Renzi: "Via l'articolo 18". Ma la minoranza Pd non ci sta

Il premier tira dritto: "Non cedo ai poteri forti". D'Alema: "Segue la vecchia guardia di centrodestra". Fiom e Cgil non ci stanno

Pronto a eliminare l'articolo 18 e schierato contro i poteri forti. È questa l'immagine che il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dà di sè dalle colonne di Repubblica, in una lunga intervista pubblicata questa mattina.

Il premier ha chiari in mente i suoi prossimi obiettivi, a partire dalla riforma dello Statuto dei lavoratori. "È stato pensato 44 anni fa", ricorda. Abbastanza perché sia ora di metterci mano e di eliminare l'articolo 18 che "in fin dei conti non difende quasi nessuno".

Renzi giustifica la sua posizione con i numeri: "Nel 2013 i lavoratori reintegrati sono stati meno di tremila". E auspica che l'opzione resti soltanto per i casi di discriminazione e che si arrivi a una soluzione definitiva, perché "lasciarlo a metà non tutela i cittadini e crea incertezza alle aziende".

L'intento di Renzi è chiaro, ma la coesione nel Partito Democratico sembra essere venuta meno. La fronda, però, non lo preoccupa: "In un partito normale si discute, si vota anche dividendosi". A patto che poi si prenda "una decisione e la si rispetti". Resta però il fatto che ieri Pippo Civati aveva messo in guardia su una possibile secessione interna al Pd, che però sembra invece lontano all'ex segretario Pierluigi Bersani.

Sull'esigenza della riforma, il premier non ha poi dubbi. È una richiesta di Bruxelles? "Non scherziamo". E torna a parlare di poteri forti, dopo una serie di attacchi arrivati da giornali, imprenditori e dai vescovi italiani. Poteri forti che per lui sono "quelli che in questi venti anni hanno assistito silenziosi o complici alla perdita di competitività dell'Italia" e che voglio "in sei mesi quello che loro non hanno fatto in vent'anni".

Se Renzi è convinto della necessità di riformare il mercato del lavoro, altri membri del suo partito marciano in direzione opposta. È il caso, per citare un nome, di Massimo D'Alema, che in un'intervista al Corriere della Sera, sostiene che non ci sia nessuna emergenza legata alla rigidità del mercato e accusa il premier di interloquire solo con una vecchia guardia, "quella rappresentata dal centrodestra di Berlusconi e Verdini".

E se Renzi continua a ripetere di essere padrone in casa sua e di non dover rispondere a particolari diktat da parte di Berlino o Bruxelles, D'Alema è di un'altra impressione: "Per venire fuori dall'impasse e ottenere concessioni dall'Europa, ha deciso di puntare su una questione che è chiaramente ininfluente".

Repliche a Renzi arrivano sia da Maurizio Landini (Fiom), che da Susanna Camusso (Cgil). Il primo ricorda che l'articolo 18 serve a "impedire i licenziamenti illegittimi" , non "per i licenziamenti discriminatori", per cui "ci sono già, il codice civile e la costituzione" . La seconda che pensare alla reintegra solo per il licenziamento discriminatorio non è comunque "un'apertura" da parte del governo.

A difendere il premier ci pensa però il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, convinto che "sta proponendo cose giustissime" e che la riforma deve proseguire "con procedure che siano il più veloci possibile".

Commenti

linea56

Dom, 28/09/2014 - 10:04

Questi inutili cercano in tutti i modi di fregare i lavoratori dicendo di creare posti di lavoro; il modo e' semplice licenzi quelli un po' avanti con l'eta'(45-58) che non possono accedere alla pensione e mettere al loro posto due tre giovani allo stesso costo con in piu' i vantaggi di chi assume un novizio nel mondo del lavoro.Tengo a precisare che sono di destra(non centrodestra) lo dico per non essere preso per un pericoloso sinistroide linea56

vince50_19

Dom, 28/09/2014 - 10:08

Renzi boy scout? Anche mia nipote che vive a Firenze è stata nei boy scout.. Hanno all'0incirca gli stessi anni e chissà che non abbiano frequentato gli stessi posti al tempo.. ahahahaha.. Lui dice di non essere massone? Ha ragione, non lo è. Tuttavia Il solito Gioele Magaldi - massone dichiarato (per legge sono vietate le sette segrete massoniche) - nel suo sito G.O.D. dice di lui: «L’aspirante massone Matteo Renzi a Palazzo Chigi, fra spinte massoniche reazionarie e auspici massonici progressisti.» In termini più esplicativi Magaldi lo definisce un para massone, come disse al tempo di Letta. Chissà cosa penserà il giovane toscano di questa precisazione di Magaldi.. Tuttavia e nel tema dell'art. 18 come in altri precedenti temi, aspetto di vedere se renderà esaustive le sue promesse, oppure se si riveleranno il solito cumulo di chiacchiere che fino ad oggi pare lo abbiano contraddistinto. Ciao ragazzo, auguri anche perchè adesso avrai pure a che fare con la Cei e quelli mi sa che, sotto sotto, sono più "incisivi" dei sindacati..

capitanuncino

Dom, 28/09/2014 - 10:13

C'è da chiedersi perché tutti si affannano a dire che l'articolo 18 non è importante, che riguarda pochissimi casi, che è "soltanto" una questione ideologica e poi nessuno vuol cedere in merito? Forse proprio perché le questioni ideologiche sono fondamentali. Si tratta di far passare l'idea che non è l'imprenditore che prende le decisioni, ma la sua azione deve essere vagliata dai sindacati, è uno scontro di potere (tra l'altro il sindacato intende decidere anche sulla eventuale riconversione dell'azienda), è uno scontro tra socialismo e iniziativa privata, tra comunisti e liberali. Praticamente si tratta di definire se davvero l'impresa è proprietà dell'imprenditore che l'ha creata oppure se una volta creata diventa un'entità di utilità sociale gestita da organizzazioni di tutela. Premesso che nessun imprenditore si diverte a licenziare i propri dipendenti, visto che li ha assunti, è evidente che se non può pretendere di gestirli e non ha autorevolezza nei loro confronti preferisce non impegnarsi a tempo indeterminato. Certo teoricamente un dipendente che lavora poco o male può essere licenziato, ma come si fa a provarlo in modo efficace? Se ogni azione dell'imprenditore deve essere vagliata e giudicata dal sindacato, non solo gli imprenditori assumeranno con paralizzante prudenza ed a tempo determinato, ma magari "imprenderanno" da un'altra parte.

linoalo1

Dom, 28/09/2014 - 10:16

Bravo,Marinaio Renzi!Stavamo aspettando con ansia,la tua Promessa Giornaliera e,come sempre,non ci hai deluso!Il Rododentro!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 28/09/2014 - 10:17

...Renzi! Non ho una visione chiara su chi siano i cd. "poteri Forti" cui Lei si riferisce, ne il dispiacere che costoro possano provare per la sua annunciata abolizione dell'art.18, che la qual cosa, il sindacato è avverso. Non si può, a mio avviso, "nuocere" contestualmente ai poteri forti ed al sindacato; Sarebbe come servire nello stesso tempo Dio ed il diavolo.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 28/09/2014 - 10:21

Ma non si potrebbero TOGLIERE i diritti pur di rilanciare l'ECONOMIA? L'articolo 18 è solo uno. Tutte queste menate della SICUREZZA e HSE ma perchè dovremmo mai rispettarle? Costano tanto, ci rendono MENO competitivi e solo a fronte di QUALCHE migliaio di morti all'anno. Ma ne vale veramente la pena? Bisognerebbe anche togliere questa roba SINDACALE degli orari di lavoro, il fatto che non si puo' lavorare più di un tot di ore al giorno e sta roba assurda degli straordinari retribuiti. Se vogliamo fare competizione alla Cina bisogna iniziare ad attrezzarsi

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 28/09/2014 - 10:29

@linea56: non puoi essere di destra TU. sei sicuramente un IMBOSCATO SINDACALISTA! Chi più licenzia più assume come chi più spende più guadagna. E' il noto paradosso del lavoro. Peu cui perchè accanirsi a mantenere questi assurdi diritto che ci bloccano la competitività. E poi i lavoratori in età avanzata che non sono produttivi andassero a coltivare l'orto perchè se volgiamo essere competitivi sono i 3 giovani a 500 euro al mese che ci servono e non certo un 50enne a 1500 euro al mese e con famiglia a carico.

antipodo

Dom, 28/09/2014 - 10:36

Non mollare

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 28/09/2014 - 10:38

Lunga è la fila dei giornalisti, di quasi tutte le fazioni, che hanno spiegato che la lotta sull'art. è una questione minimale, più di immagine che di sostanza. Personalmente ritengo che comunque sia un simbolo e che i simboli sbagliati devono essere cancellati, specie se hanno concorso, con le tasse esorbitanti tra cui soprattutto l'Ilor, a spingere moltissime imprese a trasferire i loro stabilimenti all'estero. Quanto a Renzi guardo con sospetto alle sue chiacchiere e temo che il rimedio nelle sue mani possa diventare peggiore del male.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 28/09/2014 - 10:57

"Non cedo ai poteri forti". Ora il pupazzetto Merkelcomandato , nelle sue quotidiane farneticazioni vaniloquenti, vuol farci credere di non essere iscritto nel libro paga delle lobbies massonico giudiache sovranazionali. Ma se è stato messo lì apposta per smantellare quel poco di welfare ancora esistente! A scanso di equivoci mortimeriani, tengo a precisare anch'io, come linea 56, che non sono di centrodestra...bensì rigorosamente di destra. Quindi eventuali accuse di sinistronzismo sono, sin d'ora, rinviate al mittente. Mortimer è avvisato...e con lui i componenti lobotomizzati dell'attuale "opposizione responsabile".

raffa910

Dom, 28/09/2014 - 11:08

Carlito Brigante 10:21 Non si tratta di rilanciare l'economia ma di ripristinare lo schiavismo, eliminare i diritti dei popoli e imporre la dittatura del mercato globalista in mano alle poche famiglie ricchissime anglo-ebree-americane. Sono sempre stata di destra e adesso non sono di sinistra, sono dalla parte della gente che vogliono ridurre in schiavi. La stampa non è libera, informati su internet

ted

Dom, 28/09/2014 - 11:14

Lapalissiano capitan uncino, quoto in Totò.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 28/09/2014 - 11:16

renzi ormai è l'unico erede di berlusconi e presto faranno il partito insieme.......forzapd.

Gianca59

Dom, 28/09/2014 - 11:19

Mi piace come Renzi prende di petto questo art.18 e dichiara di non voler cedere ai poteri forti. Ma non sono questi i poteri forti, questi sono i poveracci che cercano di sbattersi ogni giorno per lavorare in un' Italia in cui il lavoro è diventato un' araba fenice. Mi piacerebbe che affrontasse con lo stesso zelo i costi della PA, la questione tasse, la questione giustizia, la questione scuola, la questione comuni/province/regioni, … Non ultimo le questioni lasciate aperte da Monti su liberalizzazioni quali taxi, farmacie e notai, così, tanto per far vedere che lui ha più palle di Monti.

Gianca59

Dom, 28/09/2014 - 11:21

…Un' altra cosa: mi sono rotto le palle di sentire che nessuno vuole investire in Italia a causa della malavita e della corruzione. Quando affronta anche questi in modo sistematico ?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 28/09/2014 - 11:24

(Io, caro direttore, verró a cercarti in redazione ... Io, ti mozzeró la zucca e ti toglieró per sempre il vizietto della censura ... Contaci, non sono un pidocchio come te ... Sono una persona d´onore) ... IN ITALIA LA FOSCA PIAGA DEI PIDOCCHI. Ce ne sono neri e ce ne sono rossi ma a parte questo sono perfettamente uguali, carattarizzati dalla vigliaccheria e dalla ferocia, dalla ottusitá e dalla ignoranza. Sono in guerra tra loro per stabilire chi tra le due disgustose specie avrá il potere assoluto sull´intoccabile stato pappone ... Lo stato pappone non si tocca ... E ci mancherebbe ... Chi tra le due fetide specie prevarrá avrá il potere assoluto sulla pappatoria e sui sudditi che devono lavorare, produrre, pagare il sempre piú oneroso pizzo mafioso e stare zitti in ginocchio, repressi pecoroni quali da sempre sono stati brutalmente educati ... Ma é tanta la cecitá della ferocia, tanta la demenza e l´ignoranza di questi efferati parassiti nelle due rispettive bande, tanta la prepotenza del pidocchio di turno per accaparrarsi il potere di ciascuna che nessuno dei disgustosi pidocchi si é ancora accorto che il Paese sta arrivando alla fine, che la oppressione sulle fabbriche che chiudono, sui lavoratori senza lavoro, sui giovani senza futuro é insostenibile ... Si arriverá alla piú drammatica rottura, allo sconquasso totale e alla piú aperta e sanguinosa guerra tra pidocchi rossi e pidocchi neri ... Ma nella strage totale delle due rivoltanti specie l´una contro l´altra brutalmente armate, nello sterminio totale del sudiciume il Paese alla fine ritroverá la Libertá. (Difficile dire tra le due specie quale sia la piú ottusa ... Certo é che quelli neri giá assaporarono una certa Piazzale Loreto ... Ma sono passati troppi anni, non si ricordano bene, vogliono assaporare il brivido di un´altra definitiva)

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 28/09/2014 - 11:25

(Io, caro direttore, verró a cercarti in redazione ... Io, ti mozzeró la zucca e ti toglieró per sempre il vizietto della censura ... Contaci, non sono un pidocchio come te ... Sono una persona d´onore) ... IN ITALIA LA FOSCA PIAGA DEI PIDOCCHI. Ce ne sono neri e ce ne sono rossi ma a parte questo sono perfettamente uguali, carattarizzati dalla vigliaccheria e dalla ferocia, dalla ottusitá e dalla ignoranza. Sono in guerra tra loro per stabilire chi tra le due disgustose specie avrá il potere assoluto sull´intoccabile stato pappone ... Lo stato pappone non si tocca ... E ci mancherebbe ... Chi tra le due fetide specie prevarrá avrá il potere assoluto sulla pappatoria e sui sudditi che devono lavorare, produrre, pagare il sempre piú oneroso pizzo mafioso e stare zitti in ginocchio, repressi pecoroni quali da sempre sono stati brutalmente educati ... Ma é tanta la cecitá della ferocia, tanta la demenza e l´ignoranza di questi efferati parassiti nelle due rispettive bande, tanta la prepotenza del pidocchio di turno per accaparrarsi il potere di ciascuna che nessuno dei disgustosi pidocchi si é ancora accorto che il Paese sta arrivando alla fine, che la oppressione sulle fabbriche che chiudono, sui lavoratori senza lavoro, sui giovani senza futuro é insostenibile ... Si arriverá alla piú drammatica rottura, allo sconquasso totale e alla piú aperta e sanguinosa guerra tra pidocchi rossi e pidocchi neri ... Ma nella strage totale delle due rivoltanti specie l´una contro l´altra brutalmente armate, nello sterminio totale del sudiciume il Paese alla fine ritroverá la Libertá. (Difficile dire tra le due specie quale sia la piú ottusa ... Certo é che quelli neri giá assaporarono una certa Piazzale Loreto ... Ma sono passati troppi anni, non si ricordano bene, vogliono assaporare il brivido di un´altra definitiva)

fer 44

Dom, 28/09/2014 - 11:25

Però una soluzione semplice semplice ci sarebbe! ESPORTIAMO LA CAMUSSO, LANDINI & C. in CINA! Tempo 6 mesi cominceranno anche loro a fare "SCIOPERI GENERALI" e così noi torniamo ad essere competitivi! Ha Ha Ha !

antipodo

Dom, 28/09/2014 - 11:26

GimmeSong

Dom, 28/09/2014 - 11:28

incredulo resto a guardare se è arrivato uno del PD che prende voti dal centrodestra sbandato

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 28/09/2014 - 11:29

(AGGIUNTA NECESSARIA: Io, caro direttore, verró a cercarti in redazione ... Io, ti mozzeró la zuccaccia marcia e ti toglieró per sempre il vizietto della censura ... Contaci, non sono un pidocchio come te ... Sono una persona d´onore) ... IN ITALIA LA FOSCA PIAGA DEI PIDOCCHI. Ce ne sono neri e ce ne sono rossi ma a parte questo sono perfettamente uguali, carattarizzati dalla vigliaccheria e dalla ferocia, dalla ottusitá e dalla ignoranza. Sono in guerra tra loro per stabilire chi tra le due disgustose specie avrá il potere assoluto sull´intoccabile stato pappone ... Lo stato pappone non si tocca ... E ci mancherebbe ... Chi tra le due fetide specie prevarrá avrá il potere assoluto sulla pappatoria e sui sudditi che devono lavorare, produrre, pagare il sempre piú oneroso pizzo mafioso e stare zitti in ginocchio, repressi pecoroni quali da sempre sono stati brutalmente educati ... Ma é tanta la cecitá della ferocia, tanta la demenza e l´ignoranza di questi efferati parassiti nelle due rispettive bande, tanta la prepotenza del pidocchio di turno per accaparrarsi il potere di ciascuna che nessuno dei disgustosi pidocchi si é ancora accorto che il Paese sta arrivando alla fine, che la oppressione sulle fabbriche che chiudono, sui lavoratori senza lavoro, sui giovani senza futuro é insostenibile ... Si arriverá alla piú drammatica rottura, allo sconquasso totale e alla piú aperta e sanguinosa guerra tra pidocchi rossi e pidocchi neri ... Ma nella strage totale delle due rivoltanti specie l´una contro l´altra brutalmente armate, nello sterminio totale del sudiciume il Paese alla fine ritroverá la Libertá. (Difficile dire tra le due specie quale sia la piú ottusa ... Certo é che quelli neri giá assaporarono una certa Piazzale Loreto ... Ma sono passati troppi anni, non si ricordano bene, vogliono assaporare il brivido di un´altra definitiva)

antipodo

Dom, 28/09/2014 - 11:33

Ersola. Sempre Berlusconi che vi rode! Forza Pd! Forza, cosa? Incapaci e tenie!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 28/09/2014 - 11:35

Ricordo a CiucciaLeBanane e Mortimersorcio (a questi due le cose bisogna spiegargliele) che quando Ferruccio De Bortoli ha scritto di odore di massoneria nel patto del Nazzareno si riferiva al loro caro pregiudicato, Tessera n. 1816, codice E.19.78, apprendista muratore della P2. Prima di insultare controllare prego .....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 11:41

ERSOLA, ma lei sta pensando di suicidarsi? tanto il PD ormai ha perso :-) come l'8 settembre 43... chi era fascista diventò subito antifascista, gli bastava cambiare divisa... :-) avanti, si suicidi!!!!!!! :-) lo faccia per la sua dignità di idiota inutile :-)

Ritratto di wtrading

wtrading

Dom, 28/09/2014 - 12:08

@Memphis35.Il suo modo di esprimersi non lascia spazio a interpretazioni diverse : lei non sa cosa sia "essere di destra", nemmeno lontanamente. Si consoli con ciò che le resta.

Ritratto di Mariador

Mariador

Dom, 28/09/2014 - 12:15

Basta con i provincialismi. Dobbiamo essere moderni, al passo con i tempi, anzi, essere più avanti: aboliamo l' anacronistico stipendio, sai quanti nuovi posti di lavoro ci saranno! Ma non si era già visto tutto ciò, eh già, l'abbiamo chiamato schiavismo. Vuoi vedere che il futuro sta qua?

Ritratto di wtrading

wtrading

Dom, 28/09/2014 - 12:20

@ersola. Vedo che comincia ad avere delle sensazioni positive. Forse non è tutto perduto e, sempre forse, un giorno la smetterà di emettere delle " sole ".

macchiapam

Dom, 28/09/2014 - 12:27

Cerchiamo d'esser chiari: l'abolizione dell'art. 18 non è l'elisir di tutti mali. E' semplicemente l'abbattimento di quello che il sindacato ha eletto come bandiera. La norma infatti, in sè, non è priva di giustificazione; criticabile è piuttosto l'applicazione super-dilatata che ne ha fatto certa magistratura ideologizzata. E lo stesso deve dirsi dell'art. 28, del quale però, stranamente, nessuno parla.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 12:50

ANDREA626390 ancora? :-) ora è ormai confermato che il suo livello di stupidità si attesta al livello di ERSOLA, un altro eccellente cretino e idiota :-) non spenderemo molto tempo a spiegarvi, perchè il suo cervello è cosi pieno di merda che se dovesse esplodere, schizzerebbe ovunque scaglie di merda.....

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 28/09/2014 - 12:53

ma l'abolizione dell'articolo 18 vale anche per gli impiegati statali? questo bisognerebbe dirlo chiaro.

Paolora

Dom, 28/09/2014 - 12:59

Lo chiedo ai saggi comunisti , perché se un mio dipendente trova un posto migliore si licenzia e se ne frega di chi gli ha dato lo stipendio fino fino a quel momento ? Perché io imprenditore non posso licenziare un mio dipendente se è un vagabondo e perditempo ?. Poi ai difensori dell'art.18 , voi pensate che se io ho un bravo dipendente lo licenzio ? me ne guarderei bene anzi li tratterei con i guanti bianchi , quindi l'art.18 serve solo a proteggere i fannulloni e i nullafacenti ,infatti l'art.18 è protetto dai sindacalisti , i peggior lavoratori. Vergogna avete ridotto gli operai alla fame pur avendo in Italia il maggior costo del lavoro in Europa , GRAZIE SINDACATI

revolution70

Dom, 28/09/2014 - 13:02

Caro Capitanuncino, lei ha perfettamente centrato il problema.In italia ancora oggi chi fa impresa viene additato come evasore e ladro a prescindere. Le imprese sono sempre state tenute per le palle dai sindacati. Come non ricordare i casi di operai fannulloni puntualmente reintegrati in nome del diritto al posto di lavoro. Lo abbiamo visto di recente alla fiat di termni imerese dove gli attivisti della fiom palesemente trovati a sabotare l'azienda sono stati puntualmente reintegrati dal giudice di turno. Come puo' l'italia competere a livello mondiale con queste catene ai piedi?

agosvac

Dom, 28/09/2014 - 13:03

Tutti sanno, o, meglio, lo sanno le persone dotate d'intelligenza almeno media, che l'articolo 18 in essere eliminato nulla ha a che vedere con l'aumento del lavoro. La riforma del mondo del lavoro è sì necessaria ma per il futuro, per un futuro in cui i posti di lavoro si riesce a crearli. Un futuro incerto ma possibile che passa dalla sostanziale diminuzione delle tasse che gravano sugli italiani e dalla ripresa dei consumi, sola ed unica cosa che può fare aumentare le richieste da parte delle aziende di nuove assunzioni. Se, infatti , non si riesce a fare aumentare i consumi, è più che ovvio che le aziende o le imprese in generale, non possono assumere nuovi dipendenti. Ed allora perché tutta questa manfrina??? Anche questo è più che ovvio, si tratta di una lotta interna di potere nel PD. Renzi non è ben visto dalla vecchia nomenklatura, lui vuole innovare, i vecchi vogliono che tutto resti come è attualmente. Infatti il nuovo spaventa i vecchi. Questa è quasi una legge naturale, spaventa i vecchi che non hanno abbastanza intelligenza da capire che c'è un tempo giusto per ogni cosa. Che farebbero i vari d'alema, bersani, bindi,franceschiello, cuperlo e civati( questi ultimi sono giovani di età ma più che vecchi come idee!)qualora si trovassero di fronte a regole nuove??? Non riuscirebbero a capirle e, per loro, tutto ciò che non riescono a capire è di destra, non di sinistra, scusa buona per gli idioti. Visto dalla parte di Renzi, penso, ma potrei sbagliarmi, è la scusa buona per liberarsi una volta e per sempre delle vecchie cariatidi: o fate ciò che è giusto fare, o mi dimetto e si va a nuove elezioni. Renzi ha vinto con enorme maggioranza le primarie per la segreteria del partito, ma in Parlamento non ha una maggioranza certa perché sono stati eletti tutti da bersani, il vecchio ed obsoleto segretario! Nuove elezioni, con qualsivoglia legge elettorale si andasse a votare, metterebbero a posto le cose: ogni formazione politica saprebbe di certo cosa conta.Io dubito che Renzi riuscirebbe a confermare quel 40% e più preso alle europee, ma almeno avrebbe parlamentari su cui potere contare e che non voterebbero contro le sue risoluzioni. L'unico problema è il vecchio che sta sul Colle: lui le elezioni, la massima espressione di democrazia di un paese democratico, non le vuole e, francamente, non si riesce a capire il perché. Comunque, se Renzi si dimettesse, Napolitano difficilmente riuscirebbe a "fare" un nuovo Governo, dovrebbe o dimettersi o concedere le elezioni. Se si dimettesse senza prima sciogliere le Camere dimostrerebbe di non avere capito niente, sia pure in tutti questi anni che è stato Presidente della Repubblica, dei compiti e dei doveri di un "vero" Presidente della Repubblica. Conclusione? siamo in grossi guai!!!!!!!

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Dom, 28/09/2014 - 13:08

In anni di lavoro in una azienda privata raramente ho visto licenziare qualcuno che si è appellato all'art.18 e credo che se l'art. non ci fosse stato forse quei pochi reintegri sarebbero stati sostituiti da indennizzi con soddisfazione di ambo le parti. Ho invece visto un motiplicarsi di sindacalisti o presunti tali alla continua ricerca di benefits personali e pochi impegnati per gli iscritti...e non aggiungo altro!

claudio faleri

Dom, 28/09/2014 - 13:14

il pd e pc e i sindacati pensavano che renzi fosse lo schiavetto manovrabile invece cerca di metterglielo in c......o complimenti renzi, fottili questi vecchi bastardi che del bene al'italia non ne hanno fatto

squalotigre

Dom, 28/09/2014 - 13:29

andrea626390- premesso che non sono iscritto ad alcuna loggia massonica e che non sogno minimamente di diventare apprendista muratore, quale reato hanno commesso coloro che ne fanno parte? Per sua informazione, dopo indagini e processi vari, anche la P2 NON E' STATA CONSIDERATA EVERSIVA MA DEL TUTTO LEGALE, e a considerarla tale sono state varie sentenze della magistratura. E le sentenze si rispettano, o no? Si rispettano solo quelle che fanno piacere a lei e a D'Alema, o anche quelle che non sono di loro gusto? Si rispettano solo quelle che si riferiscono ad altri ed anzi si invocano per loro se non il suicidio immediato almeno le dimissioni e quelle che riguardano persone come Gigino (quello che invocava le dimissioni anche quando Travaglio ne faceva cenno su una sua articolessa) sono frutto della corruzione della magistratura. Che tale corruzione, impunibilità ed impunità esista lo dico da venti anni, ma che lo sostenga Gigino dopo averla (forse) provata sulla propria pelle, è esilarante. Le ricordo inoltre che alla P2 erano iscritte gran parte della persone che poi il csx ha messo nei posti di comando e nessuno ha mai avuto da ridire anche perché, ripeto, iscriversi alla massoneria NON E' REATO con buona pace sua e degli idioti come lei.

xgerico

Dom, 28/09/2014 - 13:48

E pur vero che i sindacati per poter giustificare la quota mensile degli iscritti debbano far qualcosa! Lo sciopero, però sempre a spese dei lavoratori, chissà perché!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 14:19

grazie SQUALOTIGRE! spiegare a una testa vuota è sempre molto difficile! facile dirla, ma fargliela comprendere... questa è da mission absolutement impossibile :-)

Ritratto di orcocan

orcocan

Dom, 28/09/2014 - 14:24

@CADAQUES, hai un bug nel computer? Com'e' che posti sempre 4 o 5 volte lo stesso commento? :-) Io non scrivo molto, ma da anni mi vengono pubblicati il 50% dei mie commenti. Art.18, sara' giusto sara' ingiusto, fatto sta che le nazioni che non hanno troppe restrizioni sul mercato del lavoro e poca burocrazia, sono quelle con il tasso piu' altro di occupazione.

antipodo

Dom, 28/09/2014 - 14:25

Facciano pure sciopero...e poi?

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 28/09/2014 - 14:50

I politici devono risolvere i problemi agli italiani, non crearli. Lo si chieda agli italiani se sono d'accordo ad essere licenziati senza giusta causa

alox

Dom, 28/09/2014 - 15:12

Pinocchio parla e i compagni smentiscono! Intanto gira il mondo a nostre spese ed intrambi (Renzi e il PD) a nostre spese...una farsa, l'Italia e' finita!

mariolino50

Dom, 28/09/2014 - 15:57

Allora questo qui dice ch3e i poteri forti, ovvero gli industriali e finanzieri che lo muovono, sono a favore dell'art 18, ma a chi vuole darla a bere. Attualmente difende e poco dai casi di vera discriminazione, che sono protetti in tutti i paesi più civili di noi, provate da latre parti a licenziare le donne incinte, o chi la pensa politicamente diverso e poi si vede, ci stà che becchiate anche la denuncia penale, se poi si parla dei cosidetti svantaggiati e minoranze stai fresco. Qui vogliono tutto libero, non gli bastano i 40 tipi di contratti falsi capestro che ci sono, tutti precari devono essere, non sapere se il giorno dopo andrai a lavorare, in pratica caporalato ufficiale per tutti, peggio che nei tempi antichi. Intanto tutti i giorni si muore sul posto di lavoro e tutti se ne fregano.

rasiera

Dom, 28/09/2014 - 15:57

Renzi, avanti così!!!

linoalo1

Dom, 28/09/2014 - 16:43

Povero Renzi!Non immagina nemmeno a cosa sta andando incontro!!Lino.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 28/09/2014 - 17:49

Sul volo di ritorno dagli stati Uniti l'ORACOLO ha detto "L'Italia è un paese pieno di RISORSE" HAHAHA Si le 150.000 RISORSE che da quando S/governa Lui ci ha costretto ad andare a recuperare fino alle foci del Nilo!!!! Saludos dal Leghista Monzese

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/09/2014 - 18:12

che renzi non sappia dove trovare soldi, è un problema abbastanza relativo, però c'è solo uno ma GROSSO motivo per cui noi destra lo appoggiamo: è l'unico che attualmente può provare ad asfaltare la sinistra! ci sta provando, e vedremo se i risultati verranno! se verranno i risultati, ottimo! poi berlusconi e renzi potranno confrontarsi da avversari, ma ad armi pari, e senza alcun metodo mafioso :-) ma questo solo e soltanto DOPO che la sinistra sia stata rottamata!!!!!!!!!!!

Ritratto di wtrading

wtrading

Dom, 28/09/2014 - 18:52

@cadaques. Si curi, che ne ha infinitamente bisogn. E adesso che l'hanno pubblicata, midica : chi le ha risposto ? Ad un pirla è difficile dare risposte !!

Luigi Fassone

Dom, 28/09/2014 - 19:26

Imprenditore,o,per dirla come voi cari sindacati,PADRONE non vidi mai liberarsi di un lavoratore lavativo. E allora ? Forza ,Renzi,vai avanti per la tua (e di Berlusconi) strada. Non farti turlupinare dai fissati del tempo che fu e che,se vogliono rovinare qualche Paese,vadano in Cina,faranno DOPPIA cosa favorevole alla nostra Italia...!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 28/09/2014 - 19:54

Mortimersorcio, ricorda a tua moglie dell’appuntamento che abbiamo stasera con lei. Siamo in otto più lei. Tu puoi incontrarti invece con CiucciaLeBanane. Ti insegnerà un giochetto che ha imparato nelle docce delle patrie galere: butterà a terra la saponetta e ti inviterà a raccoglierla. Sono sicuro che il finale sarà di tuo gradimento. Buona serata.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 28/09/2014 - 19:58

Mortimersorcio, quando si parla di massoneria non è difficile ricollegarci al tuo caro pregiudicato.Ti ricordo: Tessera n. 1816, codice E.19.78, apprendista muratore della P2. Prima di insultare controllare prego. Il pregiudicato non si è mai fatto mancare niente nella vita o sbaglio? Se vuoi ti posso dire che è stato condannato per falsa testimonianza prima della sua discesa in campo. Ha negato pure che si era iscritto alla P2!!!!! Questo ci fa capire della sua sincerità quando dice le cose. Sto citando Montanelli, demente .....

Luigi Fassone

Dom, 28/09/2014 - 22:53

Errata corrige al mio commento odierno delle ore 1926: Non vidi MAI imprenditori (PADRONI...) liberarsi di un lavoratore lavoratore,ma solo di lavoratori LAVATIVI... Chiedo venia...!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 29/09/2014 - 13:04

Ma quale scontro... La premiata "Ditta Gargamella e Compagni" ha un malloppo che, senza l'alibi ideologico degli "espropri proletari" si configura quale associazione per delinquere finalizzata alla frode e all'appropriazione indebita. Dunque i paraculi di sinistra hanno bisogno di Renzi per farla franca, perciò fanno ammuina.