Scuola, la riforma non passa in Commissione al Senato

La "Buona Scuola" non è buona neppure per la commissione Affari Costituzionali del Senato. La riforma, infatti, non ha passato il vaglio del parere di costituzionalità

La "Buona Scuola" non è buona neppure per la commissione Affari Costituzionali del Senato. La riforma, infatti, non ha passato il vaglio del parere di costituzionalità. Con 10 voti contrari e 10 a favore il parere in commissione Affari Costituzionali non passa per il "voto determinante" di Mario Mauro, senatore di Gal che nei giorni scorsi ha annunciato l'uscita dalla maggioranza. Il presidente Anna Finocchiaro ha espresso voto favorevole. Per prassi i presidenti di commissione non votano. Mentre i senatori di Ncd non sarebbero stati presenti al momento del voto

"Da un punto di vista costituzionale la riforma della buona scuola è scritta male - osserva Mauro - pertanto fermiamoci e riscriviamola meglio".

Intanto si dimostra scettico il coordinatore nazionale della Gilda degli Iinsegnanti, Rino Di Meglio, sulle aperture mostrate ieri dal Premier Matteo Renzi: "ha detto chiaramente che il confronto lo farà nei circoli Pd non certo con i sindacati, quindi dubito possano esserci grandi novità". "Sicuramente sono convinto che gli insegnanti abbiano fortemente contribuito al calo del Pd, forse una riflessione dovrebbero farla su questo. Comunque - annuncia Di meglio - se non dovesse cambiare nulla nel ddl ci daremo da fare per un referendum abrogativo e ci rivolgeremo alla corte costituzionale perchè in alcune parti il testo è sicuramente incostituzionale". "Il fatto che continui a rifiutare il confronto con i sindacati - evidenzia - certo la dice lunga. Restringere il confronto ai circoli di partito, che in democrazia è uno strumento e non un'istituzione, e il fatto che questi si sono svuotati" dubito possa portare a grandi cambiamenti. Quanto ai tempi tecnici per garantire un corretto avvio del prossimo anno scolastico "siamo ampiamente fuori. Al di là delle proteste, sarà estremamente difficile un avvio senza problemi".

Commenti

Gioa

Mar, 09/06/2015 - 16:40

LA VUOI CAPIRE CHE SIAMO STUFI DI VEDERE TUTTI I GIORNI STA TUA FACCIA....CI METTI SEMPRE LA FACCIA...LA TUA NON LA VOGLIAMO PIU' VEDERE...SPERO TU ABBIA CAPITO!!.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 09/06/2015 - 16:41

Se ci fossero dei sindacati, seri e meno furbetti, l'Italia sarebbe fuori dalla palude, invece...

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 09/06/2015 - 16:51

renzi....game over!

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 09/06/2015 - 16:55

Siamo governati dalle cellule del pci. Pensa che bello!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 09/06/2015 - 17:01

RENZI TORNA TRA I BANCHI DI SCUOLA PERCHE' SEI RIMASTO IGNORANTE.

VittorioMar

Mar, 09/06/2015 - 17:17

Dopo la figuraccia fatta al G7(inno canzonettaro)dovrebbe dimettersi per mantenere quel poco di dignità personale che gli rimane!!Ha fatto il"Rigoletto"dalla Merkel!!

Duka

Mar, 09/06/2015 - 17:22

VAI A CASA E SMETTILA DI FARE PASTICCI. QUESTO E' UN GIOCATTOLO TROPPO COMPLICATO: LASCIA PERDERE.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 09/06/2015 - 17:41

E' "buona" per essere gettata nel cestino delle intenzioni.

vale.1958

Mar, 09/06/2015 - 17:45

RENZI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NON VOTATO DA NESSUNO E PIU' RIMBAMBITO DELLA STORIA DEI PRESIDENTI DEL CONSIGLIO..

Ritratto di tatankayotanka

tatankayotanka

Mar, 09/06/2015 - 17:50

Ma come non è costituzionale? Sono scioccato, ci deve essere un errore! Quella grande, grandissima costituzionalista della ministra Boschi, una che quando parla sa cosa dice, pochi giorni fa aveva affermato: "è inutile e strumentale fare polemiche sulla riforma della scuola, che è assolutamente costituzionale". E la commissione si è permessa di affermare il contrario? Sono basito. Non ci sono più le commissioni di una volta....

terzino

Mar, 09/06/2015 - 18:08

la cambieremo, disse pinocchio. Ormai non gli crede più nessuno.

acam

Mar, 09/06/2015 - 18:18

quest'uomo costeraà caro all'italia

vince50_19

Mar, 09/06/2015 - 18:24

Ennesima figur'e mmmmmmmmmmm.. di questo governicchio che perde sempre più colpi!!!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 09/06/2015 - 18:29

Non sforzarti troppo,potrebbe uscirne un pensiero "cureggia".

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 09/06/2015 - 18:29

Visto che la Finocchiaro ha il marito "rinviato a giudizio", da perfetta PiDiota che tiene famiglia, ha votato a favore anzichè astenersi, come si conviene tra veri democratici. Ulteriore dimostrazione che i COMUNISTI restano sempre una banda di LADRI e di FALSARI anche se partito lo chiameranno PdPP. "Partito di Padre Pio". Comunque il Teppistello Fiorentino continui pure a "STARE SERENO" perchè "come disse il Merlo al Tordo, sentirai il botto se non sei sordo".

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Mar, 09/06/2015 - 18:39

che sia l'inizio della fine del ciarlatano bla bla bla? speriamo e preghiamo che questo desiderio si avveri.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 09/06/2015 - 18:47

Renzi ed il PD hanno sbagliato a legiferare la Riforma come l'Italicum con la sola fiducia Parlamentare escludendo a priori le minoranze; è il più grave peccato suo e di Mattarella che ha firmato la sua morte prima di cominciare; penso che si muoia quando non si ha coraggio di dire al pane che è ammuffito ed all'aceto che non è vino; si parte col piede sbagliato e tutto rotola in basso. Shalòm e Forza Italia.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Mar, 09/06/2015 - 18:51

Questo è un governo di dilettanti allo sbaraglio, i sindacati se lo meritano tutto, invece di blaterare a vuoto dicano ai loro amici MinDem di togliergli la fiducia per mandarlo a casa, altrimenti tacciano per "sempre".

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 09/06/2015 - 19:02

la sinistra, il PD e pure i partitini piccoli che compongono il famoso cerchio magico di renzi, sono TUTTI mafiosi! :-)

squalotigre

Mar, 09/06/2015 - 19:08

Ma come, Renzi ha detto che lui avrebbe potuto fare approvare la legge senza alcuna trattativa, ma che per bontà d'animo avrebbe acconsentito a discutere su modifiche ed invece nonostante la sua disponibilità a trattare, non è riuscito a far passare neanche il parere di costituzionalità? E poi la Finocchiaro che da presidente, vota? Manco si fosse trattato di una dichiarazione di guerra! Meno male che ancora Renzi non ha detto che avrebbe potuto fare dell'aula sorda e grigia un bivacco di migranti, ma dategli tempo perché ci stiamo arrivando.

magnum357

Mar, 09/06/2015 - 19:18

Un cujun l'è un cujun !!!! E renxifonzie lo sta dimostrando ampiamente !!

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Mar, 09/06/2015 - 19:21

VittorioMar, Ha fatto il"Rigoletto"dalla Merkel? Direi, più chiaramente, che ha fatto il pagliaccio della Angela!

beppazzo

Mar, 09/06/2015 - 19:23

Caro Renzi per te sta suonando la campanella di uscita definitiva dall'asilo Mariuccia

Accademico

Mar, 09/06/2015 - 19:34

Oh...da quando il vento a cominciato a toglierglisi dalla poppa... ha cambiato look... è passato dalla camicia bianca su jeans con patta espansa, a giacca e cravatta !!!

fisis

Mar, 09/06/2015 - 19:33

Ciarlatano, golpista, ignorante, incompetente.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 09/06/2015 - 19:35

Bravo Renzi. Finalmente possiamo farci una bella risata, non una di quelle che susciti normalmente, ma lasciano l'amaro in bocca. Continua così e non durerai a lungo. Chi dopo di te? Vero che al peggio non c'è mai fine, però la speranza è sempre l'ultima a morire. Potresti obbiettare che "chi di speranza vive disperato muore", ma sono vecchio e mi rassegnerò al peggio.

Ritratto di V_for_Vendetta

Anonimo (non verificato)

beppazzo

Mar, 09/06/2015 - 22:55

Più che incompetente , inadeguato.

zucca100

Mer, 10/06/2015 - 01:50

Ma qualcuno di voi intellettuali ha letto il testo della riforma? Sareste in grado con parole semplici cosa non va secondo voi? Dai provateci

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 10/06/2015 - 11:09

"Da un punto di vista costituzionale la riforma della buona scuola è scritta male", dice Mario Mauro. Caspita, che profondità di argomenti, che magistrale spiegazione sui profili di incostituzionalità del disegno di legge in questione! Mauro, se vai a fare un discorso del genere alla Corte Costituzionale, ti prendono a fischi, lì bisogna portare rilievi concreti, con riferimenti precisi agli articoli del disegno di legge e, per contro, agli articoli della Costituzione che sarebbero in contrasto. Se vado al bar sotto casa ci sono persone che magari riescono a sollevare questioni costituzionali più fondate. Mauro, datti all'ippica che è meglio ...

fisis

Mer, 10/06/2015 - 14:17

@ liberopensiero77 L’articolo 33 della Costituzione sancisce: "L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento". La figura del preside-scheriffo, che interferisce nelle scelte didattiche, scegliendosi i docenti, senza averne peraltro le competenze, (una persona non può assommare in sè competenze di matematica, filosofia, scienze etc. etc.) è in palese e patente violazione del suddetto articolo.

zucca100

Mer, 10/06/2015 - 16:28

Preside sceriffo? Solo perché" sceglie, non da solo, i prof? Esagerati! Preferite che i prof arrivino da anonime graduatorie?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 10/06/2015 - 16:46

@fisis, temo che abbia le idee un po’ confuse. La libertà d’insegnamento non significa che i docenti insegnano quello che pare a loro, è l’affermazione della libertà di elaborare e trasmettere cultura, alla quale corrisponde, in base all’art. 9 Cost., l’obbligo dello Stato di promuoverne lo sviluppo e l’effettiva accessibilità a tutti. Più specificamente si tratta della libertà personale del docente in forza della quale egli può manifestare liberamente il proprio pensiero, ma con le finalità proprie della scuola. Del resto, lo stesso art. 33, 2° comma della Cost., recita che “La repubblica detta le norme generali sull’istruzione”, per cui la libertà d’insegnamento sarebbe garantita e tutelata non tanto nell’interesse dei singoli insegnanti quanto piuttosto a vantaggio dell’insegnamento in sé e, in ultima analisi, nell’interesse di tutta la società, evidenziandone la pubblica funzione.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 10/06/2015 - 16:47

(2° invio) La libertà d’insegnamento incontra un limite quindi sia a livello contenutistico (programmi), che a livello organizzativo, essendo affidata alla scuola e ai suoi organi l’organizzazione dell’attività scolastica. Il disegno di legge del governo è molto innovativo perché, oltre a prevedere nuove risorse per le scuole (assunzioni, lavori, ecc.), mira a potenziare l’offerta formativa, fronteggiare la dispersione scolastica, eliminare le supplenze più dannose, e predisporre i Piani dell’offerta formativa, messi a punto dai dirigenti scolastici (tutti laureati in pedagogia), SENTITI IL COLLEGIO DEI DOCENTI E IL CONSIGLIO D'ISTITUTO e con il coinvolgimento eventuale dei principali attori che operano all'interno del contesto economico-sociale e culturale del territorio.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 10/06/2015 - 17:46

I presidi poi potranno scegliere la loro “squadra”, individuando i nuovi docenti che ritengono più adatti per realizzare i Piani dell’offerta formativa all’interno di appositi albi territoriali costituiti dagli Uffici Scolastici Regionali. Negli albi confluiranno i docenti assunti nel primo anno attraverso il piano straordinario di assunzioni e poi tramite concorsi (assomiglia un po’ al sistema dei Segretari comunali). Altro aspetto importante è poi l’alternanza scuola-lavoro, cioè la possibilità di far fare agli studenti importanti esperienze lavorative nelle principali realtà produttive locali. In tutto ciò non ci vedo nulla di incostituzionale, mi sembra una buona riforma. A me fa specie invece che, sia all’estrema sinistra, che a destra, si parli del “preside sceriffo”, e ci si fissi sulla “libertà d’insegnamento”, che è sempre stato un mantra della sinistra per consentire ai docenti di fare i loro comodi. (fine)