Salvini al bivio: ora pensa alla leadership

Il segretario del Carroccio va all'attacco delle scelte del Cavaliere

È un Salvini comunque orgoglioso quello che si affaccia dal suo ufficio in via Bellerio. Tirato in volto (anche per la morte di Gianluca Buonanno), il leader del Carroccio continua a prendersela soltanto con il dato dell’affluenza alle urne. Colpa di Renzi, tuona. E la lagnanza fa riferimento alla scelta di far votare nel lungo ponte del 2 giugno. Forse con un’affluenza diversa, sussurrano nei corridoi di via Bellerio, i risultati sarebbero potuti essere più netti. Il risultato al fotofinish nella corsa della coppia Giachetti-Meloni al secondo posto a Roma ha mostrato la possibilità di dare ancora qualche speranza all’ambizione mal dissimulata di vedere il leader della Lega diventare, dopo il voto di ieri, il nuovo centro propulsore del futuro centrodestra. Un centrodestra di marcata connotazione lepenista. «Già le prime proiezioni mostrano chiaramente - spiega il segretario della Lega - che il risultato della Meloni a Roma è straordinario. Con pochi mezzi e senza Berlusconi e Alfano, a Roma abbiamo comunque ottenuto un grande risultato ». E poi rincara la dose: «Berlusconi ha sbagliato. Ha aiutato la sinistra a prescindere da chi va al ballottaggio». L’altra faccia della medaglia è il risultato della piazza milanese. Un risultato che dà a Salvini il destro per evocare un orizzonte a dir poco ottimista. «La cosa migliore è replicare quanto sta avvenendo a Milano. Poche risse - spiega - e tante proposte concrete per i prossimi 25 anni e penso che Parisi abbia qualcosa in più da dire, anche in termini di trasparenza ». Da oggi ovviamente si tornerà al tavolo a sedersi con gli alleati per analizzare meglio i dati. Resta significativo soprattutto il risultato di Bologna dove Lucia Borgonzoni toglie a Merola la possibilità di vincere al primo turno. «Sono orgoglioso della coerenza e del contributo fondamentale della Lega al centrodestra - aggiunge Salvini -. La bassa affluenza è stata voluta da una vergognosa scelta di Renzi. Adesso contiamo di recuperare ai ballottaggi. «Dove c’è la Lega si va, dove Berlusconi ha fatto altre scelte... campa cavallo ». Difficile ragionare a mente fredda mentre scorrono i numeri degli exit poll. Un dato certo, però, è che non è ancora tramontato l’ambizioso progetto salviniano di dare una spallata alla leadership del centrodestra. Sono in molti, però, a invitare Salvini alla cautela. Visto che i dati possono anche essere visti in una maniera differente. Alcuni sottolineano infatti che dove la Lega appoggiava la già collaudata e sperimentata alleanza con Forza Italia, il centrodestra ha tenuto. Il confronto sulla leadership dell’alleanza e sul futuro stesso del centrodestra, per ora, è rimandato. La Lega, intanto, non ha smesso di crescere negli ultimi tre anni. Dal punto più basso del 2013 con un misero 4,08% alle elezioni politiche, ha via via risalito la china (alle Europee ha preso il 6,15% e alle regionali dell’anno scorso ha toccato quota 9,11). Con il risultato a doppia cifra raggiunto nei Comuni dove si presentava con il tradizionale simbolo con Alberto da Giussano ha ottenuto quanto meno di dimostrare all’opinione pubblica e agli analisti politici che è in «buona salute». Per ricomporre la frattura provocata dal «lodo Roma» ci sono adesso quindici giorni di tempo. Il principale obiettivo della Lega è stato raggiunto. Alla conta dei voti di lista risulta il primo partito dell’alleanza. Tutto ciò che arriva in più è - sussurrano alla Lega - tanto di guadagnato.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 06/06/2016 - 09:21

Beh in effetti si dovrebbe scegliere la data delle elezioni in un giorno in cui consentire al maggior numero di elettori di andare alle urne, scegliere la Domenica di un ponte è assai sospetta coem cosa. Renzi la pensa diversamente come e quanto Craxi quando invitava la gente ad andare al mare invece che a votare.

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Lun, 06/06/2016 - 09:38

I voti dei cittadini vanno rispettati, la Lega è nettamente superiore a Forza Italia in termini elettorali, pertanto tocca al carroccio il Leader, gli altri DEVONO sostenerlo, così come è accaduto in passato con Berlusconi, oggi deve essere per Salvini. Non esistono alternative se si vuole avere ambizioni di vittoria, gli avversari sono raddoppiati, adesso abbiamo il PD ed il M5S ... non si possono più commettere errori.

Miraldo

Lun, 06/06/2016 - 10:21

Salvini con la Lega è già il nuovo leader del centrodestra, Berlusconi se ne faccia una ragione.

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 06/06/2016 - 10:25

Salvini, personaggio borioso al pari della Meloni, credeva di asfaltare Forza Italia di Berlusconi, ma il tonfo che ha avuto in tutta l'Italia del voto è significativo: non bastano le ruspe per vincere: occorre cervello e capacità politico/imprenditoriale e lui, come la Meloni, ha dimostrato di averne pochina.

acam

Lun, 06/06/2016 - 10:37

caro salvini è comunque stato un flop

acam

Lun, 06/06/2016 - 10:41

unpaesemigliore Lun, 06/06/2016 - 09:38 nessuno si accorge che gli italiani o non sanno votare o vengono presi per i fondelli. c'è stata un disapprovazione quasi totale delle politiche immigratorie ma retano al comando chi le favorisce proprio non si capisce

Gianni11

Lun, 06/06/2016 - 10:50

Purtroppo Berlusconi non capisce bene le cose come stanno. L'Italia sta' combattendo all'ultima spiaggia, per continuare ad esistere come nazione e come popolo. O torniamo ad essere padroni a casa nostra o siamo finiti. Questo Berlusconi non lo capisce. Salvini invece ha le idee chiare. VIVA L'ITALIA LIBERA E SOVRANA!

wintek3

Lun, 06/06/2016 - 11:52

Controcorrente direi che se Salvini e la Meloni avessero appoggiato Marchini ora sarebbero al ballottaggio, daltronde sono stati loro a chiamarsi fuori dalla partita con Bertolaso. comunque parliamoci chiaro cosa hanno mai avuto in comune quei due...partiti? Forse solo la poltrona.

sfrancesco

Lun, 06/06/2016 - 13:44

Io spero che Salvini rimanga..è l'unico modo affinvhe la sinistra rimane al potere e finalmente si possano fare le riforme fino ad oggi affossate dai tetri conservatori...

Ritratto di Gianpv

Gianpv

Lun, 06/06/2016 - 13:56

@mina2612 ma sei sicura di quello che hai scritto ? hai interpretato il risultato delle votazioni al contrario della realtà, cerca di essere più serena e meno faziosa gli elettori/elettrici del centro destra hanno il diritto di pretendere dai Massimi rappresentanti del centro destra più onestà intellettuale. Gianpv

Ritratto di Gianpv

Gianpv

Lun, 06/06/2016 - 14:23

A Roma Giorgia Meloni a preso il 20,64% dei voti mentre il candidato Sindaco Alfio Marchini è arrivato al 10,47% tenendo presente il risultato ottenuto da Marchini nella precedente tornata elettorale del 2013, che èstato del 9,49% dove non c'era l'appoggio di Forza Italia. I numeri ci dicono in questa ultima elezione l'apporto di Berlusconi è stato pari al 1,48%. Forza Italia a Roma con Berlusconi ha raccolto un misero risultato!!!se questo dato non fa riflettere il massimo rappresentante di Forza Italia vuol dire che si è proprio arrivati alla frutta!!!!! Gianpv

AH1A

Lun, 06/06/2016 - 14:25

Ma a livello nazionale la Lega lo supera il 4%?

ex d.c.

Lun, 06/06/2016 - 14:28

Possibile non si sia ancora reso conto che da solo resterà per sempre all'opposizione

Ggerardo

Lun, 06/06/2016 - 14:39

Se Salvini e' contento, buon per lui... Fa un po' ridere, ma contento lui contenti tutti.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 06/06/2016 - 15:05

----con la sconfitta della meloni a roma che può tornare a fare la mammma a tempo pieno e con forza italia secondo partito a milano--una cosa è chiara e lampante da questa tornata elettorale---la meloni e soprattutto salvini si mettano il cuore in pace--ogni scelta futura della coalizione del centro destra passa ancora dal vecchio leone berlusca--se salvini aveva sogni di leadership li deve accantonare---il suo partito rimane una entità del nord e non riesce a sfondare al sud-Inoltre le strategie "Trump-iste e lepeniane" in Italia non sfondano gran che: via gli immigrati, via gli zingari, a casa, armi in spalla non reggono. Gli italiani sono più tranquilli di quanto si pensi----hasta siempre

linoalo1

Lun, 06/06/2016 - 17:31

Ormai,mio caro Salvini,hai perso il Treno!!!Spesso,le Occasioni,capitano solo una volta nella vita!!!Bisogna saperle individuare e prendere al momento giusto!!!Tu,avevi gli occhi chiusi dalla Meloni e non te ne sei accorto!!!Hai perso,forse l'unica occasione della tua vita!!!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 06/06/2016 - 18:32

Salvini sarà un ottimo Presidente del Consiglio in futuro, ma per ora, saggiamente, sarà ministro dell'interno, carica da lui ambita e che gli permetterà di risolvere molte questioni cui ha sempre dedicato la sua attenzione: sicurezza, invasione dei clandestini, rom, centri sociali.

Armandoestebanquito

Lun, 06/06/2016 - 19:24

ma cosa e' questo.. un scherzo? snon solo ha perso..le proiezioni a livello nazionale lo porta sotto il 5%

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 06/06/2016 - 20:13

@ elkid,mi scusi,credo che la definizione itagliani tranquilli sia un eufemismo,si addice di piu'....Co.....ni!

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 06/06/2016 - 21:49

@Gianpy, 13.36- Quanto ho scritto, è frutto del comportamento del duo Salvini/Meloni, non dei risultati elettorali, anzi, alla luce di questi ultimi, riaffermo quanto avevo già scritto altrove: "AVRA' CAPITO LA LEZIONE L'ARROGANTE E PRESENTUOSA MELONI? Non credo, continuerà ad insultare Berlusconi neanche che la colpa fosse del Cavaliere. Ha preferito rinnegare la coalizione vincente per seguire solo quel Salvini, da sempre odiato a Roma. Chi è causa del suo mal pianga se stesso!". Quindi, ripeto, il duo Salvini/Meloni è fallimentare specialmente nel centro/sud dove Salvini non è mai stato amato.

sfrancesco

Mar, 07/06/2016 - 09:49

Mina2612- beh..d'altro canto come può essere amato o accettato un Salvini che alle feste di paese cantava gli slogan contro i napoletani e comunque non si è mai affrancato dal "roma ladrona"..Io lo trovo decisamente ripugnante... il suo razzismo prescinde da tutto e la sua ignoranza da bue viene fuori tutte le volte che parla.