Sgarbi abbandona Domenica Live in silenzio: "Anche gli insulti occorre meritarseli"

Il critico d'arte non ritiene i Cinquestelle degni neppure di un insulto

"Adesso che è stato depenalizzato l'insulto non vale nemmeno più la pena di usarlo". Sgarbi spiega così il silenzioso abbandono dal programma Domenica Live mentre si discuteva delle presunte infiltrazioni mafiose nel Comune di Quarto, guidato dai grillini.

Il critico d'arte ha deciso di andarsene dopo aver sentito per un'ora "insensatezze sulla presunta diversità dei 5 Stelle, movimento di cui non si conosce un pensiero, un'idea, e che pensa di disporre degli eletti come fossero «cosa loro», come ha giustamente osservato il sindaco di Gela". Sgarbi, poi, demolisce Quarto definendolo "un paese di cui nessuno, fino a ieri, conosceva l'esistenza, e in cui si manifestano, per ciò che riguarda i rapporti tra i cittadini e i politici, gli stessi fenomeni di qualunque altro luogo d'Italia" . Entrando nel merito della questione il noto critico spiega: "Non ci sono due posizioni: ce n'è una, ed è quella dettata dalla Costituzione (la presunzione d'innocenza), non certo quella delle intimidazioni dei Saviano e dei Grillo, ben più prepotenti della mafia e della camorra, delle quali occorre dire che, chi ha diritto al voto non può essere suo esponente. Quindi nessun voto camorrista, se non presunto. Quando la magistratura, con una sentenza, lo riterrà tale, il camorrista non potrà votare". E infine la stoccata finale sui Cinquestelle:"non esistono se non per indicare la qualità degli alberghi. Così me ne sono andato in silenzio e senza insultare. Anche gli insulti - conclude Sgarbi - occorre meritarseli"

Annunci
Commenti

cicero08

Dom, 17/01/2016 - 17:05

chissà se Padellaro e compagni sono riusciti a prendere appunti?

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 17/01/2016 - 17:26

Sgarbi è una delle poche persone intelligenti che si vedono in televisione. Qualche volta può sembrare che esageri nella foga e negli insulti. Ma è una concessione consapevole e voluta alla spettacolarizzazione della realtà, così come vogliono i media e la televisione in primis. Purtroppo oggi, in tempi di dilagare del pensiero unico, della stupidità di massa, dell'ignoranza diffusa spacciata per cultura popolare, l'intelligenza è scomoda, dà fastidio ai mediocri perché evidenzia la loro inferiorità intellettuale. Ed oggi il mondo è dei mediocri; la democrazia è il trionfo della mediocrità.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 17/01/2016 - 17:30

Francesco Curridori !!! Sempre a tiro di rimprovero, eh?! Ti è sfuggito di rammentarci che dopo il pericolo di morte a Modena, al nostro grande Vittorio è vietato redarguire le capre? - r.r.- 17,30 - 17.1.2016

buri

Dom, 17/01/2016 - 17:44

forte Sgarbi, mi piace la conclusione quando dichiara che gli insulti bisogns meritarseli

Miraldo

Dom, 17/01/2016 - 17:50

Verissimo il M5s è stato creato dalle mafie e i risultati si iniziano a vedere.

cicero08

Dom, 17/01/2016 - 18:13

Una bella lezione: Speriamo che Padellaro e compagni siano riusciti a prendere appunti.....

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 17/01/2016 - 19:58

Grande Vittorio. Non lo sono sempre, ma stavolta sono pienamente d'accordo con te.

al40

Dom, 17/01/2016 - 23:13

Sgarbi ha perfettamente ragione.......quello che preoccupa e avvilisce è che più del 25% degli italiani li voti.Semplicemente assurdo!!!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 18/01/2016 - 00:46

La sciagura del nostro paese è la totale incapacità di milioni di cittadini di apprezzare persone come Sgarbi e preferire invece i ciarlatani come Grillo e i suoi dissociati seguaci. COME SI FA A VOTARE UNA BANDA DI SPROVVEDUTI CHE GIOCANO ANCORA DA ADULTI A "IO SONO PIÙ BRAVO" COME QUANDO ERANO ALLE ELEMENTARI?