 07:28

Faceva male il comico... il resto vien da sè... per quello che concerne Vaccini e affini, le industrie farmaceutiche sono al pari delle organizzazioni criminali... nei vaccini per anni ci hanno messo Mercurio e il nostro ministero ha chiuso entrambi gli occhi... Ps: il vaccino per il morbillo... ma non è frutto di un illecito? De lorenzo e Poggiolini vi dicono forse qualcosa?