Ma le scartoffie di Calderoli sono l'unica cosa costituzionale

Detto che quella della Lega era ovviamente una provocazione, in questo pasticcio della riforma del Senato gli emendamenti erano l'unica cosa fedele alla Carta

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha ritenuto irricevibili i 72 milioni di emendamenti che la Lega stava per presentare sul testo della riforma del Senato stesso in discussione in queste ore. Ne restano sul tavolo quasi 400mila, sufficienti a ritardare pesantemente l'approvazione della legge che Renzi vorrebbe invece liquidata entro il 15 ottobre. Per aggirare anche questo ostacolo, la maggioranza si appresta a mettere in campo le contromosse per annullare l'effetto ritardo: dal «canguro» (raggruppare gli emendamenti per genere, se il primo viene bocciato tutti gli altri decadono), alla «ghigliottina» (passaggio diretto al voto finale della legge, in qualsiasi fase dell'esame dell'aula si trovi).

Detto che quella della Lega era ed è ovviamente una provocazione, in questo pasticcio della riforma del Senato quei 72 milioni di emendamenti erano e saranno per paradosso l'unica cosa in linea con lo spirito della Costituzione. La possibilità di modificare una proposta di legge senza vincoli di quantità è infatti un diritto costituzionale di deputati e senatori. Su questo, non ci sono dubbi. Non rispettano invece lo spirito della Carta i trucchi – tipo canguro e ghigliottina – che gli azzeccagarbugli al servizio della maggioranza di turno si sono inventati per mettere fuori gioco le opposizioni. Tradisce la Costituzione anche il metodo con cui Matteo Renzi ha messo insieme una maggioranza che garantisca l'approvazione: non una trattativa politica con i partiti di minoranza – come consiglia la Carta – ma l'acquisto di singoli senatori in cambio di vantaggi personali. E soprattutto – nel merito - ci sono molti dubbi sul fatto che sia costituzionalmente corretto che i futuri senatori non siano di fatto liberamente eletti dai cittadini.

Che il presidente Grasso neghi a Calderoli e alla Lega di fare opposizione nel rispetto delle regole è solo l'ultima delle forzature a cui la sinistra ci ha abituato da quando, grazie al blitz di Napolitano, nel 2011 tornò nella stanza dei bottoni. Dalla applicazione retroattiva della legge Severino per espellere Berlusconi dal Senato, è stato tutto un piegare la Carta alla volontà del Pd. Se invece quella di Grasso va letta come una decisione di puro buon senso, beh, allora il presidente dovrebbe prendere atto anche che questa riforma non è fatta per salvare il Senato e il Paese, ma solo per salvare il governo Renzi. E comportarsi di conseguenza.

Commenti

little hawks

Mer, 30/09/2015 - 17:31

E noi strapaghiamo questi perditempo nullafacenti! Di cosa stanno ragionando? Renzi non doveva portare questa povera Italia nel paradiso senza bicameralismo? Abbiamo centinaia di migliaia di leggi che hanno superato il doppio scoglio eppure non stiamo bene anzi non possiamo più vivere perché i delinquenti sono più tutelati degli onesti. Il continuo rimaneggiamento delle norme, dovuto al doppio passaggio, ha creato solo posti di lavoro per avvocati magistrati e cancellieri (tutta gente che consuma ma non produce ricchezza).

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 30/09/2015 - 17:58

Come sei "cattivo" little hawks,il SALVAVITA ci ha riempito di RISORSE che pagheranno la mia pensione oltre che la tua!! O NO!!! Il suo fido Boeri (altro prodotto BOCCONI)ha appena annunciato di voler ridurre le pensioni dei pensionati residenti all'Estero, il GENIOOO!!! Senza capire che cosi facendo ridurra gli introiti dell'IRPEF che i pensionati residentiall'estero si vedono trattenere direttamente sulla propria pensione!!!lol lol SOLO I BOCCONIANI ed i BOCCALONI possono continuare a credere a FROTTOLO (copyright Edmond Dantes) Pace ebene dal Nicaragua FELIZ

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 30/09/2015 - 18:08

72milioni di emendamenti di cui nemmeno il firmatario ne conosceva il contenuto,piu che ovvio e legittimo cestinarli.Piuttosto "canguro" e "ghigliottina" sono strumenti disciplinati dal regolamento?si,quindi ok.Invece calza il discorso sulla condivisione delle riforme tra maggioranza ed opposizione,anche qui si omette di dire che FI (maggior gruppo parlamentare di opposizione)ha condiviso e votato in prima lettura le riforme.Riforme che il paese attende da 30anni.

robytopy

Mer, 30/09/2015 - 18:23

ma per favore scriva la verità: -trucchi – tipo canguro e ghigliottina sono una presa in giro per le istituzioni. -i 72 milioni di emendamenti sono una presa in giro per le istituzioni

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 30/09/2015 - 21:45

Settant'anni e passa anni fa vigeva il partito unico or ora sono unici nel fare quello che a loro non conviene.

moichiodi

Mer, 30/09/2015 - 21:48

e ti pareva! la disperazione porta ad attaccarsi anche agli specchi. calderoli andrebbe messo in galera per vilipendio del popolo italiano. e invece sallusti fa un'acrobazia per parlare di comunismo. prima era d'alema ed era comunista, poi prodi ed era comunista, poi rutelli ed era comunista, poi veltroni ed era comunista, ora renzi ed è comunista. se c'era il papa? anche il papa è comunista. e la bile sale.......

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 30/09/2015 - 23:41

L'operazione del senatore Grasso non fa che confermare il sistema totalitario ormai in atto nel nostro paese. Urlano (ZANDA) sfrontatamente che l'opposizione non vuole fare le riforme. IN REALTÀ SONO LORO AD AVER ADOTTATO IL SISTEMA COMUNISTA DI FARE LE RIFORME SENZA DISCUTERLE IN PARLAMENTO. QUESTA NON È DEMOCRAZIA MA VERA SCHIFOSA DITTATURA COMUNISTA.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 30/09/2015 - 23:48

Domandina facile facile per Sallusti, che è addentro in queste vicende e sicuramente ce le potrebbe spiegare... se volesse. Perché Berlusconi ha permesso tutto questo? Perché ha accettato nel 2011 le "larghe intese", prima con monti poi con letta, e in seguito ha, di fatto, appoggiato anche questo delinquenziale governo stringendo l'osceno patto del Nazareno? Adesso si sveglia? Tarrrrdi!

karl99karl

Gio, 01/10/2015 - 07:49

Ma proprio questi senatori perditempo per conto proprio e stipendiati da noi a casa non ci vogliono proprio tornare. Da Calderoli a tutti gli altri non vogliono andarsene e rendere questa Repubblica meno vecchia e asfittica per ostruzionismi. Chi di trucco (85 milioni di emendamenti scritti da una macchina) colpisce di trucco morirà. Viva Roberto Cociancich! Se poi per sventura della Patria e della Nazione questi cadreghisti affossatori dovessero, Dio non voglia, spuntarla e affossare la riforma, allora basta andare alle urne e non eleggere neppure un senatore: solo schede bianche.

karl99karl

Gio, 01/10/2015 - 07:55

Per Little Hawks! Bravo! Mandiamoli a casa questi, un tempo si diceva senza offesa, "mangiapane a tradimento"! Il Senato, nel suo complesso, costa oltre 500000 milioni l'anno. Sarebbe un bel risparmio.

linoalo1

Gio, 01/10/2015 - 08:10

Che atro poteva fare,Calderoli,contro il Regime Sinistro????

Masci gina

Gio, 01/10/2015 - 10:35

La Lega e i Berlusconis questa volta hanno trovato un nocciolo duro. Alle provocazioni di Calderoli ci si attrezza e risponde con la scaltrezza e capacita' di Renzi per mandare avanti una riforma che gli Italiani aspettano da 70 anni. Ricordo a Sallusti che in questa storia della riforma costituzinale l'unica persona seria e' proprio Renzi e non i voltagabbana di Forza Italia che prima la votano e poi, per capricci di sua maesta' Berlusconi e dei suoi cortigiani, con una giravolta degna del miglior equilibrista, vogliono affossarla per lasciare le cose cosi come stanno. Infine, a proposito di compravendita di Senatori, evidentemente REnzi ha avuto un degno mentore in Berlusconi tuttora sotto processo per aver pagato chi passava nella sua sponda. Ma da che pulpito viene la predica??? Sallusti, ma mi faccia il piacere....

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 01/10/2015 - 11:18

Masci gina , tu ci hai provato a dire come stanno veramente le cose ma temo che i nostri amici Bananas non le capiscono .

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Gio, 01/10/2015 - 12:41

72 milioni di emendamenti sono una provocazione irricevibile per qualsiasi governo al potere anche se, costituzionalmente ineccepile. La Lega ha solo offerto a Grasso un buon pretesto per azzerarli e, fatto una gran figura di (MMMMM) con gli italiani (di buon senso), indipendentemente dal loro orientamento politico.

Zizzigo

Gio, 01/10/2015 - 12:58

La Costituzione, unilateralmente modificata da una singola forza politica, diventerà il manifesto di una singola dottrina politica. Alla faccia della democrazia!

Duka

Gio, 01/10/2015 - 13:30

E' VERO CHE GLI EMENDAMENTI PRESENTATI DA CALDEROLI SONO PERFETTAMENTE COSTITUZIONALI E DEVONO ESSERE RISPETTATI TUTTAVIA ALLO SCEMPIO CHE SI STA CONSUMANDO AL SENATO, NESSUNO INSORGE.

cocteau

Gio, 01/10/2015 - 14:57

Ma come si fa a sostenere che si aspetta la riforma del Senato da 70 anni? Nel 1945 non c'era neanche la costituzione vigente! Ma per favore, in mancanza di buonsenso impariamo almeno un po' di matematica

diwa130

Gio, 01/10/2015 - 15:55

Al posto del Pres. Grasso avrei ammesso i 72 milioni di emendamenti e costretto tutti i senatori a sedute ad oltranza bloccando tutte le altre attività'. In quale paese lei pensa si sarebbe rifugiato Calderoli ? Ma lei seriamente spreca parole per una idiozia del genere ? E' lampante che ai costituenti non sfiorasse neppure l'idea che in futuro ci sarebbero stati senatori cosi' idioti da proporre milioni di emendamenti cambiano la punteggiatura dello testo ! Ecco perché' non hanno messo un limite al numero degli emendamenti. Non e' che bisogna essere dei geni per capirlo no ?

vittoriomazzucato

Gio, 01/10/2015 - 16:00

Sono Luca. Uso questo spazio per dire al DIRETTORE Dr. ALESSANDRO SALLUSTI che il nuovo modo di impaginare online IlGIORNALE.it è pratico-moderno e simpatico. GRAZIE.

karl99karl

Gio, 01/10/2015 - 16:44

Duka, perché dovremmo insorgere?! Tolto il Senato con questi Senatori che trovano morale far scrivere gli emendamenti ad una macchina sarà tolto il problema. Non remare contro! Lascia fare Renzi, che alla fine spero che la vinca! Poi anche lui se ne andrà, o lo cacceranno. Ma per allora l'Italia si sarà scrollata dalle spalle una struttura ed una organizzazione non più in sintonia con i tempi. E la colpa non è di Renzi ... è dei Senatori! Perciò lasciali lavorare senza insorgere. P.S. : Diwa130 ha perfettamente ragione.

mifra77

Gio, 01/10/2015 - 18:09

Grasso i settantadue milioni li sa contare solo in moneta sonante; quelli si che sono ricevibili.

brunicione

Gio, 01/10/2015 - 18:16

Fuori dal politichese, fare 72 milioni di emendamenti è una cretinata che possono fare solo i cretini che prendono un sacco di soldi, non fanno niente, ed appartengono ad un partito che ha generato ladri e ruberie. Chi lo vota, condivide queste nefandezze, .....contento Lui !!!!!

edo1969

Gio, 01/10/2015 - 18:22

dopo i 4 già subiti dal cav possiamo considerare questo come il quinto colpo di stato degli stalinisti comunisti

paolo1944

Gio, 01/10/2015 - 18:23

Una boiata boomerang, incredibile puttanata di Calderoli. Ora qualsiasi sopruso contro l'opposizione sarà accettato come ovvio e necessario. Un assist vincente alla maggiorana. Grazie polli, almeno smettete di ridere e di far finta di essere astuti. Questi stanno facendo un colpo di stato e ci mandano in rovina, stanno distruggendo l'etnia italiana, e la "nostra" opposizione si diletta in schermaglie procedurali. Patetico.

edo1969

Gio, 01/10/2015 - 18:25

ma berlusconi torenrà oh se tornerà e rimetterà a posto le cose

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Gio, 01/10/2015 - 18:59

72 milioni di emendamenti, ottenuti modificando, a combinazione variabile, n periodi, rappresentano solo un trucco senza altra finalità che quella di rendere inapprovabile una legge. E' l'eccesso ridicolo di emendamenti, caro Sallusti, a rende lontano dallo spirito della Carta il gioco di Calderoli. I trucchi a cui lei fa riferimento, canguro e ghigliottina, sono (e qui concordo in pieno) egualmente lontani dalla Carta, ma l'obiettivo, pur se opposto a quello di Calderoli, a ben guardare gioca con armi non molto diverse.

Ritratto di mauriziogiuntoli

Anonimo (non verificato)

elpaso21

Gio, 01/10/2015 - 19:36

Il potere del Parlamento va diminuito, e questo è un pensiero di destra.

Holmert

Ven, 02/10/2015 - 07:44

Nei film del west, si vede spesso che il proprietario terriero "cattivo" chiami un pistolero per difendere le proprie terre. Ed appunto come è successo per Renzi. Di fronte alla grande confusione della pletora di partiti e partituncoli, che nel nome della costituzione e della democrazia hanno scardinato il "sistema Italia" dalle fondamenta, è stato chiamato Renzi. Non sono un renziano, ma sono d'accordo con quello che sta facendo. Eliminare il senato,almeno nella funzione legislativa, fare una legge elettorale che alla fine "comandi" un solo partito maggioritario,senza freni a martinicca dei partituncoli. Non si tratta di pericolo di dittatura (ma che frxgnaccxia)ma di mettersi al pari degli altri partner europei. Vai avanti Renzi, i partituncoli si difendono paventando chissà quali scenari antidemocratici. E purtroppo anche FI con il suo 10%, sta diventando un partituncolo,in quanto una volta al potere,ha esitato troppo ed ha avuto poco coraggio nel fare le riforme.

pinux3

Ven, 02/10/2015 - 10:19

@edo1969...Direi che l'unico commento possibile al tuo post è questo: Ahahahahah...

01Claude45

Ven, 02/10/2015 - 12:50

TAGLIAMO LA TESTA AL TORO: ABOLIZIONE DEL SENATO E ACASA TUTTI. Nuove elezioni. Poi si vedrà.

Ritratto di kikina69

kikina69

Ven, 02/10/2015 - 13:27

Questa nuova grafica non mi piace neanche un po'. E' tetra, molto meno colorata e attraente di prima. Sallusti, mi spiace, ma ridateci la precedente grafica.

Giorgio1952

Ven, 02/10/2015 - 14:48

Si certo Sallusti come era costituzionale il Porcellum!!!

elpaso21

Ven, 02/10/2015 - 15:02

Siamo stanchi di vedere una destra che vuole tutelare i propri interessi meschini, la mia visione (di destra) è che: 1) il potere del Parlamento va diminuito, 2) il Senato va abolito Più governo (forte) meno Parlamento, mi spiace Sallusti stavolta hai sbagliato tutto.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Ven, 02/10/2015 - 15:24

Caro Sallustri, le scartoffie di Calderoli saranno l'unica cosa costituzionale ma sono pur sempre una pirlata. Se sono costituzionali è la miglior prova della necessità di modificare la costituzione. Se sono "l'unica cosa fedele alla carta", non risultandomi la possibilità di utilizzare gli emendamenti a mo' di carta igienica, cambiamo il tutto alla svelta. Non le pare?

elpaso21

Ven, 02/10/2015 - 20:25

Biasini quoto.