Expo, Renzi si ricorda di Prodi. Stretta di mano in segno di pace?

Prima non lo cita all'inaugurazione dell'Expo a Milano, poi va a Venezia e gli stringe la mano

Matteo Renzi ha voluto tagliare assieme a Romano Prodi il nastro della manifestazione Aquae a Venezia, l’unica manifestazione collaterale all’Expo. Renzi era già arrivato alla postazione, ma ha chiesto che si attendesse l’arrivo - su un’affollata scala mobile - di Prodi e della moglie Flavia, e quando l’ex premier lo ha raggiunto ha dato il via all’inaugurazione dell’evento. Nessuna polemica, ma soprattutto "nessuno di noi nega a Romano Prodi in primis, al governo di Romano Prodi, l'importanza straordinaria che ha avuto mica solo per Expo, ma anche per Expo, e che certe polemiche sono incomprensibili ma è bene avere l'occasione per chiarirle, se serve", ha detto il premier.

Che ha chiuso l'incidente in occasione dell'inaugurazione dell'Expo a Milano quando non ha citato il professore ed ex premier nel suo intervento.

Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Dom, 03/05/2015 - 12:25

Ha avuto paura di essere evocato in una qualche seduta spiritica.

steacanessa

Dom, 03/05/2015 - 12:55

Ma vai a vendere Rolex falsi sul Vesuvio.

Massimo Bocci

Dom, 03/05/2015 - 13:22

Nessuno ( e vorrei vedere) anche se il regime 47 ha nella mistificazione, falsificazione di storia e verità i suoi master (master controllgiornalistici e televisivi di regime), ma come non ricordare questo figuro nei suoi ladrocini Iri,privatizzazioni e poi nel suo master la truffa criminale Euro, dunque c'ene ben donde per gli Italiani veri, che quando appare si tocchino gli attributi, così tanto per esorcizzare nuovi misfatti, ma ora c'è il seguito con "cono gelato" e qui non basterebbero nemmeno gli attributi di Rocco.

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 03/05/2015 - 14:15

E' mai possibile che questo PAROLAIO riesca ad incantare gli Italiani. Se è cosi siamo tutti fuori di senno. Questo pifferaio RICATTATORE, IMBOTTITO di ARROGANZA, che non sa nemmeno quello che dice, ma lo fa per sentirsi elogiato sulla stampa come il grande riformatore del paese, si dimentica che una parte di Italiani hanno già pensato, che il primo ad essere riformato deve essere proprio LUI. Speriamo che la farsa di questo BULLO finisca presto e prenda il TIMONE una persona che si interessa alla funzione dei SINDACATI, alle TASSE, al LAVORO e PENSIONI ed anche chi deve pagare le SPESE FUNEBRI quando uno TRAPASSA.

Squalo2

Dom, 03/05/2015 - 14:42

Gli italiani sicuramente lo ricordano come un gran farabutto che per diventare presidente UE,ha venduto lItalia,svalutando la lira del 50 per cento in 24 ore.

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Dom, 03/05/2015 - 18:28

E come volevasi dimostrare, anche quest'ennesimo screzio fasullo tra "sinceri democratici" è finito a tarallucci e vino, con buona pace di coloro che ci erano cascati, illudendosi in una qualche spaccatura a sinistra che alla fine non c'è stata e mai ci sarà. Perché nel campo della sinistra pigliatutto, non c'e diverbio che tenga: alla fine della fiera, le ragioni di unità del "Partito" prevalgono su tutto; per approfondimenti, leggere alla voce "minoranza interna dem", uno dei più grandi imbrogli politici di questi ultimi anni. Del resto, tornando al caso in oggetto, era impossibile pensare che potesse durare più di tre giorni questa presunta maretta tra due personaggi che, in fondo, sono uno l'erede dell'altro in fatto di filoeuropeismo supino e cieco.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Dom, 03/05/2015 - 19:48

ruffiani e lacchè sono questi comunisti venduti..

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 03/05/2015 - 21:03

Expo, Renzi si ricorda di Prodi. Stretta di mano in segno di pace?: Un pessimo Renzi non mi fa rimpiangere un pessimo Prodi, del quale conosciamo bene l'operato e soprattutto gli errori che hanno rovinato il bel paese.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 04/05/2015 - 12:52

L'unica indimenticabile figura che, in splendida solitudine, assicurava l'Expo a Milano è la signora Letizia Moratti. A lei la gratitudine.

Duka

Lun, 04/05/2015 - 13:20

"NESSUNO NEGA IL SUO RUOLO" Ma alla frase manca un aggettivo: FALLIMENTARE