Raggi: "Se mi rinviano a giudizio non mi dimetto"

Il sindaco di Roma a Piazza pulita: "Mi atterrò al codice etico, l'ho già detto"

"Non credo di avere nulla da nascondere. Se fossi rinviata a giudizio andrei avanti, dobbiamo lavorare per Roma. Come ho già detto un milione di volte mi atterrò al codice etico, confido di poter spiegare bene le mie ragioni". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ospite di Corrado Formigli a Piazza Pulita su La7.

Commenti

manfredog

Gio, 07/12/2017 - 23:20

..alla faccia della..Piazza pulita..!!..che poi, in questi periodi, tanto pulita non mi pare....ma loro sono diversamente diversi dai diversi e, più che la questione morale, pensano a tirarsi su di morale.. mg.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 08/12/2017 - 05:14

La demogrillina potrebbe andare con Alfano.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 08/12/2017 - 07:54

Bisogna legalizzare il lavoro più antico del mondo per cui le demogrilline possano professare la loro accogliente vocazione previa... ritenuta d'acconto.

opinione-critica

Ven, 08/12/2017 - 12:37

Anche lei deva maturare il vitalizio: più dura più guadagna

Romolo48

Ven, 08/12/2017 - 14:44

Il vostro codice etico è come la fisarmonica: si stringe e si allagare secondo il suonatore. Quelli che bastava un avviso di garanzia (per gli altri) per urlare alle dimissioni. Adesso manco un rinvio a giudizio (per loro) è sufficiente. Brava Raggi, è forse l'unica cosa che hai saputo fare nel tuo mandato: non mollare la sedia qualunque cosa succeda.