Quei rastrellamenti partigiani rimasti nascosti per 75 anni

Inedita testimonianza sui giorni dopo l'armistizio: «A Sussak fecero sparire un migliaio di corpi trasformandoli in sapone»

I partigiani di Tito portavano in una cartiera i «nemici del popolo» con un furgone della polizia italiana, che avevano sequestrato, per ridurli letteralmente a pezzi in barbare esecuzioni. Poi si disfacevano per sempre dei resti nel vicino saponificio, come i nazisti. L'orrore perpetrato vicino a Fiume subito dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 viene rivelato per la prima volta da un'inedita testimonianza scritta anni fa e mai resa pubblica, in possesso del Giornale. La mattanza di prigionieri croati o italiani andò avanti per giorni, come in altre parte dell'Istria, dove i partigiani jugoslavi assunsero il controllo fra il settembre ed il novembre 1943 nella prima ondata delle foibe.

«Questo fatto che ora vado a raccontare sembra inverosimile e lo dico come lo ebbi a sapere» scrive l'autore dell'inedita violenza alle porte di Fiume, che nel 1943 aveva poco più di vent'anni e faceva il servizio militare a Sussak, a pochi chilometri dal capoluogo del Quarnaro. Al Giornale ha chiesto di restare anonimo perché, sembra incredibile, ma dopo 75 anni continua ad avere paura.

I testimoni di questa terribile storia delle violenze titine furono disarmati diversi giorni dopo l'8 settembre e trasferiti a Pola dai tedeschi, che dopo un mese ripresero il pieno controllo dell'Istria con altrettanta brutalità.

«Quando fummo concentrati nel campo sportivo militare fuori della città di Pola, mi sentii chiamare venendomi incontro il carabiniere Moscatello (che era accantonato a Sussak, nda) - si legge nella testimonianza scritta - Piuttosto agitato mi disse: Ti ricordi Hai presente che il giorno dopo l'armistizio dell'otto settembre per due giorni si vedeva passare diverse volte e per tutto il giorno un va e vieni del furgone nero della Polizia Italiana?». A Sussak si era insediato il comando del II corpo d'armata Slovenia-Dalmazia del nostro esercito. Nel vuoto provocato dall'8 settembre i partigiani occuparono il centro abitato per una settimana fino alla controffensiva tedesca. E molti soldati italiani allo sbando rimasero sul posto. Il testimone ancora in vita ricorda che «andai al comando e dietro la scrivania del colonnello era seduto il capo dei partigiani, figlio dell'oste del paese».

In poco meno di un mese i partigiani di Tito dichiararono l'annessione dell'Istria alla futura Jugoslavia cominciando a perseguitare chi rappresentava l'Italia. Maestri, funzionari pubblici, agenti di sicurezza e loro congiunti furono prelevati e uccisi. Gli italiani trucidati risultarono almeno un migliaio, ma anche i croati poco allineati con Tito, non solo militari, erano condannati ad una brutta fine.

Nel 1943 il carabiniere Moscatello raccontò al testimone ancora in vita, che il cellulare della nostra polizia sequestrato dai partigiani andava a prelevare i nemici del popolo e «...velocemente entrava nello stabilimento della cartiera...» di Sussak. Il carabiniere confidò al commilitone «che di nascosto entrò nella cartiera... e assistette a una cosa impressionante». Dal furgone della polizia «appena entrato facevano scendere le persone all'interno e le ammazzavano facendole immediatamente a pezzi». Brutali esecuzioni sommarie, ma sapendo che ben presto sarebbero tornati i tedeschi in forze, i partigiani non volevano lasciare tracce di cadaveri infoibati o fosse comuni. «Moscatello ebbe anche a vedere che poi i pezzi venivano messi sulle cassette di legno per essere trasportate con il carretto nell'adiacente saponificio - si legge nella testimonianza scritta - passando per un piccolo ponticello in legno attraversando il fiume Eneo». I resti umani venivano fatti sparire per sempre trasformandoli in saponi.

Il carabiniere testimone della mattanza potrebbe essere Venanzio Moscatello, classe 1910, scomparso da tempo. Fra il 1942 e 1943 è stato in servizio al comando italiano Slovenia-Dalmazia a Sussak, come dimostrano gli attestati militari. Purtroppo anche il figlio è morto, ma il Giornale è riuscito a recuperare una foto del carabiniere. Il commilitone che raccolse la sua terribile rivelazione nel 1943 lo ha riconosciuto: «È lui senza dubbio».

E nel suo scritto ricorda come il testimone sia scampato alle esecuzioni nella cartiera della morte vicino a Fiume: «Moscatello mi disse che inorridito, sempre di nascosto si ritirò non potendo fare niente. Se lo avessero visto avrebbe certamente fatto la stessa fine».

Commenti
Ritratto di nordest

nordest

Sab, 10/02/2018 - 08:32

Eppure i partigiani continuano lavarsi la bocco dei fascisti: sempre criminali sono, se ben guardiamo alla storia i partigiani hanno commesso dei veri crimini tra la popolazione ,per sfoghi personali o per impossessarsi dei loro beni

amicomuffo

Sab, 10/02/2018 - 08:32

poi erano ( e sono ) i fascisti il problema!

Ritratto di Gius1

Gius1

Sab, 10/02/2018 - 08:34

Raccontatelo a Fiano, Chi sono i comunisti. Lui con i paraocchi vede solo fascisti sapendo di conoscere la storia

Marabius

Sab, 10/02/2018 - 08:34

E' indubbiamente una tragica verità storica, però il titolo dell'articolo non è completo. Si parla di partigiani genericamente, ma erano partigiani della Jugoslavia, macellai di Tito, non italiani. Sarebbe stato meglio precisare.

Duka

Sab, 10/02/2018 - 08:35

Nazisti e fascisti ne hanno fatte di tutti i colori ma i comunisti di allora, molti dei quali sono ancora quelli di oggi in POLTRONA, non si sono fatti mancare nulla. La STORIA e le STORIE bisogna conoscerle bene prima ci ciarlare a ruota libera.

paci.augusto

Sab, 10/02/2018 - 08:37

Certamente i primi responsabili degli infami assassinii delle foibe sono stati i partigiani COMUNISTI di Tito, validamente coadiuvati in questi efferati crimini dai partigiani COMUNISTI ITALIANI!!Per 50 ANNI la falce e martello ha pervicacemente negato i crimini delle foibe, che non sono MAI stati dimenticati ma NEGATI!!! Anche oggi, l'apparato rosso che ci governa, sproloquia di ' odio etnico ' della Jugoslavia di Tito, mentre si trattava di odio criminale COMUNISTA contro gl'italiani ' non comunisti '!!!! Del resto i partigiani comunisti italiani, oltre le vittime delle foibe, hanno fatto centinaia e centinaia di vittime anche nel resto d'Italia e la liberazione è dovuta alle truppe alleate e NON A LORO!!!E poi, i soliti fiancheggiatori di questi misfatti,insistono sulla messa all'indicwe del fascismo, quando dovrebbe essere messo all'indice ANCHE IL CRIMINALE COMUNISMO!!!! Quale di queste due infami ideologie ha fatto più vittime????!!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 10/02/2018 - 08:47

Beh, il XX° è stato un saggio di quelle che sono le potenzialità della Specie Homo Sapiens. Mi sovviene che a Fatima la Madonna mandò un messaggio all'Umanità, ai grandi della Terra, tramite i tre pastorelli ovvero che se non si fossero convertiti alla Fede e seguito il dogma della Chiesa a distanza di breve tempo ci sarebbe stato un conflitto fra i popoli ben maggiore di quello che si stava attuando, era il 1917, e così avvenne. Mi sovviene un motto: chi c'era c'era e chi non c'era sarà più fortunato.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 10/02/2018 - 09:03

E l'ANPI cosa ne pensa?.

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 10/02/2018 - 09:05

questa è una delle tante porcherie mai raccontate fatta da chi si professano liberatori dell'Italia dal fascismo

flip

Sab, 10/02/2018 - 09:05

Ho vissuto quell'epoca a Milano. avevo 14/15 anni però ne ho viste tante...................

Giorgio5819

Sab, 10/02/2018 - 09:06

Il comunista non conosce la vergogna, gli hanno insegnato a nascondere la verità fin da piccolo...

Danilo

Sab, 10/02/2018 - 09:19

Ero amico del gen. Carlo Ravnich. Prima della sua morte mi mostrò l'originale della lettera da lui scritta a Tito, due facciate scritte in italiano e in slavo, in cui chiedeva ad un compagno d'armi, da soldato a soldato, di permettergli di riportare in italia i soldati catturati. Al Comando della Garibaldi li riportò a casa. Caso unico in guerra rientrò in Italia con più soldati di quelli che aveva all'andata. Era già evidente all'epoca l'intenzione di sterminare tutti gli oppositori.

Dordolio

Sab, 10/02/2018 - 09:32

Comprendo perfettamente come questi testimoni e addirittura i loro eredi abbiano ancora paura. Complici e sodali degli assassini sono ancora tra noi, riveriti e potenti. Balnditi e rispettati. E possono, penso, ancora permettersi di tutto e di più. Forse impunemente.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 10/02/2018 - 09:45

I sostenitori del PCI-PDS-DS-PD hanno le mani sporche di sangue da sempre, ieri come oggi, ed è sempre sangue degli italiani. Il PCI-PDS-DS-PD va messo fuori legge.

diesonne

Sab, 10/02/2018 - 10:17

diesonne dopo 75 anni tutti sanno e propagandono-perchè non ai tempi tito il dittatore massacratrore-non convince la lamentela l odierna-il vecchio pci ha sempre negato e tutti hanno ignorato-storia triste

Giorgio Colomba

Sab, 10/02/2018 - 10:19

Quante turpi verità occultate dalla sinistra dovremo ancora svelare? La Storia del XX secolo andrebbe riscritta in toto.

il sorpasso

Sab, 10/02/2018 - 10:20

Informate Fiano! Vorrei che pubblicamente dicesse cosa ne pensa in merito a questa notizia!

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 10/02/2018 - 10:21

Vergogna!

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 10/02/2018 - 10:24

E' tragico quello che dico (ma non lo dico solo io), ma credo che, ormai, al punto di 'non ritorno' in cui stanno le cose, e in cui i 'progressisti' hanno voluto far sprofondare questo Paese, solo una guerra possa far 'ripartire' da zero l'Italia che si sta 'arenando' sul ricatto morale dell'antifascismo, che 'crea' il fascismo e la xenofobia, anche dove non esistono, in quanto semplici atteggiamenti di protesta. Una guerra che, tra l'altro, credo che avrà il vantaggio di 'portare allo scoperto' anche gli immigrati; che dovranno far vedere da che parte stanno: se vogliono veramente bene a questo Paese o se lo vogliono solo depredare! E se resteranno a combattere per noi o se, invece, se ne scapperanno ai paesi loro per ritornare quando tutto si è calmato. Cosa dovremmo fare, allora?

flip

Sab, 10/02/2018 - 10:40

bisogna anche leggere le lettere che ha scritto togliatti per capire tutto l'orrore del comunismo in ogni sua forma.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 10/02/2018 - 10:47

@il sorpasso - figurati se l ofa. Da buon komunista segue i lloro motto: negare tuto, negare sempre.

Ritratto di FLAGELLONERO

FLAGELLONERO

Sab, 10/02/2018 - 10:51

Questo articolo ha un titolo vergognoso. Cosa c'entrano i partigiani con la macelleria sommaria di Tito? Senza dimenticarsi che le foibe sono esistite con la complicità degli americani.

nopolcorrect

Sab, 10/02/2018 - 11:00

Informate i comunisti dell'ANPI.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 10/02/2018 - 11:03

Mio padre, classe 1918 nato suddito austro-ungarico e redento italiano dopo 40 giorni, è stato "volontario per obbligo di chiamata alle armi" combattente in Francia, Albania e presidio Montenegro e poi di nuovo in Francia da cui ritornò fortunosamente a casa dopo l'8 settembre '43, ne avrebbe avute da raccontare di quanto ha visto in Montenegro contro la guerriglia partigiana. Non si risparmiavano colpi su colpi. Dalla loro gli slavi avevano nel DNA il dominio dell'Impero Ottomano e sapevano come si combattono le guerre: MORS TUA VITA MEA. Tutto il resto è propaganda per i bigotti e per gli sprovveduti.

mariod6

Sab, 10/02/2018 - 11:06

L'ANPI si vanta del proprio valore ma tace sulle stragi fatte dai partigiani comunisti e su quelle causate dai loro attacchi alle truppe tedesche, con successiva fuga dei cecchini e rappresaglia contro la popolazione civile inerme, Marzabotto tanto per citarne una. @ Marabius - Si informi meglio, nelle foibe i dalmati e gli istriani ce li hanno cacciati anche i partigiani italiani, e poi sono andati a baciare la bara di Tito al suo funerale. Lo chieda a Napolitano, visto che Togliatti e Pertini sono defunti.

palllino.

Sab, 10/02/2018 - 11:07

Ma ce ne sono ancora di sti partigiani in giro????

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 10/02/2018 - 11:15

flagellorosso, smettila di drogarti già al mattino e studia cosa hanno fatto i partigiani comunisti italioti con l'aiuto dei titini,poi fai gargarismi con H2SO4!!

flip

Sab, 10/02/2018 - 11:16

flagellonero(?) sai niente sul famoso "triangolo della morte" dell'emilia (rossa) nell' immediato dopoguerra?

flip

Sab, 10/02/2018 - 11:25

i vecchi partigiani sono la causa di centinaia e centinaia di morti innocenti dovute alle loro "eroiche gesta" contro i tedeschi che si rifacevano sulla cittadinanza inerme. gli "eroici" partigiani, però, non sono MAI intervenuti a salvarli. SCAPPAVANO!!!!!!!!

flip

Sab, 10/02/2018 - 11:28

gli "eroici partigiani" hanno fatto i bulli solo a Dongo (Co)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 10/02/2018 - 11:28

anche in Italia i partigiani hanno massacrato femiglie solo perchè erano parenti o amici dei fascisti. IO metterei al bando l'ANPI come il fascismo. Non sono degni di essere proclamati eroi. Mussolini per soli pochissimi errori, ma di grande importanza solo per la sinistra e soprattutto i partigiani, è stato ammazzato e disfatto il partito fascista. I comunisti non lo sono stati di meno.

Ritratto di adl

adl

Sab, 10/02/2018 - 11:35

Bisogna sciogliere l'ANPI organizzazione pseudo nazista autorizzata dalla legge italiana farlocca.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 10/02/2018 - 11:36

ANPI - VERGOGNATEVI E RESTATE CHIUSI DENTRO CASA ALTRO CHE MANIFESTARE.

Dordolio

Sab, 10/02/2018 - 11:55

Flagellonero, se la storia non la conosci stai zitto. ZITTO! Vuoi documentarti? Leggi un po' o vai a Trieste magari ad informarti. Partigiani e titini erano comunisti, alleati e sodali. I pochi che non lo furono vennero liquidati.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 10/02/2018 - 12:17

Il polverone del Trattato di Versailles si è risollevato nel 1945 quando i destini dei popoli si sono rivoltati e chi poteva cercava la vendetta o la rivalsa di quel Trattato.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 10/02/2018 - 12:24

X FLAGELLONERO,non sei informato,i partigiani italiani collaborarono eccome,in toscana da poco altre foibe e tito non centra ed altre ne troveranno.La storia dimentica molto dell'ultimo conflitto,in italia erano tutti fascisti a cominciare da Napolitano.

jaguar

Sab, 10/02/2018 - 12:57

Il centro sociale Anpi cosa dice in proposito?

soldellavvenire

Sab, 10/02/2018 - 12:58

gli italiani morti per mano dei partigiani titani sono solo una frazione di quelli MANDATI A MORIRE dal duce od UCCISI DAI FASCISTI: per UN GIORNO si possono ricordare, ma per tutti gli altri giorni ricordiamo gli altri

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 10/02/2018 - 13:06

partigiani parassiti d'Italia.

effecal

Sab, 10/02/2018 - 13:15

questi comunistelli nella falsità sono perfettamente a proprio agio.

fisis

Sab, 10/02/2018 - 13:17

Ysate gli aggettivi giusti: partigiani comunisti: cioè assassini invasati di un'ideologia che ha fatto ( e continua a fare in cina, corea del nord, cuba) milioni di morti.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Sab, 10/02/2018 - 13:36

SS comuniste alle quali i comunisti nostrani plaudono ancor oggi.

Fab63

Sab, 10/02/2018 - 13:37

Flagellonero, legga "I vinti non dimenticano" di Gianpaolo Pansa e avrà ben hiaro cosa hanno fatti i partigiani e i comunisti italiani, o cosa hanno lasciato fare ai comunisti di Tito, prima e dopo la fine della guerra.

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 10/02/2018 - 13:47

Crimini orribili, ,a chi ci porto nella guerra fascist impreparati? Chi occupo per primo la jugoslava dopo averla attaccata proditoriamente? Chi pratico una politica violenta di integrazione etnica e di repressione (“simammazza troppo poco”) Innocenti italiani pagarono per l'assurda ambizione di pochi. Quindi giusto ricordare i crimini titini ma non parlatemi più del fascismo che ha fatto molte cose buone!

kayak65

Sab, 10/02/2018 - 13:53

I comunisti sono peggio dei fascisti. Loro le colpe non le hanno mai ammesse nonostante le prove e non hanno mai pagato. Anzi in alcuni paesi tra cui il nostro possono anche governare senza essere eletti ma nominati dalla loro nomenklatura fecciosa. Italiani il 4 marzo riprendiamoci L''ITALIA

turbomint

Sab, 10/02/2018 - 14:10

Si dovrebbe fare un studio , perche la gente nella penisola ha questo modo di pensare.Solo i svizzeri e una parte dei Austriaci si salvano da queste malattie mentali dominanti in zona.

teopa

Sab, 10/02/2018 - 14:47

Per flagello nero : la vergogna non è l'articolo,la vergogna sei tu, se eri poco, poco, più obiettivo sicuramente, commentavi l'articolo diversamente.

Ritratto di malatesta

malatesta

Sab, 10/02/2018 - 14:50

Scusate, c'era anche Vauro, l'ultimo dei comunisti??

lorenzovan

Sab, 10/02/2018 - 15:05

io a differemza della maggior parte degli italiani.conoscevo da ragazzo il problema..i miei piu' cari amici erano due fratelli profughi da Lussinpiccolo..illoro padre era stato trucidato dai titini..purtroppo tutti i dalmati furono etichettatoi a causa delloro amore per l'Italia come fascisti..e ritenuti coresponsabili delgli orrori commessi dall'occupante fascista in slovenia e croazia..chi non sa di cosa parlo..cerchi su internet "generale Roatta"...dopo per un tacito accordo tra Italia e Jugoslavia..sotto comendo USA ..tutti tacquero sui rispettivi crimini di guerra.nell'otica della guerra fredda..Tito era diventato un alleatodell'occidente... Finalmente anni e anni dopo..i nostri concottadini..per lo piu' colpevoli solo di essere italiani..stanno ricevendo gli onori che avrebbero sessant'anni fa meritato..parlo di onori...peche' purtroppo per la giustizia e' troppo tardi

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Sab, 10/02/2018 - 15:33

Gentile PACI Augusto, tre domande: Lei afferma "validamente coadiuvati in questi efferati crimini dai partigiani COMUNISTI ITALIANI", sproloquia o è a conoscenza certa di quanto afferma? Lei è solito applicare la matematica nella conta delle povere vittime delle ideologie come se una eventuale differenza depenalizzerebbe una o l'altra? Infine Lei invece di stare ne da una ne dall'altra parte forse propende, vista la sua foga e la sua rabbia, per una delle due ideologie infami?

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Sab, 10/02/2018 - 15:56

L'ANPI dovrebbe essere dichiarata organizzazione terrorista.

baio57

Sab, 10/02/2018 - 16:38

@ marabius , flagelloRosso ,luogotenente - Documentatevi sull'eccidio di Porzus e vedrete come anche gli infami partigiani comunisti italiani abbiano avuto parte alle nefandezze .Togliatti(l'amico intimo di Stalin) acconsentì ancora durante il conflitto di lasciare sotto il controllo dei Titini la Venezia Giulia ed il Friuli orientale avvallandone la successiva occupazione,ordinò poi ai propri partigiani operanti nella regione, di porsi sotto comando Jugoslavo ,con tutte le conseguenze del caso.

RNA

Sab, 10/02/2018 - 17:16

L' ISTRIA DOPO ALMENO 70 ANNI DI SLAVIZZAZIONE ASBURGICA, FU LEGITTIMAMENTE ASSEGNATA ALL' ITALIA DEL MINISTRO GIOLITTI NEL 1920 CON IL TRATTATO DI RAPALLO. DAL 1943 I MASSACRI DI POPOLAZIONI ITALIANE AVEVANO L' UNICO SCOPO DI ALLONTANARE LA POPOLAZIONE SECONDO UN PRECISO PIANO REDATTO NEGLI ANNI TRENTA DA ESPONENTI SERBI E RIPROPOSTO NEGLI ANNI 90 DA MILOSEVIC, CRIMINALE DI GUERRA CONDANNATO. I PARTIGIANI TITINI E ITALIANI DELLA GARIBALDI SI POSERO SULLO STESSO PIANO DEI NAZISTI, PRENDENDO ORDINI DAL CANE TITO, DA STALIN E DAL SUO SERVO TOGLIATTI.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 10/02/2018 - 17:32

@luogotenente: Chiedi ai Triestini delle VALOROSE gesta dei partigiani italiani e titini! Io c'ero! Ragazzo ma c'ero, i 40 giorni dell'occupazione di Trieste da parte dei lanzichenecchi di Tito.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Sab, 10/02/2018 - 17:42

Siete dei fascisti a fare questi articoli! Non è vero! C'è una giustizia cari vigliacchi compagni, prima o poi arriva il conto e, nonostante i regali di fine legislatura andrete a cagare finalmente, come meritate. Una legislatura nata su un colpo di stato appoggiato da tedeschi, francesi e dagli amici dell'imam Obama.

frabelli1

Sab, 10/02/2018 - 17:50

Poi hanno il coraggio di parlare dello sterminio fatto da altri quando anche loro hanno le mani sporche di sangue, questa è l'Anpi.

giza48

Sab, 10/02/2018 - 18:35

I miserabili Komunisti-nazisti-fascisti (sempre servi di una dittatura) hanno ragliato ancora. La loro ignoranza e falsità umana, storica, morale, derivata dalla scarsità di materia grigia è una tara genetica consolidata. Umanamente ho ribrezzo di questa genia di sub umani che non hanno nemmeno la pietà per quel popolo Italiano da sempre (Istria e Dalmazia terre Veneziane fino all'inizio dell'800) legato alla madre Patria. Però abbandonato inerme alle mire espansioniste del comunista Tito e delle sue formazioni criminali partigiane appoggiate nel disegno annessionistico dalle brigate partigiane comuniste italiane. Avete capito bene !!! I veri mandanti delle foibe sono i partigiani comunisti italiani guidati da Togliatti che mai hanno difeso l'Istria e la Dalmazia dai titini. Vergogna storica incancellabile Altro che lotta ai fascisti.

stevenson46

Sab, 10/02/2018 - 18:37

Tre considerazioni: 1) i partigiani italiani comunisti collaboravano con i soldati titini che combattevano per l'annessione del Friuli Venezia Giulia alla Yugoslavia, 2) a Porzus i partigiani italiani comunisti massacrarono i partigiani italiani non comunisti che non condividevano questa decisione (tra gli altri uccisero il fratello di Pier Paolo Pasolini e lo zio del cantante Francesco De Gregori); 3) in Italia esistono ancora vie dedicate al maresciallo Tito massacratore di italiani. Meditate gente, meditate.

Ivstitia

Sab, 10/02/2018 - 19:06

LA VERITà , Fà PAURA AI KOMPAGNI.....ASSASSINI...

Garombo

Sab, 10/02/2018 - 19:07

Duka studiati tu la storia prima di ciarlare a caso, forse capirai che i morti non sono tutti uguali.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 11/02/2018 - 06:55

Flagello pnero forse è per questo che nelle foibe ci sono finiti anche alcuni soldati inglesi o del Commonwealth? Fascisti anche quelli o un piano orchestrato dall’OSS? Per sua informazione la Cia non esisteva ancora ma chissà.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 11/02/2018 - 07:46

Riscontri storici?

paci.augusto

Dom, 11/02/2018 - 09:06

@ luogotenente - Povero fanatico, ottuso analfabeta trinariciuto!!! Io dichiaro CON CHIAREZZA che condanno ENTRAMBE le criminali ideologie, fascista e comunista!! Ma, voi compagnacci, come sempre, date del 'fascista' a chi non la pensa come voi!! Si legga Pansa che faceva parte delle milizie partigiane ed è stato testimone oculare dei misfatti compiuti!! Invece, all'indice è finito solo il fascismo e non il criminale comunismo che è stato anche ASSAI PEGGIO!! 300MILIONI di assassinati e conteggio da aggiornare!!!