Renzi canta vittoria e torna a sognare La sua tentazione: elezioni anticipate

L'ex premier esulta per la débâcle dei 5 Stelle: «Tutto molto bene» Il segretario rimasto nell'ombra per evitare possibili figuracce

Laura Cesaretti

Roma Quando alle 23 Renzi fa il suo ingresso nella sede Pd del Nazareno, con un sorriso ed un «tutto molto bene» ai cronisti, si comprende che la tornata elettorale porta buone notizie da queste parti. E che produce anche la riemersione di quella voglia di voto anticipato che la rottura del patto sulla legge elettorale aveva costretto ad accantonare. Una tentazione che il «disastro a 5 Stelle» denunciato dal renziano Marcucci rafforza.

Perché non solo i candidati democrat sono in pista in praticamente tutti i ballottaggi, e spesso in testa. Ma, soprattutto, il Movimento 5 Stelle prende una micidiale musata ed è tagliato fuori da tutte le gare. Incassando una figuraccia non solo nella Genova di Grillo ma anche a Palermo, in quella Sicilia che contavano di conquistare alle prossime regionali, dove l'immarcescibile Leoluca Orlando (appoggiato, sia pur di malavoglia, anche dal Pd) vince al primo turno.

E per il leader del Pd questo risultato, sul piano della politica nazionale, è ancora più significativo del futuro successo o meno dei candidati di centrosinistra nel secondo turno. Perché è un risultato che dà un colpo micidiale a quello storytelling che da mesi, ingigantito dai media, propone i 5 Stelle come partito lanciato verso la primazia, potenziale vincitore della sfida al Pd. Il voto di ieri, invece, restituisce la fotografia di un rinnovato bipolarismo tra centrodestra e centrosinistra che, almeno nelle città, relega in secondo piano e senza chances i 5 Stelle. «Una sconfitta clamorosa per Grillo», esulta dal Pd Matteo Ricci.

Matteo Renzi torna a Roma dopo essersi tenuto alla larga dalla campagna elettorale amministrativa. Appena un anno fa, il leader Pd era stato in prima linea nella difficilissima partita di città come Roma (dove si era mostrato spalla a spalla col «suo» candidato Roberto Giachetti), Torino (con Piero Fassino), Milano (con Beppe Sala, che ha portato all'elezione incassando l'unico successo della tornata). In questa occasione, invece, Renzi si è defilato: prima non ha messo bocca o quasi nelle scelte dei candidati, poi non ha fatto né un comizio né una manifestazione a loro sostegno, lasciando che fossero altri big del partito ad occuparsi della campagna elettorale.

Del resto, di candidati «suoi», nelle piazza più importanti, non ce ne erano: a Genova corre un ex assessore Sel del sindaco uscente, appoggiato da una larga alleanza di centrosinistra. A Palermo Leoluca Orlando non ha voluto partiti tra i piedi. E la lista che lo appoggiava, nata da una singolare unione tra democrat e centristi, non aveva neppure il simbolo Pd.

La vera partita politica di queste elezioni, per il segretario democratico, era tutta nazionale, e consisteva nel misurare la possibile batosta per Beppe Grillo e il suo Movimento Cinque Stelle, reduce dai disastri di Raggi e Appendino.

Ieri Renzi, prima della chiusura delle urne, si è limitato a fare i propri complimenti a due sindaci Pd già in carica: quello di Imola e quello di Bari, entrambi Pd. La ragione? In tutte e due le città si sono tenuti due concertoni rock: i Guns N' Roses nella cittadina emiliana, Iggy Pop nel capoluogo pugliese. E in entrambi i casi gli eventi, affollatissimi, si sono svolti con grande ordine e organizzazione. «Perfettamente riusciti: a dimostrazione che gli eventi bisogna farli, e farli bene, perché non dobbiamo darla vinta alla paura». Chiaro il messaggio: mentre a Roma e Torino le sindache grilline collezionano catastrofi, il Pd sa governare. Nelle città e nel Paese.