Banche, sei motivi per non fallire

Perché è importante difendere le banche, per quanto possano risultare non simpatiche a molte famiglie e aziende italiane

I titoli bancari continuano a essere nell'occhio del ciclone in Borsa per una serie di cause legate alla ridotta redditività e, nel caso più specifico di quelle italiane, alle sofferenze. Ma le quotazioni toccate da alcuni istituti di credito farebbero pensare al rischio di un imminente loro fallimento, con voci di Borsa che alimentano tali ipotesi. Tuttavia, per quanto le banche possano risultare non simpatiche a molte famiglie e aziende italiane, non si può immaginare a cuor legger un loro fallimento perché si tratta di soggetti economici molto diversi da un'impresa industriale. Ecco sei ragioni affinchè una banca non debba fallire.

Rischio-Italia alle stelle a causa dei Btp in pancia

Le nostre banche hanno in pancia molti titoli di Stato italiani. Basti pensare che alla fine del primo trimestre di quest'anno il controvalore di Bot, Btp, Ctz e Cct in portafoglio agli istituti ammontava a 403 miliardi di euro (cioè il 21,5% del totale in circolazione). Se una banca media o grande fallisse ci potrebbero essere implicazioni anche sul debito pubblico in quanto il rischio di mercato del sistema Paese (Italia) aumenterebbe e, con esso, il tasso di interesse dei titoli di Stato: a quel punto salirebbe anche la già onerosa spesa per interessi dell'Italia. Non solo. Se i rendimenti dei titoli di Stato italiani salissero, i loro prezzi, che si muovono in direzione opposta, calerebbero ingenerando perdite piuttosto ingenti nei portafogli delle altre banche italiane che, quindi, risulterebbero ancora più sotto pressione. E, dunque, a rischio fallimento.

Un colpo per le imprese che devono finanziarsi

La banca è un'impresa molto particolare: prende il risparmio delle famiglie e lo impiega per finanziare le imprese industriali e commerciali. Il suo ruolo è quindi quello di una vera e propria cerniera tra il risparmio e l'economia. Se una banca di medie o grandi dimensioni fallisse questo meccanismo potrebbe subire dei contraccolpi non soltanto nello specifico della clientela della banca fallita ma anche per un irrigidimento delle condizioni di prestito che le altre banche adotterebbero per erogare nuovi mutui e prestiti. Non solo. Ci potrebbero essere delle ripercussioni anche sul risparmio gestito: oltre il 70% delle sottoscrizioni di fondi e sicav transita presso gli sportelli bancari e una sfiducia nelle banche potrebbe provocare un rallentamento dei flussi di adesione ai prodotti del risparmio gestito (fondi, sicav, gestioni patrimoniali, polizze e fondi pensione).

Meglio evitare salvataggi: ci rimettiamo i nostri soldi

Vale la pena ricordare le nuove norme che regolano il cosiddetto bail-in (letteralmente salvataggio interno) bancario in caso di fallimento. Se una banca italiana è in difficoltà, non interviene più lo Stato (come accadeva fino allo scorso anno) ma dovranno farsi carico delle perdite anche i privati nel seguente ordine: gli azionisti (che perdono tutto il capitale investito come per qualsiasi altra azienda commerciale), quindi gli obbligazionisti delle subordinate, gli obbligazionisti senior (che hanno puntato su bond più redditizi ma non garantiti), e infine i correntisti con depositi superiori a 100mila euro. Sono esclusi dal bail-in sia i depositi sotto i 100 mila euro che i bond ordinari senior garantiti e i fondi comuni comperati in banca il cui patrimonio in gestione è infatti separato dall'istituto e custodito da una banca depositaria esterna.

Tenere i mercati al riparo dalla sindrome-contagio

Se la banca che fallisce risultasse molto esposta su specifiche aree di mercato potrebbe causare un vero e proprio terremoto finanziario a livello globale con ripercussioni notevoli sui mercati e, soprattutto, sui risparmi. Un caso da manuale è la tedesca Deutsche Bank. L'istituto tedesco ha un attivo patrimoniale di 1.770 miliardi di euro (quindi più del Pil italiano) di cui 500 miliardi sono in derivati ma il suo patrimonio netto (cioè l'attivo meno il passivo) è di appena 66 miliardi di euro. Nonostante abbai superato gli stress test dell'autorità bancaria europea, sarebbe sufficiente che la parte di derivati subisse una perdita non elevata (secondo gli esperti basterebbe anche una perdita del 5%) per determinare l'azzeramento del patrimonio e il fallimento: ma se ciò avvenisse l'impatto per la dismissione dei derivati sul mercato potrebbe essere fuori controllo.

Non possiamo permetterci un'altra Lehman

Le banche sono interconnesse tra loro come un'unica immensa autostrada finanziaria globale: in ogni momento della giornata, da Tokyo a New York, da Sydney a Zurigo, da Londra a Johannesburg, da Pechino a Milano, si scambiano tra loro denaro, valute, riserve, prestiti e titoli finanziari, obbligazioni, certificati che alimentano i mercati e, a cascata, le economie di tutti i continenti. Se una banca di media o di grande dimensione saltasse si potrebbe bloccare l'intero circuito con i flussi finanziari in tilt o, comunque, con pesanti ripercussioni in tutto il mondo. Un esempio da manuale lo ha fornito il fallimento della banca d'affari americana Lehman Brothers che nel settembre di 8 anni fa portò i libri in Tribunale. Da allora, per l'effetto a catena del crollo dei titoli obbligazionari di Lehman, le partecipazioni incrociate in altre banche e i titoli dei risparmiatori di tutto il mondo che avevano in portafoglio quei titoli persero tutto (basti pensare, solo per fare un piccolo ma significativo esempio, alle polizze index linked vendute in Italia con sottostante garantito da obbligazioni Lehman). Ma ancora più devastante è stata l'accelerazione delle vendite di titoli sul mercato da parte di tutte le altre banche e società di investimento per ridurre i rischi di portafoglio dopo un fallimento di quella portata. Un'ondata di vendite che ha intaccato anche l'economia reale e le cui conseguenze stiamo ancora pagando.

L'effetto choc? Fuga di massa dai depositi

Dopo diversi anni di recessione, gli italiani nel 2015 hanno ricominciato timidamente a richiedere mutui per la casa, prestiti personali e prestiti finalizzati (per l'auto o la moto, per ristrutturare casa, per viaggi, per master ai figli ecc.). Ma, nel momento in cui si materializzasse il caso del fallimento di una banca di medie o di grandi dimensioni, le famiglie italiane potrebbero tornare ad esser più prudenti in fatto di spese e di investimenti. Non sapendo cosa potrebbe aspettarci nell'immediato futuro, scatterebbe quasi spontaneo rimandare alcune spese ritenute non necessarie, indebolendo ulteriormente la già debole ripresa economica. Questo potrebbe riportare il nostro Paese a ridosso della recessione e, dal momento che ci sarebbero meno versamenti allo Stato per lavoro, tasse, imposte e contributi, potrebbero aumentare le tasse nella manovra finanziaria 2017. Non solo. In uno scenario ancora caotico, potrebbe scattare l'effetto più drammatico: la fuga di massa dalle banche dei depositanti, impauriti dal destino dei propri risparmi. Col risultato di innescare un vero e proprio effetto domino incontrollabile: a quel punto, non essendo disponibili contanti per tutti, scatterebbero limitazioni sul ritiro del contante, come per esempio quelle introdotte durante la crisi in Grecia (50 euro massimo al giorno al bancomat) e, soprattutto, aumenterebbe il rischio di fallimenti di altre banche.

Commenti

Raoul Pontalti

Mer, 06/07/2016 - 23:14

Falliscano pure quelle banche che iugulano i piccoli imprenditori e regalano i soldi agli pseudoimprenditori con coperture politiche.

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Mer, 06/07/2016 - 23:40

Ma non preoccupiamoci, tanto Renzi sistema tutto!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 06/07/2016 - 23:53

Si continua a parlare di banche ma come mai nessuno fa i nomi dei dirigenti che hanno le condotte alla rovina? FATE I NOMI QUESTI DELINQUENTI CHE HANNO DILAPIDATO CINICAMENTE I RISPARMI DI UNA VITA DI LAVORO DEI CITTADINI. Se non sono delinquenti questi, chi sono allora i veri delinquenti?

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 06/07/2016 - 23:56

Per quanto mi riguarda, le banche possono andare tutte in mona, a partire da mps.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 07/07/2016 - 00:11

Uelaaa, il Prof di Trento si è SVEGLIATOOOO MA NOOO!!! Fino a "ieri" qui scriveva che i piccoli imprenditori (specie se Leghisti) sono quelli che SFRUTTANO le RISORSE, oggi si è accorto che sono quelli SFRUTTATI dalle banche. Meglio tardi che maiiii EVVIVAAAA!!! Hasta mañana.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Gio, 07/07/2016 - 00:46

Si salviamo le banche, ma a questo punto mi chiedo perchè non optare per le banche controllate dallo stato (IRI)? In pratica torneremmo al passato in fondo si stava meglio quando si stava peggio!

cangurino

Gio, 07/07/2016 - 03:48

concordo con Pontalti. Abbiamo visto anche nel recente passato, che spesso i finanziamenti vengono erogati a società fallimentari legate ad amministratori di banche a nomina politica (carino il video che gira su youtube "conto cetriolo" di banca etruria), invece che ad imprese che senza finanziamenti falliscono. I finanziamenti vanno agli amici degli amici, la copertura delle perdite a noi. Ma che falliscano e che tutti quelli che ci hanno mangiato, finiscano in galera.

HappyFuture

Gio, 07/07/2016 - 06:37

Non si crede! Assistenza all'inverso:togliamo ai poveri per dare ai ricchi! Cose da pazzi! Neanche i Repubblicani USA! NON CI CREDO!

swiller

Gio, 07/07/2016 - 07:00

I colpevoli non pagano mai anzi escono con liquidazioni milionarie e ogni uno o due anni sono sempre in crisi meglio che falliscano.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Gio, 07/07/2016 - 07:49

Discorso tipico di uno "esperto" di vecchia scuola bocconiana ormai ultraobsoleta.

Ernestinho

Gio, 07/07/2016 - 07:56

Queste banche stanno rompendo i co.ni. Non vogliono capire che, a tirare troppo la corda, questa si spezza! Continuando a fare gli strozzini tutti se ne scapperanno!

entropy

Gio, 07/07/2016 - 08:22

Non la vedo così e non credo sarà il futuro. Le banche private e pubbliche smetteranno giocoforza di fregare i piccoli risparmiatori perchè il risparmio sarà in crytovaluta e loro non possederanno un bel nulla: wallet, che non costituiscono il possesso ma solo l'interfaccia operativa; ogni rispsrmiatore avrà tutti i backup che crede. Non mi pignori contanti, non mi svaluti non mi limiti e se fallisci son cxxxi tuoi. Il credito se lo potranno permettere gli stati / aziende serie che daranno garanzie, gli altri a tassi più eleveati trattando come ora le proprie emissioni in borsa ma con controvalori in cryptovaluta. Il piccolo credito e il cash flow utilizzeranno degli intermediari, dei fondi comuni, dei capitali di rischio o dei minibond in cryptovaluta stutturati da intermediari. Sarà un lontano ricordo l'epoca dove sinistri psudoimprenditori amici di politici ottengono prestiti enormi senza garanzie per produre sofferenze pagate poi dai piccoli risparmiatori.

marygio

Gio, 07/07/2016 - 13:28

per me possono fallire tutte anche se su una la certezza che regga bellamente c'è.tecnicamente poi sono già fallite e fossi azionista i soldi per un adc non glieli do' manco morto. unicredit oggi 1,70,vale a dire 0,17. senza gli adc degli ultimi 4 anni sarebbe ....sotto zero. e io tiro fuori altri soldi per simili cani? se non sanno fare i banchieri vadano a sbadilare. ma che schifo è mai questo?

marygio

Gio, 07/07/2016 - 13:37

alla fin fine la vera colpa è di certe banche online che danno informazioni distorte per estorcere soldi ai polli. la colpa è dei presunti esperti che pur sapendo non informano ( chissà perchè). è un mondo marcio dove tutti tirano a fregare tutti. tutti poi godono di assoluta impunità e questo è scandaloso. quando scrivi nero su bianco puttanate clamorose, sapendo che stai rovinando tanta gente, in galera devi andare

unosolo

Ven, 08/07/2016 - 11:07

non facciamo fallire le banche , basterebbe cacciare la politica dalle banche , togliere i CDA composti da politici e grandi finanzieri , lasciare le banche in mano a dirigenti capaci di riportare le banche al livello degli anni 70 , ebbene i correntisti avevano incentivo sui risparmi dal 2,50 al 4 % , le banche i nostri soldi li prestavano a persone serie senza raccomandazioni di politici , oggi serve la politica per truffare mentre prima si indagava e si chiedeva garanzia certa , quindi via i politici dalle banche ,banche libere di dare incentivi per riempire i forzieri, alla faccia di chi vuole chiudere le banche ,.