Sanità, Lorenzin: "Trovata l'intesa ​sui tagli con le regioni"

Raggiunto l'accordo con le regioni per la ripartizione dei tagli al fondo salute. Si parla di 2,35 miliardi di euro. Il Veneto diserta la riunione

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin

"Intesa raggiunta con le regioni per la ripartizione dei tagli al fondo salute": lo ha annunciato il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin al termine della Conferenza Stato-Regioni. "L'intesa ci permetterà di compensare il mancato incremento sul fondo senza stravolgere l'impianto del patto della salute", ha spiegato il ministro. Diserta, però, l'incontro la regione Veneto.

"La posizione del Veneto non è cambiata. Eravamo, siamo, e saremo contrari ad ogni tipo di taglio alla sanità che non vada prima di tutto a colpire gli sprechi dove ci sono. A verbale della Conferenza dei Presidenti delle Regioni il voto del Veneto è negativo". Lo riferisce l'assessore veneto alla sanità, Luca Coletto, oggi presente a Roma a rappresentare la Regione alla riunione della Conferenza dei Presidenti, incentrata sull'intesa da dare ai tagli alla sanità. "Abbiamo ottenuto un paio di migliorie all'impianto complessivo - prosegue Coletto - ma queste sono assolutamente insufficienti per farci cambiare posizione". "Di conseguenza - aggiunge - il Veneto non ha partecipato alla Conferenza Stato-Regioni nella quale è stata formalizzata l'intesa". "Eravamo, siamo e rimaniamo sulle barricate - conclude Coletto - anche perchè questa accelerazione, che arriva guarda caso dopo una potentissima frenata effettuata in attesa delle elezioni, la dice lunga sulla credibilità di un Governo che era di tagliatori prima del 31 maggio e tale rimane dopo".

Pronta arriva la risposta del ministro: ‎"Il Veneto è uscito ma in questo modo ci ha permesso di chiudere e quindi lo ringrazio". Ma la questione, probabilmente, è tutt'altro che chiusa.

L'ammontare dei tagli su cui è stato trovato l'accordo è pari a 2,35 miliardi di euro.

"L'impianto dell'intesa - ha spiegato Lorenzin - è importante perchè non consentirà uno stravolgimento delle leve (capitoli di spesa, ndr), che andranno ad operare, a differenza del passato, quando si attuavano tagli lineari". In base all'intesa siglata dalle regioni "da ora in poi si lavorerà sulla produttività - ha riferito ancora il ministro - e questo è un inizio molto importante. Tuttavia sono anche convinta che il patto vada aggiornato, verificando anche la sua piena attuazione. Avremo anche l'occasione di implementare i vari tavoli di lavoro aperti, compreso quello sulla spesa farmaceutica, sul quale ci sono meccanismi che possiamo rivedere e aggiornare dopo tanti anni al fine di rendere più fluido ed efficiente il sistema". Tra le proposte emendative delle Regioni, ha ricordato ancora Lorenzin, "ne è stata accolta una che prevede di rivedere l'aggiornamento del Patto e su questo aspetto specifico verrà attivato un tavolo di verifica e monitoraggio che per me va benissimo".

Per quanto riguarda infine il Fondo Innovativi "abbiamo rinviato a settembre la definizione del tetto di spesa territoriale per verificare se si può riassorbire in qualche modo".

Commenti

aldoroma

Gio, 02/07/2015 - 18:21

complimenti....stamattina ho portato mio figlio al pronto soccorso del policlinico Casilino a roma, persone ammassate come scatole e non per colpa degli operatori, ma per colpa di questo schifo di sanità fatta solo di tagli. che schifo vivere in questo paese.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 02/07/2015 - 18:25

Il Veneto diserta la riunione , perchè loro mica partecipano alle riunioni nazionali , loro vanno solo a quelle padane.

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Gio, 02/07/2015 - 18:30

È un governo bugiardo che racconta balle un giorno sì e l'altro pure... Certo, la ministra non ci verrà mai a dire che l'intesa con le Regioni taglierà servizi e prestazioni... Con l'Euro l'austerità è obbligatoria... Ma, più si taglia, più il PIL diminuisce insieme a consumi e redditi... E con sempre meno redditi, l'economia si contrae sempre più... Nella mia città Asti, almeno 4-5 reparti dell'Ospedale Comunale saranno chiusi e inglobati ad Alessandria...

unosolo

Gio, 02/07/2015 - 18:31

mettetela come ve pare ma lo stipendio dei ministri , il portafoglio , i rimborsi e tutti i privilegi di passare avanti a tutti senza lista di attesa in caso di necessità di interventi sanitari come li metti ? a capito come se garantiscono tutto senza perdere un solo euro o un minuto di attesa ? a noi ci levano soldi per i servizi e loro se li mangiano , infermieri , dottori , professori , e tutto il corpo sanitario costretti a risparmiare , a coprirsi il turno , essere trattati male da noi pazienti incazzati , ci fanno fare la guerra tra poveri mentre loro primi in tutto anche nell'adeguare aggiornamenti di stipendi e rimborsi nonostante il freno della spending rewiev del cavolo.

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Gio, 02/07/2015 - 18:41

I tagli vengono fatti ma si agano piu tasse! I conti non tornano, questi politici devono fare volontariato e no prendere soldi e privilegi! cretini

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 02/07/2015 - 20:03

I tagli sono necessari per poter mantenere le NAVI in giro per il Mediterraneo, le navi consumano,il personale imbarcato percepisce l'idennita di missione oltre che gli straordinari. Poi quando queste RISORSE sbarcano in Italia AMMALATE, bisogna portarli in ospedale e curarli, dagli medicine cure, tutta "ROBA" che costa, poi c'è da mantenerli noleggiare i bus per trasportarli da una parte all'altra del paese e siamo gia a piu di 250.000, anche se i giornali e le televisioni hanno iniziato da un po a "NASCONDERE" gli arrivi.Insomma Italiani tutto questo COSTA e quindi TAGLIANO!!! Mai una volta pero che si TAGLINO i LORO stipendi rimborsi e vitalizi,NOOOO QUELLI SONO SACRIIII!!!! Saludos dal Nicaragua

unosolo

Gio, 02/07/2015 - 20:13

ultimo caso lampante la colica renale del Marino , subito dentro e sistemato , una semplice colica renale o forte dolore per aver mangiato fegato .

Duka

Ven, 03/07/2015 - 06:35

Come al solito scelgono la via più semplice in vece di sradicare la corruzione ed il raccomandato ( la sanità è il paradiso per costoro) e dare a chi ha merito. Le ASL sono il covo della corruzione e paradiso del raccomandato o del figlio di... lo sanno pure i sassi. Lorenzin SVEGLIA

Ritratto di Michimaus

Michimaus

Ven, 03/07/2015 - 09:57

Taglieranno anche le spese sanitarie ai clandestini? ops.. scusate..quelle sonno già gratis