Se c'è il patto in Veneto la Lega può rinunciare a correre in Campania

Berlusconi al lavoro per ricomporre l'unità del centrodestra. E Salvini potrebbe farsi da parte per non togliere voti a Caldoro

La trattativa sulle alleanze continua con una nuova ipotesi sul tavolo: se Forza Italia e Lega chiudono l'accordo in Veneto, il Carroccio può aiutare gli azzurri evitando di presentare una propria lista in Campania. Una bella mano visto che sotto il Vesuvio il simbolo «Noi con Salvini», creatura leghista per sfondare nel Mezzogiorno, può valere fino al 4 per cento. Sui dati non c'è certezza e qualche forzista tende a sgonfiare la cifra parlando di una forbice che va dall'1,5 per cento al 2,5. Tuttavia, accreditando un già ottimo 3 per cento, è chiaro che la decisione di non giocare la partita sarebbe un gran bel regalo a Caldoro. Il quale, ora, pare sia in vantaggio sul rivale piddino De Luca di soli 3 punti percentuali. Proprio quei 3 punti che la truppa salviniana drenerebbe all'elettorato moderato mettendo nei guai il candidato azzurro. Cosa che Berlusconi non vuole assolutamente.

Ecco perché ci si muove a passi felpati e con i nervi tesi. Ed ecco perché, nel fronte leghista, non aveva fatto piacere la recente intervista di Caldoro molto critica sul leader della Lega; come a dire: «Noi stiamo cercando di darti una mano prendendo in considerazione l'ipotesi di non partecipare alla partita per farti vincere e tu ci bastoni?». Insomma, il gioco delle alleanze sembra una partita di shangai dove bisogna stare attentissimi a non toccare il bastoncino sbagliato; perché tutto si tiene, tutto è correlato e uno strappo in Veneto potrebbe avere, a cascata, effetti negativi anche in Campania. E Berlusconi alla Campania tiene particolarmente. Pertanto il Cavaliere continua a predicare l'unità del centrodestra, specie laddove già si governa assieme come appunto in Veneto.

Poi, ovviamente, c'è la tattica; la voglia di mostrare i muscoli giocando sulle minacce più o meno convincenti. Un esempio è il colloquio davanti a un espresso tra la senatrice azzurra Mariarosaria Rossi e il dissidente leghista Flavio Tosi. Un faccia a faccia che fa prefigurare un accordo tra Fi e il dissidente del Carroccio? «Un caffè con Tosi? La caffeina va venire l'agitazione...» dice con una battuta il candidato verde Luca Zaia; il quale però, comincia a spazientirsi. Le trattative vanno un po' troppo per le lunghe e lui vorrebbe chiudere in fretta anche perché più passa il tempo più si perde credibilità agli occhi degli elettori. Tesi condivisa anche dai forzisti; soprattutto veneti. Così, Zaia detta alle agenzie di stampa una dichiarazione al miele, nel tentativo di sbloccare l'accordo: «In questi 5 anni con Fi abbiamo lavorato bene e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: stiamo da giorni discutendo con la dirigenza veneta e in particolar modo con il coordinatore, Marco Marin, di programmi e progettualità, per cui considero questa partita pronta ad essere chiusa». Già, pronta ma ancora non chiusa. «Se non si chiudesse, sicuramente non dipende dalla volontà dei veneti di Lega e Fi ma da qualche diktat che arriva da Roma. Se da parte di Fi ci sono altri obiettivi o altri percorsi, è chiaro che non vengono dal Veneto ma da fuori», conclude Zaia.

Nell'attesa della «quadra», il Cavaliere esulta per l'esito delle elezioni in Israele: «Il successo di Benjamin Netanyahu è un'ottima notizia - dice in una nota - Premia il coraggio e la determinazione del premier israeliano nel difendere le ragioni della sicurezza del suo Paese contro il terrorismo e i pericoli dell'estremismo islamico».

Commenti

epc

Gio, 19/03/2015 - 08:59

Non sono veneto, ma ho visto e vedo che nel Veneto, come nella mia Lombradia, Lega e FI insieme amministrano la regione incomparabilmente meglio che altre coalizioni. Spero che non commettano il madornale errore di far vincere le nullità sinistre per mere beghe interne di partito ed alleanze. Soprattutto mi rivolgo a FI: spero che non facciano scricchiolare la naturale alleanza con la Lega in Veneto per cercare di tenersi attaccato Alfano & C.

cicero08

Gio, 19/03/2015 - 09:25

sempre a patto che Caldoro decida di ricandidarsi....

vinvince

Gio, 19/03/2015 - 09:39

Mi fa molto piacere che il Sig. Berlusconi sia al lavoro per ricompattare il centrodestra, ma questa volta prima di dargli il mio voto, vorrei conoscere con esattezza le parti salienti del suo programma. Per quanto mi riguarda, lle iniziative per far ripartire il paese sono: abbattimento delle tasse al 33% max. con esclusione dei redditi più bassi. Azzeramento di qualsiasi tassa o imposta locale da parte dei comuni, regioni : se la devono vedere tra di loro, senza coinvolgere il cittadino. Messa al bando e quindi divieto assoluto, dell'uso di radar, foto-red ( sono tutti strumenti fraudolenti ) Separazione delle carriere nella magistratura.: il tutto questo nei primi 30 giorni di governo altrimenti a casa !!!!

SCHIZZO

Gio, 19/03/2015 - 10:17

Se c'è il patto in Veneto la Lega può rinunciare a correre in Campania............La lega può correre quanto gli pare, nessuno lo nega!

SCHIZZO

Gio, 19/03/2015 - 10:22

@vinvince- Scrive:Per quanto mi riguarda, lle iniziative per far ripartire il paese sono: abbattimento delle tasse al 33% max. con esclusione dei redditi più bassi. Azzeramento di qualsiasi tassa o imposta locale da parte dei comuni, regioni :.................Bene ora che ha spiegato le "detassazioni", ci spieghi come rimettere in pari i bilanci, per i mancati introiti a cui lei si riferisce!

SCHIZZO

Gio, 19/03/2015 - 10:25

@epc-Scrive:Non sono veneto, ma ho visto e vedo che nel Veneto, come nella mia Lombradia, Lega e FI insieme amministrano la regione incomparabilmente meglio che altre coalizioni...............Se non sei Veneto, affermi per "sentito dire"!?

Vero_liberista

Gio, 19/03/2015 - 10:50

Berlusca BASTA! Ancora alchimie tattiche (con la Lega al Nord e con NCD al Sud) per tenere insieme ciò che non potrà mai stare unito. Ma tre scissioni (FLI, FDI, NCD) non le bastano? Anni per unire, poi magari vincere, governare litigando 6 mesi e poi punto e a capo? Lei deve, se ne è capace, unire non i partiti ma gli elettori. Come? Valori di riferimento univoci, chiari e non trattabili (liberalismo e non popolarismo di sinistra renziano antiliberale; Priorità ai tagli alla spesa pubblica e riduzione delle tasse; antieuropeismo a QUESTA Europa; rottura dell’intoccabilità della magistratura; difesa della sovranità e dell’identità nazionale e quindi guerra a clandestini e buonismo islamista); Programma non ideologico ma basato su pochi punti concreti ; Leadership nuova e rassicurante ad ogni livello. Riconquista dell’elettorato astenuto e quello grillino non di sinistra. E chi ci sta ci sta, senza finalizzare tutto alla vittoria immediata. O così o vada a quel Paese!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 19/03/2015 - 11:05

Certo che ci vuole una faccia a congratularsi con Benjamin Netanyahu per il successo conseguito nelle elezioni d'Israele. Parla pure di coraggio e determinazione del premier israeliano che premiano... Sì, caro Berlusconi, quel coraggio e quella determinazione che non hai avuto tu dal 2011 in qua, svendendo i nostri voti alla sinistra.

pinux3

Gio, 19/03/2015 - 11:13

Siccome in Israele ha vinto Netanyahu allora in Italia vice Silvio...E' "automatico", come no...

giovauriem

Gio, 19/03/2015 - 11:34

caro silvio , mi sembri mastella , anche tu stai cominciando a fregartene dei tuoi elettori , e fai programmi aritmetici.

vinvince

Gio, 19/03/2015 - 11:53

SCHIZZO - già da tempo, anche la Lega aveva dato notizia che era possibile la detassazione con percentuali addirittura al sotto del 33% ... Quindi se tutti pagano e penso che una percentuale onesta sia un ottimo incentivo e i soldini non li si fa sparire, quelli che arrivano sono più che sufficienti ... In altri paesi europei le percentuali sono anche inferiori .... Quindi !!!

Libertà75

Gio, 19/03/2015 - 12:10

@schizzo, esimio economista, mi spiega perfavore come mai continuando ad alzare i balzelli, le entrate fiscali non aumentano in progressione? Esempio l'IVA il cui gettito è calato aumentando l'aliquota dal 21 al 22. Attendo lumi.

SCHIZZO

Gio, 19/03/2015 - 13:23

@Libertà75- Non sono io l'esimio economista, magari vinvice Io o posto una domanda, non mi risponda con altre domande, (anche perché non l'ho chiesta a lei)!

Libertà75

Gio, 19/03/2015 - 14:49

@schizzo, abbassando le tasse e lasciando più denaro in tasca ai cittadini si generano maggiori consumi, i quali creano posti di lavoro, i quali reddistribuiscono reddito, il quale genera prelievo fiscale. Si apra il sito dell'ISTAT e guardi come è andata la disoccupazione in Italia dopo la caduta di SB. Vinvince ha aperto una questione legittima e lei era avverso, ora non scappi alle domande e mi dimostri come a tassazione crescente si può crere lavoro, distribuzione del reddito, politiche salariali, ecc... ecc...

Abraracourcix

Gio, 19/03/2015 - 23:26

Compagno Caldoro, niente alleanze con chi si allea con la Lega salviniana. Si avvicini piuttosto al PD.