La sfida tra il cerimoniere e il giornalista scomodo

Fazio non graffia, Giletti silurato perché faceva troppe domande: il verdetto allo share

Il cerimoniere gentile contro il guascone dell'informazione. Il conduttore che pone le domande in maniera garbata contro il «populista» che va a sobillare le paure della gente. L'uomo su cui la Rai ha puntato (prendendo, com'è evidente dagli share, un abbaglio) tutte le sue carte contro l'uomo cacciato dalla Rai. Il capitano che deve difendere il suo show (e la poltroncina dietro la scrivania-acquario) e il giornalista che gli ha scatenato contro una guerriglia per vendicarsi di aver dovuto lasciare la tv di Stato. Lo showman che giocherella con la Littizzetto e lo showman che teatralizza il dolore per l'addio alla tv di Stato. Insomma, ieri sera è andata in scena una di quelle epiche sfide che fanno la storia del piccolo schermo.

E l'apertura delle due trasmissioni ha messo in plateale evidenza due mondi opposti: a Che tempo che fa Anastacia che duetta con Umberto Tozzi, a Non è l'arena il racconto dello scoop dell'arresto di Giancarlo Tulliani a Dubai. Due stili di conduzione, di giornalismo, di vita proprio diversi. Da una parte del campo di battaglia, Fabio Fazio che ha riassunto in questa frase il suo metodo professionale: «Le domande scomode sono un mito. Che bisogno c'è di essere cattivi?»... Dall'altra parte del campo, su La7, Massimo Giletti che, per essere andato in giro a fare qualche domanda scomoda in più, si è attirato l'antipatia di Renzi e si è trovato a dover trasportare la sua Arena sulla tv di Cairo. E che, in risposta a tutto questo, ha studiato la strategia che poteva fare più male possibile alla Rai: andare in onda proprio contro Fazio la domenica sera. E, sparare, nella prima puntata, la cannonata dell'arresto di Giancarlo Tulliani. Una mossa studiata per settimane, con viaggi a Dubai, appostamenti, spiate, e poi l'incredibile autogol del cognato di Fini che chiama la polizia per far arrestare la troupe di Giletti e alla fine si ritrovata lui in manette. Manna dal cielo per la nuova trasmissione, diventata una caso ancor prima di andare in onda. E difatti, buona parte della prima puntata è stata dedicata al racconto dell'arresto e alla ricostruzione della vicenda della casa di Montecarlo. Ma Fazio, pur nella sua infinita bontà, non poteva star lì a farsi prendere a pesci (rossi) in faccia. E, dunque, dopo tanti punti di share persi nell'acquario, si è deciso a occuparsi anche di politica mettendo a segno un punto importante: accaparrarsi l'intervista a Luigi Di Maio, il leader pentastellato dopo che questi aveva dato forfait a Floris e al confronto con Renzi. Insomma, garbati va bene, ma rimbambiti no... E, infatti, pur non abbandonando il consueto aplomb, ha cercato di fare domande scomode al candidato premier, riuscendo a tratti addirittura a incalzarlo (anche perché non è un leader della sinistra).

Stamattina il verdetto dell'Auditel. Fazio, per non essere sotterrato dalla vergogna, deve almeno mantenere quel 14 per cento di share delle ultime due puntate, risultato più basso rispetto a quanto promesso nel passaggio al primo canale. Giletti è più avvantaggiato, avendo adottato la strategia della guerriglia: gli basta portar via un punto o due di share a Fazio, e il suo gioco è riuscito. Tra l'altro, il giornalista torinese si trova con tutta la rete di Cairo schierata al suo fianco: da Mentana (che ieri, per fargli da traino ha condotto l'edizione domenicale), a Minoli che l'ha intervistato nel Faccia a faccia nel primo pomeriggio a Floris che l'ha ospitato. Finanche all'aiuto della concorrenza con Maria De Filippi che lo ha voluto in studio a Tù sì que vales e al contributo video di Fiorello. Mentre il «povero» Fazio si trova ormai tutti contro, fuori e dentro la sua azienda, con i giornalisti Rai che pure minacciano sciopero appena apre bocca. Vedremo chi avrà la meglio...

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 13/11/2017 - 08:24

guardatelo come se la ride..tanto,che faccia odience o no,il suo contratto milionario chi lo tocca!!e ci dice di votare pe rlo ius soli!! in una trasmissione che non dovrebbe essere di parte!! mandate una mail di protesta nel sito ufficiale della RAI....io l'ho gia' fatto.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Lun, 13/11/2017 - 08:39

Fazio mi risulta noioso. Sono tantissimi anni che non lo vedo in tv. Non posso perdere tempo a vederlo in tv.

il sorpasso

Lun, 13/11/2017 - 09:02

Fazio devi ammetterlo: non ti ascolta più nessuno e sarà sempre peggio.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 13/11/2017 - 09:13

Fazio è il perfetto esempio del concetto di "servo del padrone", meglio sei il padrone è del PD ovviamente....

MOSTARDELLIS

Lun, 13/11/2017 - 09:26

Fazio: a casa, e pure di corsa, ci hai stufato, tu e la RAI.

schiacciarayban

Lun, 13/11/2017 - 09:33

Io ho visto Giletti ed è stato come sempre molto interessante, argomenti super attuali, incalzante, un'ottima trasmissione, giornalismo di prima qualità. Poi per curiosità ho girato su Fazio, una pena... Per me proprio non c'è storia. Diciamo che la RAI ha toppato alla grandissima, mandare via Giletti e tenersi il decotto Fazio... Cairo si frega le mani, ma Cairo è uno che di televisione ci capisce...

Sabino GALLO

Lun, 13/11/2017 - 10:00

ITALIA "nostra"? Ormai il dubbio diventa certezza! La commedia italiana è finita? Questa è un bugia intollerabile! Mancano solo dei buoni registi, non gli attori ! L'ITALIA mette le ALI ? Mica facile! La pollastra è ancora viva , ma è spennata! L'ASPETTATIVA DI VITA aumenta sempre con maggiore velocità? Non c'è da stupirsi ! Nella nostra storia non è mai mancato "il MIRACOLO ITALIANO" ! Perché dovremmo preoccuparci come fanno "gli altri non credenti" ! Per noi un miracolo arriva sempre, di santi ne abbiamo tanti"!

exsinistra50

Lun, 13/11/2017 - 11:33

Che mira la RAi "ha puntato" benissimo .... mandatelo a casa

Ritratto di fioellino

fioellino

Lun, 13/11/2017 - 13:01

Ormai la Rai non la guarda più nessuno. Spero che Giletti non si faccia prendere dalla nostalgia e rientri nei ranghi. Sarebbe un traditore e finirebbe di essere stritolato dalla Rai stessa.

Accademico

Lun, 13/11/2017 - 13:07

Urbano Cairo stravince, non solo perchè è bravo, ma anche perchè l'ente radiotelevisivo è governato da una manica di quaquaraquà.

soldellavvenire

Lun, 13/11/2017 - 13:31

ma mediaset ce l’ha un talk show? non pervenuto? aaaaaaah brutta cosa l’invidia

Tarantasio

Lun, 13/11/2017 - 14:00

della tv so solo che fa male alla salute, chi siano e cosa dicano i personaggi citati non m'importa una mela...

ruggerobarretti

Lun, 13/11/2017 - 14:29

Non ho mai trovato alcun talento in fazio, neanche quando conduceva le trasmissioni per i piccini.

Ritratto di Shark-65

Shark-65

Lun, 13/11/2017 - 14:44

Non ho mai visto una puntata di Fazio e della sua "volgare" amica perché ha un Format veramente brutto e desolante e poi perché non ho voglia di arrabbiarmi per come vengono spesi male i MIEI soldi del canone... Grande Giletti. Bellissima trasmissione piena di contenuti veri e di "alto giornalismo" (cosa che fazio e la sua amica non sanno nemmeno dove sta di casa...)