Roma, nuova giunta targata Pd: ai Trasporti il senatore pro Tav

Parte la "Fase 2" senza l'appoggio dei vendoliani: Marino rischia di non avere i numeri. Ecco i nuovi assessori che lo terranno in vita

È una giunta targata Partito democratico, quella che Ignazio Marino ora dovrà guidare per affrontare la "Fase 2", il secondo atto dell'amministrazione. Un rimpasto frutto di una tregua con il premier Matteo Renzi che commissaria il sindaco "marziano" e allunga le mani sul Campidoglio. "Due fasi, un solo obiettivo", è lo slogan di facciata di Marino. Si parte da Stefano Esposito. Il senatore dem, celebre per le sue posizioni contro i No Tav, prenderà il posto del dimissionario Guido Improta all'assessorato ai Trasporti. Tra le new entry anche Marco Causi, Marco Rossi Doria e Luigina di Liegro. Persone che, nella propaganda piddì, "sapranno portare alla città i cambiamenti di cui la città ha bisogno".

La strada della "Fase 2" è tutta in salita. Sel è out dall’esecutivo capitolino. "Noi continuiamo a servire Roma anche in Consiglio comunale, le poltrone le lasciamo al monocolore del Pd", il commento al vetriolo dei vendoliani. E avvertono: "I dem dovranno assumersi le responsabilità". Ma sul Campidoglio Marino sarebbe pronto a ripartire. Già da oggi. Sindaco e premier, che nelle ultime settimane si sono sfidati in un duello a distanza animato più volte dagli ultimatum lanciati dal rottamatore all’inquilino di Palazzo Senatorio, hanno infatti raggiunto un accordo sul nuovo team, "orfano" in questi due anni di ben otto assessori. La nuova equipe con cui il chirurgo piddì entrerà ancora nella "sala operatoria di Roma" per tentare di rianimare una Capitale da più punti di vista: dal decoro ai trasporti.

Il rebus del rimpasto non si risolve scegliendo esclusivamente i successori degli assessori dimissionari, ovvero Luigi Nieri, che ricopriva la carica di vicesindaco, Guido Improta, assessore "renziano" ai Trasporti, e l'ultima uscita di scena Silvia Scozzese, "lady dei conti" del Campidoglio. Il deputato piddì Marco Causi diventa il nuovo numero due di Palazzo Senatorio prendendo la delega al Bilancio. Un compito che ha già svolto sul colle capitolino sotto la giunta Veltroni. A Luigina Di Liegro, ora consigliere comunale del Pd e già nel 2009 assessore alle Politiche del Welfare e della Sicurezza alla Regione Lazio con l'amministrazione Marrazzo, va la delega al Turismo innescando un giro di deleghe in giunta. La delega del Personale passa, infatti, nelle mani dell'assessore alla Legalità, Alfonso Sabella. Marco Rossi Doria, già ex sottosegretario all’Istruzione nei governi Monti e Letta, sarà il nuovo assessore alla Scuola. Alza, quindi, i tacchi Marino Paolo Masini, in quota democrat.

"Per i prossimi tre anni il programma di midterm prevede obiettivi concreti, risultati visibili e tempi certi - annuncia Marino presentando la nuova giunta - ora penseremo al decoro, alla pulizia, alla mobilità, alla casa e alla rigenerazione urbana". Ma l'addio di Sel crea non pochi problemi alla maggioranza. I vendoliani garantiranno solo un "appoggio esterno politico". Che andrà verificato di giorno in giorno, "delibera per delibera". Come a dire: da oggi non garantiamo più nulla a prescindere. Un annuncio che preoccupa non pochi in Aula visto che da oggi inizierà una "minimaratona" in assemblea capitolina per dare il via libera, entro il 31 luglio, all’assestamento al bilancio 2015. Non a caso il capogruppo dei "vendoliani" Gianluca Peciola ha lasciato sullo scranno di Esposito un "piccolo" regalo: una copia del libro del No Tav Erri De Luca La parola contraria. Un monito "antagonista" per Marino.

Commenti

vince50_19

Mar, 28/07/2015 - 11:14

Il classico esempio di politico attaccatissimo alla cadrega. Avanti così "zu Gnazu, sì proprio ganzu": alla fine il Pd a Roma si liquefa progressivamente. Come i cosi detti progressisti..

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mar, 28/07/2015 - 11:24

Ci voleva un tecnico capace invece un altro politico a gestire atac, come dicono a roma attaccati al tram. Marino vattene!

Rossana Rossi

Mar, 28/07/2015 - 11:46

Povera Roma.......non meritava una fine così..........

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 28/07/2015 - 12:02

Quest'uomo è patetico. Vederlo arrivare in bicicletta con lo zainetto sulle spalle come un ragazzino che va in escursione in montagna, prima fa sorridere, poi fa venire tristezza. E' l'immagine di un'Italia che ha perso ogni riferimento con la realtà, la decenza, con il buon senso, il buon gusto ed anche il senso del pudore. L'Italia è in mano a questi personaggi, incapaci, inadatti a governare, dilettanti allo sbaraglio, inetti e ridicoli.

agosvac

Mar, 28/07/2015 - 12:15

Francamente questo strano personaggio non riesco a capirlo. Lasciamo andare che è odiato dalla stragrande maggioranza dei romani, anche quelli che lo avevano votato a suo tempo. E' comprensibile che lo sia visto che non è mai riuscito a fare niente di niente se non danni per Roma. Ma è odiato anche dai vertici del suo stesso partito e lui resite imperterrito a fare danni enormi sia a Roma che al partito. L'unica spiegazione sarebbe che sia un po', molto, scarso di mente!!!!! Del resto che sue continue risatine tipiche di un ebete, lo farebbero supporre.

angelovf

Mar, 28/07/2015 - 13:05

Ancora non lo cacciate a questo babbeo più di voi?

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 28/07/2015 - 13:10

ma in foto che cxxxo ha da ridere!!??!? c'è da piangere qui...

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 28/07/2015 - 13:10

Marino è, oltre a tutto il resto, anche incoerente. A suo tempo si è impegnato a favore dell'eutanasia nei confronti della povera Eluana Englaro, oggi per la sua carica di sindaco applica un accanimento terapeutico di cui nessuno comprende l'utilità.

Iacobellig

Mar, 28/07/2015 - 13:40

CERTO, PUR DI LASCIARE IL "COMANDO" QUESTI COMUNISTI SI SPUTANO ADDOSSO MA RESTANO AL LORO POSTO!

27Adriano

Mar, 28/07/2015 - 13:51

Carissimi Romani, state affondando anche nell'immondizia e non volete sfiduciare Marino? quanto viene pagato il Vostro ignobile consenso?

Ritratto di ...wiwaliTaglia.

...wiwaliTaglia.

Mar, 28/07/2015 - 14:46

e l'IMMONDIZIA non è solo materiale

cdg58

Mar, 28/07/2015 - 14:55

Mi fanno ridere quelli che dicono "marino dimettiti" neanche la Gru da 100 tonnellate lo muove dalla poltrona a questo... Una faccia da menefreghista mai vista, riesce perfino a battere Renzi

baio57

Mar, 28/07/2015 - 15:06

@ Giano - Sicuramente non farà fatica, perchè la bici è elettrica.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 28/07/2015 - 15:13

Ma quale rischio? Finché sarà in grado di distribuire poltrone, troverà sempre qualcuno disposto ad accettarle.

Ritratto di Edro

Edro

Mar, 28/07/2015 - 15:14

Qesto non sapendo fare neanche il chirurgo(ecco perchè l'america ce lo ha rispedito) si attacca al fumo della Pipa pur di rimanere sindaco. Se cade dove ca..o va? Non credo che Renzi si prenda sta' mezza calzetta.

linoalo1

Mar, 28/07/2015 - 15:20

E' ovvio che non ci sarà nessun rischio!Roma,finalmente,è Comunista e tale deve rimanere il più possibile!!!!Quindi,Marino,è tranquillo!!!!O lui,od un altro come lui!Ma come?Qui non c'è un Napolitano che mischia le carte!!!Ed allora???Romani,avete voluto Marino????Allora,tenetevelo fino a fine mandato!!!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 28/07/2015 - 15:24

Le vicende del sindaco Marino dovrebbero far riflettere i buonisti, i moralisti e coloro che vorrebbero consegnare l'Italia in mano alla magistratura: democratici e grillame per intendersi. Tanto idioti da confondere da sempre le categorie della politica e della morale. Alla guida di una città come Roma, corrotta dai tempi dell'antichità dei re della repubblica e degli imperatori, occorreva uno come Alessandro sesto papa, famiglia Borgia. Niente di meno. I dissimili non faranno altro che aumentare il degrado, fino a rendere la città alla stregua di Mogadiscio: degradata e corrotta, cuccagna per ogni mafia, malaffare e corruzione. Esattamente come è oggi dacché alla sua guida hanno eletto Babbo Natale. Quelli di New York stiano calmi e quanto a corruzione pensino alla Lehman Brothers Holdings, alle cartolarizzazioni ed alla crisi epocale che han provocato. Roma e Mogadiscio al confronto sono dei paradisi di onestà.

antonio54

Mar, 28/07/2015 - 15:29

Di questa sinistra non se ne salva uno. Dove si fiondano il disastro è garantito. Se questo non lascerà presto Roma, e lo deve fare in fretta, la città diventerà una vera e propria discarica. Questo comporterà, danni all'immagine e al prestigio a livello mondiale, difficilmente recuperabile nel breve tempo...

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 28/07/2015 - 16:27

Una domandina semplice semplice. Il Sen.Stefano Esposito dara le dimissioni in Senato per fare l'assessore o (COME TEMO)terra il SEDERE su ambedue gli scranni???? CHI MI RISPONDERÀ??? Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 28/07/2015 - 17:13

Chissà che fra poco pur di riuscire a governare l'Urbe istituiranno l'antico sistema governativo del TRIUMEVIRATO.

flip

Mar, 28/07/2015 - 17:26

se non è zuppa è pan bagnato. altri nullafacenti (comunisti) in sostituzione di altri nullafacenti (comunisti) tanto c'è chi paga.

Imbry

Mar, 28/07/2015 - 17:39

Ah! Ah! E fino adesso che diavolo hai fatto per la tua città??? Sei l'unico sindaco al mondo a rimanere dove sei dopo che tutta la tua giunta ti ha dato il benservito! VATTENE E LASCIA LA CAPITALE A CHI LA SA GOVERNARE!!!!!!

Imbry

Mar, 28/07/2015 - 17:58

hernando45, spesso si dice che la risposta alle domande sia nelle domande stesse... esattamente il suo caso! :-)

Cirilla

Mar, 28/07/2015 - 18:05

Cirilla Se non riescono guadagnare con i loro pasticci come faranno a continuare portare tutti gli altfi afrikani che ancora servono per i loro piani ....e lui non fa che obedisce gli ordini...

silvano45

Mar, 28/07/2015 - 18:46

ride ride sempre un detto latino che è molto calzante per questa persona dice che" il riso abbonda sulle labbra degli stolti " per il resto in un paese civile e normale una persona con dignità e intelligenza si sarebbe già dimesso da tempo se non lo fa è solo per interesse personale!!!!!!!!!!!!!!

VittorioMar

Mar, 28/07/2015 - 19:50

La nuova giunta capitolina si è immolata per la causa?La protegga San Giuda Taddeo!

incavolatobianco

Mer, 29/07/2015 - 08:23

Di"Quella faccia un po' così,quell'espressione un po' così" ne girano molte nei piccoli centri.D'ora in poi dovremmo chiamarli"il marino del villaggio"