Sbarco a Cadice tra gli ombrelloni Un flop europeo

A Cadice è caduto un altro pezzo d'Europa. È successo mercoledì pomeriggio quando un gommone con una ventina di migranti africani ha dato l'assalto ad una spiaggia affollata di bagnanti seminando prima lo scompiglio tra i vacanzieri e poi la pattuglia di gendarmi intervenuta per bloccarli. Ma l'arrembaggio di Cadice - oltre a turbare la tranquillità dei vacanzieri - fa anche capire come la Fortezza Europa, tanto criticata dalla compagine umanitario-scafista, sia ormai soltanto una diroccata cittadella. Una cittadella tanto inadeguata nel garantire la difesa dei propri confini quanto incapace di comprendere e prevenire le emergenze.

In Marocco gli arrivi di africani attratti dal miraggio europeo sono letteralmente triplicati dall'inizio dell'anno. Di fronte a questa evidenza, visibilissima e documentatissima, Frontex, l'agenzia responsabile della difesa delle frontiere europee, non ha mosso un dito. Così fino a mercoledì - l'unica vera barriera all'arrivo di migranti africani nelle enclavi di Ceuta e Melilla e sulle coste spagnole sono rimasti gli accordi stretti da Madrid e Rabat. Negli anni passati, pur di non assumersi il grattacapo di risolvere la questione dei migranti in partenza dal Marocco l'Unione Europea aveva volentieri scordato le velleità umanitarie manifestate nel 2012 quando aveva bollato come disumani i respingimenti concordati da Berlusconi e Gheddafi. Così - mentre l'Europa sceglieva di non vedere - Rabat e Madrid hanno eretto barriere e muri nelle enclavi di Ceuta e Melilla. E sotto gli occhi di un Europa compiacente le intrusioni sul territorio spagnolo sono state scoraggiate con la somministrazione di robuste dosi di manganellate seguite dalla riconsegna alle autorità marocchine e dalla successiva restituzione ai paesi d'origine.

Questi accordi hanno resistito fino a quando il Marocco, preoccupato dall'incremento degli afflussi dall'Africa sub sahariana, ha deciso di chiudere un occhio e lasciar tracimare la marea. Bruxelles, attentissima nel percepire millesimali variazioni nei bilanci dei Paesi membri, non ha, però, né visto, né previsto nulla. Come in Libia, come in Turchia nell'estate 2015, gli euroburocrati hanno ignorato la sorte delle proprie frontiere. E così le immagini dello scompiglio balneare di Cadice diventano l'istantanea della sconfitta di un'Europa senza più confini e senza più difese.

Commenti

Fjr

Ven, 11/08/2017 - 08:36

Per quest’anno non cambiare stessa spiaggia stesso mare per poterti rivedere per tornare per restare insieme a te e come l’anno scorso sul mare col gommone vedremo gli ombrelloni lontano lontano nessuno ci vedra’ vedra’ vedra’

il sorpasso

Ven, 11/08/2017 - 08:53

Emilio Fede direbbe: che figura di mexxx!

michettone

Ven, 11/08/2017 - 09:18

....ma, e' fin dai tempi dell' "abbiamo vinto", lanciato dai professori del cavolo, di cui non faccio nomi, che andiamo dicendo a tutti della grandissima tramvata, presa, unendoci a tutti gli altri Paesi europei! La fregatura era tanto evidente (e non solo per le famosissime 2000 lire per un euro...), da far preoccupare persino chi, poi, industriandosi, ci ha guadagnato il doppio. Tra i polacchi, gli albanesi, i moldavi e rumeni, si e' fatto a gara per dare posto anche ai nordafricani, che non se la sono fatta ripetere un'altra volta....ed ora, siamo in braghe di tela!!!! Dovrei aggiungere parolacce a non finire, ma poi, i buonisti cen sori, mi taglierebbero ed allora....

carpa1

Ven, 11/08/2017 - 09:42

Ma quante donne e bambini! Certo questa, scattata evidentemente dai bagnanti in "real time", è la dimostrazione di come i politici ci hanno sempre raccontato un sacco di balle per giustificare la loro imbecillità. Ma forse sul gommone erano un centinaio e decine di donne e bambini sono stati buttati a mare durante la traversata; questa potrebbe essere benissimo la versione rielaborata da questa sx che ci ha e sta prendendo letteralmente per il k... da anni.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 11/08/2017 - 09:46

La Spagna non è l'Itaglia. E' seriamente ipotizzabile che questo sia il primo ed anche l'ultimo sbarco...

vigpi

Ven, 11/08/2017 - 09:49

pensa se fosse stato un commando terroristico....... Comunque buono che anche la spagna provi l'ebrezza dell'invasione.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 11/08/2017 - 10:00

Molto bene, siamo arrivati al punto che ogni padre di famiglia è legittimato a difendersi da solo. Buon lavoro ragazzi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 11/08/2017 - 11:04

Solo la viltá italica é capace di indicare lo sbarco dei migranti a Cadice come un flop europeo ... Fa comodo a questa Italia per cercare nella menzogna di nascondere il suo schifo incomparabile e accollare ad altri il suo essere mefitico ... Vero é che la bandiera di questo schifo la sventola la sinistra ma la veritá é che questo paese dovrebbe essere espulsato dall´Europa, tra sinistra e destra é un paese che da il vomito.

jaguar

Ven, 11/08/2017 - 11:43

Noi italiani invece siamo molto più avanti, li andiamo a prendere direttamente sulle coste libiche.

Tarantasio

Ven, 11/08/2017 - 11:57

bloccare gli sbarchi è la metà del problema, l'altra è rimpatriarli con spese a carico della nazione d'appartenenza

QuantoBasta

Ven, 11/08/2017 - 12:01

Sbarchi sulle spiagge, cadaveri galleggianti e vu-cumpra aiutano sicuramente il nostro turismo !!!

QuantoBasta

Ven, 11/08/2017 - 12:11

Ecco la ricchezza turistica italiana tra sbarchi di clandestini, vu-cumprà e cadaveri galleggianti...