Salvini: "Il contratto di governo? Potrà essere ri-tarato"

Dopo lo scontro sull'ecotassa, il vicepremier ammette la possibilità di rivedere il contenuto del contratto con il M5S

Tra la Lega e il Movimento 5 Stelle le differenze ci sono. E sono molte. L'ultima in ordine di tempo riguarda la cosiddetta "ecotassa", ovvero un nuovo balzello che andrebbe ad innalzare il prezzo delle automobili. E ora, il famoso contratto di governo siglato dai due partiti all'indomani delle elezioni potrebbe subire delle modifiche. Questa, almeno, è l'opinione del vicepremier Matteo Salvini che, al forum dell'Ansa, ha aperto a questa ipotesi: "Si potrà fare. Magari quello che abbiamo stabilito a maggio del 2018, a settembre del 2020 va 'ri-tarato'".

Il ministro ha poi proseguito dicendo: "Se ci sarà un rallentamento dell'economia, la guerra dell'economia tra Stati Uniti e Cina, è chiaro che dobbiamo arrivare a soluzione diverse. Nel frattempo ci saranno anche le elezioni europee".

La questione posta da Salvini è più che mai attuale. Proprio oggi, infatti, non appena la Lega ha mostrato i primi malumori nei confronti dell'ecotassa, il sottosegretario all'Economia Laura Castelli ha richiamato il Carroccio all'ordine, appellandosi proprio al contratto di governo.

L'ecotassa e il contratto di governo

L'emendamento firllino per introdurre quella che appare una vera e propria tassa ha creato parecchio caos nella maggioranza. Già perché se da una parte si favoriscono coloro che intendono comprare un'auto "green", dall'altra si penalizzano tutti coloro che stanno per acquistare una macchina alimentata con carburanti più inquinanti, costringendoli a pagare dai 150 ai 3mila euro in più. Una norma che non è affatto piaciuta alla Lega, che ha fatto dell'abbassamento delle tasse il suo cavallo di battaglia durante l'ultima campagna elettorale.

Subito, Salvini ha fatto sapere: ""Sono contrario ad una tassa che vada a tassare un bene già ipertassato. Sono assolutamente contrario a nuove tasse sull'auto". Una posizione, quella della Lega, rilanciata dal capogruppo del Carroccio al Senato Massimiliano Romeo: "A proposito del bonus-malus sulle automobili introdotto nella manovra economica alla Camera, pur condividendo il fatto che vada incentivato l'acquisto di auto elettriche, siamo però contrari ad un aggravio di costi per chi acquista auto di normale dotazione. Pertanto cambieremo la norma al Senato".

L'altro vicepremier, Luigi Di Maio, ha cercato di smorzare le polemiche, dicendo: "Non esiste nessuna nuova tassa per auto già in circolazione. Chi ha un Euro3 o qualsiasi altra macchina non pagherà un centesimo in più".

A rimettere tutto in gioco, però, è stato il sottosegretario all'Economia Castelli che ha detto: "La volontà politica del governo è tenerla, perché non colpisce chi ha un'auto molto vecchia, né chi compra una macchina sotto una certa cilindrata. Comunque le persone meno abbienti non sono colpite ed è nel contratto di governo".

Commenti

amicomuffo

Gio, 06/12/2018 - 22:31

oh Salvini ma mandali a raccogliere i pomodori nelle aziende del Sud! Almeno capiscono cosa vuol dire lavorare!

Pigi

Gio, 06/12/2018 - 23:08

Se da una parte si parla di riduzione di tasse e dall'altra di tasse per le auto a combustione interna, vuol dire che il contratto è contradditorio. E se è contradditorio, o si mettono d'accordo oppure vincerà la maggioranza in Parlamento. Le auto elettriche non sono adatte a chi compie lunghi tragitti, quindi ne occorre un'altra normale. Inoltre, ancora non ne produciamo, per cui dovremo importarle, peggiorando la bilancia commerciale e rischiando di fare la fine del governo Berlusconi nel 2011. Salvini, tieni duro, hai ragione anche qui.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 07/12/2018 - 00:44

Ma lo sapete a che punto siamo con le auto elettriche? Costosi giochini che costano molto e, alla fine, considerando tutta la filiera, inquinano molto di più delle macchine a combustione interna. Quanto al contratto di governo, c'era dentro anche il crollo del ponte di Genova? Non credo! Eppure qualcosa si deve pur fare per rimediare alle cose omesse, imprevedibili o sbagliate come questa.

rokko

Ven, 07/12/2018 - 01:18

Evvai con l'improvvisazione e l'annuncite! Due brutti difetti per chi governa

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 07/12/2018 - 01:30

Evidentemente Salvini comincia a svegliarsi dal torpore che sta dimostrando da qualche settimana, con risultato di irritare gli elettori di centro-destra, soprattutto quelli che - come me – lo avevano molto apprezzato quando manovrò abilmente per frenare l’invasione di immigrati provenienti via mare. Aggiungo che si ha anche l’impressione che Salvini, dopo il “guaio” Diciotti, abbia rallentato l’azione volta a frenare immigrazione clandestina, forse perché preso da altre preoccupazioni o pensieri. Salvini svegliati, che gli elettori di centro destra non sono fessi.

jenablindata

Ven, 07/12/2018 - 05:35

io sono un amante del diesel... e un tecnocrate, quindi so bene che l'auto elettrica NON è ancora pronta, e nonostante l'appoggio di cui gode al momento... NON è esente da sfighe sul piano ambientale. ma anche così da qualche parte dovremo pur cominciare,no? personalmente ritengo che questo sia uno dei modi più indolori, specie se impostano la partenza di questo bonus malus intorno al 2020: così tutti quelli che hanno in corso gli acquisti o stanno per comprare vanno fuori bersaglio, e quelli che compreranno dal 2020 avranno tutto il tempo di scegliere con calma una vettura meno inquinante... e saggiamente NON si farà pressione sulle accise dei carburanti, colpendo anche gente che non può permettersi di cambiare auto e nemmeno di pagare centinaia di euro all'anno in più per spostarsi (si è ben visto in francia dove porta,tirar troppo la corda...)

jenablindata

Ven, 07/12/2018 - 05:39

ah,pensandoci meglio... come dice pighi: al momento non produciamo auto elettriche. quindi un governo saggio che fa? sposta questa modifica a quando FCA avrà prodotto le nostre... magari legando il bonus solo alle auto nazionali: so bene che teoricamente non si può fare.. ma ci sarà pure un maneggione che riesce ad inventarsi un modo,no? tipo la germania,con le sue certificazioni tuv e iso.. fatte apposta per tener fuori concorrenti scomodi ;)

Popi46

Ven, 07/12/2018 - 06:39

Salvini,vedi di rinsavire molto prima delle elezioni europee,se ci riesci,perché al tempo sarà troppo tardi per la tua carriera politica. Ma non vedi il disastro che sta montando? Ma non vedi che la nenia del “lasciateci lavorare” comincia ad essere per tanti una minaccia, invece che una speranza?

portuense

Ven, 07/12/2018 - 06:56

salvini fai cadere il governo. con questi non si può governare...sono bambini viziati...

5stardust

Ven, 07/12/2018 - 07:06

meglio cambiare il governo ed è tutto risolto

Duka

Ven, 07/12/2018 - 07:25

un classico dei pagliacci-

INGVDI

Ven, 07/12/2018 - 07:58

Ma vergognati! Governi con della gentaglia che sta distruggendo il Paese e perseveri nell'errore. Diabolico. Ricordatelo! Quando il governo cadrà, dovrai rispondere di tutte le sue nefandezze. Ricordatelo!