Salvini: "Se condannato avrò il tempo di leggere"

Il ministro dell'Interno fa una battuta: "Sono un indagato che rischia una condanna a 20 anni, vorrà dire che avrò tanto tempo per leggere le poesie di Rondoni"

Il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, ha esordito così nel suo intervento al Piccolo festival dell’essenziale con il poeta Davide Rondoni: "Siete animati da sana follia a invitare un soggetto per ora ancora a piede libero a parlare di poesia. Sono un indagato che rischia una condanna a 20 anni, vorrà dire che avrò tanto tempo per leggere le poesie di Rondoni. Da ministro - prosegue - ogni giorno mi alzo e mi domando quale procura mi stia indagando".

"Nei contesti europei - rivela Salvini - 9 volte su 10 a microfoni spenti, si avvicinano parlamentari, ministri, presidenti, commissari europei, tedeschi, belgi, e dicono 'finalmente c'è stato uno scossone, magari l'Europa si sveglia, magari riuscite voi, in maniera un po' ruspante, a far parlare del futuro'".

La fiscalità per famiglie e il quoziente familiare "è uno degli obiettivi, non ci riusciamo nei primi 5 mesi, ma rimane uno degli obiettivi". La riforma fiscale a misura di famiglia, prosegue il leader del Carroccio, era nel programma elettorale della Lega e il vice premier conferma di volerla portare a casa, seppure non subito.

Su twitter Salvini si sofferma anche sulle parole del Papa contro la mafia: "Da Papa Francesco parole sante, non si può credere in Dio ed essere mafiosi. In settimana porterò in Consiglio dei ministri il decreto sicurezza: più uomini e più soldi per la guerra alla mafia, li spazzeremo via".

Commenti
Ritratto di roberto_g

roberto_g

Sab, 15/09/2018 - 16:45

Salvini, sei magnifico!

Liberalmimmo

Sab, 15/09/2018 - 23:22

"Leggere rappresenta un'occasione di crescita personale, arricchisce di nuove parole, migliora la capacità di capire se stessi e gli altri". Non ricordo di chi sia questa frase che - a suo tempo - trascrissi tra i miei appunti, ma credo che il suo autore abbia perfettamente ragione. Ci si aspetta, adesso, che il ministro Salvini - che manifesta il proposito di leggere poesie se condannato (ma può leggerle anche subito) - si cimenti, una serata - in una Festa della Lega - alla pubblica lettura delle poesie del giovane Bossi, tanto per iniziare e prosegua, poi, se vuole, con la lettura pubblica e privata delle opere di "poeti laureati". Legga, infine, se permette e se non l'ha già letto, il romanzo "La Nuova Vita" di Orhan Pamuk. Buona lettura.