Renzi in Armani, Italia in mutande

Nuovo record di disoccupazione, il premier alla festa con le star di Hollywood

Matteo Renzi incassa tre fiducie e tre schiaffoni. Le prime arrivano sulla legge elettorale da un Parlamento rappresentativo solo di se stesso, composto da molti uomini propensi al tradimento e da altri impauriti dall'idea di dover rinunciare a scranno e stipendio. I secondi provengono dal Paese reale nel quale agli uomini non è dato di poter scegliere per convenienza. Nell'ordine: la disoccupazione, giovanile e no, raggiunge un nuovo record alla faccia del Jobs Act; la Consulta ha giustamente annullato la legge folle di Monti-Fornero che metteva un tetto alle pensioni minime, provocando così un nuovo buco di oltre cinque miliardi nei conti pubblici (altro che tesoretto); il consiglio di amministrazione del Corriere della Sera ha nominato il nuovo direttore (Luciano Fontana, auguri di buon lavoro) e la scelta è caduta fuori dalla rosa dei raccomandati dal premier.

Un disastro insomma, che arriva mentre il premier sfila per Armani con le star di Hollywood alla festa di inaugurazione dell'Expo. Una passerella mondiale dell'alimentazione sulla quale Renzi salirà da abusivo. Non ha nessun merito se da oggi e per sei mesi l'Italia sarà sotto i riflettori universali, anzi il suo partito fu in prima linea a osteggiare e denigrare chi l'Expo l'ha sognato, voluto e portato a casa: Letizia Moratti, all'epoca sindaco di Milano in quota Forza Italia, regnante il governo Berlusconi. Chi le è succeduto, sindaco e primi ministri di sinistra, semmai hanno pasticciato al punto da mettere a rischio una apertura degna.

Visto che di cibo si parla, diciamo che Renzi oggi mangia gratis. A differenza dei disoccupati creati dalla sua fallimentare politica economica tutta tasse e di chi, grazie al taglio delle pensioni del suo pre-predecessore Monti, ha dovuto tirare inutilmente la cinghia e che solo oggi si è deciso di risarcire. È possibile, anzi ormai è certo, che Renzi vincerà il braccio di ferro sulla legge elettorale imposta a colpi di fiducia (l'ultimo voto, lunedì). Aspettiamo ansiosi il suo tweet su «l'Italia che va». Quello che non può fare oggi, Primo maggio, una Festa del lavoro che tre governi non eletti di sinistra consecutivi hanno trasformato, con la complicità di traditori e capi di Stato, in giorno in cui si celebra la tragedia della disoccupazione.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 01/05/2015 - 15:37

Non c’è speranza. I fatti vanno confermando che questo è peggio del predecessore. Solo chiacchiere e equilibrismi politici, nei quali per altro è abilissimo. Mai nessuno tanto saccente ed allo stesso tempo abile ad imbrogliare gli ingenui. La fila è già lunga, da Bersani a Berlusconi aumentano i frastornati dalle chiacchiere. Stranamente l’unico che gli resiste e AlfaNO, che si è fatto blindare la legge elettorale a suo favore.

INGVDI

Ven, 01/05/2015 - 15:47

Non si creano posti di lavoro quando gli imprenditori chiudono baracca o vanno all'estero. E' l'idiota politica dei governi di sinistra che li obbliga a fare ciò. Chi vota PD firma la condanna alla povertà di sé e dei propri figli. Renzi, praticamente senza opposizione, continua la sua politica di distruzione della piccola e media impresa e sta imponendo una legge elettorale truffa. Avremo il partito unico. Andremo a prendere il pane con la tessera.

Zizzigo

Ven, 01/05/2015 - 18:08

Chi immagina che andremo a stare male è ottimista... perché andremo a stare molto peggio di quanto si possa immaginare.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

MRSMPRV

Ven, 01/05/2015 - 18:15

Va bene Dottor Minzolini, pero cera anche lei con la sua signora a quella festa! La ha non tratta male?

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 01/05/2015 - 22:30

uno che pretende di far ripartire l'economia e il lavoro con l'unico provvedimento che ha messo in atto in materia economica, il jobs act (le 80 euro sono state gia' ampiamente restituite dagli italiani con le nuove tasse emesse per copertura), puo' essere definito solo in un modo: incompetente......forse anche in un altro modo:.....cxxxxxxe!!!!!

pilandi

Ven, 01/05/2015 - 23:32

sai com'é, non tutti incassano i contributi all'editoria...

wolfbear

Sab, 02/05/2015 - 05:07

IL PINOCCHIO RENZI HA LA CAPACITA'(PER POCO)DI "INTORTARE" I CAPRONI ITALIOTI,MA PRIMA O POI SE NE ANDRA'A CASA...SPERIAMO CON LE BUONE...

Ritratto di makisenefrega

makisenefrega

Sab, 02/05/2015 - 05:09

La frase di oggi del Premier "un ordine mondiale fondato su una maggiore equità tra i paesi ricchi e quelli in via di sviluppo", è chiarissimo cosa intende dire: "un ordine mondiale fondato sulla miseria di tutti", il progetto gli sta andando benissimo.

unosolo

Sab, 02/05/2015 - 10:16

mentre partecipa alle feste le nostre pensioni scendono di altri 23 euro.

Ritratto di mambo

mambo

Sab, 02/05/2015 - 12:55

avrebbe dovuto fare il piazzista o il rappresentante. Comunque è peggiore di Prodi.

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Sab, 02/05/2015 - 14:37

Già, è vero, non ha alcun merito per stare lì dov'è a spadroneggiare in lungo e in largo. Il merito, infatti, è tutto del soccorso azzurro e di qualche sua testata di riferimento, che per un anno intero hanno incensato o quantomeno assecondato il loro "caro" matteo, tranne poi pentirsene dopo lo sgarbo subito per l'elezione di mattarella, versando lacrime di coccodrillo a danno già fatto, con i buoi (alias elettori) ormai scappati dalla sgangherata stalla. Lacrime che, peraltro, potrebbero essere prontamente rimangiate qualora il patto del nazareno dovesse tornare in auge, e i segnali in tal senso non mancano affatto: ad esempio, proprio ieri le forziste moratti e comi si sono dette commosse/ammirate nell'ascoltare il discorso di renzi all'expo. (Primo invio)

Ggerardo

Sab, 02/05/2015 - 21:26

Sallusti quando si mette a scrivere il suo editoriale dopo poche righe perde il controllo del cervello e scrive parole a caso. Renzi incassa la fiducia, fa votare l'Italicum, inaugura l'esxpo ed e' tutto "un disastro". Ne avesse avuti di disastri cosi' Berlusconi... Alla fine del suo articolo, in completa follia, parla persino di tre governi consecutivi di sinistra... Ci mette anche Monti, noto comunista sfegatato