Dalla rottamazione alla "derenzizzazione"

De Magistris punge il premier e proclama Napoli "città derenzizzata". Scontro aperto tra sindaci "rossi" e palazzo Chigi

Un'altra grana per Renzi. I sindaci di due giunte di centrosinistra in due delle più importanti città d'Italia, Napoli e Milano sono in rottura col premier. In testa alla fronda ribelle c'è Giuliano Pisapia che ha deciso di non ricandidarsi per il voto del 2016. "No - ha detto -, non credo proprio di ricandidarmi". "Io credo che il futuro di Milano proseguirà dentro un progetto che ha le basi solide nella nostra Costituzione, nella solidarietà, nella capacità di guardare avanti e di impegnarsi ognuno all'interno della propria comunità per un futuro migliore per tutti", ha aggiunto il primo cittadino del capoluogo lombardo. Ma a pungere Renzi è arrivato anche Luigi De Magistris che su Facebook rompe gli indugi e punta il dito contro il premier proclamando Napoli "città derenzizzata". "Napoli si proclama città "derenzizzata" - ha scritto l'ex magistrato - perché siamo per la democrazia, per la diffusione del potere, per la distribuzione del denaro, per la lotta alle disuguaglianze, per la giustizia, per il popolo".

De Magistris ha sottolineato di avere "rispetto" per il presidente del Consiglio Renzi, per il Governo e le istituzioni, ma poi ha sottolineato che "assistiamo a una consolidata e preoccupante involuzione antidemocratica, un'accelerazione fortemente autoritaria dell'assetto istituzionale tutta di stampo liberista". De Magistris ha ricordato che Renzi è un premier "non eletto, ma nominato dalla casta", ha criticato "l'uso bulimico e abnorme, in violazione della Costituzione, dei decreti legge e del ricorso alla fiducia" compiendo "un ribaltamento eversivo della Costituzione con l'utilizzo della legislazione ordinaria, a colpi di maggioranza". Poi prosegue nell'attacco: "Con lo Sblocca Italia si da il via libera al massacro del Paese attraverso - ha spiegato - faraoniche opere pubbliche, trivellazioni, inceneritori, commissariamenti di interi pezzi di territorio. La bellezza del nostro Paese - ha proseguito il sindaco - è svenduta al mercato di lobby, cricche e mafie". Insomma a Milano c'è Pisapia a inguaiare il Pd, a Roma c'è un Marino che non vuole mettersi da parte e ora a Napoli c'è De Magistris che si proclama anti-renziano. Il prmier ha il governo, ma le città, e soprattutto i sindaci gli hanno già voltato le spalle.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 11/08/2015 - 17:56

Non è napoli ma è l'Italia che va derenzizzata.!!!!

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 11/08/2015 - 18:04

A quando Italia nazione derenzzizzata?

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 11/08/2015 - 18:10

Vorrei l'Italia deterronizzata!

Blueray

Mar, 11/08/2015 - 18:13

Populista fino all'osso sembra l'epigono mummificato della vecchia destra sociale. Comunque se vuole derenzizzare bene, tutto grasso che cola!

alkt90

Mar, 11/08/2015 - 18:22

concordo con gianniverde. .

Cheyenne

Mar, 11/08/2015 - 18:25

L'italia quella vera deve cacciare renzi e co, ma da che pulpito viene la predica

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Mar, 11/08/2015 - 18:27

Portate giggino alla neuro! Liberiamo napoli dal demagogo finto contrario al demagogo nazionale renzi

Magicoilgiornale

Mar, 11/08/2015 - 18:48

Napoli e' solo napoli con i suoi problemi!

Lofelo

Mar, 11/08/2015 - 19:21

Se Renzi dice che le città sono sporche e che i sindaci devono lavorare di più (proprio come diceva il Giornale quando mi piaceva)e De Magistris si incazza, questo è uno dei tanti segni che Renzi fa bene. Come l'incazzatura dei sindacati a cui ha tolto la gestione della scuola pubblica, come l'incazzatura di chi "non è scelto o nominato". Perché mai Renzi (come qualunque altro presidente del consiglio)non dovrebbe contare su gente di cui si fida ?? Ma chi dovrebbe mettere a dividersi con lui la responsabilità di quello che , bene o male , cerca di fare ? Brunetta o gianniverde ??

Romolo48

Mar, 11/08/2015 - 19:32

Va bene la derenzizzazione dell'Italia, ma prim avnega la demagitrizzazione di Napoli!!

honhil

Mar, 11/08/2015 - 19:46

La sinistra è come lo scarabeo stercorario. E’ eternamente impegnata a rotolare la sua pallina defecata dal dissenso, per impallare questo o quello. In una continua competizione disgregativa. De Magistris, scimmiottando i suoi tantissimi ridicoli colleghi di un paio di decenni fa, passa dal cartello città denuclearizzata al cartello città derenzizzata. E sotto sotto pensa di studiare per premier. Per uno che avrebbe, per legge, dovuto lasciare la poltrona di sindaco, il passo non è breve. C’è solo da sperare che gli italiani, alle prossime politiche, prima o poi al voto si deve pur tornare, svegliandosi da questa loro ubriacatura ideologica, passeranno direttamente alla derattizzazione del Pd. Sempre più un aggregato di ‘compagni’ insaziabili. In tutti i sensi insaziabili.

Ritratto di francogian1937

francogian1937

Mar, 11/08/2015 - 19:52

...non sara' troppo tardi...?

Iacobellig

Mar, 11/08/2015 - 20:50

Il delinquente politico è a monte di Renzi: Napolitano!

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 11/08/2015 - 22:33

Fantastica e necessaria iniziativa!!!!

Ritratto di scappato

scappato

Mar, 11/08/2015 - 22:50

Ero indeciso se dare ragione a gianniverde o a tomari. Ma poi ho deciso: a lacobellig.

altanam48

Mar, 11/08/2015 - 22:57

Spero che non sia arrivato al punto di preparare cartelli stradali a spese del comune con l'indicazione della "derenziziazione", visto che sarebbe anche reato, ma questo benedetto sindaco non ha altre cose di cui occuparsi? Eppure la città che amministra non mi pare che sia un modello di efficienza! E lo dico con grande pena.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 12/08/2015 - 00:27

Proprio quelli che per primi dovrebbero tacere invece cianciano per coprire la loro incapacità. Hanno contribuito con il veterocomunista Napolitano a distruggere la politica e ancora hanno la faccia tosta di incolpare gli altri.