Referendum, lotta sul quesito Ricorso al Tar, il Colle replica

A presentare il ricorso M5S e Sinistra Italiana: "La domanda è ingannevole e potrebbe confonde gli elettori"

Scatta il ricorso al Tar. "Il quesito così formulato finisce per tradursi in una sorta di spot pubblicitario, tanto suggestivo quanto incompleto e fuorviante, a favore del Governo che ha preso l’iniziativa della revisione e che ora ne chiede impropriamente la conferma ai cittadini, che non meritano di essere ingannati in modo così plateale". Così gli avvocati Enzo Palumbo e Giuseppe Bozzi (che attualmente difendono i ricorrenti messinesi dinanzi alla Consulta nel giudizio per l’incostituzionalità dell’Italicum), motivano il ricorso al Tar contro la scheda per il referendum costituzionale del 4 dicembre. I due legali lo fanno nella loro qualità di elettori e di esponenti del Comitato Liberali x il NO e del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, e i senatori Vito Claudio Crimi (Mov5Stelle) e Loredana De Petris (Sinistra Italiana-SEL), anche nella loro qualità di delegati di un gruppo di senatori richiedenti il referendum costituzionale oppositivo. Il motivo del ricorso è abbastanza chiaro e punta proprio su come è formulata la domanda. I ricorrenti lamentano che il quesito predisposto dal Quirinale "non tiene conto di quanto stabilito dall’art. 16 della legge 352-1970, secondo cui, quando si tratti di revisione della Costituzione, il quesito referendario deve recare la specifica indicazione degli articoli revisionati e di ciò che essi concernono". Il quesito referendario "predisposto dagli Uffici del Quirinale, su proposta del Governo, oltre a non specificare quali siano gli articoli della Costituzione interessati dalla riforma, alcuni dei quali ben più importanti di quelli citati (come la nuove modalità di elezione del Presidente della Repubblica e dei Giudici costituzionali di derivazione parlamentare), si limita invece a riprodurre il titolo del ddl di revisione, che, assieme al corretto ma insufficiente riferimento ad alcuni istituti incisi dalla revisione, riporta impropriamente anche una presunta finalità della legge (il c. d. contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni), che non trova specifico riferimento in alcuna delle norme revisionate, potendone semmai essere una conseguenza, neppure certa e comunque irrisoria".

Poi Crimi rincara la dose: "Il testo del quesito, infatti, contrariamente a quanto previsto dall’art. 16 della Legge n. 352 del 1970 non specifica l’indicazione degli articoli oggetto di revisione e di ciò che essi concernono e risulta, pertanto, palesemente ingannevole per i cittadini. Quindi vista dunque, la delicatezza della materia oggetto del referendum, ovvero la nostra Costituzione ed i nostri diritti fondamentali, è necessario modificare il testo inserito sulla scheda di votazione che è totalmente fuorviante dalla realtà e rappresenta per i cittadini una vera e propria truffa" spiega il portavoce M5s al Senato. Insomma il quesito referendario potrebbe subire qualche modifica qualora il Tar dovesse accogliere l'istanza. Infine a M5s e Sinistra Italiana risponde il Qurinale: "In relazione a quanto affermato in una nota di ricorrenti al Tar Lazio, in cui impropriamente si attribuisce alla Presidenza della Repubblica la formulazione del quesito referendario, negli ambienti del Quirinale si precisa che il quesito che comparirà sulla scheda è stato valutato e ammesso, con proprio provvedimento, dalla Corte di Cassazione, in base a quanto previsto dall’art 12 della legge 352 del 1970, e riproduce il titolo della legge quale approvato dal Parlamento". E sulla stessa linea del Colle si schiera il premier Matteo Renzi: "Sapete chi ha deciso il quesito sulla scheda per il referendum? La legge italiana. Non lo dite a quelli del Comitato del No, potrebbero restarci male. È una decisione della legge. Noi intitoliamo una legge e loro potevano emendarla: hanno fatto 84 milioni di emendamenti, ma il titolo andava bene a tutti. Noi abbiamo raccolto le firme per il referendum, ma anche il Comitato del No lo ha fatto. Volete sapere su quale quesito quelli del No hanno raccolto le firme? Lo stesso", ha aggiunto Renzi.

Commenti

Ketall

Mer, 05/10/2016 - 13:11

E si dovevano aspettare i sinistri per far sta cosa?? Noi qua a DIRE no no no....ma i FATTI?? Solo quelli contano! Ma svegliamoci! Come pure il rimborso elettorale....i NOSTRI lo hanno acchiappato senza dire nulla, contrarissimi, aboliamolo...a PAROLE. VOGLIAMO I FATTI!!! VOTI, LEGGI, RINUNCE, ETC...I VOSTRI VOLTAFACCIA NON LI REGGO PIU!!

agosvac

Mer, 05/10/2016 - 13:20

In effetti il quesito dovrebbe essere semplificato al massimo: siete d'accordo con la riforma Boschi/Renzi??? SI' o NO?????

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 05/10/2016 - 13:25

DOMANDA: . RISPOSTE: , oppure

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 05/10/2016 - 13:48

La realtà è che la politica non si preoccupa affatto di far conoscere al popolo che vota quali siano in concreto le modifiche apportate alla costituzione. In un paese serio il governo metterebbe in rete il testo della norme modificate o abrogate con a fianco di ciascuna norma il testo modificato, evidenziando le modifiche in neretto. Inoltre i due testi potrebbero essere stampati e venduti a pochi centesimi nelle edicole. Troppo, naturalmente, per Boschi e Renzi che certamente hanno ben altro da fare.

Luigi Fassone

Mer, 05/10/2016 - 13:51

Lui e lei,che vogliono a forza fare immischiare i magistrati nel potere esecutivo,evidentemente sono convinti che gli italiani siano tutti capre o caproni,ma senza un briciolo di cervello . I 5Stelle poi,comandati a bacchetta da uno zazzeruto che tiene tutta la sua spazzatura in casa...

vince50_19

Mer, 05/10/2016 - 13:56

Art. 16. (..) Il quesito da sottoporre a referendum consiste nella formula seguente: "Approvate il testo della legge di revisione dell'articolo... (o degli articoli...) della Costituzione, concernente... (o concernenti...), approvato dal Parlamento e pubblicato - nella Gazzetta Ufficiale numero... del... ?"; ovvero: "Approvate il testo della legge costituzionale.. concernente... approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero... del... ?".» - Il quesito non viola smaccatamente la legge predetta, però avrebbe dovuto essere più asettico, c'è qualche indicazione di troppo che cela un interesse governativo. Avrebbe dovuto essere come quello del 2006 « Approvate il testo della Legge Costituzionale concernente 'Modifiche alla Parte II della Costituzione' approvato dal Parlamento e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 18 novembre 2005? » Non avrebbero potuto contestare alcunché in questo secondo modo. Comunque staremo a vedere..

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 05/10/2016 - 13:58

DOMANDA: "sei d'accordo su questa riforma ingarbugliata della costituzione?" . RISPOSTE: "si, sono d'accordo" ... oppure ..."no, non sono contrario"

Lorenzo Cafaro

Mer, 05/10/2016 - 14:10

E così si chiamano arbitri i magistrati, un ordine e non un potere. Il danno e la beffa. Questi sono impiegati pubblici che si arrogano diritti non loro. Si o No, domande giuste o becere, le decide l'elettore, altro che TAR e magistrati. Ora che si va finalmente a votare. E, se permettete, Renzi non c'entra. Voterò si o no per la modifica. Altrimenti siamo a livello dei compagni.

albero_a_cammes

Mer, 05/10/2016 - 14:13

Ma, il quesito qual'e? Se gli elettori non meritano di essere ingannati in modo cosi' plateale, i lettori meritano di essere informati??

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 05/10/2016 - 14:17

Come non ritenere che abbiamo già un governo oligarchico? Mi meraviglio come un Referendum così confusionario, in cui sono stati inseriti numerose proposte sia confermative che abrogative l'una differente dall'altra, sia stato approvato dalla Corte Costituzionale. Se non è questa dittatura...

albero_a_cammes

Mer, 05/10/2016 - 14:29

Vuoi il contenimento dei costi della politica? Se si tratta di questo e' letteralmente assurdo, ma si sa', ogni popolo ha i politici che si merita.

coccolino

Mer, 05/10/2016 - 14:44

I sinistri sono sempre ambigui, dovrebbero averlo capito tutti, anche i sinistri stessi.

g-perri

Mer, 05/10/2016 - 14:50

Quello attuale non è un quesito referendario bensì uno slogan da televendite alla Vanna Marchi

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 05/10/2016 - 14:54

Pienamente d'accordo con il ricorso. Vedremo da che parte stanno i giudici. La truffa mi sembra così eclatante, che non serve un magistrato per appurare la bontà del ricorso. Sembra così tutto evidente. Ma purtroppo non mi fido di nessuno, nè governo, nè giustizia, fino a prova contraria mi hanno dato la dimostrazione di non assicurarmi, nei fatti,una vera giustizia.

COSIMODEBARI

Mer, 05/10/2016 - 15:03

Solo qualche modifica?..DEVE essere riscritto in toto. Punto!

COSIMODEBARI

Mer, 05/10/2016 - 15:11

Praticamente non è cambiato nulla tra il napoletano ed il siciliano al Quirinale/Colle...firmano ad occhi bendati e ad orecchi piene di cera per non vedere e non sentire solamente il Popolo Italiano

moichiodi

Mer, 05/10/2016 - 15:12

insomma questa riforma è stata discussa e votata in commissione e in parlamento. ora moltissimi di quelli che l'hanno votata vogliono spiegare perchè non gli va più bene? che è legittimo cambiare idea, ma dire il perchè è il minimo.

Ritratto di .ginaDafrascati...

.ginaDafrascati...

Mer, 05/10/2016 - 15:21

M5S UNICA Opposizione al REGIME PDUISTA

VittorioMar

Mer, 05/10/2016 - 16:06

...con la speranza che il TAR si pronunci prima del 4 DICEMBRE di quest'anno!!

dalo49

Mer, 05/10/2016 - 16:18

FINALMENTE GLI ITALIANI SI SONO SVEGLIATI .. SPERIAMO CHE IL BULLO DI FIRENZE NON ABBIA QUALCHE SANTO CHE METTE UNA PAROLINA PER SISTEMARE TUTTO A SUO PIACIMENTO ..CONFIDA UN PO TROPPO NELLE SUE CAPACITà DI MAGO MERLINO PENSANDO CHE LA GENTE E' STUPIDA ...ADESSO BASTA CON I GIOCHI DI PRESTIGIO SULL'IMMIGRAZIONE , SUL PONTE, SUI BONUS ,SULLE BANCHE , SUI BILANCI DELLO STATO , SU L EUROPA .... DEVE ANDARE VIA IL PIU' LONTANO POSSIBILE DALL'ITALIA E PORTARE CON SE I SUOI FEDELISSIMI COMPAGNI DI MERENDE , SONO TUTTI INDECENTI E INDESIDERATI ....

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 05/10/2016 - 16:39

VOTATE QUELLO CHE CAPITE O VI E' CHIARO ALTRIMENTI NON FATELO, SEMPLICE NO ? NON SIETE OBBLIGATI A PERDER TEMPO NON FATEVI INGANNARE DAI POLITICI CHE VIVONO ALLE VOSTRE SPALLE, CON I VOSTRI SOLDI E VI RIEMPONO DI IMMIGRATI SENZA NOME, CULTURA E CIVILTA', METTENDO IN PERICOLO LO STESSO POPOLO.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 05/10/2016 - 16:42

Bravo l'uomo del colle! Pilato non avrebbe potuto far meglio! Sbaglio oppure l'uomo del colle é magistrato?? sbaglio oppure é lui secondo il dettato costituzionale il Presidente del CSM?? Quindi risponda se il quesito é o non é conforme al dettato della legge e se non lo é spieghi perché non é intervenuto!

edofoto

Mer, 05/10/2016 - 16:46

ha imparato a esprimere un'opinione il signore del colle più alto ? Forse no l'avrà dettata il bulletto di firenze....

Eraitalia

Mer, 05/10/2016 - 16:47

Come si può concepire un quesito referendario siffatto senza pensare che sia uno spot pubblicitario per renzi? Forse solo al Colle sta bene,oltre certo alla boschi renzi ed amici vari.spero nella iniziativa dei m5s . Mi sembra strano che non aderiscano alla stessa iniziativa anche le opposizioni ora che la strada è segnata

michetta

Mer, 05/10/2016 - 16:48

Riassumiamo. Quello, che sta al Quirinale, e' stato eletto da quelli, che stanno al Parlamento, che a loro volta sono stati messi li, dal napoletano comunista, che ha fatto Presidente del Consiglio, anche questo pinocchio toscanaccio. Da tutti questi, sono nati, la Corte Costituzionale, gli Organi della Magistratura di sinistra e di destra, gli alti gradi delle Forze Armate e di Polizia. E noi, vorremmo che il POPOLO SOVRANO capisca e comandi qualcosa? Noi, Popolo Sovrano, non capiamo, ne' comandiamo un caxxo!

cgf

Mer, 05/10/2016 - 16:48

keAssist

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 05/10/2016 - 16:54

"Ingannevole" è un efemismo......

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 05/10/2016 - 17:05

FIGURIAMOCI SE IL MANICHINO OSA FARE UNO SGARBO AL BUFFONE.

linoalo1

Mer, 05/10/2016 - 17:05

E' ovvio che il Quesito Referendario,non può cambiare!I Sinistrati,ossia Renzi,hanno speso un mucchio di soldi affinché,Qualcuno,trovasse come porre la domanda che prevedesse una ovvia Risposta,ossia il SI!!Renzi,altrimenti,non si sarebbe mai sbilanciato a promettere le sue Dimissioni nel caso di vittoria dei NO!!!Comunque sia,poichè il Voto è Libero,ognuoo voti come vuole,purchè dopo opportuno ragionamento!!!Attenti,però,dopo un po',di non voler piangere sul Latte Versato!!!!Quindi,pensate bene a quello che fate!!!Vi ricordo anche siamo già in un SINISTRO REGIME e che,perciò,sarebbe deleterio rinforzarlo!!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 05/10/2016 - 17:09

A me fa specie che a presentare ricorso sia,a parte i 5s, la sinistra.Il quesito, cosi come posto,indurrebbe i poco esperti a votare si pensando solo ad un ipotetico contenimento dei costi della politica,quando è arcinoto il vero intento di questa riforma truffaldina,ossia assicurare la poltrona e relativi vitalizi ai soliti noti.

Totonno58

Mer, 05/10/2016 - 17:11

Una pagliacciata collettiva...a Dio piacendo, mi organizzo un week end per quei giorni.

Rodolfo89

Mer, 05/10/2016 - 17:11

DOBBIAMO MANDARE A CASA IL SIGNOR RENZI CON TUTTI I SUOI COMPARI !

Ritratto di _alb_

_alb_

Mer, 05/10/2016 - 17:11

Il 'colle' chi? La mummia messa lì dallo stesso Renzi?

wintek3

Mer, 05/10/2016 - 17:12

non si può spiegare un quesito referendario di così grande importanza sulla scheda del referendum, a spiegare le due posizioni ci penseranno i vari politicanti protagonisti nei talk show. Sulla scheda ci dovrebbero essere solo le persone di riferimento di chi ha proposto/votato la legge. Perchè è questo che conoscono i cittadini, se poi vorranno capire meglio i dettagli guarderanno i vari programmi dedicati

frabelli1

Mer, 05/10/2016 - 17:13

Secondo me, i cittadini capiscono molto meglio ciò che recita un articolo, piuttosto che un misero numero con codicilli, non vedo problemi di sorta. I cittadini, non conoscono gli articoli e loro derivati, ma se vengono scritti o come titolo o come sunto, allora è molto più chiaro e comprensibile. Stanno mestando nel fango.

Fjr

Mer, 05/10/2016 - 17:15

Alla fine avremo come soluzione il solito italico casino ,nessuno capirà nulla e navigheremo tutti a vista senza cogliere l'importanza del significato di quel SI o quel NO che andremo a barrare

flip

Mer, 05/10/2016 - 17:46

è comunque un referendum non valido sotto tutti gli aspetti. primo: il renzi ed il codazzo non sono stati eletti dal popolo, secondo il Pre della Rep. non è stato eletto dal popolo in quanto il parlamento è finto e falso quindi non ha alcuna autorità e potere. la consulta chi la elegge? qualunque sia la forma della formula del referendum votiamo NO! è forse l'unica occasione che abbiamo per dare un calcio in quel posto (non dietro) al bufalo ed alla congrega.

Gianfranco__

Mer, 05/10/2016 - 17:52

ovviamente se ne accorgono adesso, prima neppure la fatica di leggerlo, troppo impegnati a insultare gli altri per chiedere la modifica di ciò che il parlamento aveva esposto ed approvato. Capre.

elio2

Mer, 05/10/2016 - 17:56

Il comunismo è nato da un concetto confusionario, rincorrendo una strampalata ideologia che ovunque imposta, mai in modo democratico, ha sempre fallito, può esistere solo tra i parassiti e ignoranti, la meritocrazia non esiste, ma impera nepotismo e interessi di partito, sono più di 70 anni che pigliano per il lato b i loro stessi sostenitori confidando, a ragione che non possono ragionare con la propria testa e i risultati si vedono tutti in questa modifica arbitraria della costituzione, dove un qualsiasi bambino dell'asilo avrebbe fatto meglio.

19gig50

Mer, 05/10/2016 - 23:50

Avremo mai un presidente come si deve?

conviene

Gio, 06/10/2016 - 06:37

Il Presidente della repubblica che fa applicare le leggi gioca allo scaricabarile. Perfetto. Non sapevo che il suo compito fosse quelle di far e di disattendere le leggi.

vince50_19

Gio, 06/10/2016 - 07:33

Totonno58 - Niente di che però i referendum costituzionali non hanno quorum.