Scattata la trappola del Def: confermati gli aumenti Iva

Doveva arrivare ieri, ma l'Ue ci ha dato altro tempo Il testo e le cifre saranno quelle del governo Gentiloni

Altre tre settimane per presentare il Def. Ma le cifre contenute nel documento saranno quelle del governo Gentiloni. Nessun accenno agli aumenti Iva da evitare e conferma degli impegni europei senza deroghe.

Il quadro politico si complica, ma la sessione di bilancio e gli impegni dell'Italia con l'Europa restano sui binari di sempre. Ieri dalla Commissione europea è arrivata la disponibilità a posporre la presentazione del Documento. Avrebbe dovuto essere approvato ieri, ma arriverà Bruxelles solo nei primi giorni di maggio. Quindi oltre il 23 aprile, termine ultimo secondo le regole europee.

A tanta disponibilità sui tempi non corrisponde nessuna concessione nel merito del documento che contiene le previsioni su crescita e conti pubblici e anche una valutazione dell'impatto sulle finanze dello Stato delle politiche che si intendono approvare nell'anno successivo. All'inizio del mese prossimo sarà approvata solo la prima parte, mentre gli impegni programmatici di bilancio saranno rinviati a quando ci sarà un nuovo governo. Comunque non oltre il prossimo autunno.

A compilare il Def sarà quindi il ministro del'Economia Pier Carlo Padoan, anche se ieri in Parlamento non era ancora arrivata nessun segnale dall'esecutivo. «Non c'è ancora alcuna indicazione del governo sui tempi della trasmissione al Parlamento del Documento di economia e finanza», ha spiegato il cinquestelle Vito Crimi, presidente della commissione speciale del Senato che ieri si è riunita per la prima volta e che a breve dovrà esaminare il Def insieme ad altri atti pendenti.

Nei giorni scorsi era stata valutata la possibilità di inserire nel documento anche un accenno ad alcuni impegni sui quali le forze politiche sono d'accordo, in primo luogo la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia che prevedono l'aumento delle aliquote Iva. Ma questa possibilità è tramontata.

A metà maggio la Commissione europea varerà le previsioni economiche di primavera. Per quanto riguarda l'Italia terranno conto delle cifre contenute nel Def consegnato a Bruxelles comprensivo della stangata sui consumi. Sarà difficile fare tornare indietro la Commissione.

Da Bruxelles non c'è da aspettarsi maggiore tolleranza rispetto al passato. Anzi. I «programmi che alcuni leader dei partiti più importanti hanno dichiarato di voler portare avanti» stanno spaventando le istituzioni Ue e gli investitori internazionali, ha spiegato l'esponente di Forza Italia Renato Brunetta. Il riferimento è al Movimento 5 stelle, ma anche alla Lega Nord i cui programmi non escludono uno sforamento del rapporto deficit Pil, fino al 3,2%. Il rischio secondo Brunetta è il ritorno alla «politica del deficit spending che ha portato il debito pubblico italiano ormai alla soglia dei 2.300 miliardi di euro». Mentre «il buon senso suggerisce che è prima di tutto nell'interesse dell'Italia avere i conti in ordine, una spesa pubblica sotto controllo», per abbattere debito pubblico e pressione fiscale.

Le tensioni politiche diventeranno esplicite nelle risoluzioni che saranno approvate nelle commissioni speciali di Camera e Senato. Atti di indirizzo nei quali troveranno spazio le priorità dei partiti e, in bozza, le priorità per il prossimo governo. Documenti politici, di nessun valore per la Commissione europea, che valuterà esclusivamente i numeri contenuti nel Def stilato da Padoan.

Commenti
Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Mer, 11/04/2018 - 10:45

Uscire subito dall'europa, casomai siamo ancora in tempo. Questa dell'iva è un altro colpo mortale all'economia italiana.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 11/04/2018 - 10:47

Quandi si hanno politici cialtroni, non si puo' fare molto.

flip

Mer, 11/04/2018 - 10:51

il pranzo è servito. passare alla cassa.....e pagare,pagare,pagare.

Cheyenne

Mer, 11/04/2018 - 10:53

A QUANDO LA FUGA DA QUESTA COMUNITA' DI PAZZI?

titina

Mer, 11/04/2018 - 10:53

ormai compriamo l'IVA e ci danno una piccola percentuale di prodotto

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 11/04/2018 - 10:54

e questo deprimerà ulteriormente i consumi e l'economia reale. basta con la UE

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 11/04/2018 - 10:54

L'italia ha i conti disastrati, non ce la fa. Lo stato non riesce a ridurre la spesa corrente, il debito aumenta, la gente è impiccata a tasse sempre più elevate. La gente capisce, ha paura , non spende e non intraprende. Al primo scossone, come potrebbe essere uno scontro di guerra in medioriente, salta giù il castello di carta.

DRAGONI

Mer, 11/04/2018 - 10:57

LA MINA A SCOPPIO RITARDATO DEL TOSCO DEL MEGAEREO E SALVATORE DELLE BANCHE IN "BANCAROTTA" E' SCOPPIATA!!PREPARIAMOCI A FARE ALTRI SACRIFICI CHE DANNEGGERANNO LA DOMANDA INTERNA E QUINDI LA ECONOMIA REALE DELL'ITALIA....CON MOLTO PROBABILE AUMENTO DELLA DISOCCUPAZIONE.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 11/04/2018 - 10:58

Ecco altri negozianti chiuderanno la saracinesca. Comunque sarà molto più vantaggioso non fare la fattura. Andate avanti così. Voi pensate di colpire i ricchi ma tutto si ripercuoterà verso la classe media.

flip

Mer, 11/04/2018 - 11:05

il lavoro,manca, i soldi sono pochi,il governo non nasce,la pensione per tantissimi, basta per 15 giorni,i riucchi sempre più ricchi, i ladri aumentano, rcc. siamo alla canna del gas. ringraziamo i cialtroni politici

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 11/04/2018 - 11:06

Arduino2009 Mer, 11/04/2018 - 10:45,non solo,bisogna neutralizzare anche tutti i pdioti succedutesi negli ultimi anni,per tutti i danni che hanno fatto e che continuano a fare!!

gigi0000

Mer, 11/04/2018 - 11:07

Chi spiegherà adesso agli elettori ingannati che non si potrà dare il reddito di cittadinanza, che non si potrà annullare la Fornero e che la flat-tax sarà possibile solo a numeri invariati? I giovincelli sono bravissimi a raccattare i voti degli stolti, ma poi chi realizzerebbe le loro vacue promesse?

Martinico

Mer, 11/04/2018 - 11:13

Sanno benissimo quello che fanno. Per questa ragione sarebbero tutti da processare per alto tradimento nei confronti del popolo. Ah se il popolo sapesse farsi rispettare come nelle curve degli stadi.

Libertà75

Mer, 11/04/2018 - 11:15

ve lo ripeto, non serve sterilizzare nulla, al limite sterilizzatevi voi stessi... l'IVA si disinnesca con un decreto legge oppure con un voto del Parlamento. Non serve altro! Si tratta solo di impegni di politica fiscale che vengono disattesi e si rimanda alla valutazione dei parametri generali di performance. Certo la UE strillerebbe e aprirebbe potenziali contestazioni, ma basta poi non votare il prossimo bilancio di previsione e tutta la politica tornerà a fare gli interessi della gente e non delle banche.

amicomuffo

Mer, 11/04/2018 - 11:21

la cosa più tragica è che accettiamo supinamente tutto questo....In altri tempi l'Italia fu bloccata per molto meno, ritengo che ormai l'italiano medio sia "zafazziano".

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 11/04/2018 - 11:21

L'attuale "stallo politico" consentirà ad un governo irresponsabile, non eletto e non politico di attuare tutti i provvedimenti cari all'Europa. Ci hanno "suggerito" a suo tempo una carta ridicola che ha impedito la democrazia, instaurato una parlamentocrazia ed oggi siamo esattamente dove volevano i signori vincitori della guerra: agli ordini dei nostri creditori.

cgf

Mer, 11/04/2018 - 11:21

Grazie Matteo Renzi.

Robertin

Mer, 11/04/2018 - 11:22

meglio aumentare l'IVA che tagliare le pensioni

Rossana Rossi

Mer, 11/04/2018 - 11:31

Fin che continueremo a stare in questa porcheria ue continueremo a flagellarci da soli, il fatto è che pare che agli italioti stia bene, nessuno si ribella.........

clz200

Mer, 11/04/2018 - 11:32

Smettere di mantenere parassiti, di creare figure professionali che campano su chi produce reddito, decine di consulenti strapagati per la spazzatura, la sicurezza, il lavoro, il fisco, lo shopping, l'alimentazione, il traffico, il clima.... paghiamo consulenti per tutto e se ne creano tutti i giorni di nuovi. Così facendo si cannibalizza l'economia a meno di esportare consulenze. La questione meridionale ha la mia età, è nata nel 1955 ed è ben lungi dall'essere risolta se non è addirittura peggiorata

Popi46

Mer, 11/04/2018 - 11:32

@Arduino2009- certo,usciamo dall’UE, così il petrolio e derivati e tutte le altre materie prime di cui siamo ricchi li pagheremo due soldi... Vogliamo capirlo o non che l’autarchia se la possono permettere gli USA di Trump e non l’Italietta strapiena di debiti e quasi basta?

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 11/04/2018 - 11:34

Ecco che arrivano i BOCCONI AVVELENATI DEL GOVERNO DEEI LAVORATORI: Kompagni che scrivete su questo blog,abbiate la spudoratezza di affermare che questo era "IL VOSTRO" governo e che vi ha fregato.

sebas

Mer, 11/04/2018 - 12:32

germania 19%, francia 20% ... Italia VENTIQUATTROPERCENTOOOOOO? per i sinidioti va bene così perché ce lo impongono la merdel e il micron, se poi si deprimeranno ancora i consumi per loro ancora meglio!

Ritratto di Turzo

Turzo

Mer, 11/04/2018 - 12:52

Questo è anche un avvertimento ai 5 stalle, fate un governo con il PD che ha provocato tutto quest sfasciume e ritornerete a vendere le bibite negli stadi.

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mer, 11/04/2018 - 13:32

In Norvegia la paghiamo al 25%, idem per Svezia e Danimarca, l'Islanda è al 25,5% ma non esistono problemi legati ai consumi e alla disoccupazione! In Italia, con i problemi reali esistenti, aumentare l'iva è una catastrofe. Prima bisogna rilanciare la piena occupazione che garantisce l'aumento dei consumi e la ripresa economica, poi si può caso mai ardire all'aumento dell'imposta. Facendo così si estingue il ceto medio e si aumenta la povertà. Caspita ma dove si sono laureati, quelli che lo sono, i vostri politici, sulla luna???!!!

Ritratto di wciano

wciano

Mer, 11/04/2018 - 14:09

Chi deve governare deve fare scelte impopolari. Per questo Salvini e Di Maio stanno in tutti i modi cercando di perdere tempo e lavarsene le mani, palese.

giangar

Mer, 11/04/2018 - 14:42

I problemi dell'Italia possono aspettare; nessuno ha fretta di affrontarli. I "vincitori" delle elezioni preferiscono spartirsi poltrone, fare passerelle elettorali (unica cosa che gli riesce bene)e farsi selfie. Non hanno nessuna voglia o fretta di governare!

Nick2

Mer, 11/04/2018 - 14:56

Gigliese, noi stiamo pagando la folle politica del governo Berlusconi. Mentre tutti i paesi del mondo prendevano provvedimenti per affrontare la più grave crisi della storia del capitalismo, il tuo statista, coadiuvato dal commercialista degli evasori, a suon di barzellette, ci diceva che il nostro paese meglio di tutti sarebbe uscito dalla crisi e che le nostre banche erano le più solide d’Europa. Il governo Berlusconi ha affrontato la crisi promulgando una decina di leggi ad personam. Il risultato è stato lo spread a 600 punti. Il Governo Monti ci ha salvati da sicuro default (avresti perso tutto: risparmi di una vita, pensione, welfare), ma ha dovuto prendere provvedimenti drastici che, alla lunga ci hanno danneggiati. MA NON C’ERANO ALTERNATIVE! La legge Fornero ha aumentato, giocoforza, la disoccupazione, il salvataggio delle banche (necessario) ci è costato 70 miliardi e gli effetti dello spread si sono sentiti negli anni successivi (e si sentiranno ancora a lungo)...

agosvac

Mer, 11/04/2018 - 15:02

Se fosse vero, alle prossime, probabili elezioni, il PD prenderebbe meno del 10%.

agosvac

Mer, 11/04/2018 - 15:05

Se fosse vero il PD alle prossime, molto probabili, elezioni prenderebbe meno del 10% e Gentiloni per andare a casa avrebbe bisogno di una scorta molto solida e nutrita!!!

orsobepi

Mer, 11/04/2018 - 16:00

VI chiedo, per cortesia, di ricordarmi chi ha detto "siamo la squadra migliore, con noi le cose vanno bene, abbiamo fatto tanto per l'Italia e gli italiani . . ." proprio non ricordo chi l'ha detto . . .

Duka

Mer, 11/04/2018 - 16:04

Questi COMUNISTI lasceranno macerie risanabili tra 100 anni- E NESSUNO DI LORO FINIRA' IN GALERA.

Duka

Mer, 11/04/2018 - 16:06

Il madornale errore della destra: NON FERMARE LA BIZZARIA DI NAPOLITANO.

orsobepi

Mer, 11/04/2018 - 17:27

Agli "odiatori" di professione suggerisco di andarsi a rileggere la cronaca, riportata sui giornali degli ultimi 10 anni. Se continuate ad "odiare" perché nessuno vi spiega la storia sono fatti vostri, ma per cortesia evitate di addossare anche le Vostre frustrazioni su chi, secondo me, sta tentando di risollevare il paese

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 11/04/2018 - 18:38

Nick2# Le sue farneticazioni contro B. sono comiche. I fatti che crede si siano verificati sono fandonie. Perché non cita un paio delle fatidiche leggi ad personam? Lei è uno che scrive perché non costa niente e l'anonimato da tastiera incoraggia tutti i vigliacchi.

Chiara Mente

Mer, 11/04/2018 - 19:26

Ci sono 5-6 miliardi di euro da recuperare immediatamente. Stop all'accoglienza degli immigrati irregolari, valutazione in un paio di mesi dei requisiti di asilo e rimpatrio immediato per chi non li ha. Chi vuole può accoglierli, ma non a 35-40 euro al giorno bensì a 15-20 euro al giorno perchè con tale cifra si pagano le pensioni agli italiani. E chiudere i porti subito.

flip

Gio, 12/04/2018 - 08:52

robertin. secondo me hai scritto una fesseria. "meglio aumentare l'iva che tagliare le pensioni".potrebbe essere quasi la stessa cosa. non ao se prendi e quanto di pensione e se ci vive tutta la tua famiglia, ma se aumentano i prezzi di tutti prodotti la pensione non ti basta più.

flip

Gio, 12/04/2018 - 08:55

Robertin. lo sai di quanto aumenta l'iva dal 2019 e per il 2020? percentuali già stabilite.