Quasi duemila arrivi tra Cagliari e Messina Strutture ormai al collasso, pronto soccorso in tilt

Catania Strutture di accoglienza al collasso e pronto soccorso pieni. L'impennata di sbarchi del week end pasquale si è protratta ieri con lo sbarco di 816 immigrati a Cagliari a bordo della nave norvegese Siem Pilot. La precedenza è toccata agli stranieri con problemi di salute, a 14 donne incinte e ai bambini, per affidarli alle cure dei sanitari e ai controlli. A Palermo ne sono sbarcati 475, tra cui 12 donne incinte. Erano a bordo della nave cargo panamense Tuna 1. È andato avanti a rilento lo sbarco a Messina dei 1.267 arrivati con la nave mercantile tedesca «Panther», molti in cattive condizioni di salute: non mangiavano e bevevano da giorni. In tutto sono 8.500 i salvati in 72 ore, come se i recenti accordi tra Italia e governo libico non fossero mai stati sottoscritti. E mentre la procura di Catania ha aperto un'inchiesta conoscitiva sulle Ong che, numerose, soccorrono gli immigrati, i volontari delle Ong si lamentano dell'assenza dell'Europa che è assente. I posti per questa ondata sono stati reperiti, e sono già stati indetti alcuni bandi per altri posti, in previsione di nuovi arrivi. Difficoltà nei pronto soccorso, con stranieri e italiani a stretto contatto, come lamentato da alcuni operatori. All'ospedale «Maggiore» di Modica è ricoverata una 35enne della Costa d'Avorio incinta con una forte emorragia. Per farla giungere a Pozzallo è intervenuta la Capitaneria di Porto che ha coordinato i soccorsi.

Valentina Raffa

Commenti
Ritratto di llull

llull

Mer, 19/04/2017 - 12:22

Se gli africani entrassero armati nel nostro Paese grideremmo tutti all'invasione e ci difenderemo con le Forze Armate (concepite proprio per questo scopo). Invece, arrivano disarmati e e ci invadono subdolamente, prosciugano le nostre risorse (economiche e welfare), occupano territorio ed abitazioni, impongono i loro usi e le loro leggi medievali (se non addirittura tribali). Ci obbligano a vivere con il terrore e noi stupidamente, piano piano, ci annichiliamo. Quando ci sveglieremo ed avremo consapevolezza dell'avvenuta invasione sarà ahimè troppo tardi.

Ritratto di llull

llull

Mer, 19/04/2017 - 12:26

Ma se la nave "Siem Pilot" è norvegese, perché non li ha sbarcati in Norvegia? Oppure, se doveva sbarcarli nella nazione più vicina al luogo del salvataggio, Malta ed Algeria non erano forse i luoghi preposti allo scopo?

seccatissimo

Gio, 20/04/2017 - 12:39

C'è da impazzire ! Più imbecilli di noi italiani al mondo non c'è nessun altro popolo !