Salvini, mezzo passo falso: la leadership è una chimera

Il leader della Lega è stato stracciato dagli azzurri nella sua Milano. Il successo di Parisi certifica che l'estremismo non paga. E a Roma si è fermato al 2,7%

Non è solo il Matteo che siede a Palazzo Chigi a dover fare i conti con una tornata elettorale difficile. Se la sconfitta di Renzi è però piuttosto evidente, resta invece più sottotraccia il passo falso di Matteo Salvini. Che porta a casa un risultato deludente nella sua Milano, al punto di restare dietro Mariastella Gelmini in quanto a preferenze e con il Carroccio che nel capoluogo lombardo prende quasi la metà dei voti di Forza Italia (che tiene solo dentro i confini della Lombardia e crolla invece nel resto del Paese). La Lega, guidata proprio dal suo segretario che si presenta come capolista, a Milano non va infatti oltre l'11,7% contro il 20,2 degli azzurri. Per chi caldeggia la rottamazione di Silvio Berlusconi e si propone per la leadership nazionale del centrodestra è chiaro che non può trattarsi di un risultato soddisfacente. Soprattutto se alla lettura dei numeri si somma una valutazione più strettamente politica della tornata amministrativa. Perché a Milano non c'è solo il dato della delusione in termini di voti, ma pure una valutazione sull'ottima prestazione di Stefano Parisi, un candidato che è riuscito ad unire in maniera «inclusiva» tutto il centrodestra, da Fratelli d'Italia al Nuovo Centrodestra passando per il Carroccio. La ricetta, insomma, con la quale Roberto Maroni governa la regione Lombardia, con buona pace degli strali che Salvini riserva ciclicamente a Ncd e al suo leader Angelino Alfano. Il successo di Parisi, dunque, è fino ad un certo punto una vittoria della linea del segretario, perché certifica per molti versi che la Lega cosiddetta «di lotta» fa presa fino ad un certo punto, soprattutto in Lombardia. E la perdita di consensi sul territorio sembrerebbe confermare questa impressione: nella storica roccaforte di Varese, dove nel 1984 Umberto Bossi tenne a battesimo la Lega, il Carroccio non riesce ad andare oltre il 16,24%.

Al di là dei toni da propaganda, insomma, il Carroccio non raccoglie quello che ci si aspettava alla vigilia. Non decolla, inoltre, il progetto di allargare la zona d'ingerenza della Lega oltre i confini della cosiddetta Padania, visto che a Roma la lista Noi con Salvini si ferma al 2,7%. Quello del Carroccio e del suo segretario, insomma, resta un profilo a cui manca una vocazione nazionale, con tutte le conseguenze che questo può avere sulle aspirazioni di leadership di Salvini. È chiaro, infatti, che la circostanza in questione costituisce un grosso freno alle ambizioni dell'altro Matteo.

Sullo sfondo, poi, resta il braccio di ferro che è andato in scena con Silvio Berlusconi. Il leader del Carroccio - che a Milano non ha fatto una piega nonostante Parisi fosse sostenuto da Ncd - è stato abile nel mandare avanti Giorgia Meloni a Roma, così da arrivare sì allo strappo ma senza per così dire «sporcarsi le mani». È finita con la Meloni fuori dal ballottaggio e con l'ex premier che può dunque rivendicare di essere comunque determinante nonostante l'emorragia di voti subita da Fi. Il duo Salvini-Meloni, insomma, non è riuscito nell'operazione di rendere Berlusconi politicamente irrilevante. Detto questo, il buon risultato ottenuto dalla leader di FdI (arrivata al 20,6%) potrebbe cambiare gli equilibri interni all'area della destra per così dire «lepenista». Se fino a ieri la leadership di Salvini non era infatti in discussione visto che i sondaggi davano regolarmente la Lega al 16-18% e FdI al 2-3, da oggi la Meloni può vantare il buon risultato di Roma. Il che avrà il suo peso, anche alla luce della pessima performance romana di Noi con Salvini.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 07/06/2016 - 08:32

glielo avevo detto! e per due volte! ha sbagliato tutto, è anche l'artefice del caos fatto per il patto con Berlusconi e meloni! ha messo un dubbio alla meloni mettendola alle corde, ma forse vedeva in meloni una avversaria alla leadership! ma ha sbagliato tutto! l'ambizione è legittima, ma non era certo il momento!

Gianni11

Mar, 07/06/2016 - 08:39

Non si tratta di persone. Si tratta di idee. L'UE vuol dire la fine dell'Italia, e la fine dell'Italia e' la fine del popolo italiano. Su questo punto solo Salvini offre speranza per il nostro futuro. O riprendiamo la nostra sovranita' o siamo finiti...per sempre. Chi e' per la nostra sovranita' e dalla parte del popolo italiano. Chi non lo e', e' contro. Sappiamo da che parte sta' la sinistra. Da che parte sta' Berlusconi?

epc

Mar, 07/06/2016 - 08:40

Non avete capito niente, NIENTE!!!! Oggi ci sono tre articoli tre per dire che FI è meglio della Lega, che i "moderati" votano FI invece della Lega, insomma è partita una campagna di stampa tutta interna ale CDX fra FI e Lega! NON E' IL MOMENTO DI ESSERE DIVISI, QUESTO!!!! CHISSENE delle beghe interne per la leadership! FI sta perdendo voti perchè gli elettori tradizionali di FI STANNO A CASA e stanno a casa perchè NON VEDONO CHIAREZZA NE' DECISIONE IN FI e nei suoi capi!!! I "moderati" VOGLIONO MENO MODERAZIONE E PIU' DECISIONE!!!! Io ho sempre votato FI e ho sempre apprezzato Berlusconi, ma così facendo sta sbagliando in pieno! Basta piccole ripicche contro la Lega, che sta guadagnando voti su voti! Siete anche voi fuori dalla realtà!!!! !!

xgerico

Mar, 07/06/2016 - 08:56

Salvini, mezzo passo falso: la leadership è una chimera..........Certo che si, il Giornale la mattina ti mette proprio di buon umore! Perché non fate anche una disamina dei voti presi da F.I.?! Dai su, dal sorriso vogliamo passare alle risate!

Mr Blonde

Mar, 07/06/2016 - 08:57

LEader??? con il 10 a bologna il 6 a torino il 12 a milano?? i moderati in italia esistono e possono riportare l'italia verso un area liberale solo se questi pseudo fascisti sono isolati, come fanno i francia i gollisti che si apprestano a rivincere ed a tornare all'eliseo

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Mar, 07/06/2016 - 09:08

DOMANDA: possibile che i leghisti, prima di votare una coalizione con NCD e vari centrodx, preferisce non votare? in quanto al risultato di FI a Milano, vediamo il balotaggio. Se dovesse vincere Sala, il che è molto probabile, dove sarebbe il grande risultato di Berlusconi? Milano persa, Roma persa con la più grande gaffe che un politico si possa inventare, per il resto d'Italia perde abbondantemente ovunque. ALLA FACCIA DELLA VITTORIA E DELLE SUPER STRATEGIE. A meno che, per vittoria, non si intenda il fatto di aver dato una grossa mano a Renzi e PD. Bè... in questo caso sarebbe una grossa vittoria, perchè c'è riuscito in pieno!!!

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Mar, 07/06/2016 - 09:09

Tra un mezzo passo falso di Salvini e un passo falso intero di Berlusconi siamo messi proprio bene...

nopolcorrect

Mar, 07/06/2016 - 09:14

Ho la massima stima e simpatia per Salvini e per molte delle sue idee, soprattutto per la sua totale chiusura all'immigrazione clandestina, un suo merito grandissimo.Ma certamente il centro-destra può vincere solo se unito e solo se c'è l'accordo fra tutte le sue tre componenti, Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia. Salvini poi, ottimo capo partito, non ha lo spessore culturale necessario per essere capo di un governo, per quello bisogna essere almeno laureati, lo scrivo da amico ed estimatore di Salvini.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Mar, 07/06/2016 - 09:16

Salvini non ha bisogno di essere etichettato "lepenista", Salvini è Salvini e basta e l'italia ha la sua dignità culturale indipendente dalla Francia. I valori umani valgono anche per il popolo italiano, sono riconosciuti dal Vangelo e da Gramsci, chi li sostiene per l'Italia non ha bisogno di essere paragonato alla Le Pen, senza nulla togliere a Marine, ovviamente. Il cav. dovrebbe rileggersi il vangelo e magari anche Gramsci, per rendersi conto di cosa abbia bisogno ogni essere umano sulla terra.

cangurino

Mar, 07/06/2016 - 09:20

Credo che nessuno dei leaders di cdx possa andare da solo alle elezioni, per avere una minima probabilità di successo. Ritengo anche che Meloni e Salvini lo sappiano perfettamente, magari anche Berlusconi, anche se poi ha candidato un concorrente della Meloni a Roma, per di più di sinistra, palazzinaro e dato da subito perdente. Voglia di nazareno o di partito nazionale inciucista con Alfano e Verdini? vedremo. Per ora FI al 5% nella gran parte dei capoluoghi, dove non si è presentata con Lega e FDI, dovrebbe far riflettere Berlusconi.

giovauriem

Mar, 07/06/2016 - 09:21

qualunque partito , schieramento o coalizione ha bisogno di soldati ,graduati , ufficiale e un comandante , salvini nella lega può fare il comandante ma nello schieramento , al massimo può fare il sergente .

massimo trevia

Mar, 07/06/2016 - 09:23

ok,le cifre sono queste,ma è sbagliata la visuale.al centro-sud salvini è stato interpellato da cittadini dei vari luoghi dove effettivamente ha preso quei voti,non molti,certo....ma non è salvino che pretende di "sfondare"!quindi,rispetto a prima sono molti e si dovrà vedere se il buon(a mio avviso)desiderio di una politica diversa crescerà.perciò non uccidiamo il bambino prima che cresca e giudichiamo,liberamente,il progetto in prospettiva.io sono ligure(da generazioni)e lo guardo da lontano. riguardo a milano,per la lega è sempre stata una piazza difficile e purtroppo ,forse(non ne sono sicuro,parlo da non milanese), lì ci gioca molto un qualcosa che definirei antipatia per le posizioni nette.conosco un milanese che ragiona così.ma senza offesa per i milanesi e i lombardi,che io apprezzo molto,come persone:mi ci trovo benissimo e sono le persone più positive d'italia.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Mar, 07/06/2016 - 09:27

Se il Vangelo dice che ci deve essere fraternità fra i popoli, significa che ci devono essere più popoli, non uno solo per tutta la terra, quindi salvini è in linea col Vangelo: aiutare i poli nella fraternità non fare un unico grande minestrone e non c'è bisogno di riferirsi alla Le Pen per sostenere questo, basta, come ho detto, rifarsi al Vangelo o anche a Gramsci.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 07/06/2016 - 09:47

Sembra che il nemico da battere non sia Renzi, ma Salvini.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Mar, 07/06/2016 - 09:57

Chiedo scusa, ma chi altri sta esprimendo ora il centrodestra? So faccia almeno avanti qualcuno, e non ditemi Berlusconi.

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 07/06/2016 - 10:13

Adalberto, ma che stai a dire? Ora sta' a vedere che la colpa del disastro FI è di Salvini! Un minimo di onestà intellettuale vorrebbe che Berlusconi (ma anche la sua claque, fra cui Lei) riconoscesse le gravi colpe per i gravissimi errori politici commessi (di cui, l'ultimo a Roma, griderà vendetta per secoli) e ne traesse le conseguenze. Ma figuriamoci! E' molto più semplice addossare le colpe ad altri, e la claque batte convinta le manine...

CALISESI MAURO

Mar, 07/06/2016 - 10:14

Invece no deve andare avanti e radicalizzare.. quale futuro da un movimento come FI dove sono fuoriusciti tipi come Verdini e alfano. Inoltre fra un pochetto la stamberga gia' a pezzi cadra' a valle... servira' qualcuno che riparta da zero... con repulisti generale naturalmente.. altro che .... mooooodeeeeraaaatiii:))oltretutto il Berlusca per quanto puo andare avanti... e perche' poi se non per ambizione personali.

nerinaneri

Mar, 07/06/2016 - 10:16

...tutta colpa del komunismo...

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Mar, 07/06/2016 - 10:17

Salvini non è il nuovo. ..salvini è il vecchio. ..uno che parla senza mai aver concluso nulla. .12 anni fuori corso senza mai riuscire a laurearsi (in storia!!)mai lavorato un solo giorno. ..ha sempre campato come una zecca sulle nostre spalle come la maggior parte dei politici. ..ci vuole ben altro per il centrodestra. .non sta zecca. ..è stato surclassato dalla Gelmini a milano. .

gcmanzoni

Mar, 07/06/2016 - 10:27

Adesso, però, basta con le liti, i bisticci e le baruffe! La gente si è stufata e non gliene frega niente di leadership e giochini di potere: le carneadi Raggi a Roma e l'altra grillina di Torino di cui non mi ricordo bene neanche il nome non insegnano niente? Cerchiamo di essere pragmatici: Forza Italia e Lega vincono se unite, chiunque sia il leader di questa unione (raccattatene uno a caso, il primo che passa, così non si offende nessuno), ma per carità non imbarchiamo centrini/verdini/fini/casini, tutti ini più dannosi che inutili!

linoalo1

Mar, 07/06/2016 - 10:33

Il suo più grande errore,è stato un errore di presunzione!!!Ossia:mettersi contro Berlusconi e Bertolaso.falsando,cosi',le Elezioni a Roma!!!E adesso paga!!Sia lui che la Meloni!!!!

GUGLIELMO.DONATONE

Mar, 07/06/2016 - 10:39

@nopolcorrect@ - "Almeno laureati..." Come monti, letta e renzi? Nessuna laurea ti conferisce il titolo e le capacità di "statista".Cordialmente.

joecivitanova

Mar, 07/06/2016 - 10:43

Egregio Signor Salvini, mi permetta: cautela, poiché, quando si è vicino alla vetta, le doti, l'entusiasmo e la parte di dilettantismo (che c'è ed in parte è dovuta anche all'età), rischiano, soprattutto da giovani, di far precipitare; e questo rischio, in Italia, paese oramai popolato in gran parte politicamente da gente mediocre, è assai elevato. g.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 07/06/2016 - 10:45

Articolo molto discutibile. Il risultato di Bologna dove è la Lega Nord che doppia Forza Italia dimostar che Salvini ha ragione . I voti di Milano sono residuali quelli di Bologna sono linfa fresca. Inoltre a Milano molti elettori della Lega hanno votato il candidato Parisi senza dare preferenze.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 07/06/2016 - 10:48

Sempre detto che salvini-meloni alla guida del Destra-Centro, sono garanzia di sconfitta sicura.Il punto però non è questa scontata e banale osservazione,la vera questione è FI e SB,che poi son la stessa cosa.La stagione,ventennale,è finita e questo lo dicono da anni gli elettori.Ma all'Italia serve come il pane un cdx nuovamente capace di essere alternativa credibile,riconoscibile e votabile,fintanto che manca Renzi è tranquillo.A mio modestissimo parere,SB dovrebbe fare una cosa semplice,azzerare il partito,aprire un congresso aperto con l'unico paletto che impedisca ai vecchi di avere una qualsiasi carica o ricandidatura e favorire un radicale rinnovamento del partito facendo emergere i tanti giovani amministratori locali.Questo oggi, e non tra 1000anni.

maxmello

Mar, 07/06/2016 - 11:00

Che tristezza. Preferisco mille volte la Meloni a Salvini ma vedere ancora sto vecchio che si preoccupa di essere il padrone del centro destra e che combatte tutti tranne Renzi mi fa venire un senso di squallore incredibile. Il mio sogno è la sparizione di Fi e di berlusconi dalla scena politica ed un centro destra reale e moderno fatto di giovani che siano interessati si a vincere ma più di tutto a governare con un solo programma un solo leader che abbia una aspettativa di vita superiore alle due legislature e, volesse il cielo, incensurato.

diegom13

Mar, 07/06/2016 - 11:01

1) L'errore a Roma si chiama Bertolaso: già accettato di mala voglia dagli alleati, ha detto le sue parole un libertà sui rom per poi insistere con altre frasi che lo hanno reso inaccettabile alla Lega. Il secondo errore lo ha fatto Berlusconi appoggiando Marchini, sempre che Silvio non abbia deliberatamente giocato a perdere. 2) Salvini e Berlusconi sono compatibili elettoralmente, ma non politicamente. Perché per Salvini conta il programma, radicalmente anti-Ue, mentre Berlusconi ha una visione di marketing, che significa non inimicarsi troppo nessuno. Quindi, o Berlusconi (o, meglio, altri) costruisce una destra alla francese, che non si alla alla Le Pen, oppure gioca a mantenere il 10% e fare l'ago della bilancia. A me pare che abbia già scelto.

abocca55

Mar, 07/06/2016 - 11:02

La chimera è l'unione FI Lega. Se Berlusca perde la benda di prosciutto sugli occhi, capisce che per il bene degli Italiani occorre ignorare gli schieramenti, ed unirsi a renzi sui programmi futuri. Cosa occorre privilegiare l'ideologia o il bene dei cittadini? This is the problem.

giuseppe1951

Mar, 07/06/2016 - 11:12

Non esiste nella DX chi è meglio dell'altro, esiste solo la necessità di fondere tutte le idee politiche di dx. Solo così potremo battere la dittatura rossa, e la prepotenza dei poteri forti.

coccolino

Mar, 07/06/2016 - 11:14

Il passo falso (INTERO E CLAMOROSO) l'ha fatto Berlusconi sostenendo Marchini anzichè la Meloni.

buri

Mar, 07/06/2016 - 11:16

Oscar Wilde scrisse "L'importante di chiamarsi Ernesto", noi che non siamo scrittori di grido potremmo comunque dire "L'importante di non chiamarsi Matteo" Matteo Renzi si presentò come il rottamatore della vecchia classe dirigente del PD, la qualle alla prova delle urne ottenne risultati migliori dei suoi. ib quanto a Matteo Salvini che intendeva scalzare Berlusconi dalla sua posizione di guida del centrodestra, a Milamo dove egli si presentò come capoliata della Lega ha raccolto 11% dei voti contro il 20% delle Gelmini capolista di FI che poi lo ha anche stracciato nel numero dei voti di preferenze, questi risultato dovrebbero ricordargli di non vendere la pelle dell'orso prima swl tempo

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mar, 07/06/2016 - 11:16

Spreconi di incenso per F.I.

morghj

Mar, 07/06/2016 - 11:16

Il capolavoro di Roma elaborato da b su suggerimento delle sue fide consigliere (che è meglio perderle che trovarle), ha prodotto la consegna del ballottaggio a favore del commosso (per il regalo) Giacchetti.Ora sia ben chiaro (lo hanno già dichiarato) che bertolaso e marchini voteranno direttamente per Giachetti (come del resto è sempre stato il loro desiderio). Vorrei suggerire una cosa a Salvini e Meloni: fino a che b non si ritirerà definitivamente a vita privata non abbiate più alcun contatto con F.I.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 07/06/2016 - 11:17

Salvini, mezzo passo falso. Ma come lui ha detto che ha vinto ovunque. Uno dei due è un bugiardo o meglio ancora tutti e due.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mar, 07/06/2016 - 11:17

@Gianni11- Neanche lui lo sa.saluti.

Pinozzo

Mar, 07/06/2016 - 11:18

Salvini resta un bifolco ma la cosa buffa e' che fi si aggiri sul 5% ovunque, il cdx se cicca milano non vince da nessuna parte, eppure il preg continua a cantare vittoria.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 07/06/2016 - 11:37

Gli assist a Renzi continuano. A 80 anni ci si gode la (restante poca) vita. E le gioie che la moderna farmacologia consentono ancora di sperimentare. Altro che politica!

Tarantasio.1111

Mar, 07/06/2016 - 11:50

Purtroppo Salvini ha la palla al piede...il casino che hanno combinato Bossi e Berlusconi due uominicchi che non hanno saputo governare...

alfa553

Mar, 07/06/2016 - 11:55

Ho assistito alla passerella dei ballottati,credetemi,mi fanno paura a cominciare da quel de magisteri,con l'aria del buffone e ciucca da 4 pesetas.Mi fa paura quelli dei 5stelle sempre con quella spavalderia che non porta a niente, vantandosi che essi sono i profeti della salvazione, e speriamo che tutti finiscano come quello di 2000 anni fa o giu di li.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 07/06/2016 - 11:55

Hmmmm! Alla luce delle ultime notizie cliniche, sarà meglio accantonare pure le gioie della moderna farmacologia. Che il miocardio non è più in grado di sostenere impunemente.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mar, 07/06/2016 - 11:55

Leggo molte chiacchere i numeri dicono che nella presunta casa della Lega FI vale il doppio dei consensi con la Gelmini che vede con il binocolo Ruttomen in quanto a preferenze..e che a Roma Meloni&Salvini hanno fatto i furbi e sono rimasti con un pugno di mosche in mano..naturalmente si è verificato quanto pronosticato da Silvio..il cdx unito vince come a Milano, il cdx diviso perde come a Roma.. Certo che il partito che vale il 60% dei voti del cdx ha il dovere di guidare e coordinare la coalizione!.. Ie amministrative dimostrano che ogni tentativo di prevaricare questi equilibri viene punito dagli elettori!

Giorgio1952

Mar, 07/06/2016 - 11:58

La sconfitta di Renzi è piuttosto evidente, resta invece sottotraccia il passo falso di Matteo Salvini! Parliamo di FI allora, ieri in un video sul sito de La Stampa, M.Feltri ha dato alcune percentuali del partito del Cav : Roma 4%, Bologna 10%, Napoli 9%, Torino 4%!!! La ricetta con la quale Maroni governa in Lombardia è il solito inciucio di destra, che è andato a scapito di una persona onesta come Ambrosoli, detto questo vedrete che il duo Salvini-Meloni, che non è riuscito nell'operazione di rendere Berlusconi politicamente irrilevante, magari farà perdere Parisi anche se il leader della Lega ha detto che Milano è troppo importante. A Roma Marchini e Bertolaso pare voteranno Giachetti, anche se personalmente lascerai la Raggi a scottarsi nella capitale, perché risollevare Roma è una impresa titanica. Salvini è stato furbo a mandare avanti la Meloni che si è bruciata, mentre a livello nazionale non conta nulla come lo stesso Salvini e anche il Cav.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 07/06/2016 - 12:15

---queste elezioni comunali per il centro destra sono state una faida interna ed una lotta di potere per la leadership---salvini un bel mattino si è alzato e ha detto:qui comando io---berlusconi si è risentito dell'arroganza del giovanotto ed ha accettato la sfida--a roma berlusconi non ha sbagliato nulla --poteva candidare chiunque--il suo scopo era dimostrare che la lega e fratelli d'italia da soli non vanno da nessuna parte--e ci è riuscito alla grande avendo anche la controprova a milano ---dando una sonora mazzata alle velleità di salvini---il quale salvini oggi--finisce per importanza anche alle spalle della meloni pronta a mettere sul piatto della bilancia il suo 20 per cento -che in una città come roma rappresenta una tonnellata di voti----hasta siempre--contento della debacle di salvini e della vittoria di hillary---

Beraldo

Mar, 07/06/2016 - 12:18

Salvini è l'unico che pone in primo piano la distruzione antropologica che stiamo subendo e la difesa del nostro paese. Gli altri da che parte stanno? Se uno dovesse studiare una strategia per indebolire le difese nazionali contro gli abusi dei burocrati europei, metterebbe in campo una divisione interna tra le forze di opposizione, e guarda caso è proprio quello che sta accadendo.

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Mar, 07/06/2016 - 12:24

Il risultato delle elezioni e' chiaro. Gli italiani moderati, quelli che non sono ne' razzisti ne' fascisti, non si riconoscono nell' attuale CDX di Lega e FI. A questi sono rimasti i buzzurri che giocano con le ampolle o che gridano all' invasione... rottami del passato incapaci di scarsa cultura incapaci di adattarsi ai cambiamenti. Tempo qualche anno, per motivi anagrafici, non ne restarea' nessuno.

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Mar, 07/06/2016 - 12:38

Agrippina- la sconfitta sicura è appoggiare un trampalo come Marchini.. Un candidato da NAZARENO!!! mA LA GENTE NON è Più STUPIDA COME UNA VOLTA!!!!

agosvac

Mar, 07/06/2016 - 12:41

Purtroppo salvini è un buon segretario della Lega ma neanche si sogna di essere un politico a livello del vecchio Bossi! Il vecchio Bossi non avrebbe fatto l'errore di salvini a Roma, non avrebbe messo in discussione il candidato di Berlusconi contrapponendogli la Meloni. Il centro destra ha perso Roma per colpa esclusiva di salvini. Ora, però, bisogna pensare ad altro. Bisogna pensare a coordinarsi per il referendum sulla pseudo riforma costituzionale. Ed ancora di più bisogna pensare ad eventuali, anche se improbabili, elezioni anticipate.

scimmietta

Mar, 07/06/2016 - 13:07

X Gianni11: ".... solo Salvini offre speranza per il nostro futuro..." ne sei proprio certo? Salvini va bene come "ruspa" di rottura, ma poi bisogna ricostruire ... e non vedo un bel futuro per la nostra povera italietta, provinciale in tutti i sensi ... se non cerchiamo di crescere come nazione in grado di confrontarsi con la globaliìzzazione, non certo isolandosi con politiche autarchiche di "passata memoria" ... P.S. la svalutazione della "liretta", unica reale arma autarchica utilizzabile fuori dall'euro, è la peggior "tassa" occulta che colpisce essenzialmente tutti i ceti più deboli, a cominciare da quello medio. Vedi un po' tu.

nopolcorrect

Mar, 07/06/2016 - 13:22

Purtroppo è verissimo che una laurea non basta per essere uno statista, considero infatti la laurea condizione necessaria ma non sufficiente. Però i primi ministri inglesi da Heat alla Thatcher a Cameron vengono da Oxford, La Merkel è stata una ricercatrice di Chimica Quantistica laureata in Fisica con ottima conoscenza dell'Inglese e del Russo, Hollande viene da Science Po. Non possiamo mandare gente impreparata a confrontarsi con loro. E non dimentichiamoci che l'Italia è stata rovinata dal maestro elementare Mussolini e la Germania dall'imbianchino Hitler...

Miraldo

Mar, 07/06/2016 - 13:46

Articolo da rottamare. Nei 1300 comuni in cui si è votato la Lega di Salvini ha stracciato tutti i partiti. Al centro e al nord ha fatto il pieno di sindaci oppure è al ballottaggio e in molti di essi è senza Forza Italia. Il presente e futuro del centrodestra si chiama Lega e Salvini...........

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Mar, 07/06/2016 - 14:03

Uso la stesa frase di Salvini su Renzi: "certo, a parole anch'io lo voterei subito"! Dal risultato pare sia stato anche il pensiero dei milanesi su Matteo e Giorgia.

Mr Blonde

Mar, 07/06/2016 - 14:03

Tanti ragionamenti una verità semplice nenache a sprecarci tempo e articoli: la destra da sola in italia non può (e non deve...) vincere così non lo ha fatto mai la sinistra. Quest'ultima ora più che socialdemocratica è anche mezza democristiana, la destra se vuole contare deve fare da stampella al centro, punto.

INGVDI

Mar, 07/06/2016 - 14:06

Sapremo presto se la scelta di Berlusconi di appoggiare Marchini sia dovuta ad un puerile dispetto a Salvini o se invece nasconde il progetto (disgustoso) di un Partito della Nazione con Renzi.

Lucky52

Mar, 07/06/2016 - 14:08

Caro giornalista voler difendere Berlusconi in questo frangente è voler aggrapparsi sugli specchi. Bastava chiedere a qualsiasi romano e ti avrebbe detto che non avrebbero votato ne Bertolaso ne Marchini che è stato asfaltato dalla Meloni. Il fatto che Salvini a Roma abbia il 2,7% è elementare, la Lega è un partito del nord ma è drammatico che FI abbia preso solo il 4,7%. Se la Lega a Milano ha preso solo il 10% è perchè a molti non va l'alleanza con traditori e gente di governo come NCD.Berlusconi è solo annebbiato dal suo ego spropositato e lo dice chi è sempre stato dalla sua parte. Gli errori di aver scelto uomini come Verdini, Alfano, Lupi, Formigoni, Cicchitto, Quagliariello, Bondi, ecc.. sono suoi, mica di altri.

swiller

Mar, 07/06/2016 - 14:46

Diciamo che gli azzurri da altre parti hanno toppato vedi Roma.

Max Devilman

Mar, 07/06/2016 - 15:11

nopolcorrect: Monti è l'esempio vivente di come il tuo ragionamento faccia acqua da tutte le parti. Anche un bambino di 5 anni capirebbe che per far ripartire l'economia italiana servono un taglio di ALMENO un 20% delle tasse su imprese e lavoro, lotta alla corruzione e fine del voto di scambio che la sinistra opera con il mondo statale e che ci costa miliardi di euro l'anno con servizi da terzo mondo. Terzo mondo che invece stiamo importando per favorire onlus di sinistra e caritas del vaticano, anche questa cosa ci sta costando miliardi all'anno, creando altrettanti costi sociali, problemi di sicurezza (che viene invece tagliata). La laurea come il denaro non fa le persone intelligenti. Se sei un idiota pieno di nozioni, rimani un idiota, per confrontarsi con la Merkel basterebbe una persona decisa e che faccia gli interessi di questo paese, ma Monti, Napolitano, Letta e Renzi sono al servizio di ALTRI poteri, non certo del popolo italiano.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Mar, 07/06/2016 - 17:27

Bravo, Max Devilman! Non confondiamo cultura e capacità con pezzi di carte omologanti, magari ricevuti alla Bocconi più per avere l'intestazione che per una effettiva messa in pratica e comprensione delle cose studiate. Abbiamo troppi laureati in Italia che alla prova dei fatti non sanno nemmeno piegare correttamente una lettera per mandare in giro il proprio curriculum. Non fa più testo come prima del 1968, la laurea.