Religione cattolica bandita dalle sale: "Censurato il film Dio non è morto"

Era in programma al cinema Apollo di Milano. La produzione: "Brutto episodio". Gli organizzatori: "Un equivoco"

Durante ogni proiezione, in sala si sono presentate più di 80 persone. La pellicola è piaciuta, parecchio. Ma, a sorpresa, l'ultimo appuntamento è saltato. «Questo è un boicottaggio» denunciano i produttori. «È semplicemente un errore - si giustificano i gestori del cinema - La sala ci serve per un'altra anteprima». Nulla di particolarmente strano se in ballo ci fosse un film qualunque. Qualche amarezza in più invece se si parla di una pellicola che affronta la delicatissima tematica del rapporto tra religione e scienza. Il film in questione è «God's not dead» (Dio non è morto), in programma al cinema Apollo di Milano e lanciato dalla «Dominus production».

Una trama intimista e delicata che racconta la storia (vera) dello studente Josh e del suo docente di filosofia che nega l'esistenza di Dio e sostiene che ogni religione sia un'inutile superstizione. Josh non accetta la negazione della fede e ne nasce una riflessione profonda e interessante. Che porta a un atto di fede, all'impossibilità di negare Dio. «Evidentemente quello che abbiamo affrontato è un tema scomodo, soprattutto in questo periodo - sostiene l'amministratrice della società Dominus production, Federica Picchi - È una tematica che dà fastidio ma non possiamo accettare questa censura. Al di là degli accordi e delle penali se non vengono rispettati, ci ferisce il boicottaggio culturale in atto».

«Non si tratta in alcun modo di censura - tiene a precisare Sergio Oliva, responsabile della programmazione del cinema Apollo - Per errore abbiamo accavallato due impegni e la sala è stata prenotata per un'anteprima. Salta quindi solo l'ultima proiezione del film. Non c'è stato nessun problema di altro tipo».Maria Sorbi

Commenti

killkoms

Sab, 26/03/2016 - 09:39

è il minimo che può capitare quando un pontefice lava i piedi agli islamici!

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 26/03/2016 - 09:52

Posso anche accettare l'idea che è impossibile negare l'esistenza di dio; ma prima bisogna dimostrarne l'esistenza, il che, a dir poco, è piuttosto problematico..non ci sono prove concrete in merito!

Beaufou

Sab, 26/03/2016 - 10:27

@gammasan: e se lasciassimo che ciascuno si dimostri da sè l'esistenza o l'inesistenza di Dio, e la pensi come crede meglio, senza pretendere prove e controprove, non sarebbe tutto più semplice?

rossini

Sab, 26/03/2016 - 10:35

Io l'ho visto. È un film splendido che consiglio a tutti di vedere. E a Silvio Berlusconi consiglio di acquistarlo e trasmetterlo sulle sue reti. Gli farà conquistare audience e voti.

francab

Sab, 26/03/2016 - 10:38

gammasan: appunto e allora che male vi facciamo? siamo solo poveri illusi

Axel01

Sab, 26/03/2016 - 10:39

Risposta per Gammasan: Dio si manifesta nel creato, con le sue energie e le sue leggi. Ma se vuoi conoscerlo da vicino devi essere tu a cercarlo. Se cerchi Dio o l'Assoluto Egli si farà trovare, altrimenti non interferirà con la tua indipendenza. Rispettosi saluti.

Ritratto di MelPas

MelPas

Sab, 26/03/2016 - 11:00

Io non avrei censurato il film, ma quei terroristi del governo che ogni giorno stanno calpestando i nostri valori Cristiani. Si parla anche di destinare l’8 per mille per la costruzione delle moschee, va benissimo, cosi quello che loro fanno ai cristiani gli sarà restituito, chiudere le porte dall'esterno e..... MelPas.

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 26/03/2016 - 11:13

@Axel01 ma che vai dicendo, ma che parli come Renzi? Parole, parole, parole..

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 26/03/2016 - 12:04

Strumentalizzazione tipica dei cattolici integralisti. Non e` stato CENSURATO, hanno solo annullato una delle tante proiezioni per un errore nelle prenotazioni della sala. Comunque un'ottimo mezzo pubblicitario: geniale. Deve essere stata un'ispirazione divina. Impagabile poi l'intervento di ROSSINI, che suggerisce a Berlusconi di trasmetterlo per "conquistare audience e voti". Mi sa che lei e` di Comunione e Liberazione e lavora per Mediaset.

Tobi

Sab, 26/03/2016 - 12:30

gammasan, se è per questo non ci sono neanche prove della tua esistenza. Perché negare che un Uomo, che è entrato nella storia 2000 anni fa, cambiandone il corso, facendo grandi cose, umanamente impossibili, e fatte anche dopo di Lui da altri (nel Suo nome) nel corso dei tempi ed anche oggi (quindi evitiamo che vengano etichettate come "favole" di 2000 anni fa) ed impossibili per la scienza, significa a maggior ragione negare l'esistenza di persone come lei, gammasan. Chi nega Cristo, e Chi fosse sapendo ciò che ha mostrato di poter fare, dovrà per un motivo di semplice coerenza negare anche quelli come lei (che nella storia hanno fatto cosa?), e l'intera umanità.

Tobi

Sab, 26/03/2016 - 12:33

gammasan, dimenticavo! Auguri di Buona Pasqua, a lei e a tutti!

Tobi

Sab, 26/03/2016 - 12:42

pravda99, se lei ritiene si tratti di strumentalizzazione, allora perché far saltare, guarda caso, le proiezioni di film di ispirazione cristiana? Io ricordo che anche un altro film, Cristiada (basato sulla vicenda dei cristeros in Messico), anch'esso un film recente, ha avuto diversi problemi di proiezione in Italia. E non si trattva di un problema di errore di doppia prenotazione di una sala. I cinema rifiutavano sistematicamente di proiettare, tanto che si dovette ricorrere ad una petizione per sensibilizzare la gente. Se lei non vuole "strumentalizzazione" da parte di cattolici "integralisti", allora che si eviti il vero integralismo, che è quello laicista.

Axel01

Sab, 26/03/2016 - 12:59

@Gammasman. Tu in chi credi? Negli scienziati materialisti che ti raccontano che tutto è nato da uno scoppio e che la vita e la coscienza vengono dalla materia ? Comunque sei libero di credere in quello che vuoi . In questo mondo siamo liberi di fare le nostre scelte e di credere in quello che vogliamo e poi ne accetteremo le conseguenze. Siccome non siamo assoluti e il creato con le sue leggi è molto più grande di noi Dio dovremmo accettarlo almeno per ipotesi. Io chiudo qui. Ho cercato di darti qualche spunto di meditazione. Fanne quello che vuoi. (Ma non paragonarmi A Renzi!!!!!!!!!!!!!!) Saluti.

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Sab, 26/03/2016 - 14:23

meno male che io sono ateo!!!!!

INGVDI

Sab, 26/03/2016 - 14:45

I materialisti, i non credenti, normalmente fanno un atto di fede nei confronti della scienza (insieme di teorie dettate dall'uomo valide in funzione del consenso e della moda), si precludono la conoscenza della Realtà (Dio). La ricerca comporta fatica ed è più facile essere ubriacati dal pensiero unico e saziati dal panem et circenses offerto.

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 26/03/2016 - 14:49

QUANDO UN CAPO E' TROPPO VENDUTO E TRADISCE CIO' CHE RAPPRESENTE. MI RIFERISCO, MA NON LO DICO, A DON BERGOGLIO D'ARGENTINA.

Luigi Farinelli

Sab, 26/03/2016 - 15:08

Si tratta di uno dei migliori film realizzati ultimamente ma va contro il pensiero omologato che deve essere per forza filo-ateo, filo-razionalista, filo-positivista: una denuncia contro il lavaggio del cervello attuato dal regime laicista imposto dalle agenzie internazionali (ONU e Ue) che fanno da cassa di risonanza per le lobby che ormai attuano attraverso il mainstream mediatico un totale lavaggio del cervello. Vi invito a cercare una copia non taroccata o censurata di questo film e a far funzionare autonomamente il vostro spirito critico, alla faccia dei vari Piero e Alberto Angela, burattini del regime, di Corrado Augias, storico da loggia massonica, del ridicolo volpone Dan Brown e degli altri burattini al soldo del regime che ci sta trasformando in zombie decerebrati!

Axel01

Sab, 26/03/2016 - 15:12

INGVDI sono completamente d'accordo con te!

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 26/03/2016 - 15:48

Non si può ragionare con chi ha portato il cervello all'ammasso...

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 26/03/2016 - 16:05

Tobi - Scusi sa, ma se il film e` stato proiettato (come affermato nell'articolo) non si puo` parlare di censura, giusto? Quindi spacciare una mancata proiezione per censura - dopo una serie di proiezioni effettivamente avvenute - e` ovviamente pretestuoso, anzi di piu`, e` un espediente pubblicitario. E come vede funziona. Cervelli fini questi Talebani Cattolici...

Tobi

Sab, 26/03/2016 - 17:17

no pravda99, l'ultima delle proiezioni non è stata effettuata impedendone la visione a chi si era presentato certo del fatto che era in programma in quel cinema. Io non so se l'errore fosse in buona fede oppure no. Lei è invece molto convinto chi sia dotato di cervello fino e chi no, vero? Ed anche prontissimo nell'etichettare chi per lei è talebano e chi no, vero?

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 26/03/2016 - 19:38

Tobi - Io contesto la definizione di "CENSURA". Se il film fosse stato completamente rifiutato e mai proiettato allora sarebbe stata "CENSURA". E` d'accordo? Siccome e` stato proiettato, allora non c'e` "CENSURA". Mi segue? L'ultima proiezione e` andata a monte: qualunque sia il motivo, bollare cio` come "CENSURA" e` pretestuoso. A meno che il cinema non abbia ricevuto pressioni dal magistrato comunista di turno o dall'Imam locale. Cosa che non viene citata, quindi non e` il caso. Non mi sembra di scrivere eresie illogiche.

mauro.m

Mar, 29/03/2016 - 01:54

Premessa: per vedere questo film ho dovuto cercarlo con attenzione e spostarmi di molti chilometri (non è un film che molte sale vogliono proiettare). I titoli di coda del film dettagliano decine di cause analoghe basate su fatti analoghi a quelli rappresentati nel film. È evidente quindi come esista un movimento forte anticristiano, che spesso sfrutta anche situazioni di potere, nelle sue varie forme, per esercitare la propria pressione. Il merito principale di questo film è proprio quello di mettere in luce queste pressioni. Inevitabile quindi che i seguaci del pensiero unico, “politicamente corretto” e anticristiano, abbiano reagito con rabbia, cercando di screditare il film e imponendone il boicottaggio nelle sale. Film molto meno validi hanno avuto un trattamento di gran lunga superiore a quello che in America è stato comunque un blockbuster.