Scoppiati e contenti Sempre più numerosi gli italiani single

Simonetta Caminiti

Strano a pensarsi, ma anche un esercito di solitudini può essere organizzato, intraprendente e solidale. Soprattutto se per «solitudine» intendiamo una condizione solo apparente, e che abita perlopiù l'immaginario delle coppie: la condizione dei 9 milioni di single di quest'anno. Ma il regno degli «scoppiati» è sempre più aiutato da iniziative e soprattutto siti web che imbottiscono di consigli le loro serate silenziose, la loro quotidianità in perenne fuso orario col resto del mondo. Per Speedvacanze.it, il single adora i viaggi di gruppo. Ecco perché il famoso tour operator ha sperimentato una formula che punta sulle affinità elettive: «Selezioniamo i partner di viaggio abbinando le diverse tipologie analogiche di appartenenza spiega Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it . Quelli che partecipano ai nostri viaggi hanno spesso l'impressione di conoscersi già quando si incontrano per la prima volta il giorno della partenza». Ma non è l'unico espediente per favorire la socialità dei «senza partner» italiani. Anche se negli ultimi dieci anni la popolazione single è cresciuta del 46%, c'è una iniziativa a loro misura dal 2002: «La cena degli sconosciuti». Il sito web di questa fantasiosa formula mette a disposizione appuntamenti in tutta Italia, mirati a persone che abbiano voglia di socializzare con commensali mai visti prima. A voler tirare le somme delle tendenze più calcate, l'incontro con un paio d'occhi sconosciuti, la speranza, dunque, di aprirsi a una relazione, resta il filo rosso delle loro esperienze turistiche e del loro diletto fuori dalle mura domestiche. Ma non necessariamente il «single organizzato» punta a una relazione amorosa.