Rai, voto unanime del Cda alle deleghe a Monica Maggioni

Aumentano i poteri per i vertici della tv: la presidente di viale Mazzini avrà poteri di spesa fino a 10 milioni di euro (contro gli attuali 2,5 milioni) senza passare per il Consiglio

Monica Maggioni a un convegno a Borgo La Bagnaia (Siena)

È la prima volta del nuovo consiglio d’amministrazione della Rai. Prima riunione ufficiale dopo il cambio di governance. E anche primo voto unanime sul nodo delle superdeleghe al presidente della tv di Stato. Dopo il voto di oggi, infatti, Monica Maggioni, neo numero uno di viale Mazzini, avrà poteri di spesa fino a 10 milioni di euro (contro il budget attuale di 2 milioni e mezzo) che potrà amministrare senza passare per il Cda. Un potere triplicato quello nelle mani dell’ex direttore di Rainews.

Un primo atto della visione (tutta renziana) della nuova Rai. E dopo la stagione targata Gubitosi- Tarantola che, è bene ricordare, fu scelta dal governo tecnico di Mario Monti per guidare la televisione di Stato, la situazione dei poteri affidati al cda sembra invariata: il nuovo presidente e il nuovo dg, Antonio Campo Dall’Orto, intendono affidare ai vertici le nomine non editoriali fino a 10 milioni. Ma c’è di più. Il dg, anzi, l’ad, visto che da subito ha assicurato che si muoverà secondo le norme della riforma della Rai (non ancora entrata in vigore), vorrebbe lasciare nelle mani dei vertici anche le nomine editoriali ovvero direzioni di rete e direttori di testata. Un’idea che di certo non entusiasma il cda di viale Mazzini e che, almeno al momento, resterà tale visto che la legge Gasparri non lo consente. E, chi la Rai la conosce bene, sa che sul balletto delle deleghe si gioca tutto. Chissà se risuleranno fondati i dubbi che già aleggiano tra i consiglieri. Anche del Pd.

Commenti

i-taglianibravagente

Mer, 02/09/2015 - 16:06

Con questa qui arriveremo a cose mai viste alla rai. Avremo i telegiornali con la voce sintetica tipo quelli dei moderni annunciatori delle stazioni ferroviarie.....ma non sara' piu' il telegiornale come lo abbiamo visto finora...vecchio...saranno piu' servizi tipo previsioni del tempo....tanti, tantissimi articoli sul meteo.....e forse, anche un po' di sport.

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mer, 02/09/2015 - 16:19

Forse non sarà una morbida, ma non è una stupida. E' cresciuta in Rai. Ha frequentato dal 1992 al 1994 la scuola di giornalismo Rai di Perugia. Entrata in Rai successivamente non ha mai tradito per denaro come il suo collega Floris, anche lui di quel corso di giornalismo Rai, Rai che l'ha sfamato bene per venti anni. Almeno la Maggioni non è un dg che viene da altre aziende totalmente diverse come i precedenti.

Ritratto di hermes29

hermes29

Mer, 02/09/2015 - 18:13

Invece di risparmiare si allarga la loro borsa. E' cresciuta in Rai? Cosa ci andata a fare al Bilderberg? Troppe cose non tornano. Qui alcuni nomi italiani che negli anni hanno partecipato, se poi fate una ricerca vedrete cosa ci hanno guadagnato: TINA ANSELMI,CARLO SARTORI,NINO ANDREATTA,GIORGIO BENVENUTO,ROMANO PRODI,BARBARA SPINELLI,VIRGINIO ROGNONI,MARIO MONTI,GIOVANNI SARTORI,ANTONIO MACCANICO,TOMMASO PADOA SCHIOPPA LUIGI SPAVENTA GUIDO CARLI, CARLO AZEGLIO CIAMPI RAUL GARDINI,FRANCO REVIGLIO,CESARE ROMITI, FILIPPO MARIA PANDOLFI, GIAMPIERO CANTONI,GIANNI DE MICHELIS,SERGIO ROMANO,"MARCO TRONCHETTI PROVERA, FRANCO BERNABÈ ALESSANDRO PROFUMO,MARIO DRAGHI, WALTER VELTRONI CARLO ROSSELLA, EMMA BONINO, GIULIO TREMONTI, RODOLFO DE BENEDETTI CORRADO PASSERA ROBERTO, POLI FERRUCCIO, DE BORTOLI, LUCIO CARACCIOLO, IGNAZIO VISCO, JOHN ELKANN, LILI GRUBERE, ENRICO LETTA, GIORGIO NAPOLITANO. Non esiste Silvio Berlusconi

filder

Mer, 02/09/2015 - 18:27

Spero che la nuova dirigenza RAI vorrà cambiare veramente pagina: basta con i vai Benigni Morandi Berlinguer e metusalemmi del passato remoto la gente non ne può vedere sempre le stesse baggianate già viste mille volte e stop ai contratti milionari con i soldi del canone.

i-taglianibravagente

Mer, 02/09/2015 - 20:06

Si ma la presidente della rai, cioè cultura e soprattutto INFORMAZIONE non può essere un'ACCOLITA, una SODALE del bilderberg. Fermo restando che la competenza è assolutamente superiore alla media, non c è dubbio.