Senato, premier alle strette Apre alla fronda del Pd e vuol blindare gli alfaniani

Renzi ha capito di non avere i numeri per il ddl Boschi e ha chiesto aiuto agli alleati. Ed è pure pronto a fare concessioni ai ribelli dem

Bisognerebbe almeno avvisare Angelino Alfano, reduce dal vertice di maggioranza a Palazzo Chigi che dà il via alle danze d'autunno (tarantella o pizzica si vedrà), che la frase «vediamo la luce in fondo al tunnel della crisi» porta una sfiga pazzesca. Al Paese e a chi la pronuncia.

Assodato ciò, l'incontro del premier Matteo Renzi con gli unici alleati («Siamo noi i principali partner e alleati », nella pomposa formula alfanesca) è stato interlocutorio e forse persino proficuo, in quanto poteva finire peggio. Perché è chiaro ormai a tutti (soprattutto a Renzi) che la spinta propulsiva, per così dire, di Angelino s'è esaurita. Fortuna vuole che anche quella del premier non stia ai massimi. E se leader e capigruppo di Ap, Schifani e Lupi, erano andati per contrattare il «sì» alle unioni civili in cambio dell'esiziale modifica all' Italicum sul premio di coalizione, alla fine sono tornati a casa con l'impressione d'esser stati un po' buggerati. Renzi infatti ha chiarito che vuole proprio giocarsi tutto sulla riforma del Senato, consapevole che i numeri non sono risicati come dice la sua claque , ma non ci sono. Per cui martedì, all'assemblea dei senatori del Pd, il segretario vuole aprire a concessioni in grado di consentire al gruppo dei 28 (o almeno a parte di esso) di tornare all'ovile.

L'estate non è andata affatto come voleva Renzi, e la sua campagna-acquisti parlamentare non ha sortito gli effetti sperati. Gli alfaniani si sono ringalluzziti, visto che molti dei loro esponenti, a cominciare da Formigoni, sono restii a votare per un Senato non elettivo. Maldipancia condiviso con Giovanardi e Compagna, più il grosso della pattuglia che con il Pd non andrebbe mai e guarda alla ricostruzione del centrodestra di Berlusconi come unica ancora di salvezza. Dal lato specularmente opposto, la pattuglia dei cicchittiani, determinata a creare le condizioni per un'alleanza stabile con Renzi o partito della Nazione che sia. Al centro, asino di Buridano, c'è Angelino. Che sa di non poter mai più tornare a casa, e deve trovare in fretta i quid che soddisfino i desideri del premier.

Renzi è stato chiarissimo. Ogni discorso su Italicum , unioni civili o alleanze, è rimandato a dopo l'approvazione del ddl Boschi. «Voglio giocarmi tutto sul referendum confermativo, ragazzi. Aiutatemi a trovare i voti a Palazzo Madama; specie tu, Schifani, che lo conosci come le tue tasche», ha detto Matteo agli alleati minori, sicuro che una vittoria gli dia il passepartout per asfaltare nemici interni ed esterni. Così che Angelino, in conferenza stampa, ha potuto obbedire felice agli ordini del Capo: «Sarà un referendum in cui da un lato ci saranno coloro che vogliono il cambiamento e lo realizzano e dall'altro un grande fronte del no, di chi vuole bloccare l'Italia contro di noi». Essendo l'espressione « sarà un derby ...» tra quelle in diritto d'esclusiva di Matteo. Quando poi Alfano è stato chiamato a rispondere alla domanda ontologica per Area popolare - con chi vi alleate, visto che i sondaggi dicono che un abbraccio con il Pd sarebbe mortale - la risposta non poteva che essere scontata, considerata la delicata posizione del segretario, tra Cicchitto e Schifani. «Siamo una forza autonoma e indipendente, che potrà eleggere i propri parlamentari senza bisogno di nessuno. Al termine della legislatura trarremo le conseguenze. Questo giochino delle alleanze, una sorta di spazio riservato ai videogame, in questo minuto è sganciato dalle nostre priorità». In questo minuto, appunto. Tra sessanta secondi, se avremo ben svolto il compitino, speriamo che io me la cavo.

Commenti

swiller

Sab, 05/09/2015 - 08:52

Vattene buffone pagliaccio incompetente incapace insulso.

vince50_19

Sab, 05/09/2015 - 09:06

Ed ecco a voi il nuovo nella politica italiana che avanza: giochini di palazzo a go go, mai alienati .. clap .. clap .. clap .. Tanto nella Three Eyes o nella Leviathan non ci entri lo stesso! Anche per certa gente conta l' "affidabilità".. che non si vede in casa nostra fra proclami non mantenuti, alcuni realizzati malissimo non a vantaggio della collettività, quella che vorrebbe SOLO lavorare per campare decorosamente, non finire come quelle 9 milioni e passa di persone che vivono nell'indigenza e/o quasi. Quest'ultimi evidentemente non sono nelle attenzioni di questo esilarante governo. Domani? Forse, chissà, ma solo se sarà "bel tempo"..

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 05/09/2015 - 09:10

Si possono calare le braghe me staccarsi dalla poltrona mai!!! Siete tutti buffoni.

Ritratto di luigin54

luigin54

Sab, 05/09/2015 - 09:32

a BERGAMO di una persona del genere si dice BRU-BRU a MILANO BAUSCIA nel resto d'ITALIA PINOCCHIO(x non dire parolacce).

unosolo

Sab, 05/09/2015 - 09:43

il PCM sa che cedendo qualcosa potrebbe arrivare al 18 , assodato questo che sarà , come abbiamo capito , la via al giro di poltrone o ad assegnazione di posti importanti senza far capire a noi popolo ignorante di quanti soldi si spartiscono in parlamento sia politicamente che con precise missioni che si creeranno onde ricevere rimborsi , quelle missioni che sono solo gite con tutta la segreteria che a noi ci costano tra tutti le missioni due finanziarie , certo ci sarà che viaggia in economica ma anche chi va in businness class , e noi come sempre ignari paghiamo le tasse per i servizi che non abbiamo , loro si e neanche fanno prenotazioni passano avanti e subito. il problema sono solo i soldi legati al 18 per poi sperare di proseguire.

carvan1234

Sab, 05/09/2015 - 11:10

Certo che bisogna essere ridotti alla disperazione per voler cambiare la Legge Elettorale da premio alla Lista a quello alle Coalizioni. Siamo un Paese riconosciuto in tutto il mondo per essere l'alleato piu' infido che si possa trovare. Noi stessi poi in politica interna abbiamo potuto costatare quanto i nostri alleati (Bossi, Casini e Fini) ci abbiano impedito di governare quando è stato il nostro turno. Ed ora vorremmo allearci con Salvini ? Un po' di dignità per favore !

Ritratto di gianky53

gianky53

Sab, 05/09/2015 - 11:11

Ecco bravo cxxxxxxe. blinda Alfano che ti scavi la fossa.

Duka

Sab, 05/09/2015 - 11:39

Per la "fronda PD" non so ma per Alfano basta garantirgli le chiappe sul morbido ed fatta.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 05/09/2015 - 11:46

Blindare half ano e la sua cricca e' un operazione elementare, un bella poltrona e non li schiodi piu'.

Ritratto di marystip

marystip

Sab, 05/09/2015 - 12:09

Che schifo questa gente.

agosvac

Sab, 05/09/2015 - 12:32

Tranquillo Renzi, stai sereno! La signora Boschi, proprio ieri, ha sostenuto che se si andasse a nuove elezioni il PD avrebbe il 41%!!!!! Pertanto dimettiti tranquillamente, tanto, poi, col 41% potrai governare tranquillamente. Ma, forse, a quello che dice la tua amica boschi non ci credi tanto. Neanche noi ci crediamo!!!!!! Però , ricordati, meglio morire da leoni che vivere da pecore!!!!!

Cheyenne

Sab, 05/09/2015 - 12:54

Ano forza propulsiva????!!!!

carvan1234

Sab, 05/09/2015 - 13:15

x agosvac. Lei ha perfettamente ragione. Allora evitiamo di fare le pecore di Salvini. Mica vogliamo finire come il Milan spero.

fcf

Dom, 06/09/2015 - 10:55

Cambiano nome ma rimangono sempre dei comunisti della peggior risma.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 19/07/2016 - 18:43

Questo è il più grande intrallazzatore della repubblica ma che furbizia come si dice è solo che ha incluso nei suoi sporchi intrighi persone che pur di stare al potere venderebbero l'anima