La rivincita del Cavaliere anche all'Aquila dopo bugie e veleni sul post terremoto

Il successo di Biondi ristabilisce la verità sulla ricostruzione fatta dall'ex premier

L'Aquila La grande bugia. Finalmente svelata. Ha il volto di Pierluigi Biondi la verità che mancava. Il sindaco che guiderà L'Aquila dopo aver governato per due lustri la vicina Villa Sant'Angelo, col suo successo ha dimostrato la falsità del teorema per cui Silvio Berlusconi è causa d'ogni male. Renato Brunetta, capogruppo di Fi alla Camera, è stato il primo ad annunciarlo: «La vittoria di Biondi sarà il segno del ritorno dell'onore a Berlusconi». Onore pubblico, perché il legame con la gente d'Abruzzo non era mai venuto meno. Solo faceva gioco tacerlo.

Era così da quella terribile notte del 6 aprile del 2009, con gli orologi e i cuori fermati alle 3.32 dalla scossa magnitudo 6.3 che si portò via 309 vite. In 100 giorni la Protezione Civile di Guido Bertolaso tirò su 5.653 abitazioni (4.449 in muratura e 1.204 in legno) per 25.000 sfollati. Le new town del progetto «C.a.s.e»: nuovi quartieri sparsi attorno alla città. Appartamenti da una sessantina di metri quadrati in edifici residenziali. A sinistra li bollarono subito come ghetti. Poi vennero gli «scariolati»: di domenica entravano nella zona rossa a raccogliere macerie per richiamare l'attenzione sull'eredità del sisma. Con loro il vescovo ausiliare, monsignor Giovanni D'Ercole. Forti di tanta benedizione, ad agosto del 2010 le carriole oscurano il rito della Perdonanza, marciando contro il sottosegretario Gianni Letta. In crescendo, a novembre, l'assedio a Berlusconi. Basta il clamore di pochi per permettere titoloni sugli aquilani che si ribellano al centrodestra, capitanati da eroici condottieri. Stefania Pezzopane, ad esempio: presidente della Provincia nei giorni del dramma, sconfitta nel 2010 è prontamente arruolata in Comune: assessore alla ricostruzione. Nel 2013 fa il salto a Roma, da senatrice. Titoli di merito? L'odio per gli avversari. Mirabilmente sintetizzato nella soluzione politica finale, esposta nella primavera del 2014 durante un comizio a sostegno del dimissionario (per finta) sindaco Pd Massimo Cialente: «Quelli del centrodestra? Sterminiamoli tutti».

Il tempo, galantuomo, s'è incaricato di far giustizia. Il modello L'Aquila, che pure avrà avuto i suoi difetti, è punto di riferimento per mezzo mondo. Le inchieste sui presunti affari sporchi legati al terremoto hanno affondato il centrosinistra (aperto il 15 giugno il processo per corruzione a carico dell'ex vicesindaco dem Roberto Riga). Soprattutto, la città ha scelto un sindaco che ha fatto della campagna elettorale un'operazione verità. «Il governo Renzi ha stanziato 5,1 miliardi in tre anni, meno della metà dei 10,5 miliardi messi a disposizione dal governo Berlusconi oltre a 600 milioni per l'abbattimento delle tasse, grazie all'emendamento dell'ex sottosegretario Letta», è andato in giro a spiegare Biondi. E giù con i numeri: «I cantieri delle periferie sono stati attivati col plafond di 2 miliardi di Cdp operativo dal luglio 2009, mentre quelli dei centri storici sono stati finanziati con 1,5 miliardi della delibera Cipe del dicembre 2012, ma a valere su fondi del decreto 39 del 2009. E in quella stessa delibera c'erano i primi 100 milioni per lo sviluppo economico del cratere, l'edilizia pubblica e la smart city, ricondotti dall'opera mistificatoria del Pd ai governi successivi a quello Berlusconi».

Tutto vero. Gli aquilani lo sapevano. Non a caso, il centrodestra ha vinto.

Commenti

mcm3

Mar, 27/06/2017 - 08:50

Le bugie....fatevi un giro a vedere le famose case date dal Cavaliere...chiedeta a Bertolaso..

leopard73

Mar, 27/06/2017 - 08:57

QUELLI DELL'AQUILA SONO STATI FORTUNATI AL TEMPO DEL TERREMOTO CHE AL GOVERNO CERA SILVIO BERLUSCONI CHE GLI HA DATO UN TETTO ANCHE SE DI LEGNO Perché SE CERA LA SINISTRA AL GOVERNO SAREBBERO ANCORA NEI CONTAINER CON LA LORO BUROCRAZIA KATTOKOMUNISTA VERGOGNATEVI FANFARONI E LADRI.

Palladino

Mar, 27/06/2017 - 09:16

...e nel centro Italia ai terremotati vengono assegnati gli alloggi con la tombola.Vergogna.Vergogna.Vergogna.A proposito e il sig. Vasco Errani,ilsuper commissario per la ricostruzione che fine ha fatto.

steacanessa

Mar, 27/06/2017 - 09:26

Hanno impiegato tanto di quel tempo a capire chi sono veramente cialente e pezzopane che meriterebbero un tapiro monumentale.

Luigi Farinelli

Mar, 27/06/2017 - 09:55

Come dimenticare l'immagine oscena dei "carriolari" d'allora, pronti a fare sciacallaggio elettorale in piena atmosfera di tragedia? I loro interventi in tv con l'appoggio degli inviati "progressisti" di ogni razza e risma? La stomachevole esibizione della moglie di Sarkosy fra le rovine a bestemmiare contro Berlusconi, già nel mirino dei farabutti europei pronti a defenestrarlo per cominciare a spolpare l'Italia a colpi di crisi economiche inventate a tavolino? E' anche ricordando questo passato che non dovrà esservi troppa "moderazione" se il centrodestra dovesse tornare finalmente a governare, finalmente con un Governo legittimato dagli Italiani e non da sciacalli come Merkel, Cameron, Sarkozy, Napolitano e Monti.

MarcoE

Mar, 27/06/2017 - 11:26

Sul terremoto dell'Aquila una delle più grandi operazioni di mistificazione della storia ... da parte dei Kompagni! Si sa costoro sono bugiardi di per indole ed interesse. Adesso sto ridendo con la PALESE INCAPACITA' di gestire le operazioni post terremoto. Errani poi nominato commissario ... Ancora rido

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Mar, 27/06/2017 - 11:31

mcm3, il voto ha parlato, quindi forse le bugie le dici tu.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 27/06/2017 - 12:04

Lo sapevano gli aquilani, lo sapevano gli italiani e lo sanno le popolazioni che hanno subito le conseguenze dei terremoti di questi ultimi anni in Italia. Dal momento che i miei occhi non sono migliori di quelli degli altri, penso che tutti costoro siano in grado di vedere la differenza. Le due differenze: a l’Aquila, l’efficiente modo di affrontare l’emergenza e il chiasso denigratorio, se non addirittura il boicottaggio, messo in atto, dalla sinistra. Nel centro Italia, il modo lacunoso di rispondere all’emergenza, reso più fastidioso dal mugugna sommesso e rassegnato delle popolazioni colpite.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 27/06/2017 - 12:05

Purtroppo, che si chiamino PCI PD o in qualsiasi altro modo, il loro slogan è «senza di noi non si governa» e usano da maestri invidia sociale e clientelismo (famiglie intere, per generazioni, tenute in pugno con la promessa di una crosta di pane) per zittire lamentele e proteste. Chi all’approssimarsi di ogni tornata elettorale abbocca alla propaganda degli agitprop: «io a votare non ci vado (ma ci vanno a come); tanto sono tutti uguali» ricordi queste differenze: non sono «Tutti uguali.

Palladino

Mar, 27/06/2017 - 13:16

...dei cinque individui da lei menzionati,Sig. Farinelli, tre sono stati subito trombati, uno è un patetico vecchio comunista, l'unica ancora in sella è la "culona".Ci sarà pure una giustizia divina.

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 27/06/2017 - 13:41

Ma dove sono finiti i cialtroni delle carriole rosse marca "falce e martello" pronti nel manifestare solamente quando arrivava la tv pubblica al seguito del fanfarone politico di sinistra per poi sparire come le pantegane nelle fogne

mareblu

Mar, 27/06/2017 - 14:30

NON SI PUO' FARE , " ALTRO GIRO ALTRA CORSA! " IL SUO BAMBOCCIO NON GLI HA DATO IL PERMESSO!, E SALUTI ANCHE IL PONTE! SULLO STRETTO. SE VUOLE VINCERE, LAVORI PER AIUTARE I POVERI PENSIONATI, CAPISCO CHE NON E' TROPPO REDDITIZIO,,,,,,, PERO' OGNI COSA E' QUALCOSA! E COME DICE " VASCO " CHI SI CONTENDA GODE . HAAA HHHAAA! CHI LA DURA LA VINCE ...- MAI-!

Ritratto di Pesto

Pesto

Mar, 27/06/2017 - 16:05

Ah! Perché non è vero che il berlusconismo ha fatto danni? e che ne staiamo subendo ancora le conseguenze?. Nooo! Sono le bugie europee, i poteri forti e le sinistre i responsabili di tutti i mali. Ipocriti! Se così fosse perché le destre non sono rimaste a governare nonostante le disgrazie del perseguitato? Dove eravate nel momento del bisogno del Paese. Nel 2013 ci sono state le elezioni dovevate vincere a mani basse se quanto scrivete fosse vero. Così non è stato perchè?

gardenia

Mar, 27/06/2017 - 16:30

Mi stupivo delle lamentele e ingratitudine, riportate dai giornali, degli aquilani, che hanno avuto, grazie a Berlusconi e Bertolaso, case complete di tutto a tempo di record. I terremotati di Marche, Umbria, che hanno avuto da Renzi ed Errani? 24, dico 24, casette tipo container. Che faranno all'arrivo dell'inverno?

killkoms

Mar, 27/06/2017 - 18:28

@mcm3,sono stati meglio soccorsi i terremotati (recenti) di lazio ed umbria?lo dica a quel poveraccio terremotato morto di freddo in una roulotte!se fosse accaduto ad un terremotato aquilano,sotto il governo berlusconi ne avreste fatto un caso di stato,ma siccome ora c'è la sinistra "zitti e mosca"!