Segnali di tregua in Ucraina. Berlusconi si offre di mediare

Telefonata Putin-Poroshenko, da Mosca sette condizioni. Nato: linea dura. L'ex premier chiama Renzi e Mogherini e si mette a disposizione per la pace

Piccoli passi, piccoli progressi. Verso giorni di tregua. Forse. Lo scontro Russia-Ucraina, appesantito dalle sanzioni economiche decise dalla Ue contro Mosca, e dall'esercitazione, vicinissima alle zone calde, delle truppe Nato, imbastita per mostrare i muscoli dell'Europa al signore del Cremlino, ha segnato ieri una svolta che giustificherebbe un moderato ottimismo.

In concomitanza con l'arrivo del presidente Obama in Europa per partecipare al vertice Nato in Galles, in agenda per oggi e domani, il presidente ucraino Petro Poroshenko e il leader russo Vladimir Putin si sono, infatti, sentiti telefonicamente, ieri, per trovare una via d'uscita alla pericolosa impasse venutasi a creare. E qui occorre riferire di un piccolo giallo. Il comunicato della presidenza ucrainaconteneva la frase «accordo per un cessate il fuoco permanente» in Ucraina orientale. Subito dopo Dmitri Peskov, portavoce di Putin, puntualizzava però che la Russia aveva trovato un accordo con l'Ucraina «sui passi che portano alla pace, non al cessate il fuoco» perché il suo Paese non è mai stato parte di un conflitto. Kiev è stata dunque costretta a diffondere una seconda nota in cui si affermava che non vi è nessuna «tregua permanente».

Tutto ciò mentre dall'Estonia Obama faceva sapere che «una tregua funziona solo se la Russia smette di intromettersi negli affari ucraini». E mentre dal vertice Nato giungeva un chiaro messaggio preliminare a Putin: Mosca non può più essere considerata un partner, perché ci tratta come nemici. Sembra comunque che si possa a questo punto affermare che il leader russo, prima di giungere a miti consigli, abbia deciso di dettare le condizioni del cessate il fuoco e di un possibile accordo, con un piano in sette punti. E queste condizioni prevedono il ritiro delle truppe ucraine dal sud-est del Paese, la cessazione delle azioni militari dei ribelli, l'esclusione dell'uso dell'aviazione contro i civili, pieno controllo internazionale del cessate del fuoco, scambio di prigionieri. Punti bocciati dal premier ucraino Arseniy Yatsenyuk secondo cui «sembrano un piano per salvare terroristi russi, un tentativo di Putin di evitare nuove sanzioni contro la Russia dalla parte della Ue e di distrarre l'attenzione prima del vertice Nato». Yatsenyuk ha sottolineato che «la Russia ha ignorato o violato tutti i precedenti accordi, raggiunti a Ginevra, Berlino e Minsk e che il migliore piano per fermare la guerra della Russia contro l'Ucraina consiste solo in un punto: la Russia deve togliere esercito regolare, mercenari e terroristi dal territorio ucraino». E non è tutto perché il governo di Kiev annuncia di voler costruire un muro lungo la frontiera con la Russia.

Nel frattempo la cronaca di ieri registra anche una telefonata tra Silvio Berlusconi e Renzi. Al centro del colloquio le crisi internazionali che vedono in primo interessi italiani, come quella libica e quella tra Russia e Ucraina: secondo fonti di Forza Italia, l'ex premier si sarebbe proposto nel ruolo di mediatore, forte dei suoi buoni rapporti personali con Vladimir Putin, e avrebbe avuto un colloquio telefonico anche con il ministro Federica Mogherini. Ad avviso di Berlusconi è essenziale che questa volta, a differenza di quanto avvenne nella crisi che portò all'eliminazione di Gheddafi, l'Europa si muova unita.

Resta il fatto che ieri a Bruxelles la Commissione Ue ha esaminato e varato il documento contenente le proposte per nuove discusse sanzioni contro la Russia. E se la Russia ieri ha annunciato una grossa esercitazione militare questo mese per le armi nucleari a lunga gittata, con il coinvolgimento di 4.000 soldati nel centro-sud del Paese, in compenso le borse europee hanno reagito bene alla notizia di una possibile tregua. Milano (Ftse Mib +1,7%) è la migliore davanti a Francoforte (+1,32%), Madrid (+1,26%), Parigi (+1%) e Londra (+0,88%).

Commenti
Ritratto di 1C0mparucc1

1C0mparucc1

Gio, 04/09/2014 - 09:59

Putin e coglioshenko la minaccia è seria NON C'E' UN ATTIMO DA PERDERE :)

Gioioso_Ciddone

Gio, 04/09/2014 - 10:26

berlusconi mediatore tra russia e ucraina?! ma sparisci dalla circolazione che è meglio! sei soltanto un grandissimo ciarlatano!

Alessandro_

Gio, 04/09/2014 - 10:32

Un appello a tutti i militanti dei partiti, delle associazioni, dei sindacati,confindustria, confartigianato e dei corpi studenteschi: ORGANIZZATE UNA GRANDE MANIFESTAZIONE NON CONTRO IL GOVERNO,L'EUROPA,GLI USA,LA RUSSIA. ITALIANI facciamo sentire la nostra voce!!! diciamo forte e chiaro che non VOGLIAMO UNA GUERRA!!! Una grande manifestazione apartitica nella quale saranno vietate bandiere identificative di appartenenza, senza caschi, ne passamontagna, ne vestiti neri!!! UNICA BANDIERA : IL NOSTRO TRICOLORE e affermiamo a gran voce che l'italiano non entrerà più in una grande guerra perchè ripudia la GUERRA E VUOLE LA PACE !!!

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 04/09/2014 - 11:05

Io sto con Putin al 100%! Coglionenko ha il classico sguardo liquido del politico falsone.

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 04/09/2014 - 11:07

Alessandro_ l'utopista!! Mah!!

rigadritto

Gio, 04/09/2014 - 11:10

Gioioso_Ciddone, se lo dice da solo che è un ciddone. Io mi limito a farle presente che oggi Repubblica (non il Giornale) riporta che Berlusconi si è sentito di frequente con Putin nei giorni scorsi. Non credo per raccontarsi barzellette, anche se gli anti-Berlusconi saranno di sicuro pronti a ironizzare in proposito. Berlusconi che piaccia o no è un importante canale di comunicazione tra l'Europa e la Russia, semplicemente per la sua amcizia personale profonda con il capo del Cremlino. Criticatelo pure, ma non negate la realtà. Voi anti-Cav ne sentirete delle belle in proposito nelle prossime settimane, ne sono sicuro. Saluti.

Gioa

Gio, 04/09/2014 - 11:15

GIOISO_CIDDONE_ BERLUSCONI MEDIATORE TRA RUSSI E UCRANIA?.....SE TU GIOISO VISTO CHE TI CHIAMI GIOISO, SICURAMENTE AVRAI UNA SOLUZIONE MIGLIORE..... CONFRANTATI TU CON CHI DI DOVERE SICURAMENTE FARAI MEGLIO... LA REALTA' E' STRITTA NEL NOSTRO DNA....LA' DOVE ESISTE UN PATTO CHE IL GIRDINO DI CASA MIA E' MIO E NON DEVE ESSERE INVASO, CHE COMUNQUE DI FATTO E' LIMITATO DA CONFINI....IL TUO VICINO DI CASA UNA MATTINA SI SVEGLIA E VUOLE IL GIARDINO...TE CHE FAI GLI DICI BRAVO'?. PUTIN AL DI SOPRA DELLA POLITICA COMUNISTA E NON COMUNISTA.....PRIMA CI SONO DEI DIRITTI UMANI CALPESTATI ALLA GRANDE DA OBAMA...IL PATTO ATLANTICO E' UN ACCORDO: UCRANIA ALLA RUSSIA... I VERI DITTATORI SONO COLORO CHE GLI FANNO LA GUERRA E NONLUI CHI RISPETTA LA LIBERTA' DEGLI AMERICANI...DI OBAMA...PUTIN MICA E' ANDATO DA OMANA A DIRGLI VOGLIO UN PEZZO DI AMERICA PER ME?...SE FOSSE SUCCESSO COSI'...OBAMA GLI AVREBBE DETTO: PUTIN BEN VENUTO PRENDITI TUTTO QUELLO CHE VUOI...GRAZIE!! SILVIO SE L'ACCORDO ITALIA RUSSIA FOSSE STATO FATTO TANTO TEMPO PRIMA SENZA ARRIVARE A QUESTA CRISI INTERNAZIONALE...CON IL DITTATORE PUNTIN (COSI' DEFINITO)...BRUXELLES BUROCRATI PER I LORO INTERESSI....NON AVREBBERO FIATATO!!. LA GUERRA E' GUERRA NEL MOMENTO IN CUI LA LATTA E' SENZA UN FONDAMENTO BEN PRECISO. NELLA LOTTA PER UNA LIBERTA' CDOMUNE...DOVE FINISCE LA MIA LIBERTA' INIZIA LA TUA NON LA CHIAMO PIU' GUERRA LA CHIAMO: PACE!!! OBAMA CON L'AIUTO DEL PRESIDENTE UCRAINO E DELL'ITALIA E DI CHI SI CHIERA' CON TUTTI NOI E CON PUNTIN....VA IMPAURITO IN SEGNO DI PACE. QUANDO SAREMO TANTI AD UNIRCI...DICHIARANDO GUERRA, ANCHE SE POI FISICAMENTE NON VERRA' FATTA...OBAMA/NATO PRIMA DI INIZIARE...CHE FA' DEPOSITA LE ARMI IN SEGNO DI PACE....MA L'ACCORDO DEVE ESSRE MOLTO ESTESO....L'UNIONE FA LA FORZA UNA FORZA DI SANI PRINCIPI....SILVIO L'IDEA TE L'HO LANCIATA.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 04/09/2014 - 11:25

Gioioso_Ciddone " berlusconi.....sei soltanto un grandissimo ciarlatano!" Lei lo scrive ma lo saprebbe motivare seriamente?

celuk

Gio, 04/09/2014 - 12:53

non c'è bisogno di Berlusconi: ora arriva l'"alto" commissario mogherini e mette Putin in riga e così sistema tutto...(basta attendere che studi sull'atlante dove si trova l'ucraina)

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 04/09/2014 - 13:00

Il presidente della proto-russa Ucraina si accorgerà presto che, con la scusa della guerra nei germanicissimi Paesi baltici, già infeudati dai cavalieri teutonici e parte della lega anseatica, Obama si è comodamente piazzato e si è intromesso militarmente, e presto le sue multinazionali disboscheranno e vi distruggeranno la natura, portandovi anche gli OGM, che sono un modo come un altro per incassare il pizzo. Infatti molte risaie italiane, benchè siano anti-OGM, sono costrette a pagare 15 euro per ettaro, perché contaminate OGM da chissà chi. Che ffigura di cioccolato...

xgerico

Gio, 04/09/2014 - 13:25

@Gioa. Gioa se avessi scritto A,E,I,O,U, avremmo capito di più di quel che volevi commentare.

Giorgio1952

Gio, 04/09/2014 - 13:43

Berlusconi al posto della Mogherini come ministro degli esteri, vedrete che farà tornare anche io due marò!!!

Pinozzo

Gio, 04/09/2014 - 13:54

@Gioa. Gioa se avessi postato un quadro di kandinsky avremmo capito di più di quel che volevi commentare.