Roma, Torino, Livorno: dove governano, i Cinque Stelle perdono consensi

A Torino persi cinque punti percentuali in due anni; a Roma il dato peggiora in tutti i municipi e anche a Livorno i pentastellati arrancano

Là dove governano, i grillini perdono voti. I dati delle ultime elezioni politiche lo confermano senza ombra di dubbio: a Roma, Torino e Livorno i Cinque Stelle, che pure a livello nazionale possono vantare un incremento spettacolare dei consensi, si trovano a fare i conti con la dura realtà. Persa la verginità politica, una volta che si sono dovuti sporcare le mani e provare ad amministrare, le percentuali calano inesorabilmente.

A Roma calano in tutti i municipi

Succede a Roma, dove a meno di due anni dalla vittoria di Virginia Raggi nella corsa per il Campidoglio il partito di Luigi Di Maio cala in tutti i municipi: osservando il dato delle regionali, dove Roberta Lombardi è arrivata terza dietro il dem Nicola Zingaretti e il candidato del centrodestra Stefano Parisi, si può notare come i voti dei grillini siano diminuiti in ogni zona della capitale. A partire dal I municipio (dal 24% al 12%) del centro, per proseguire con il IV, alla periferia nord-est della città (dal 37% al 24%) e finire con il VII, Appio Tuscolano, (dal 37% al 22%). Ma il trend, sia pure con percentuali più o meno basse, si conferma in tutti e 15 i municipi della città. Migliore il dato alle politiche, che però non sorridono ai grillini nelle altre grandi città a guida pentastellata (anche se pure a Roma la percentuale è più bassa di qualche punto percentuale).

A Torino calo di cinque punti in due anni

A Torino, ad esempio, il sindaco Chiara Appendino si trova a fare i conti con un netto calo dei consensi. Rispetto all'epoca della sua elezione, nella tarda primavera del 2016, il M5s perde in media cinque punti percentuali, costringendo il primo cittadino a una difesa articolata: l'Appendino spiega il calo di consensi con lo scontento dovuto alle "scelte dettate dal gravoso impegno di rimettere in ordine i conti della Città per evitarne il dissesto."

Anche a Livorno M5s è indietro

A Livorno infine, dove dal 2014 è sindaco il grillino ortodosso Filippo Nogarin, il capitano Gregorio De Falco ha perso la sfida all'uninominale con il proprio competitor di centrodestra e sia alla Camera che al Senato il dato dei M5s è di quattro punti sotto la media nazionale.

Certo, i difensori dei Cinque Stelle potranno sempre dire che il raffronto più "purista" va fatto confrontando i dati di questa tornata elettorale con i dati del 2013 ma il dato politico è innegabile: gli entusiasmi degli elettori grillini si raffreddano molto in fretta non appena il M5s prova a mettersi all'opera e a governare.

Commenti

dagoleo

Mar, 06/03/2018 - 16:45

Nel Lazio Parisi ha perso per colpa di Pirozzi. Gli ha sottratto il 5% dei voti con cui avrebbe vinto facile su quella nullità di Zingaretto.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 06/03/2018 - 17:14

Qui a Roma ne stiamo facendo esperienza e non credo che M5S riuscirà a ripetere il "successo elettorale" di Raggi, che purtroppo anch'io, nel mio piccolo, ho favorito in funzione anti-Renzi. Un errore da non ripetere, anche se da sinistra ci presentassero Boschi, promossa da Bolzano a Roma. Meglio uno spazzino comunale, almeno ha una nozione elementare delle pulizia urbana.