Renzi all'attacco su Letta e Marino: "Politica falsa con addii scenografici"

Dopo la caduta del sindaco, il premier in un colloquio con Bruno Vespa attacca il "marziano" e lancia qualche frecciatina anche ad Enrico Letta

Matteo Renzi torna a puntare il dito contro Ignazio Marino. Dopo la caduta del sindaco, il premier in un colloquio con Bruno Vespa attacca il "marziano" e lancia qualche frecciatina anche ad Enrico Letta.

"Quando vedo certi addii scenografici mi rendoconto di quanto possa essere falsa la politica. Chi fallisce la provadell’amministrazione si rifugia nella cerimonia di addio, vibrante denunciadi un presunto complotto, con tono finto nobile e vero patetico. Non miriferisco solo a Marino, certo. Mi riferisco a quelli che cercano di farcredere ai media che sono vittime di congiure di palazzo. Quando uno se ne vadovrebbe spiegare cosa ha fatto, quali risultati ha ottenuto, perché haperso la maggioranza. I politici si dividono in capaci e incapaci. Non c’è disonestà intellettuale più grande di chi inventa congiure di palazzo pernascondere i propri fallimenti. Se la maggioranza dei tuoi consiglieri timanda a casa, non si chiama congiura: è la democrazia, bellezza". La sensazione, come sottolinea Vespa nel suo libro "Donne d'Italia", che Renzi alluda anche al suo predecessore, Enrico Letta, con il quale i rapporti sono interrotti dal momento del gelido scambio di consegne a palazzo Chigi. "Non mi riferisco - conferma Renzi solo a Marino, certo. Mi riferisco - aggiunge - a quelli che cercano di far credere ai media che sono vittime di congiure di palazzo".

"E allora, per tornare alle vicende del Campidoglio, se la maggioranza dei tuoi consiglieri ti manda a casa, non si chiama congiura: è la democrazia, bellezza". Poi su Roma e sulla scelta di Tronca come commissario per il dopo Marino, Renzi afferma: "Dopo il lavoro per il trionfo di Expo, anche a Roma occorrerà una squadra, un dream team. Persone di primo livello su tutto, dalla cultura allo sport, dai trasporti all’istruzione. Non ho il chiodo fisso di fare una bella figura per vincere le elezioni: ho il chiodo fisso di far ripartire Roma. La priorità assoluta è la città". Infine aggiunge: "Si è conclusa la telenovela dell’amministrazione comunale di Roma. Dopo balletti, dimissioni e controdimissioni, abbiamo registrato - osserva Renzi - un fatto singolare: ben ventisei consiglieri comunali hanno scelto di rinunciare alla poltrona, dimettendosi contestualmente e dunque sciogliendo la consiliatura. In un Paese in cui i politici non si dimettono mai o quasi, vorrei evidenziare la serietà di questi rappresentanti del popolo che hanno scelto di fare chiarezza, lasciando la poltrona vista la crisi. Quando la maggioranza dei consiglieri dice basta non si chiama congiura: si chiama democrazia.

Commenti

Cheyenne

Lun, 02/11/2015 - 17:39

Detto da pinocchio ce solo da ridere

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 02/11/2015 - 18:04

Sul PDota Marino ci sono dei dubbi anche quale chirurgo, perché il medico dolente fa la piaga puzzolente. Quand'era il momento di tagliare fuori il suo comandante dei vigili oppure il dirigente Atac, l'Ignazio che strazio, temporeggiava. Allora è giusto che sia il PDota, con la vocazione del capro espiatorio, a pagare per loro.

Fjr

Lun, 02/11/2015 - 18:24

I politici si dividono in incapaci e capacissimi a rubare,

roberto bruni

Lun, 02/11/2015 - 18:29

ANDRA' PRESTO ANCHE LUI CON IL CULO PER TERRA...E ALLORA SAI CHE BOATO DI RISATE..... Allora vedremo se anche lui (il migliore) non se la prendera' con qualcuno.... Basta sedersi ed aspettare

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 02/11/2015 - 18:37

Ecco la famosa coppia di Oleggio.....

Paparosso

Lun, 02/11/2015 - 18:54

la minaccia di essere cacciati dal partito se non si ubbidisce per Renzi è democrazia Orfini è stato chiaro " chi non segue i dettami di partito viene espulso " gli esempi si sprecano................

GMfederal

Lun, 02/11/2015 - 20:20

Si certo lui sicuramente lo mettiamo tra i politici capaci.. Ma vada a caxxxe!!!!

unosolo

Lun, 02/11/2015 - 20:27

presto sapremo dei stracci che sono volati ma qando scendono sai quante ne sapremo , sicuramente sarà sugli appalti passati senza superare la cifra del controllo e passare nella commissione , un giro di piccoli appalti ma miliardi che giravano sicuramente qualcosa si perdeva , esperienza per quello che è sempre stato utilizzato non superare la cifra e non passare nella commissione , si sono comprati rioni o tante di quelle azioni che manco risultano.,.,.,

Gioa

Lun, 02/11/2015 - 20:45

DIETRO GLI ADDII SOLO FALSITA'....PARLA IL SANTO VERO!!. RENZI CONTINUA A SPECCHIARTI FIN QUANDO RIFLESSI NON VEDI: MARINO E LETTA...SE VEDI LORO VUOL DIRE CHE STAI BENE...SE RIFLESSO VEDI L'ASINO CHE VOLA...CHIEDI A MARINO E LETTA SE STAI BENE....AMICI NEMICI...DICPENDE DALLO SPECCHIO!!.

apostata

Lun, 02/11/2015 - 22:37

non si può dargli torto

jeanlage

Lun, 02/11/2015 - 22:49

Miracolo della dialettica nel PD. Hanno torto, al 100% tutti. Da Romano, rimpiango i bei tempi in cui mi arrabbiavo con Totti che faceva la campagna elettorale a Rutelli. Bei tempi, non marinati e non veltronati.

correnticalde

Mar, 03/11/2015 - 00:08

Marino è stato il peggior sindaco che Roma abbia avuto negli ultimi 20 anni. Mai si è vista la città così degradata, sporca, strade da terzo mondo, anarchia nei mezzi pubblici e fino a qualche giorno fa Marino diceva "non vi deluderò". Sembrava più un film di Romero, il ritorno dei morti viventi, la realtà ha superato ogni fantasia cinematografica. Marino se vuole può continuare a non deluderci che problema c'è, basta che gli apriamo un ufficio a Regina Coeli. Da lì può continuare ad avere una onlus che paga stipendi a persone inesistenti, una carta di credito della casa circondariale (buona per acquistare ottimi vini) e può continare ad attibuire appalti per aggiudicazione diretta senza svolgere gare ad evidenza pubblica. Facciamolo continuare a non deluderci... ma da Regina Coeli!

Cesare46

Mar, 03/11/2015 - 01:01

mbferno...se non spieghi lo sanno solo quelli di Oleggio. La famosa coppia di Oleggio è "uno scemo e l'altro peggio".

papik40

Mar, 03/11/2015 - 01:24

Il fanfarone di Rignano questa volta avrebbe dovuto elencare gli errori e le incapacita' di Marino e degli altri a cui si riferisce ma preferisce al solito lanciare il sasso e nascondere la mano! Che poi le dimissioni di 26 consiglieri sia un esempio di "democrazia bellezza" lo sarebbe stato SOLO se fossero state spontanee ma tutti sappiamo del contrario. Bastera' seguire i 19 del PD ed i 7 altri per vedere la loro destinazione e gli incarichi politici che avranno!!!

little hawks

Mar, 03/11/2015 - 07:03

Vorrei sapere cosa incassano da ora in poi coloro che hanno sciolto la consiliatura. Ho la netta sensazione che ci sia una leggina, una norma, una regola di tutela per i membri della casta che comunque non smettono mai di ruminare.

maurizio50

Mar, 03/11/2015 - 07:40

Definirlo b.u.f.f.o.n.e non è un insulto: è un complimento!!!

gianni.g699

Mar, 03/11/2015 - 07:56

dal famoso film (scemo e piu scemo) i protagonisti in primo piano !!!

compitese

Mar, 03/11/2015 - 08:18

Ma la sintassi!?!?

01Claude45

Mar, 03/11/2015 - 08:25

Spero tra non molto di vederti alla"prova del fuoco", burattino candidato massone (ma non ci arriverai, poiché in tale consesso bisogna avere un altro quid). Stai attento invece di non doverti trovare a Piazzale Loreto continuando con le tue insensate e distruttive, per gli italiani, politiche di immigrazione clandestina.