Ma Quagliariello già frena: "Si è chiuso un ciclo"

Il coordinatore Ncd: "Il clima è migliorato ma la strada è lunga"

Roma - Ha sentito, senatore? Dicono che stia preparando un altro salto della Quaglia-riello. Una battutaccia, ma il coordinatore del Nuovo centrodestra non si offende. «Queste spiritosaggini - spiega Gaetano Quagliariello - mi entrano da un orecchio e mi escono dall'altro, del resto la politica è fatta di polemiche e colpi bassi sotto la cintura. Nemmeno noi siamo stati teneri. Quello che ci divide da Forza Italia non è qualche facezia, ma questioni di linea politica, di forma-partito e pure di leadership».

Insomma, basta con il Cav?
«La stagione di Berlusconi è stata eccezionale, lui ha avuto la capacità di tenere insieme per vent'anni tre componenti diverse. Però un ciclo si è chiuso. Per carità, i rapporti personali sono integri ma il sistema per cui tutto ruota attorno al carisma ha smesso di funzionare. Quando Salvini, da cui mi divide tutto, dice che il vecchio centrodestra non c'è più, sostiene una cosa sacrosanta».

Intanto è stato Silvio Berlusconi a fare il primo passo, chiamando Angelino Alfano.
«Una telefonata allunga la vita ma non basta a risolvere i problemi. Certo, aiuta, però non si può pensare che noi siamo dei ragazzini scappati da casa e ripresi per le orecchie dai genitori. Bisogna confrontarsi apertamente».

E l'assoluzione del Cavaliere, può servire per il disgelo?
«Sicuramente è servita per un miglioramento generale del clima, anche in relazione alle riforme. Ma io non me ne sono andato perché era stato condannato, anzi ho parlato di persecuzione e l'ho difeso più di altri che ora sono con lui. Sono contento, però le questioni che ci dividono non c'entrano con la sentenza».

Ma al dunque, cosa vi divide?
«La linea politica. Si è trasformato il mondo che ci circonda, è cambiata pure l'agenda. Europa, moneta unica, migrazione: la situazione non è più la stessa di sei anni fa. La crisi, che non è finita, sta durando più delle due guerre mondiali. In questo scenario in tutta Europa, nell'area alternativa al centrosinistra si stanno affermando due risposte, una estremista e una cristiano-liberale. Noi dobbiamo scegliere, perchè la formula del Berlusconi capace di unificare le due anime non funziona più. E quindi, noi con chi stiamo? Con Le Pen o con i popolari? Non si può restare in mezzo al guado».

Come Forza Italia?
«Esatto. Vogliamo metterci d'accordo. Perfetto, però Ncd ha i suoi paletti. Non saremo mai la gamba destra del Pd ma nemmeno crediamo possibile rifare il vecchio centrodestra come fosse un'appartenenza etnica».

E le riforme, possono favorire il riavvicinamento?
«Speriamo. Fi è “dentro” le riforme, mi auguro in modo meno altalenante. Questo però da solo non basta. Il vero banco di prova arriverà presto, con la prossima legge di Stabilità. Lì misureremo le scelte, vedremo chi si batte per il bene del Paese».

Quindi, nessuna fretta?
«Talvolta è meglio frenare le passioni. Per noi prima di immaginare intese con Fi è necessario aggregare l'area di governo alternativa al centrosinistra. Se non togliamo il centro al Pd, Renzi vincerà per vent'anni».

Volete irrobustirvi per poi trattare in condizioni di forza?
«Non ci sarebbe nulla di male. La realtà invece è che c'è ancora molta strada da fare. Ad esempio, sulla forma-partito. La federazione non va, bisogna ripartire dai progetti. Per noi la prima tappa è una costituente neo-popolare».

Con tutto quello che vi siete detti, con gli insulti che vi siete lanciati, se farete la pace come farete a spiegarlo agli elettori?
«L'unico modo per essere credibili sarà mettere le idee al centro. E non forzare i tempi».

Commenti
Ritratto di depil

depil

Mar, 22/07/2014 - 08:44

la strada di questo fantoccio è finita. Solo le falsità raccontategli dal suo acquirente (perchè qui non indaga il farlocco PM di Napoli tale wood....???) Napolitano lo fanno sembrare in vita (politica)

vince50_19

Mar, 22/07/2014 - 08:47

Che il ciclo di SB sia al tramonto questo lo sa pure il fobico luigipiso, ma che Quagliariello rappresenti il nuovo centro destra colluso com'è con il pd (solo per una questione di poltrone, visto come calano le braghe ad ogni più sospinto), mi pare proprio, come dissero al tempo i ttre ttre, "na strunzata", Aggiungo mega galattica. Pensassero a rendere più vivibile la vita agli italiani, piuttosto che andare anche a baciare l'anello alla solita teutonica cellulitica.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 22/07/2014 - 09:48

Mi sembra che Quagliariello ha ragione da vendere ...

zuma56

Mar, 22/07/2014 - 09:58

Ha ragione Quagliarello, ragione da vendere. Il fatto che uno come lui sia arrivato al parlamento e che ci sia pure rimasto è indice della patologia del nostro sistema politico. Lui pensa, se gli italiani sono stati tanto coglioni da eleggermi e rieleggermi perché dovrei temere che si facciano furbi? Quagliarello è un fenomeno che verrà studiato nei secoli a venire, un fenomeno senza spiegazioni !

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Mar, 22/07/2014 - 10:06

Quagliariello chi??? ha un traditore che si è ingrassato grazie a Berlusconi ... non ti voterò MAIIIII!!!! ne tantomeno i tuoi "amici"(combriccola di serpi malefiche) Alfaniani e co. IO DA ELETTORE DI FI dico NOOOOOO!!! nello sciagurato caso in cui dovrebbe accadere che FI e NCD si alleino i voto per Grillo sia CHIARO!!!!

maubol@libero.it

Mar, 22/07/2014 - 10:15

E meno male che si è chiuso! Rivedere te, Schifani, Cicchitto, Giovanardi, Bonaiuti e Bondi in Fi mi farebbe votare PD!

un_infiltrato

Mar, 22/07/2014 - 10:16

Non ho mai dubitato che Quagliariello NON avesse il ciclo.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 22/07/2014 - 10:29

La strada, lunga o corta che sia, deve solo essere sbarrata ai saltimbanchi e ai quacquaraquà!

Ritratto di depil

depil

Mar, 22/07/2014 - 10:30

l'unico voto che Quagliarello prenderà sarà quello del suo puparo (Napolitano)

Accademico

Mar, 22/07/2014 - 10:34

Quagliariello chi? Chi.. o che.. sarebbe stato sto quagliarello senza Berlusconi? E poi, diggiàmolo, un suonatore della Repubblica deve almeno sapersi esprimere in Lingua Madre. Non può un suonatore della Repubblica dire "mi entrano da un orecchio e mi escono dall'altro"... Questo suonatore mi fa capire di non avere idea della categoria di appartenenza delle voci verbali e/o . A questo punto, non mi sorprenderebbe udire da quagliarello, per esempio: !

enzo1944

Mar, 22/07/2014 - 10:44

Gente che ha sempre e solo vissuto di politica,migrando e trasferendosi dove "tirava il vento",non merita nessun rispetto e nessuna stima!....Caro quaquaraquà,insieme ai tuoi compari cicchetto,schifoschifono,giovaballe,bonaito,saccone,e il bondino,andrete a casa alle prossime elezioni,insieme ai vostri amici alfan-go,lupetto tangentone,e la banda di "venduti"ciellini!....Pronti a cambiare casacca nel momento in cui Berlusconi sembrava morto per via delle condanne(ingiuste e politiche)della magistratura democratica,guidata dal napoletano del Colle!! Buffoni,fuori dalle palle e per sempre!!

michele lascaro

Mar, 22/07/2014 - 10:46

Quagliariello non somiglia certamente al nonno, il grande Gaetano professore di biochimica all'università di Napoli, nel '52, di rinomanza internazionale. Somiglia certamente ad un suo stretto parente assistente presso la stessa facoltà, che era oggetto di lazzi di noi studenti. Ho detto tutto, come i geni non sempre si trasmettono alla prole (ma questo è un dato scientifico) Con lui, disgraziatamente in FI, molti di noi rivedrebbero le proprie posizioni al momento del voto, ma, sono sicuro che non lo vedremo, per il suo cambio di casacca.

Accademico

Mar, 22/07/2014 - 10:49

ERRATA CORRIGE - Non può un suonatore della Repubblica dire "mi entrano da un orecchio e mi escono dall'altro"... Questo suonatore mi fa capire di non avere idea della categoria di appartenenza delle voci verbali "entrare> e/o

Accademico

Mar, 22/07/2014 - 10:50

ERRATA CORRIGE - Non può un suonatore della Repubblica dire "mi entrano da un orecchio e mi escono dall'altro"... Questo suonatore mi fa capire di non avere idea della categoria di appartenenza delle voci verbali "entrare> e/o

paolonardi

Mar, 22/07/2014 - 11:00

Auguro per il bene mio e di tutti i moderati che il ciclo che si e' chiuso sia quello di Quagliarello, Alfano e soci nella stesso modo in cui si e' chiuso quello di Casini o, ancora meglio, quello dell'inqualificabile Fini.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mar, 22/07/2014 - 11:33

Condivido parecchio di quello che Quagliarello ha detto. Il ciclo di Berlusconi é finito dopo 20 non ha più l'appeal che aveva e le europee lo hanno dimostrato. Tutt'ora FI non va oltre il 17% di voti (sebbene i sondaggi valgono poco) dimostrando che la gente ha aperto gli occhi su quello che Berlusconi ha detto e fatto in 20 anni e ad ipotetiche elezioni politiche prenderebbe altri due schiaffoni in faccia da Renzi. Se il CDX si vuole ri-fondarsi che cominci a cercarsi un leader in grado di diffondere idee liberali nuove e convincere gli elettori a votare, continuare con Berlusconi sarà il suicidio del cdx e come Quagliarello dice ci ritroveremo Renzi per i prossimi 20 anni.

comase

Mar, 22/07/2014 - 11:50

Infame, codardo e traditore! Questo essere immondo non pensiamo nemmeno di averlo come alleato. Devi crepare nel tuo niente!

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 22/07/2014 - 14:21

Mai con gente del genere1

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 22/07/2014 - 15:13

Lo dico convinto dai miei non più verdi anni,che ha masticato la politica dal 1940 Questo quagliarello, e tantissimi altri del NCD Alfano. Lupi,Cicchitto, Formigoni sono dei poveri pellegrini che non hanno ancora capito che non andranno da nessuna parte senza Berlusconi. Forse lo sanno, ma sono cosi megalomani e per niente politicanti che il loro 3,5% lo considerano un ottimo risultato politico.MA LASCIATELI NELLA LORO STALLA A SMALTIRE LE LORO AMBIZIONI IN UNA ALLEANZA SAREBBE TROPPO DELETERI E SEMPRE PRONTI AL TRADIMENTO.LASCIATELI A RENZI CHE PRESTO SE NE LIBERERA LASCIANDOLI SENZA POLTRONE E SENZA CONSENSI,VEDRETE CHE ALLORA SARANNO PRONTI A VEDERE LA LORO ANIMA ANCHE AL DIAVOLO