Il salto dei riciclati sul Carroccio romano

La carica degli ex An e Pdl nelle liste di "Noi con Salvini"

Noi con Salvini, ma prima con Alemanno. La diaspora del centrodestra romano ha trovato nella Lega un nuovo approdo, e la transumanza di ex Pdl, ex An, ex Ncd nella fila di «Noi con Salvini», versione centro-meridionale del Carroccio, procede spedita. Malgrado l'impegno dei vertici leghisti a non diventare la «discarica di Malagrotta del centrodestra» (metafora del capogruppo Centinaio), l'afflusso di riciclati nelle liste salviniane per il Campidoglio è abbondante. Tra i candidati ormai quasi certi le new entry della società civile sono molte, ma resta una quota di reduci da precedenti esperienze politiche e politici in cerca di autore (e poltrona). Lo stesso coordinamento romano di «Noi con Salvini» a Roma conta fior di ex, come gli ex deputati aennini Barbara Saltamartini e Souad Sbai, l'ex dellutriana Barbara Mannucci (già eletta alla Camera col Pdl), e poi Salvatore Sfrecola (ex capo di gabinetto di Gianfranco Fini) e Fabio Sabbatani Schiuma (ex An). E i candidati di Salvini, in appoggio alla Meloni in corsa per la poltrona di sindaco? In corsa c'è Enrico Cavallari, ex assessore al Personale della giunta Alemanno, nonché marito della Mannucci. Come candidato alla presidenza di un municipio della Capitale c'è un altro acquisto, l'ex consigliere municipale di Ncd, Andrea Baccarelli. Dal vecchio centrodestra, quello del «Pdl per Alemanno» sconfitto nel 2013, sono in arrivo altri due consiglieri municipali che stavolta provano la scalata al Campidoglio sotto la felpa di Matteo Salvini (sono gli ex Pdl Luigi Servilio e Sara De Angelis). A questi dovrebbe aggiungersi, scrive il quotidiano romano il Tempo, anche Roberto Angelini, ex consigliere comunale Pdl con Alemanno. Così come due altri ex: da Ncd Daniele Giannini mentre dal Pdl la consigliera municipale Simona Baldassarre. Tutti riconvertiti e felici nel partito salviniano.

Ma ci sono anche nomi che non arrivano dalle panchine del centrodestra locale. Ad esempio si dà per certa la candidatura in «Noi con Salvini» di Giancarlo Balsamo, denstista, ex grillino eletto con la civica «Amici di Beppe Grillo», e poi candidato Idv alla Regione Lazio nel 2010, non eletto. Dalle liste di Marchini arriva invece Francesco de Salazar, che nel 2013 riuscì nell'impresa di candidarsi due volte, non solo con la Lista Marchini, ma anche contemporaneamente con Fdi in un altro municipio. Ora è con Salvini. E le new entry? C'è un tassista, o meglio tassinaro, Roberto Rosalia, candidato dopo una chiacchierata in taxi proprio con Salvini. E poi altri due dentisti, un volontario della Croce rossa, un dipendente del ministero dello Sviluppo economico, due avvocati, e una guardia giurata. Donna. Tutti in corsa, con la speranza che Salvini faccia il boom (l'ultima volta la Lega a Roma ha preso l'1,4%).

Commenti

katy61

Sab, 30/04/2016 - 09:40

E quindi? Almeno arrivano dal centrodestra....e non ex PD lista civica vedi" Marchini" anche se non dispiace completamente..

MarzioPallavicini

Sab, 30/04/2016 - 10:52

L' opportunismo è purtroppo una malattia comune nei nostri politici purtroppo l' alternativa dell ex (??) comunista Marchini è una dura strada da percorrere per chi si sente di destra...

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 30/04/2016 - 17:18

E di quelli in lista per Giacchetti?? Non se ne parla Bracalini!!! Se vedum