Rivoluzione alla buvette: su i prezzi per deputati

La buvette della Camera alza i prezzi di alcuni prodotti e annuncia una stretta sulle mandorle

Un caffè da oggi costa 90 centesimi e non più 80. Dolcini mignon a 75 invece che a 60. E ancora: un aperitivo, alcolico o analcolico, a 4,50 e non più a 4 euro. La buvette della Camera alza i prezzi di alcuni prodotti e notizia che già causa sconcerto tra i veterani di Montecitorio, sia tra i deputati che i giornalisti, annuncia una "stretta" sulle mandorle. Uno dei 'classicì degli aperitivi, infatti, costa troppo e così la società esterna che gestisce ormai lo storico bar di Montecitorio (preso in gestione da settembre) ha deciso di limitarne gli ordinativi. Le mandorle, salate e tostate, vengono acquistate dal bar Giolitti, che si trova a due passi dal Palazzo, a 40 euro circa al chilo. Cifra che è stata considerata troppo alta, nonostante - così viene riferito - si tratti comunque di un prezzo di favore, ma troppo alta a fronte del fatto che le mandorle vanno letteralmente a ruba e c'è chi ne mangia a decine anche bevendo un semplice bicchiere d'acqua con il limone.

Questa voce si aggiunge ad altre che, secondo quanto si apprende, hanno fatto registrare alla società che gestisce il servizio della buvette un bilancio in perdita. Per rimettere in sesto i conti, quindi, non solo i controllori dello scontrino, ma anche la decisione di alzare i prezzi di alcuni prodotti. Anche perché se la società dovesse continuare a stare in perdita, potrebbe essere costretta a licenziare. Rischio che prima di settembre non si correva dal momento che i commessi della buvette erano dipendenti della Camera, ora 'riciclatì in altre mansioni nel Palazzo. Ma oltre a ritoccare qualche prezzo, la società ha deciso soprattutto di migliorare la gestione degli ordini per evitare sprechi alla fine della giornate. Ordini che, viene spiegato, saranno più mirati in base anche all'affluenza della buvette stessa. Infatti, mentre in genere i lunedì e i venerdì sono giornate abbastanza "morte" con pochissimi fruitori, tra il martedì e il giovedì si registra il picco delle presenze e quindi anche delle consumazioni. Per questo motivo, probabilmente, le tanto richieste mandorle si potranno trovare solo nei tre giorni clou.

Ma, assicurano dalla buvette, l'assenza di mandorle sarà compensata dalla presenza di aperitivi più consistenti con tramezzini o pizzette ad accompagnare il prosecco o l'analcolico di turno. Con le mandorle, in ogni caso, rischia di sparire uno degli alimenti-elementi simbolici tipici di Montecitorio. In passato la stessa sorte è toccata alla bottiglietta di anice che, nei fasti della Prima Repubblica, si trovava sempre al fianco della storica fontanella che si trova dentro il Palazzo e da cui i deputati si abbeveravano nel corso della giornata. Negli ultimi anni l'anice è sparito, son rimasti prima i bicchieri di plastica, e poi nemmeno quelli. Nella spending review degli ultimi tempi, infatti, sono rientrati anche i bicchieri e così è rimasta solo la fontanella con l'acqua che sgorga. Chi vuole bere, deve dotarsi di un bicchiere o ormai più comunemente di una bottiglietta propria.

Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Lun, 07/03/2016 - 10:45

Ditegli di portarsi il mangiare da casa nello scaldavivande.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 07/03/2016 - 10:49

Ma come si permette la abbuff..pardon buvette di alzare i prezzi??Vogliono affamare i deputati??Presto una colletta...

Franco5863

Lun, 07/03/2016 - 11:02

Li dentro il PARASSITA che guadagna meno si porta a casa circa DODICIMILA EURO NETTI AL MESE, e si lamentano del caffè a 90 centesimi quando fuori costa € 1,10 e i dolcetti mignon costano minimo € 1,00. Ma dove c...o vivono questi SATRAPI!!!

mezzalunapiena

Lun, 07/03/2016 - 11:25

questo è lo specchio dei politici.

vince50_19

Lun, 07/03/2016 - 11:26

Saliranno anche i benefit..

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Lun, 07/03/2016 - 11:26

è sempre troppo poco per quello che prendono di stipendio!!

MEFEL68

Lun, 07/03/2016 - 11:36

Poveretti! Visto che sono loro che fanno le leggi, ne potrebbero fare una che preveda l'introduzione di qualche tassa a nostro carico in modo da coprire quegli aumenti che loro non possono permettersi. Cosa dovremmo dire noi che, pur percependo meno di un decimo dei loro stipendi, un caffè, quando possiamopermettercelo, lo paghiamo 1-1,10 euro.

MEFEL68

Lun, 07/03/2016 - 11:48

Dall'affluenza alla buvette, si evince che questi "stakanovisti" pagati da noi, lavorano tre giorni a settimana. Partono per il week end il giovedì sera e ritornano il lunedì sera. Settimana cortissima, week end extra lungo e stipendio da favola. A chi non piacerebbe!!!

Vigar

Lun, 07/03/2016 - 12:23

Questi si che sono problemi, altro che i nostri!.......

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 07/03/2016 - 12:36

POVERINI MI FANNO PENA PERCHE NON FACCIAMO UNA COLLETTA IN MANIERA CHE POSSANO ANCORA FARE COLAZIONE SENZA ESSERE DISSANGUATI DA PREZZI ESOSI

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 07/03/2016 - 12:39

Salgono i prezzi alla buvette? ... no problem! ... questi "onorevoli" adesso si aumenteranno lo stipendio altrimenti rischiano di non arrivare a fine mese.

Lapecheronza

Lun, 07/03/2016 - 12:40

Ma come si permettono di aumentare il prezzo di un caffè a 90 centesimi mentre in un normale bar costa diversamente ? Discriminazione da squadristi fascisti per chi sta lavorando duramente per il popolo.

Lapecheronza

Lun, 07/03/2016 - 12:41

Dopo che i parlamentati avevano speso 45 milioni di € per dotarsi carta igienica (incredibile ma vero!) stanno a fare le pulci sulle mandorle.

ziobeppe1951

Lun, 07/03/2016 - 12:56

POPOLINO LAVORA CHE IO MAGNO

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 07/03/2016 - 13:06

Come fate a parlare di "RIVOLUZIONE"....!!!!In Francia ai tempi della "rivoluzione" sono cadute tante teste,....in Russia pure(fucilati),nelle varie "rivoluzioni",i morti non si contano!!!Certo,questi sono MORTI DI FAME!!.....In questo sta il termine "rivoluzione"!!!!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 07/03/2016 - 13:10

Questa è proprio cattiveria: politicanti che con 15/20 mila euro non arrivano a fine mese e voi che fate? Gli aumentate il costo del caffé alla buvette? E' proprio vero, in Italia è iniziata l'era del rigore.

Boxster65

Lun, 07/03/2016 - 13:16

Più aumentate i prezzi alla bouvette e più saranno costretti a rubare i nostri (dis)onorevoli!! Sono ladri nel dna quelli..

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 07/03/2016 - 14:06

Francamente,e per 1000 valide ragioni, io metterei il caffè a 3 euro il dolcino mignon altri 3 euro e l'aperitivo a 10 euro e se non gli sta bene si portino la schiscetta da casa.

19gig50

Lun, 07/03/2016 - 14:10

Poverini come faranno? Io li manderei a mangiare il sapone e tutti quei fattorini, barbieri, cerimonieri inutili nel palazzo a raccogliere rifiuti. Sono un branco di sanguisughe che vivono alle nostre spalle e che si tramandano l'incarico di padre in figlio.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 07/03/2016 - 14:20

Al diffondersi della notizia si è diffusa la disperazione fra I Cittadini Italiani ,ben consci delle ristrettezze della Casta ancora una volta severamente punita da questo iniquo provvedimento.

i-taglianibravagente

Lun, 07/03/2016 - 14:30

voraci per natura. Se fossero normali non farebbero i politici.

titina

Lun, 07/03/2016 - 14:35

xJaspar44 poichè un lavoratore medio che prende 1200 euro al mese paga ilcaffè 80 centesimi, in proporzione, per giustizia sociale, un parlamentare dovrebbe pagare un caffè 1000 euro

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 07/03/2016 - 14:37

Adesso chiederanno l'indennità mandarle e anice. Chiudete la bouvette e, come dice semovente, che si portino il mangiare da casa!

Ritratto di ...gufidiTaglia.

...gufidiTaglia.

Lun, 07/03/2016 - 14:38

nessun problema, continueranno a PAPPARE come e più di prima

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 07/03/2016 - 14:38

buvette, pardon

unosolo

Lun, 07/03/2016 - 14:41

vero o falso sembra che ogni anno alla buvette veniva dato il risarcimento della perdita , tutti lo sapevano e ne approfittavano evidentemente col cambio di gestione non avviene , prima si dava non risarcimento ma contributo per avere prezzi bassi rispetto al fuori del palazzo , come nelle grandi aziende una parte la metteva il datore di lavoro e cosi avveniva nella Buvette, fine della pacchia .,

VESPA50

Lun, 07/03/2016 - 15:06

Spaventoso...vuoi vedere che pretenderanno anche loro gli 80 euro? e sicuramente anche le mazzette tenderanno a lievitare. Dovranno pur compensare queste gravi perdite

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 07/03/2016 - 15:21

Non so come i nostri emeriti rappresentanti in Parlamento, in questo caso alla Camera, possano accettare di sottoporsi a pesanti sacrifici per curare gli interessi del popolo, non ultima questa iniqua pretesa di aumentare il prezzo delle loro consumazioni al bar. Ben faranno a trovare il modo di continuare a non pagarle, come recentemente abbiamo appreso con vera gioia.

moshe

Lun, 07/03/2016 - 15:24

Poveretti, tengono famiglia! come faranno adesso a tirare fine mese?

Ritratto di sandros

sandros

Lun, 07/03/2016 - 16:14

Certo che andare alla cassa per pagare è una perdita di tempo a danno delle Istituzioni. Propongo una trattenuta forfettaria di 1000 € mensili sull " appannaggio". Sono sicuro che tutti gli interessati saranno contenti.... però ho dei dubbi.....e se poi al posto di toglierli li aggiungono?

MEFEL68

Lun, 07/03/2016 - 16:23

Cari deputati, so che all'Ucciardone c'è un bar dove fanno un caffè che è "la fine del mondo". Costa pochissimo; in molti casi è addirittura gratis.

g-perri

Lun, 07/03/2016 - 16:55

Restano sempre prezzi di favore. E comunque i gestori dovrebbero adottare la precauzione che si adotta in qualsiasi esercizio, pubblico o privato, ossia quello di far pagare in anticipo la consumazione al banco, mentre per le consumazioni al tavolino, annotare le ordinazioni su appositi foglietti.

joecivitanova

Mar, 08/03/2016 - 01:11

Vedete, noi nelle Marche alle persone che si sono arricchite ma che non hanno imparato nulla dalla vita, se non accumulare soldi, gli diamo la definizione di "Pidocchio rifatto", e mi sembra che essa possa calzare a pennello anche in altri casi 'deputati' a rappresentare la stessa definizione. G.