Il "regalo" di Bersani: 30mila euro alla segretaria

L'assegno dell'allora ministro sarebbe un maxi rimborso spese. Il gup: tutto ok

Zoia Veronesi, segretaria di Pier Luigi Bersani

Quand'era ministro dello Sviluppo economico nel secondo governo di Romano Prodi, Pier Luigi Bersani regalò alla sua segretaria Zoia Veronesi 30mila euro. Tra compagni si usa così: lavori per il capo? Hai bisogno di un rimborso spese? Paga lui, di tasca sua, con un bell'assegno tracciabile in modo che il compagno Visco non abbia nulla da dire. E perché paga Bersani invece che il ministero per il quale lavoravano lui e la sua segretaria? Come ha avuto quella somma che farebbe la gioia di tanti italiani che tirano la carretta? E la signora Veronesi, li avrà regolarmente denunciati pagandoci le tasse? Ci sono scontrini, fatture, giustificativi?

Le domande fioccano nel leggere le motivazioni della sentenza del gup di Bologna Letizio Magliaro che, lo scorso luglio, ha assolto Zoia Veronesi dall'accusa di truffa aggravata in concorso con Bruno Solaroli, ex capo di gabinetto di Bersani quand'era presidente della regione Emilia Romagna. Zoia Veronesi è la storica segretaria dell'ex leader Pd. Quando Bersani andò al governo (1996-2001 e poi 2006-2008), la signora prese aspettativa dalla Regione per seguire il ministro. Tuttavia dopo la sconfitta elettorale ella non tornò a Bologna, ma rimase a Roma fino al 2010 dove la Regione, nonostante avesse da anni un ufficio di rappresentanza, l'aveva lasciata come «raccordo con il Parlamento».

Il sospetto della procura di Bologna era che quell'incarico fosse fittizio perché Veronesi in realtà lavorava per Bersani stipendiata dalla regione (140mila euro in due anni). Da qui l'accusa di truffa. Il gup non nega che Zoia Veronesi fosse l'ombra del leader: la signora infatti si è «relazionata alle attività poste in essere dall'onorevole Bersani e dal partito di riferimento» ma lo ha fatto «in termini di contributo volontario e nel tempo libero» senza incompatibilità «con lo svolgimento dell'attività lavorativa a lei richiesta».

Ma dalle motivazioni spunta questa sommetta versata nel 2007 mentre Zoia Veronesi lavorava al ministero in aspettativa dalla regione. «La Veronesi - scrive il gup - ha giustificato tale assegno spiegando che si trattava di una somma regalatale dall'uomo politico a ristoro delle spese sostenute negli anni in cui aveva lavorato precedentemente a Roma» come segretaria del ministro.

Ci sono riscontri per confermare che sia stato proprio un rimborso spese? Il gup ammette che è impossibile «affermare con certezza a che titolo la somma sia stata corrisposta all'imputata, non potendosi peraltro escludere che fosse volta a coprire effettivamente spese ulteriori sopportate dalla Veronesi nel periodo in cui aveva svolto funzioni da segretaria dell'on. Bersani». Non può affermarlo, ma neppure escluderlo. E vuoi che la brava signora Zoia non fosse riconoscente verso un tale benefattore e non lavorasse per lui come «contributo volontario» e «nel tempo libero» come alla festa dell'Unità?

 

Commenti
Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 07/10/2014 - 14:57

E' questo che intendevo in un altro commento. La capacità di indurre alcuni magistrati a perseguire i nemici ed esse indulgenti (per non dire conniventi) con gli amici. Qualcuno mi saprebbe dire come sono finite tutte le accuse mosse a Penati? Non è che Corona sta ancora in carcere perché ebbe l'ardire di fotografare qualcuno che andava a trans?

tormalinaner

Mar, 07/10/2014 - 15:05

Bersani ha pagato il "pizzo" per il suo silenzio!! I soliti comunisti che predicano bene e razzolano male.

Paolino Pierino

Mar, 07/10/2014 - 15:24

Una delle innumerevoli frequenti porcate tutte ruberie immani alla faccia dei cittadini che, salvo chi vota PD, non sono fessi ne teste di czz.La cosa vomitevole oltre a voler farci passare per fessi è che la magistratura si allinea adeguandosi con sentenze e pareri che gridano vendetta. Un padre regala al figlio il motorino valore 2000/3000 Euro e il fisco gli chiede dove hai preso i danari? Sono documentati i pagamenti con CC? Non valgono ne assegni ne contanti Hai pagato le imposte su quanto regali?? Perché lo hai regalato? Si potrebbe ravvisare il reato di donazione onerosa. Hai la fattura o lo scontrino fiscale? Per le caste non vale nessuna regola come per i mafiosi godono dell'immunità da ogni sotterfugio o porcheria che commettono .

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 07/10/2014 - 15:49

Non sono riuscito a leggere fino in fondo: mi venivano le convulsioni per la rabbia. 30 milioni a spese dei contribuenti? 30 mila euro pari a 60 milioni delle vecchie lire senza "pezze" giustificative? Queste sono le Regioni, che spendono senza alcun controllo? Questo è il sistema della casta al potere? Siano rivalutati Craxi ed i vecchi ladroni, quelli in fondo erano "ladri onesti"! E la magistratura assolve? E l'ex capo del PC-PDS-DS-PD può continuare a circolare con tutti gli onori come se NULLA fosse avvenuto? Sono profondamente schifato da un sistema del genere, INACCETTABILE.

Duka

Mar, 07/10/2014 - 15:56

Beh se sono soldi SUOI può fare ciò che vuole, ma se sono pubblici in uno stato di diritto VERO va in galera.

Giorgio1952

Mar, 07/10/2014 - 15:59

Paolino Pierino cosa ci dici delle "ricevute" per le vacanze di Formigoni, di quelle per l'affitto della casa di Tremonti, dei soldi in nero di Verdini, dove sono le ricevute del ragiunat Spinelli per le paghette delle olgettine per conto del vostro "lader"!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 07/10/2014 - 16:00

Le mutande verdi del leghista Cota costavano meno di trentamila euro, pur essendo comprate anch'esse con denaro pubblico. Ma i magistrati inquirenti hanno un debole per Bersani, forse per la sua precisione contabile del "Non sono noccioline". Anzi, dopo che il Lusi fu colto con le mani nella marmellata, essi sembrano proprio in torta con lui. Specialmente quelli irriducibilmente "democratici": pensiamo a quel che sembra un avviamento alla prostituzione detto "Scouting", così come segnalato dal fenomenale Battiato. Morale: quando lo sterco monta in scranno o che puzza o che fa danno.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 07/10/2014 - 16:01

Correggo, ma avevo perso il controllo. Non sono riuscito a leggere fino in fondo: mi venivano le convulsioni per la rabbia. 30 MILA euro a spese dei contribuenti? 30 mila euro pari a 60 milioni delle vecchie lire senza "pezze" giustificative? Queste sono le Regioni, che spendono senza alcun controllo? Questo è il sistema della casta al potere? Siano rivalutati Craxi ed i vecchi ladroni, quelli in fondo erano "ladri onesti"! E la magistratura assolve? E l'ex capo del PC-PDS-DS-PD può continuare a circolare con tutti gli onori come se NULLA fosse avvenuto? Sono profondamente schifato da un sistema del genere, INACCETTABILE.

moshe

Mar, 07/10/2014 - 16:01

maxi rimborso spese!!! e ci viene a raccontare che la Zoia avrebbe anticipato spese per una cifra simile? Bersani, come va il cervello?

BlackMen

Mar, 07/10/2014 - 16:33

02121940: scusi se mi permetto, indipendentemente dalle ragioni di tale dazione è scritto a chiare lettere nell'articolo che i 30.000 euro sono stati dati con un assegno tracciabile direttamente da Bersani di tasca propria e non a spese dei contribuenti...ora può riprendere il controllo dopo questa rivelazione! :-)

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mar, 07/10/2014 - 16:35

I compagni hanno sempre ragione.

MarcoE

Mar, 07/10/2014 - 17:03

Che bella gente!

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 07/10/2014 - 17:05

Caro Giorgio1952, ogni volta che esce una notizia di abuso dei miei soldi, sono anche i miei ed i tuoi sai, io vado in bestia. Per te per consolarti basta pensare alle ruberie degli altri. Di loro, nel loro momento ne abbiamo ampiamente parlato. Permetti che mi incazzo anche per Bersani ed i suoi abusi?

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 07/10/2014 - 17:22

@giorgio1952 lei sarà, come dicono altri, caro ma, per me, proprio no; lei è il tipico comunista del cazzo (ma non se la prenda anche i suoi compagni sono cosi) che evita di rispondere e pensa agli altri; se il ladro è uno della sua combriccola allora cerca di attaccare (e non nego non ce ne siano i motivi, la controparte; che pena

marvit

Mar, 07/10/2014 - 18:07

BlackMen. "Di tasca propria e non a spese del contribuente" ???? AH!!AH!!AH!! Che bella barzelletta....scommetto che credi ancora a Babbo Natale e alla fata turchina. Va a fare la calzetta,và.

cast49

Mar, 07/10/2014 - 18:12

Il gup ammette che è impossibile «affermare con certezza a che titolo la somma sia stata corrisposta all'imputata, non potendosi peraltro escludere che fosse volta a coprire effettivamente spese ulteriori sopportate dalla Veronesi nel periodo in cui... CHE BRAVO QUESTO GUP, NEVVERO? SONO KOMUNISTI E GLI VA SEMPRE BENE...

angelomaria

Mar, 07/10/2014 - 18:21

COME VOLAVASI DIMOSTRARE!!!

angelomaria

Mar, 07/10/2014 - 18:22

POI PARLANO DI RAPPORTI STATO MAFIA?????

angelomaria

Mar, 07/10/2014 - 18:23

ALLA FACCIA DEL FAVORINO!!!

angelomaria

Mar, 07/10/2014 - 18:24

E QUI QUALSIASI NORMALE PERSONA SI CHIEDEREBBE I SOLDI DI CHI????

Giorgio1952

Mar, 07/10/2014 - 18:39

lettore57 io non so cosa è lei, so quello che sono io : mai avuto tessere di partito e mai stato comunista. Io non giustifico nessun ladro, mi pare però che nell'articolo si dica che Bersani "Paga lui, di tasca sua, con un assegno tracciabile in modo che il compagno Visco non abbia nulla da dire", inoltre leggo sempre sul vostro giornale che il "gup di Bologna Letizio Magliaro lo scorso luglio, ha assolto Zoia Veronesi dall'accusa di truffa aggravata"!!! Sono d'accordo invece con gabrichan46, anch'io mi incazzo se ci sono abusi da qualunque parte vengano perpetrati, il mio commento era rivolto a chi insulta sempre gratuitamente gli avversari, cito testualmente, perché "salvo chi vota PD, non sono fessi ne teste di czz"! Cordialità

Giorgio1952

Mar, 07/10/2014 - 19:19

lettore57 io non so cosa è lei, so quello che sono io : mai avuto tessere di partito e mai stato comunista. Io non giustifico nessun ladro, mi pare però che nell'articolo si dica che Bersani "Paga lui, di tasca sua, con un assegno tracciabile in modo che il compagno Visco non abbia nulla da dire", inoltre leggo sempre sul vostro giornale che il "gup di Bologna Letizio Magliaro lo scorso luglio, ha assolto Zoia Veronesi dall'accusa di truffa aggravata"!!! Sono d'accordo invece con gabrichan46, anch'io mi incazzo se ci sono abusi da qualunque parte vengano perpetrati, il mio commento era rivolto a chi insulta sempre gratuitamente gli avversari, cito testualmente, perché "salvo chi vota PD, non sono fessi ne teste di czz"!

cgf

Mer, 08/10/2014 - 10:02

Zoia Veronesi ha quindi il dono dell'ubiquità, poteva essere aRRoma e contemporaneamente aBBologna per svolgere il lavoro per cui è stata pagata. Facciamola santa subito allora.