Il Quirinale ci costa 224 milioni all'anno

Il Quirinale ci costa 224 milioni all'anno. La spending rewiew ha ridotto le spese solo di 4 milioni di euro

Il premier Matteo Renzi ha ufficializzato: il candidato del Pd per il Colle è Sergio Mattarella. Se verrà poi effettivamente eletto non si saprà prima di sabato, ma è certo che il nuovo capo dello Stato per risiedere al Quirinale ci costerà parecchio.

Al di là del suo stipendio che ammonta a 240 mila euro, tra spese di funzionamento, stipendi del personale, bollette e benefit vari il bilancio del Quirinale per il 2015 ammonta a 224 milioni di euro pari a 613 mila euro al giorno. Una cifra importante che è già stata soggetta alla spending rewiew per 4,5 milioni di euro rispetto a un anno fa. Dei 224 milioni già citati ben 122 sono destinati agli stipendi del personale e 92,1 alle pensioni degli ex dipendenti. Le spese per l’acquisto di beni servizi ammontano a 22,6 milioni di euro. Dal bilancio preventivo del 2014 si evince che per la spesa delle derrate alimentari per pranzi e cene del Presidente è stata di 402 mila euro, mentre per la posta e per i regali ad altri Capi di Stato e di governo sono stati destinati 145 mila euro.

Per quanto riguarda le spese relative alle bollette il bilancio preventivo del Colle registrava: 1,73 milioni di euro per la luce, 420 mila per l’acqua e 780 mila per il gas e combustibile. Per i l canone Rai si spendono 15 mila euro, 170 mila per le spese telefoniche e 170 mila per la posta. Per le pulizie appaltate a imprese esterne se ne vanno via più di un milione mentre per la cancelleria 215 mila euro. Ben 570 mila euro sono spesi per i mezzi automobilistici e 190 mila per l’acquisto di carburanti e lubrificanti. La tenuta di Castelporziano complessivamente costa circa 3.220.000 euro all’anno senza considerare gli oneri per il personale. Nel 2014 per bestiame e macchine agricole sono stati spesi 130 mila euro, mentre per la gestione di automezzi agricoli sono stati messi a disposizione 310 mila euro. Spese necessarie perché la tenuta è una riserva naturale meta ogni anno di turisti e di studenti da tutte le scuole d’Italia. Il Quirinale destina 150 mila euro per l’accademia della Scienze che si occupa di studiarne l’habitat.

Annunci

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 29/01/2015 - 16:17

Del resto, si è tagliato tanto, ma non dove si doveva.

Roberto Casnati

Gio, 29/01/2015 - 16:32

Il re ci costava meno, molto meno, e ci metteva del suo!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 29/01/2015 - 16:35

agli italiani interessa solo il calcio, gossip e Belen

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 29/01/2015 - 16:36

La spending review si talmente sforzata fino a partorire un topolino. Pensate hanno ridotto le spese del Quirinale di un miserio 1.79%. Viva l'Italia in mano della Casta, libera, sovrana e così chiamata democratica.

Ritratto di £aFarsa...

£aFarsa...

Gio, 29/01/2015 - 16:42

una vera VERGOGNA NAZIONALE

Marzio00

Gio, 29/01/2015 - 16:44

Numeri di per sé sterili, bello sarebbe paragonarli agli omologhi degli altri stati. Chissà quanto costa la Casa Bianca o il Cremlino........

eloi

Gio, 29/01/2015 - 16:57

Ed i corazieri figura militarec del tutto inutile, sono a carico del ministero della difesa, cosi come la scuderia non hanno forse un costo? Nel terzo millennio non servono a niente. Forse Obana si serve del settimo cavalleggeri per le sue uscite?

vince50

Gio, 29/01/2015 - 17:01

240 mila Euro o molto peggio ancora 224 milioni,preferisco non commentare le verità non sono pubblicabili.

gian paolo cardelli

Gio, 29/01/2015 - 17:07

... cioè quanto tutte le reggie europee messe insieme: però siamo "democratici" e "repubblicani"...

gian paolo cardelli

Gio, 29/01/2015 - 17:10

Marzio00, la Casa Bianca va paragonata con Palazzo Chigi, non col Quirinale, ed il paragone è desolante: La Casa Bianca annovera 360 dipendenti, con un onorario al Presidente di circa 250.000 dollari. Palazzo Chigi conta 4.200 dipendenti, e l'onorario del Premier italiano è più alto... Se le interessa un altro paragone più consono al Quirinale, Buckingham Palace, dopo i tagli attuati l'altr'anno costa UN SESTO del Quirinale...

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Gio, 29/01/2015 - 17:13

NON SI E' TAGLIATO ABBASTANZA - BISOGNA RIDURRE AL 50% - ALTRIMENTI DARE IN CONCESSIONE A PRIVATI DIETRO CORRISPETTIVO BENI IMMOBILI ED ALTRO SUPERFLUO - IN INGHILTERRA COSTA MENO LA STESSA REGINA ELISABETTA PER NON PARLARE DELLA PRESIDENZA DEGLI STATI UNITI

linoalo1

Gio, 29/01/2015 - 17:26

Ossia,224000:12=18.000 e rotti €uro al mese!Quanti problemi risolverebbero se fossero dati ai veri bisognosi Italiani?Al minimo,almeno 18.000!Lino.

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 29/01/2015 - 17:58

Diciamo che la spesa è relativa visto che gli italiani sono pieni di soldi tanto che il governo legittimo provvede ad alleggerirne adeguatamente le tasche per poi utilizzarli prevalentemente per rallegrare i giorni di prigionia che gli eletti al colle passano per ben sette anni. Quello che fa girare i cosiddetti è il fatto che al momento sono sempre stati eletti individui privi di un grande consenso popolare e solo frutto di accordi e manfrine. Forse è ora di smetterla.

piertrim

Gio, 29/01/2015 - 18:05

Gnam, Gnam, vogliono andare tutti lì per il bene del popolo italiano e di quello extracomunitario.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Gio, 29/01/2015 - 18:49

prima di eleggere il nuovo presidente non potevano fare un bel taglio per i costi del Quirinale? pecoroni, è sempre il popolino che deve tirare la cinghia. Napolitano con la politica si è arricchito.

angelomaria

Gio, 29/01/2015 - 18:54

ALTRO MOTIVO PER NON AVERE PIU KOMPAGNI A PALAZZO CHIGI E SPRRO DI NON DOVERE ESSERE SMENTITO!!!

manolito

Gio, 29/01/2015 - 19:08

con questo sperpero quanti pensionati ,che hanno fatto qualcosa per il paese ,si potrebbero aiutare--no si da soldi a questi presidenti non votati che di utilità e capacità non hanno saputo e voluto fare--il loro lavoro.solo.....quaqquaraquà -sarebbe ora di finire tutto questo

fpellef

Ven, 30/01/2015 - 06:12

questa spending review non vale niente tagli effimeri