Raggi esegue un altro ordine. Dimezzato l'assessore ribelle

Mazzillo scopre da una chat le manovre della sindaca e rimette alcune deleghe. Il diktat arriva da Casaleggio

A Roma c'è solo una mobilità che funziona: è quella di assessori, deleghe, direttori generali. Certo, anche in questo caso la guida può apparire decisamente incerta. Ieri, per esempio, è stato tutto un accelerare e mettere la retromarcia. Andrea Mazzillo, assessore al Bilancio, era già connesso a WhatsApp alle 7.30 di mattina, ma aspettava le 17.17 del pomeriggio per diramare una nota che diceva: «Preso atto, attraverso una chat, dell'intenzione della sindaca di nominare altri due assessori, uno con delega ai Lavori Pubblici, l'altro con delega al Patrimonio e Politiche abitative, senza avermi neanche informato, ho ritenuto di rimettere formalmente a disposizione della sindaca le deleghe attinenti al Patrimonio già da stamattina. Ciò mi consentirà di concentrarmi, con ancora maggiore impegno, per garantire la solidità dei conti di Roma Capitale, in modo così da consentire alla sindaca di attuare il programma di rilancio della Capitale». Però la nota (ufficiale) è come la Canzone intelligente: dice un po' di tutto e un po' di niente. Intanto Mazzillo, con onestà intellettuale che ormai ai suoi appare un vizio, rivela l'esistenza dell'ennesima chat in Campidoglio, consuetudine già fonte di guai nel caso Marra.

Quindi, per la terza volta in quattro giorni, denuncia il clima che si vive in giunta («senza neanche informami») e rimette a Raggi la delega che lei gli ha già sottratto. Infine spiega perché resta al suo posto. Poi torna su WhatsApp e ribadisce: «Resto al mio posto, il presidio dei conti è una garanzia per la sindaca e per la città tutta».

Intanto Davide Casaleggio è sceso un'altra volta a Roma. Il motivo ufficiale è presentare alla stampa estera la nuova piattaforma Rousseau. La verità è che serve la sua presenza in uno dei momenti più critici di Roma Cinque Stelle. L'input dei vertici del Movimento è trovare il modo di estromettere l'ennesimo assessore, «perché fidatevi, Andrea ha le ore contate», dicono dall'entourage della prima cittadina. Ma si chiedono anche: chi c'è dietro? Perché all'improvviso il più «schierato» tra i componenti della giunta cambia radicalmente atteggiamento? È cercando questa risposta che i vertici grillini hanno deciso di «congelare», ma solo per qualche ora, la cacciata di Mazzillo. Lui, in nome della fedeltà al Movimento, ripete di voler restare al suo posto. Resiste, anche alla nomina di Paolo Simioni, nuovo presidente Atac, indicato da Massimo Colomban, il collega più sgradito al titolare del Bilancio. L'assessore, in fondo, ha fatto solo una critica di natura politica, per questo un'epurazione avrebbe avuto un senso nell'Unione delle repubbliche socialiste e sovietiche, decisamente meno in quel che resta della Repubblica italiana.

Pazienza, il metodo Cinque Stelle funziona così, manca solo un pretesto, ma già nel pomeriggio di ieri il modo per far fuori il dissidente appariva chiaro: «Basta leggere l'intercettazione con Raffaele Marra». È stata pubblicata ieri da Repubblica. L'assessore chiede di modificare il bando sul ragioniere generale, vorrebbe un uomo di fiducia. E Marra, non Mazzillo, in un colloquio con il suo vice Gianluca Viggiano, sostiene «già lo sappiamo, vuole uno in comando che arriva da Brescia». L'assessore che ora chiede competenze romane, vuole un collaboratore bresciano? Comunque, alla fine, il ragioniere generale arriverà da Rimini.

È tutto un viavai, nel fango di Roma.

Commenti

titina

Mer, 02/08/2017 - 09:10

Si sa che in Italia governano i diversamente eletti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 02/08/2017 - 09:30

O Roma è ingovernabile, o la Raggi pecca in qualche modo, oppure ancora ci sono poteri occulti di dirigenti che l'hanno governata per decine d'anni addietro. In quest'ultimo caso è impossibile rimuovere un intero apparato che rema contro.

giovanni951

Mer, 02/08/2017 - 10:01

poveretta...non sa che pesci pigliare. Incompetente ed inconcludente....cambi lavoro.

Ritratto di paola2154

paola2154

Mer, 02/08/2017 - 11:46

Penso proprio che Leonida55 abbia ragione in merito all'impossibilità di cambiare le cose. Troppi interessi.

tirex

Mer, 02/08/2017 - 11:55

Cari detrattori anziché guardare alla Raggi che sta facendo i salti per mettere a posto perché non guardate ai delinquenti di quel partito delinquenti che fanno sentire la loro presenza anche dopo essere fuori dal giro? Chi ha steso l'amalgama a loro tanto cara? Non certo il mov 5 stelle o la Raggi! @Tititna: I diversamente eletti sono del pd perché nessuno ha mai approvato per conteggio schede bianche in elezioni! Come lo spiega? Quello che dite diktat è un controllo più approfondito per evitare altri problemi già noti di infiltrazioni mafioso-politiche

TitoPullo

Mer, 02/08/2017 - 12:06

RIPETO : dECRETO DEL GOVERNO DI EMERGENZA,COMMISSARIARE IL COMUNE E DIMISSIONARE TUTTA L'ALTA DIRIGENZA SIA DEL COMUNE CHE DELLE MUNICIPALIZZATE!!!

Fossil

Mer, 02/08/2017 - 12:13

Che la Raggi fosse pilotata non è mai stata una novità. Che il teatrino delle nomine continui ha già stufato. Quando vi decidete a governare? Non vedete in che stato è ridotta la città? Altrimenti andate a casa prima che la rabbia esploda definitivamente.

klucoc

Mer, 02/08/2017 - 15:33

se l'assessore era ribelle andava ridimensionato mi sembra più che giusto non comprendo questa critica alla Raggi

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 02/08/2017 - 16:42

@Paola2154 - grazie per la sintonia di pensiero.

bruco52

Mer, 02/08/2017 - 19:39

Che gente inetta, incapace, pusillanime e codardia alla guida della Capitale d'Italia...il peggio del peggio, peggio anche del pd...il CIO ha destinato a Parigi un miliardo e settecento milioni di euro per organizzare le Olimpiadi del 2024, a cui i grillini hanno opposto il loro duro convinto NO!...con un miliardo e settecento milioni, più i milioni del CONI e dello Stato avrebbero permesso di fare di Roma una vera capitale, ma si sa a Roma ci sono i mafiosi, i corrotti, il magma magna e tutto sarebbe andato a loro, perché i grillini, consapevoli della loro beata inettitudine, non avrebbero potuto opporsi....che teste vuote, anzi di ca@@o...

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Gio, 03/08/2017 - 10:06

Riporto un mio commento di 3 mesi fà: Non riesco ad immaginare cosa succederebbe al nostro Paese se a tirare le fila del governo fossero Grillo e Casaleggio. E con alla presidenza del Consiglio Di Maio?- Una dittatura mascherata da democrazia!!!

gabriella.trasmondi

Gio, 03/08/2017 - 10:08

a suo tempo l'ho votata, ma e solo perché l'alternativa era il pd. E' solo una "bambolina" come bene ha detto De Luca. abbiamo il comico,il figlio del guru, la bambolina......Campa Roma mia che l'erbaccia cresce.

veronica01

Gio, 03/08/2017 - 18:34

L'ambiente è inquinato, gli interessi tantissimi. Non c'è da fidarsi di nessuno. Ci vuole gente oltre che competente anche fedele. Ricordate Bernini, che figuraccia. E poi hanno talmente tante cose e settori sballati, tutti urgenti, da sistemare. La Raggi cerca di distribuire ulteriormente i carichi di lavoro a persone di cui presumibilmente si possa fidare. Fa bene a mandarli via al primo segnale di insofferenza. E' lei che ci mette la faccia, non deve chiedere nulla a nessuno.

zen39

Gio, 03/08/2017 - 19:14

Grillo ha educato i suoi affiliati alle battute teatrali(molto apprezzabili seppure ovvie) che facevano veramente ridere e al tempo stesso riflettere. Ma i suoi allievi non ce la fanno a battere il maestro e quindi il loro scimmiottare fa piangere e compiangere il passato. Un sindaco non può eseguire gli ordini del suo capo politico: è stato eletto dal popolo. Se non è in grado di prendere decisioni se ne vada casa e chieda scusa ai suoi elettori.

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 04/08/2017 - 15:17

Tirex : ammiro la sua casta ingenuità. Lei è uno che ha fede. Anche gli stalinisti erano come lei: avevano fede. Una fede pura , cieca e assoluta. Le risparmio il racconto di come poi sia andata a finire.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 04/08/2017 - 15:53

@tirex: tu nella vita non avrai MAI dei problemi. Beata stupidità!

tonipier

Ven, 04/08/2017 - 16:52

" PERCHE' NON DENUNCIANO L'IMPOSSIBILITA' DI GOVERNARE" Per determinati motivi?... Non sarebbe più onesto fare questo nei confronti di chi l'ha votato?.