Renzi snobba la lettera Ue: "La manovra è in regola"

Il premier: "Solo in Italia tanta attenzione ai rilievi» Domani il faccia a faccia decisivo Padoan-Moscovici"

Lo dice anche Martin Schultz, che dell'Europarlamento è il presidente: «Non c'è niente di più popolare dello scontro con l'Europa, oggi». Per questo le lettere e i richiami della Ue, che fa le pulci alla legge di Bilancio italiana, non sembrano preoccupare granché il premier italiano, che persevera nella sua sfida ai «burocrati» di Bruxelles. A cominciare dal dossier più sensibile per le pubbliche opinioni, quello dell'immigrazione.

Così Renzi, dopo aver minacciato di mettere il veto al bilancio Ue se gli altri Paesi dell'Unione continueranno a lavarsi le mani di una emergenza che l'Italia continua ad affrontare «da sola», e non verranno messi alle strette dalla Commissione, rilancia: «Per troppi anni - dice da Napoli, dove è sceso per firmare il Patto (da 300 milioni) con la città - l'Italia ha visto l'Europa come luogo dove andare a prendere appunti o lezioni». Adesso, spiega, non c'è un Italia «contro» l'Europa, anzi: «Noi stiamo combattendo per l'Europa dei padri e anche dei figli, ma per farlo c'è bisogno di un Paese forte autorevole». E una vittoria del Sì al referendum, chiosa, «andrà anche in questa direzione, non solo per la definizione giuridica degli articoli sulla sovranità nazionale, ma anche per il ritrovato ruolo di un Paese che potrà dire: noi le riforme le abbiamo fatte, noi siamo stati in grado di superare lo stallo di oggi, noi adesso vi spieghiamo come si fa. Smettiamo di farci dire cosa dobbiamo fare». Sull'esito del referendum si mostra ottimista: «Ci sono moltissimi indecisi, il risultato è ancora tutto da scrivere. Non ho paura della democrazia». Se poi vincesse il No, «ci sarà una grande squadra in campo: Monti, De Mita, D'Alema, Berlusconi».

La manovra? «È legittima e regolare - assicura il premier - perché si basa sulle stesse regole e clausole che l'Europa prevede. Solo in Italia c'è così tanta attenzione alle lettere che arrivano dall'Ue», e «punti dolenti non ce ne sono». Domani toccherà al ministro dell'Economia Padoan, a Bratislava, incontrare il commissario Moscovici e fornirgli quei «chiarimenti» sulla legge di Bilancio che la Ue ha richiesto. Ma il premier sa di poter contare sulla benevolenza dell'Unione, che non vuole indebolire Renzi né mettere a rischio la sua campagna referendaria, per sventare il rischio della destabilizzazione di una Italia nella quale, allo stato, non si vedono alternative credibili all'attuale governo. Ma lo stesso Moscovici, ieri, si è adoperato per smussare i toni dello scontro: la lettera della Commissione, inviata anche a diversi altri Paesi, «rientra nel dialogo normale» fra esecutivo e governi in questa fase del semestre europeo. Quindi, aggiunge, «non dobbiamo minimizzare, ma neanche drammatizzare». L'invio delle lettera «non pregiudica il risultato del dialogo, è un elemento normale» che riflette il fatto che l'Ue ha riscontrato «uno scarto» sull'aggiustamento strutturale di bilancio previsto, rispetto agli obiettivi raccomandati. «Questa Commissione - insiste poi - non considera il bastone, la punizione, come la sua filosofia: esistono dei dispositivi, delle misure che possono essere prese, e sono prese se si rendono necessarie. Se possono essere evitate con il dialogo e una soluzione concertata, è sempre meglio». Nessuna intenzione di alimentare lo scontro da parte della Ue, dunque.

Il calcolo di Renzi, però, è diverso: come dice Schultz, la sfida agli squilibri delle regole europee può diventare uno strumento per rafforzare la propria «popolarità», tanto più in una difficile campagna referendaria: «Se mandano la lettera a noi, dovrebbero mandare un'enciclopedia a chi non accoglie i migranti», ripete. E per lui la battaglia sulla legge di Stabilità diventa propedeutica a quella sulla modifica dei Trattati, che il premier italiano - se riuscirà a vincere il referendum e a restare in sella rafforzato - ha intenzione di ingaggiare a cominciare dalla prossima primavera, quando il fiscal compact, approvato nel 2012, arriverà a scadenza.

Commenti

conviene

Gio, 27/10/2016 - 09:48

Finalmente un presidente del consiglio e un ministro dell'economia che non si fanno dettare la manovra dalla Germania e dall'Ue. L'Italia è ok. i compiti li ha fatti e superati. Solo un no alle riforme ci farebbe ripiombare nel caos. Ma questo non dipende dal Governo ma da chi vota. Io sono tra quelle che non si tagliano i cabasisi per far dispetto alla moglie e non penso tato ame quanto ai giovani. Loro devono avere un futuro e con queste riforme sarà più roseo

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 27/10/2016 - 09:58

pensate l'avesse fatto Berlusconi...

conviene

Gio, 27/10/2016 - 10:10

ma allora sospendete questo post se censurate sempre

linoalo1

Gio, 27/10/2016 - 10:12

Ricordatevi che siamo sotto Referendum e vhe,il Furbo,contesta dall'Italia!!!Quando sarà nel Parlamento Europeo,sosterrà ancora la sua Idea??Qui,si vedrà se ha le Palle!!!!

orsobepi

Gio, 27/10/2016 - 10:37

E' tipico di una certa parte politica (generalmente la sinistra), voler riscrivere la storia secondo le convenienze del momento. Non mi stupisco più di tanto se il capo del governo voglia fare lo stesso esercizio. La cosa che mi turba è che riescano ad eliminare quanto ora ricordi la storia recente.

leopard73

Gio, 27/10/2016 - 10:38

per questo bischero e sempre tutto in regola anche chi fa le truffe alle banche facendo piangere i risparmiatori sono in regola!! mi fermo per non andare oltre!!!!ladro schifoso

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Gio, 27/10/2016 - 10:53

Forza Renzi!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 27/10/2016 - 11:27

#conviene- 09:48 Mai passato per l'anticamera del cervello che questo ribellismo di maniera sia dettato da ragioni puramente elettorali? Dopo il 4 Dicembre il puffo scatterà nuovamente sull'attenti ad ogni diktat dell'UE e di Frau Merkel. E allora saranno guai finanziari a non finire per tutti noi. Compresi gli estatici fans del ragazzotto con il naso all'insù e le mani perennemente in tasca.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Gio, 27/10/2016 - 11:55

Habe fertig! Come al solito si è dimostrato assiduo e coscienzioso nel suo lavoro. Tutto in regola! In breve iL paladino verrà sbugiardato!!! IO#VOTO#NO senza se e senza ma.

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 27/10/2016 - 12:56

IL BUFFONE E' ARROGANTE, PERMALOSO E PURE BUGIARDO.

TitoPullo

Gio, 27/10/2016 - 13:44

Pinocchio, Pinocchioooooo....ma lo sai dove stai andando ?