Resta la suggestione del fondatore: l'orizzonte di una "Lega a 5 Stelle"

Quante convergenze su euro, immigrazione e piccole imprese. Il commento criptico di Bossi: "È morto quello sbagliato"

Roma - Per quanto la Rete possa concedere il dono dell'immortalità, non è andata e non andrà come sognava il Vate del Web. Alla visione di una sesta stella, magari leghista, ora è lecito sovrapporre l'incubo grillino di una «caduta delle stelle». Magari proprio in virtù della Lega a 5 stelle di cui si era parlato nel passato, e considerato che non si profila all'orizzonte alcuna ricomparsa di sol dell'avvenire.

Transeat perciò gloria mundi. Attorno al magnifico, immaginifico mondo inventato da Gianroberto Casaleggio, si aprono scenari inediti e affatto pacifici. Star wars, piuttosto. Quasi nessuno ha il coraggio di parlarne apertamente, nel giorno del lutto e del cordoglio, delle civette e dell'ipocrisia, se non la leader Cgil Camusso quando dice che «ora si apre una stagione di cambiamento». O la vignetta di Vauro con Grillo burattino accasciato dai fili spezzati. Il Palazzo dubita delle capacità organizzative di Beppe, della tenuta dei giovani rampolli in Parlamento, dell'erede Davide su a Milano. Certo, bisognerà attendere l'esaurimento dell'effetto Berlinguer, quel misto di simpatia ed emotività che, trasferita nel voto, può portare a vittorie-simbolo (Roma sembra fatta apposta). Ma per il movimento sospinto dalla seconda crisi della Repubblica, così come la Lega prese il volo da Tangentopoli, il bivio da superare non sarà solo questione organizzativa. Nel mare magnum del populismo, Casaleggio era l'unico capace di tenere il timone tra i cinque temi-base del movimento (acqua pubblica, ambiente, mobilità sostenibile, connettività e sviluppo) e l'azione costante, testarda, spesso in apparenza incomprensibile per gli stessi militanti, volta a far breccia in tutti gli elettorati, in particolare quello leghista. Una specie di Opa, spesso ostile, che ha trovato in Parlamento più occasioni di convergenza con la Lega. Le posizioni sull'immigrazione, per esempio, in aperto contrasto con il sentiment dominante della sinistra e certa sua vacua inconcludenza. La formula trovata da Casaleggio, «immigrazione oro nero per mafia e coop rosse», era al tempo stesso brillante e spiazzante. Così la comune offensiva verso l'euro e l'Europa «dei burocrati». Ancora, la battaglia contro Equitalia e la difesa strenua della piccola impresa e degli artigiani martoriati (Casaleggio incontrava periodicamente gli imprenditori). Il comune cavallo di battaglia contro gli sprechi e la Casta. O i bersagli fissi, tipo Alfano, le cui dimissioni sono state chieste all'unisono più volte da Salvini e Grillo. Così come oggi accade per Renzi.

Al punto che le frasi pronunciate ieri dai leghisti in segno di cordoglio sono tra le poche a non suonare come moneta falsa o a dare la sensazione di gracidio d'avvoltoio. Il «dolore» di Calderoli, il «rispetto umano» e il «buon viaggio» di Salvini, il criptico Bossi: «È morto quello sbagliato». I leghisti pensano a una loro costola. Proprio vicino al cuore.

Commenti
Ritratto di ..AAAcercaNsi..

..AAAcercaNsi..

Mer, 13/04/2016 - 08:56

MAI CON I SERVI DELLA CASTA LEGAIOLI

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Mer, 13/04/2016 - 08:58

"Suggestione" o "suggerimento" ? In Italia si parla e scrive in Italiano, o ci si lascia suuggestionare dall'inglese?

un_infiltrato

Mer, 13/04/2016 - 09:06

Più che di "criptico" parlerei di un commento cafone o, se preferite, da cafone.

un_infiltrato

Mer, 13/04/2016 - 09:09

Gentile (scherzo) signor Bossi, sorella Morte è una "cosa" seria.

Cinghiale

Mer, 13/04/2016 - 09:12

La Meloni appoggiata dalla Lega solo pochi giorni fa ha detto che se non vince lei, la candidata migliore è la Raggi. Attestato di convergenza più di questo.

antipifferaio

Mer, 13/04/2016 - 09:40

Articolo incomprensibile... Basta riassumere in due parole...che o la lega e il M5s, ognuno per onto suo ma in sinergia, si fanno carico del riscatto italiano in ambito europeo e quindi si risale la pericolosa china...oppure è la fine economica e sociale per cui non ci rimane che espatriare in massa vere le nuove "Americhe" sparse per il globo. Agli interessi di parte, o di partito, si devono mettere quelli della società italiana, sopratutto autoctona visto che la sinistra attuale odia l'itliano tipico e predilige il musulmano medio. Insomma, dovranno dare un futuro e un nuova speranza a tutti, a cominciare dai disuccupati ultracinquantenni che allo stato attuale sono dei veri zombie.

DIAPASON

Mer, 13/04/2016 - 10:12

La sintesi di questi due movimenti e' presente da anni in Francia con IL fronte popolare.

Ritratto di apasque

apasque

Mer, 13/04/2016 - 10:20

Parlo da non politico, ma con il cuore in mano. Il mio sentimentalismo mi porterebbe a sognare un'alleanza leggera tra Lega e M5S, ma con forte convergenza su fondamentali temi comuni: no Euro, no Europa, no Equitalia, immigrazione strettamente controllata, via Renzi, alleanza con Putin. Sarà un sogno irrealizzabile, ma se si avverasse....!!!

antiom

Mer, 13/04/2016 - 11:27

Sono molto d'accordo col desiderio di "apasque" perché mi piacciono entrambi i partiti, al punto che, già da adesso, ho un gran imbarazzo per chi votare. Con questa scelta, credo di esercitare quella flessibilità mentale necessaria, al contrario di molte persone di sinistra, che votano Pd a prescindere, nonostante tutto.

salvofranco

Mer, 13/04/2016 - 14:24

@apasque – Sarebbe sufficiente riflettere su chi è stato responsabile dell’Euro.. dell’ UE.. di Equitalia.. di tre governi non eletti partendo da Monti… ma anche del bombardamento libico e dell’assassinio di Gheddafi che ha dato il via all’invasione selvaggia di questa nazione.. di chi continua a essere lacchè dei cosiddetti “alleati” da decenni etc… e non sarebbe poi così difficile capire intanto chi dobbiamo ringraziare per tutto questo. Quei signori sono lì perché ce li abbiamo messi noi. E sono ancora in circolazione! Altro che sogni…

Giorgio1952

Mer, 13/04/2016 - 14:31

apasque che sia un sogno irrealizzabile, lo dice lei stesso quindi di cosa parliamo, no Euro e no Europa è pura follia, dove andiamo con la liretta di casa nostra? Condivido in parte su Equitalia ed immigrazione, in quanto a Putin perché non va a vivere nella "democratica e liberale" Russia? DIAPASON ha visto i risultati alle ultime elezioni della sintesi francese del FN?

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 13/04/2016 - 14:32

Non credo proprio. Lega e Movimento 5 stelle sono pressoché agli antipodi. La lega è indiscutibilmente di destra, seppure da arrotondare in certe spigolosità, l'altro nasce dalla costola sinistra della sinistra, figuriamoci! E se ha avuto l'exploit che ha avuto, è perché molti di altri schieramenti si sono bevuti il cervello...

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Mer, 13/04/2016 - 19:05

Non esiste paragone: la Lega si interessa al benessere reale dei cittadini italiani, il movimento 5S si batte per prendere il posto del Pd senza posizioni chiare, perché le idee sono poche e confuse. Sarà ancora peggio dopo la scomparsa di Casaleggio e il parziale ritiro di Grillo. Le convergenze saranno solo occasionali e strategiche nel comune interesse di destituire il "capetto" Renzi.