Se un'Europa di fantasmi dà del mostro a Putin

Quelle accuse senza prove rivolte al capo del Cremlino

Avranno anche ragioni coloro che imputano al regime autoritario di Putin l'uccisione di Boris Nemtsov, oppositore del regime medesimo, ci domandiamo però come facciano (in base a quali elementi, quali prove) a formulare certe accuse e a non essere sfiorati nemmeno da un dubbio che il delitto sia stato commesso da un assassino ancora da identificare.

Comprendiamo. I sospetti che il presidente russo non sia estraneo all'omicidio non sono campati in aria. D'altronde, non è la prima volta che fatti simili accadono in quel Paese. Ma da qui a manifestare disprezzo per il presunto (molto presunto) responsabile, ce ne corre. Chissà perché i cronisti italiani, ai tempi di Breznev, quando i gulag erano pieni di eretici destinati spesso a perire di stenti, non si scagliavano affatto contro il dittatore con la stessa virulenza oggi sprecata nei confronti di Putin. E sono le stesse persone che, mutatis mutandis, popolano i partiti cosiddetti progressisti, ora di moda. Perfino un editorialista equilibrato quale Angelo Panebianco, ieri sul Corriere della Sera , ha scritto un articolo in cui dà per scontato che a premere il grilletto sia stato un killer agli ordini del Cremlino. Ripeto. Sarà così. Ma da dove viene tanta sicurezza?

Egli aggiunge: piuttosto che stendere tappeti al regime russo, è meglio prenderne le distanze; il che significa anche adottare una postura più decisa nella crisi ucraina. Già. Ottima idea. Ma come può l'Europa realizzare un simile progetto, visto che non ha una politica estera degna di questo nome, non possiede un esercito comunitario né una linea condivisa da ogni partner?

L'Ue è un fantasma che si materializza soltanto se si tratta di difendere la moneta unica e di imporre la più cieca e controproducente austerità agli asfittici Paesi del Sud.

Priva di unità politica, essa non va considerata quale guida di un continente: merita soltanto di morire, dato che nessuno è in grado di costruirla in modo decente.

Commenti

alox

Mer, 04/03/2015 - 00:01

PS Che Obama le e’ antipatico, lo e’ pure a me, perche’ assomiglia molto ai Nostri leader socialisti (e Europei) e dimentica che l’america e’ (staot) il paese piu’ libero al mondo in quanto non ha bisogno di un governo che faccia le pulci ai cittadini.....questo non vuol dire metterlo sullo stesso piano di Putin, in meno di due anni lo spediscono a casa Obama (anche se non vuole perche’ c’e’ un termine al potere in US!) non come in Russia o in Italia! Buona serata o nottata, da Suo ammiratore e sostenitore e vorrei ricordarle che la democrazia non e’ garantita e l’Italia ne ha perso il barlume visto l’ondata emigratoria e i suicidi di molti imprenditori: qualchuno ha le responsabiltita’ in questo regime! La prego di ripensare e rivalutare i giudizi nei confronti di Putin: non abbia paura! Per il Nostro bene! Grazie

mila

Mer, 04/03/2015 - 05:40

Illustri giornalisti come Panebianco potrebbero parlare anche dei giornalisti russi uccisi in Ucraina, o dei bambini greci malati di leucemia che sono stati privati di tutte le cure a causa dell'Austerity imposta dalla democratica UE.

Ritratto di Kill_putler

Kill_putler

Mer, 04/03/2015 - 09:37

Guardando bene il video dell'omicidio, HO NOTATO UNA COSA STRANA! Giusto nei momenti in cui avviene l'omicidio, PASSA UN CAMIONCINO che da come me li ricordo io, SEMBRA UN FURGONCINO CHE PULISCE IL BORDO DELLA STRADA DALLA NEVE! Questo Camioncino "guardacaso" copre l'attimo esatto in cui Nemstov viene ucciso... Ora il problema é che a Mosca NEVE NON CE NE É PIÚ DA UN PEZZO... Oltretutto la persona che sale sulla macchina (che si ferma quasi in mezzo alla strada...) SEMBRA ESSERE SCESA PROPRIO DAL CAMIONCINO! E cosa ancor piú strana, IL TRAFFICO FINO A QUEL MOMENTO MOLTO INTENSO, SMETTE DI COLPO (mentre la macchina é ferma...), PER POI RIPRENDERE NORMALMENTE - COME SE QUALCUNO AVESSE FERMATO IL TRAFFICO! Il semaforo é molto piú lontano, ed é vicino a delle strisce pedonali "obligue" tra due palazzi: é molto lontano dal ponte, PERÓ SI DISTINGUONO FACILMENTE LE ALTRE MACCHINE FERME - TRA I PALAZZI SULLO SFONDO - E LA MACCHINA FERMA...

lucaberardi

Mer, 04/03/2015 - 14:24

Caro Feltri, io non so chi abbia ucciso Nemtsov, ma so che chi sta all'opposizione di Putin in Russia non fa mai una bella fine: quqando va bene viene arrestato per impedire che manifesti PACIFICAMENTE contro Putin come Navalny e Kasparov, quando va male finisce ammazzato come Politkovskaja e Nemtsov. C'è pure la variante di chi finchè era sotto l'ala protettrice di Putin si arricchisce , ma poi appena lo critica e ne svela le malefatte finisce 10 anni in galera e nei campi in Siberia (Kordokovsky). A me non pare un bel paese e a lei?

Ritratto di Kill_putler

Kill_putler

Gio, 05/03/2015 - 09:27

Sempre piú cose appaiono strane in questo omicidio su commissione... Da una telecamera montata su una vettura (comunissimo in Russia, per eventuali risarcimenti per incidente...), si vede la macchina bianca ferma ed il "camion spazzaneve" (non c'é neve a Mosca!); TALE MACCHINA RISULTA ESSERE DI UN NON MEGLIO SPECIFICATO "SERVIZIO DI SICUREZZA" CHE HA L'INCARICO DELLA SICUREZZA DEL "GOZNAK", CHE É IL MINISTERO DELLE FINANZE RUSSO!!! E guardacaso, SU COSA INDAGAVA NEMTSOV? INDAGAVA SU COME putler AVESSE "STORNATO" CIRCA 800 MILIARDI DI DOLLARI PER LA GUERRA IN UCRAINA! Ormai tutte le piste, puntano dritte al Cremlino: lo spazzaneve (non c'é un grammo di neve!), il traffico fermato ad arte, LE 6 TELECAMERE CHE FUNZIONAVANO (parole del sindaco di Mosca), mentre il direttore FSB russo Alexander Bortnikov, dice che "erano in manutenzione"... Il video: "3 минуты после убийства Немцова. Запись видеорегистратора"

alox

Gio, 05/03/2015 - 13:05

Sig Direttore, mi consenta le contraddizioni nel suo articolo: Definisce la russia un regime autoritario con al comando un dittatore: Putin! Sono pienamente d’accordo vcon Lei! Ergo In un regime autoritario la verita’ la detta uno solo: Putin! La verita’ verra’ a galla perche’ il dittatore non si ferma e come ai tempi Milosevich negava l’esodo dei Kosovari (armai al Nostro confine!) Putin nega l’evidente intervento in Ucrania! Che Lei, Berlusconi molti imprenditorei Italiani e AMERICANI (molto piu’ che gli Italiani!!) abbiano investito (e quindi perso soldi!) in Russia; la colpa e’ solo del regime autoritario: PUTIN! Il dittatore Russo ci riporta di sbalzo ai periodi della guerra fredda, che sia un comunista o un (oggi) fascista poco conta: Castro, Hitler, Saddam o il nano Nord Coreano sono sullo stesso piano: da Isolare e tenere a distanza!